Partecipiamo.it

 
 

Giulia Luigia Tatti

 
 

 

 

Frantumi

 
 
 
 
   

Spira dolce, il vento
e l' onda, spuma verso lembi di cielo,
lontano, all' orizzonte
giunta l' ora
e ancora
mi struggo d' un tormento riacceso
respirando le note di una dolce melodia.
Di giorno in giorno
pi flebile
il fiato della vita e vago,
inquieta, dietro a un ramo di pruno
in compagnia di giorni senza data,
aspettando che l' Aurora torni
che d' ogni cosa, altro non resti
che frantumi di parole rimaste nelle orecchie.
Non c' legge che protegga da s stessi
se rinverdiscono amarezze
paralizzando quei momenti
in cui ho creduto
di lavar via i pensieri tristi
stendendo le mie lacrime ad asciugare