Partecipiamo.it...vai alla home page

 

Camillo Berardi

   
UN CANTO PER CHI VIVE LONTANO DALLA PROPRIA TERRA
 
NUSTALGIJA LUNDANE

 

Versi di Lucio Cancellieri - Musica di Camillo Berardi

 
 

Questo canto toccante e malinconico, esprime il profondo senso di struggimento nostalgico di chi ha lasciato il luogo natio ed è pervaso da un intricato fascio di emozioni e bisogni affettivi, insopprimibili e contrastati. La musica e le parole, in perfetta simbiosi, esprimono con efficacia il doloroso ritorno della memoria su oggetti, luoghi, tempi e persone, il cui recupero è arduo e tormentato, spesso irrealizzabile.

 
Link per ascoltare il componimento su YouTube:

Nel video realizzato da Luciano Dionisi: https://www.youtube.com/watch?v=TGAyOdM0ghs

Clicca per lo spartito
NUSTALGIJA LUNDANE NOSTALGIA LONTANA
Versi di Lucio Cancellieri - Musica di Camillo Berardi (Traduzione letterale in lingua)
   

Che notte serene,
la luna è ‘n’incande,
li stelle massere
che luce ce fa!
Lu monne già dorme
e sogne a chist’ore,
me porte lu core
ddo’ campe mammà.

Che notte serena,
la luna è un incanto,
le stelle, stasera,
che luce ci fanno!
Il mondo già dorme
e sogna a quest'ora,
il cuore mi porta
dove vive mia madre.

              Rit. Sone llà la piazzette
              lu mastre nghe la bande,
              pi’ fistiggia’ lu sande
              li bbomme sta a spara’,
              ji’ m’arrubbeje l’amore
              mezz’a li morre d’ore
              e ancore me ne more…
              l’amore me’ addo’ sta?

              Rit.   Suona nella piazzetta
              il Maestro con la banda,
              per festeggiare il Santo
              i botti stanno sparando.
              Io rubavo l'amore
              tra le spighe indorate dal sole
              che non riesco a dimenticare,
              e lei... dove sarà?

Lu vicchie paese
addo’ so’ crisciute
ddu’ case e la chiese
n’ariesce a scurda’.
Su ‘n cime a lu monte
è jurne de feste,
tatone s’arveste
se sta a ‘mbrijaca’.

ll vecchio paese
 dove sono cresciuto
 poche case e la chiesa
 mi porto nel cuore.
 Lassù sopra il monte
 è giorno di festa,
 il nonno, vestito a nuovo,
 si starà già ubriacando.

 

 

© Ph. Luciano Dionisi - “Che notte serene…”

 

© Ph. Luciano Dionisi - “… la luna è ‘n’incande…”

 

© Ph. Luciano Dionisi - “… la luna è ‘n’incande…”

 

© Ph. Luciano Dionisi - “… la luna è ‘n’incande…”

 

© Ph. Luciano Dionisi - “… li stelle massere…”

 

© Ph. Luciano Dionisi - “…che luce ce fa…”

 

© Ph. Luciano Dionisi - “…lu munne già dorme…”

 

© Ph. Luciano Dionisi - “…e sogne a chist’ore…”

 

© Ph. Luciano Dionisi - “…me porte lu core…”

 

© Ph. Luciano Dionisi - “…ddo’ campe mammà…”

 

© Ph. Luciano Dionisi - “…sone llà la piazzette…”

 

© Ph. Luciano Dionisi - “…lu mastre nghe la bande…”

 

© Ph. Luciano Dionisi - “…pi’ fistiggia’ lu sande…”

 

© Ph. Luciano Dionisi - “…pi’ fistiggia’ lu sande…”

 

© Ph. Luciano Dionisi - “…li bbomme sta a spara’…”

 

© Ph. Luciano Dionisi - “…li bbomme sta a spara’…”

 

© Ph. Luciano Dionisi - “…li bbomme sta a spara’…”

 

© Ph. Camillo Berardi - “…ji’ m’arrubbeje l’amore…”

 

© Ph. Camillo Berardi - “…mezz’a li morre d’ore…”

 

© Ph. Camillo Berardi - “…e ancore me ne more…”

 

© Ph. Luciano Dionisi - “…l’amore me’ addo’ sta?…”

 

© Ph. Luciano Dionisi - “…lu vicchie paese…”

 

© Ph. Luciano Dionisi - “…addo’ so’ crisciute’…”

 

© Ph. Luciano Dionisi - “…ddu’ case e la chiese…”

 

© Ph. Luciano Dionisi - “…n’ariesce a scurda’…”

 

© Ph. Luciano Dionisi - “…n’ariesce a scurda’…”

 

© Ph. Luciano Dionisi - “…su ‘n cime a lu monte…”

 

© Ph. Luciano Dionisi - “…è jurne de feste…”

 

© Ph. Luciano Dionisi - “…tatone s’arveste …”

 

© Ph. Luciano Dionisi - “…se sta a mbrijaca’…”

 
© Ph. Luciano Dionisi - “…se sta a mbrijaca’…”

 

© Ph. Luciano Dionisi - “…se sta a mbrijaca’…”