Partecipiamo.it

Vai alla home page

Le Scienze

 

Sistemi extrasolari
 

Due fasce di asteroidi intorno a Epsilon Eridani

 
 
 
Molto più giovane del sistema solare, questo sistema planetario può costituire un valido modello del nostro quando aveva un’età simile
 
Si trova nella costellazione di Eridano e somiglia molto al sistema solare: la particolarità evidenziata da recenti osservazioni, è che il sistema Epsilon Eridani ha ben due fasce di asteroidi e una di corpi ghiacciati.

La fascia più interna è virtualmente una gemella di quella presente nel sistema solare, mentre quella più esterna ospita una quantità di materiali 20 volte superiore. Inoltre, la presenza di questi tre anelli di materiale implica che i pianeti che non sono visibili confinano con esse e ne modificano la struttura.

Situata a circa 10,5 anni luce dalla Terra, la stella è leggermente più piccola e più fredda del Sole, e rappresenta la nona stella più vicina a noi. Visibile anche a occhio nudo, ha un’età stimata di 850 milioni di anni.

Proprio in virtù d questa notevole differenza di età, Epsilon Eridani e il suo sistema planetario possono costituire un valido modello del sistema solare quando aveva un’età simile.

"Studiare Epsilon Eridani è come avere una macchina del tempo per studiare il sistema solare quando era giovane”, ha spiegato Massimo Marengo, astronomo dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics e coautore dell’articolo in via di pubblicazione della rivista “The Astrophysical Journal”.

Il sistema solare, come noto, ha infatti una fascia di asteroidi di roccia nella regione compresa tra le orbite di Marte e Giove, a circa tre unità astronomiche (u.a.) dal Sole. In totale, essa contiene all’incirca un ventesimo della massa della Luna. La prima fascia di Epsilon Eridani – scoperta come le altre grazie al Telescopio spaziale Spitzer, della NASA – orbita a una distanza simile dalla Stella. La seconda si trova invece a circa 20 u.a., all’incirca la stessa distanza di Urano dal Sole, e contiene all’incirca la stessa massa della Luna.

Il terzo anello, già osservato in passato, si estende invece tra 35 e 100 u.a. da Epsilon Eridani. Una simile riserva di ghiaccio nel nostro sistema planetario è costituita dalla fascia di Kuiper, che tuttavia conserva solo un centesimo del materiale del suo analogo extrasolare. (fc)

 
 
 
 
 

Articoli tratti dall'edizione italiana di scientific american