Partecipiamo.it...vai alla home page

 
Ermanno Eandi
 
Sedia a ruote – poesia dedicata ai disabili
 
 

Sono immobile eppure mi muovo,.

corro, volo, salto,

m’innalzo con la mia fantasia

e raggiungo vette altissime.

 

Da lì vedo la mia voglia di rivincite,

l’autenticità di essere me stesso,

lontano da quel che sono

ma vicino alla mia pura sensibilità.

 

A volte vedo gli altri

correre da fermi con i pensieri inariditi,

che fingono di capirmi

con il loro falso compianto

di chi non vola più o, peggio, non hai mai volato.

 

Dalla mia sedia a ruote spuntano le ali,

faccio capriole nella mente,

mi piaccio e capisco:

che è meglio avere un corpo senza corpo

che una testa senza testa.

 

 

 
 

      Il progetto Poha     

 

Poesia ed Handicap

 

Queste Poesie vogliono essere di stimolo al nostro prossimo nel condividere un cammino di difficoltà, proprio verso le barriere, che molte volte nella condivisione ed aiuto può essere superato. Basta volerlo!