Partecipiamo: home page - Pagina iniziale di Tiziana
 

Lucia Tiziana Mignosa

I segreti del Cielo

 

Il tepore del sole.

 

Lasciati andare

al tepore del sole

e al dolce canto delle sirene

che incanta

la tua anima inquieta.

 

Lascia che il calore

sciolga

gli ultimi ghiacci del triste inverno

e che i fiori sboccino timidi

alla luce della primavera che avanza.

 

Le lunghe notti buie si addormentano

cedendo il posto a gioiosi giorni senza gelo.

 

E’ ora di sorridere,

è ora di vivere!

 

 

 

 

 

 

 

 

Felicità.

 

Felicità che fuggi

tra le pieghe contorte

di questa folle vita,

tu che giochi a nascondino

tra le tinte opache

dei limiti umani

e sbocci prorompente

nei sogni non vissuti

e nelle cose lontane.

 

Com’è difficile vederti

nel turbinio stridente

del tempo che scorre...

 

eppure sei ovunque,

...ma ben nascosta!

 

 

 

 
 

 

 

 

Nostalgiche melodie.

 

Nostalgiche melodie

echeggiano nella mia mente

tra massi di cemento

e voli di gabbiani ignari.

 

Il deserto e l’oceano

si accarezzano un attimo appena.

 

Nell’illusione del tempo

una tenue luce

illumina i miei occhi d’immenso

e riscalda il mio cuore

finalmente compreso.

 

 

 

 



 

 

 

 

 

Una notte come tante.

 

E’ nel silenzio della notte

che i pensieri prendono forma

quando liberi

vagano

colorati o bui

sul soffitto che diventa un cielo stellato

o una gabbia che opprime.

E’ una notte come tante,

non è una notte speciale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Accade dove tutto accade.

 

Che coraggio ci vuole

a vivere in questo strano mondo dove tutto accade

quando è la notte che arriva

mentre ancora ride

il sole caldo delle ore più accese.

Quando ti senti impazzire

mentre ti vedi esplodere,

smembrare in infiniti pezzi

che gridano il dolore che senti.

Impaurita,

smarrita,

ogni parte non riesce più a ricongiungersi a te

che non esisti più

e fugge lontano,

ogni parte fugge via...

 

Vana speranza di non sentir più male!

 

Ci vuole coraggio

 a stare tra queste grigie vie

mentre tutto crolla giù

tra la dolorosa polvere dei vissuti frantumati

e il calpestio delle foglie cadute

che si sgretolano

al tocco dei tuoi piedi pesanti.

Come autunnali foglie,

loro

che ancora non sono

si sgretolano...

e le vedi ancora

fresche

danzano al vento

verdi e felici

danzano

e le fronde più alte ondeggiano

accarezzate dal sole.

 

Ma è sceso l’inverno

e il dolore si miscela a nuovo dolore

immenso

e alla capacità di credere

che tutto questo assurdo

sia un assurdo vero.

 

 

 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

L’amore imperfetto.

 

 T’ho cercato

amore,

quanto t’ho cercato!

Tu,

perfetto e sublime

nelle vie del mondo

t’ho cercato!

 

Amore leggero,

amore puro

imbrigliato nella materia che cresce.

 

Amore,

t’ho trovato?

 

Piccoli frammenti fuori dal tempo

è un dono.

Assaggi d’immensità cosmica,

attimi d’eterno rubati all’infinito!

 

Attimi, solo attimi!

E’ un dono.

 

Pallido riflesso di te

è l’amore terreno,

amore imperfetto,

amore che taglia,

 che brucia,

che tormenta!

 

Amore,

che ancora amore non è!

 
 
   
 

 

 

 

 

Con immensa gioia abbiamo avuto il consenso di Tiziana, una poetessa di grande sensibilità, a pubblicare qualcuna delle tante poesie che ha scritto. Il nostro desiderio è quello di trasformare queste pagine che le dedichiamo in una ampia raccolta delle sue poesie oltre che in una fotografia della sua splendida interiorità.

 

 

 

Il nostro desiderio è che domani chi la conosce profondamente, leggendo queste pagine, possa dire:
questa è Tiziana, la riconosciamo!