Partecipiamo.it...vai alla home page

 

      Il progetto Poha    

 

Poesia ed Handicap

 
Queste Poesie vogliono essere di stimolo al nostro prossimo nel condividere un cammino di difficoltà, proprio verso le barriere, che molte volte nella condivisione ed aiuto può essere superato. Basta volerlo!
 

C.Gaetano

 

"Poesie di C. Gaetano"

 

Convinciti

Convinciti cuor mio
che vivi di ricordi:
ricordi di genitori,
d'amore, d'amicizia, di figli!
In una stazione
ti chiuse la vita anzitempo
e non ti resta che attendere
Il passaggio del tuo treno! 
 

Ore d'estate


 
Ore d'estate.
Seduto al sole, pigro assaporo una bibita.
L'occhio come un uccello vaga
dal cielo azzurro a questa collina verde
che si tuffa nella spiaggia lontana.
Mi perdo nell'infinito.
Tante domande, quelle di sempre,
ricordi: altri luoghi, altre stanze.
Il bicchiere scivola dalle dita piano
come la mente dalla realtà:
vetro che si sbriciola
in mille gemme screziate.
I miei pensieri, le mie speranze!
Passa una nuvola.
Ne spegne la luce.

 

 

Cupio dissolvi

Da un lato,
finestre chiuse del palazzo di fronte,
dall'altro,
la porta del bagno.
Suoni:
rumore di stoviglie dalla cucina,
le note del piano che suona un figlio,
dell'altro ferite nell'animo:
 "Ci lasci memorie?
a noi che non leggiamo?"
Lasciaci sculture, piuttosto!
E "Ci hai rotto col tuo dire
mi resta poco tempo"�
Efficienza, funzionalità molta.
Tenerezza:
ah, la tenerezza, l�affetto, l�amore!�
Questo il mio mondo, ormai�
Disteso sul letto della sofferenza
Seguo le ombre allungarsi sulle pareti:
 fra poco sarà di nuovo sera.
E nell'oscurità vorrei svanire.
 
 

Meriggio

Meriggio d'aprile.
Due colombi si baciano
sul terrazzo di fronte,
nell'azzurro indugiano
batuffoli bianchi.
Passeri sfrecciano
impazziti d'amore,
su un attico lontano
bimbi s'inseguon festosi.
Meriggio d�aprile.
Serenità del cuore?
Di più, di più!
"Laudato sie, mi' Signore,
cum tucte tue creature":
l'antico canto zampilla fresco,
inonda l'anima, irrefrenabile.
Dio: ti amo!
 

L'ommo

 

L'ommo se dice in genere ch'e' muorto
quanno friddo stà stiso int� 'o tavuto�
I� diche nvece ca gia'  more 'o munno
quann'ora p' ora, minute pe' minute,
iesce silente, do� core da' famiglia�
e comm' 'a 'n'ombra se ne va pa� casa,
speranne ' nun dich� ato � �na guardata!
E muorto e' overamente ancora,
quanno se squaglie, senza fà ammuina,
da� mente e do� penziero 'e chi l�e' amico�
e �nvan� aspetta juorno doppo juorno
- nun diche niente - 'na telefonata!

 

Iurnata blu

Mugliereme e' gentile, ogge e' gentile:
stasera e' festa, vo' vererme allero!
�nun �a capito ch'e' ghiurnate blu!�
�nun �a capito ch'io vurria sultanto
�nu posto frisco all'ombra �e �na chiesiella
all�ora do� tramonto int� �a campagne,
mentre pe� ll'aria se ne more �a squilla
de� note doce �e l'Avemmaria�
 

Giugno

 

Maggio se fa� �e valice: schioppe giugno!
A �mmiez� �e ffronne �o viento arrobbe e spanne
�n� addore �e terra fresca e d�erba nova;
sosen�a capa �e sciure a ciente a ciente
smaniuse �e se �mbriacà do� sole d�oro.
Nuie dduje affacciate �ncopp� �a sta� campagna
c�inghimme l�uocchie �e st�aria �mprufumata,
po� i� m�avote e �ncontro l�uocchie tuoie:
� comme te si� cagnata!� evviva giugno

 

Meriggio austo, ancora nu meriggio.

 

Fore �o balcone �o frisco, �nsieme �nsilenzio,
munnamme fagiuline.
Che posa antica, cara mugliera!
Cagna �a materia: allora �a lana,
mò �e fagiuline, ma �a posa e' �a stessa,
de� viecchie spuse �nsieme.
Tira na streppa a uno, tira na streppa a n�ato,
chisto �o scartammo, chisto invece e' buono.
Penso: accussi', puo' darse, quaccuno fa�
cu �e iourne nuoste, cu sti vite noste...
Troppi penziere! Troppa filosofia! po� dico�
E aizo l�uocchie �ncielo, speranzuso.
E botto, passa na chiorma �e passere alluccanno,
pare che dice: "Nun �nce vide a nuie?�
Gudimme �o sole, l�aria �e chest� estate�
e quanno sarrà vierno� po� se vede!".

 

Visione

 
Era il tramonto quando il piccolo gruppo di uomini
giunse sulle rive del    fiume che sinuoso scorreva
attraverso la povera regione che  percorrevano.
Il gran disco del sole calava lentamente dietro l'orizzonte,
arrossando i loro volti stanchi e scarni,
creando ombre profonde nelle  pieghe dei loro mantelli da pellegrino.
Tra loro si distingueva un giovane sui trent'anni,snello ed alto, dai lunghi  capelli castani che gli ricadevano in riccioli sulle spalle. Un paio di baffi ed una barbetta che si biforcava all'estremità' gli incorniciavano il volto nel
quale risaltavano due occhi colmi di malinconica dolcezza.
Appoggiandosi ad un lungo bastone dall'estremità' ricurva, questi restò  qualche tempo pensoso a mirare la superficie calma dell'acqua, piena dei riflessi del crepuscolo, poi si riscosse e, facendo segno col capo agli altri di seguirlo, si diresse verso un grande albero che innalzava i suoi rami  vetusti poco discosto dalla sponda del fiume.
Un uccello notturno svolazzò stridendo quando egli insieme ai suoi compagni si sedette ai piedi del tronco, mentre un soffio di vento fece stormire le foglie e le erbe all'intorno.
"In verità vi dico," - disse dopo un poco il giovane ai suoi che lo attorniavano  "come questo uccello ha gridato impaurito, così udrete urlare coloro che m'avranno offeso attraverso voi, poiché sarà dato grano al grano e segale alla segale. In verità vi dico, il mio tempo e' alla fine, ma il regno e' vicino!".
E tratto un pane dalla bisaccia che portava appesa alla cintura, sotto il mantello, lo spezzò , e, alzati gli occhi al cielo, ormai trapunto di stelle, cominciò : "Padre nostro,
che sei nei cieli"