Tiziana Mignosa
 
 
 
Due ore e trenta
 
 
Quanto l’ho atteso
quel tempo e le mie mani
conche avide sul piacere
che d’entusiasmo infiocchettano lo stupore.
 
E’ figlio degli anni della pioggia
il pensiero a disco rotto
che nel giro del compasso
mi restituisce il tolto.
 
Passato e paradiso
fanno la pace col presente
come se nemmeno una
fosse la luna transitata in tondo.
 
Ma è inganno agli occhi
e il cuore freme
stesso addobbo della carta
voglia di scartare il pacco.
 
Due ore e trenta
sguardo dietro e languore avanti
l’estate è ritornata
allora è bene anche l’abbaglio.
 
E’ pieno il gusto
ma ha lo spazio di un gelato
due ore e trenta
e poi è scivolata.
 

 

tiziana mignosa
agosto duemiladieci

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Partecipiamo.it - Pagina iniziale di Tiziana