Partecipiamo.it...vai alla home page

 

Camillo Berardi

 

“MATRIX  PULCHERRIMA”

 

AMATRICE DISTRUTTA DAL SISMA SOPRAVVIVE IN UN CANTO D’AMORE

 “MATRIX PULCHERRIMA”  (Amatrice Bellissima)

 Musica di Camillo Berardi

Versi di Concetta Persico

Cantante Mara Vittori

Al pianoforte Emanuele Mancini

Foto di Camillo Berardi

 

Sono passati tre anni dal sisma che ha ingoiato la cittadina di Amatrice riducendola a una distesa immensa di polvere e cumuli di macerie, dominati dal silenzio profondo e dall’abbandono. Un deserto agghiacciante,  macabro e tetro, ancora oggi interdetto a chiunque e presidiato da vigilanza armata.

A questo scenario inquietante, fanno da cornice le maestose montagne circostanti e il rigoglio trionfante della natura, con un contrasto incredibile e raccapricciante.

La ricostruzione della cittadina, uno dei “Borghi più Belli d’Italia”, è ancora al palo.

Due figli di questa terra, il musicista Camillo Berardi e la poetessa Concetta Persico hanno dedicato ad Amatrice il canto “Matrix Pulcherrima”(Amatrice bellissima), un componimento struggente e malinconico. Il borgo appenninico sepolto dalla polvere delle sue macerie, sopravvive nelle note dolenti e penetranti di questa canzone.

La voce suadente di Mara Vittori interpreta con sentimento profondo "L'emozione del cuore" e il “Pathos” presenti in questo canto d'amore dedicato alla cittadina scomparsa, accarezzando le anime ferite e svuotate dal sisma.

Con il borgo, è sparito anche un patrimonio storico-artistico straordinario impreziosito dagli splendidi affreschi quattrocenteschi delle cento chiese di Amatrice, alcune delle quali - interamente  istoriate dai dipinti - erano piccole “Cappelle Sistine”. Le opere d’arte, per secoli, sono state le uniche "a parlare" al popolo e gli affreschi delle chiese erano la "Bibbia dei poveri" e degli incolti. 

 Questi suggestivi luoghi di culto, con i loro preziosi tesori artistici, avevano resistito ai terribili terremoti del passato.

 Il video, con l’esecuzione del canto, è stato realizzato con alcuni preziosi affreschi delle chiese di Amatrice fotografati da Camillo Berardi, ed è accessibile tramite il link di seguito riportato:

MATRIX PULCHERRIMA

Versi di Concetta PERSICO

Musica di Camillo BERARDI

 

Spartito Musicale
“Clicca per ascoltare in un video la canzone eseguita da Mara Vittori”
Matrix Pulcherrima
Testo
In Vernacolo Traduzione in Lingua

1)

Canzune mie

scritta solu pe’ ti’

pe’ ‘na bbella città

che oramai

‘nci sta cchiù.

Me so’ arrubbatu

storie e memorie

e mo’ luntane

ji’ le puorte nel côre.

Tanti bbei sugni

dôci recurdi

no’ li vojio scurda’

pecché ji’

t’amo assa’.

 

 

2)

Lu côre mie

cchiù nun vôle armeni’

è remastu lassù

‘nzieme a ti’

vôle sta’.

Te ne’si’ ‘nnata

’na notte scura

lu terremotu

ha scuratu la luna.

‘Nu munnu vivu

‘entr’a lu côre

nun se po’ cchiù scurda’

’nzieme a ti’

vojio sta’.

 

 

3)

Paese mie

vojio solu mori’

addurmita accuscì

coma ti’

vojio sta’.

Ji’ so’ sugnatu

pe’ tante notti

ombre de sole

e co’ l’anema ‘n côre.

Ne’ miei pensire

solu l’amore

nun te pozzo svejia’

ma co’ ti’

vojio sta’.

 

 

4)

Amore mie

nun te pozzo scurda’

‘nu paese accuscì

coma ti’

nun ce sta.

Si’ statu ‘n sugnu

troppu filice

a’ ta’ armenire

si’ ‘n’araba fenice.

Macerie e sassi

mort’ e dolore

si’ ‘na smania d’amor

senza ‘e ti’

pena il côr.

 

 

5)

Paese mie

ji’ te vojio sugna’

coma fussi realtà

pe’ pote’

returna’.

Revedo simpre

co’ tantu amore

lu tempu annatu

me reccrocca lu côre.

Tantu splendore

tantu dolore

ji’ mo’ vojio turna’

solu a ti’

saccio ama’.

 

6)

O sugnu mie

ariviemm’a rtruva’

tuttu bbejiu sarà

senza ‘e ti’

‘nze po’ sta’.

Quanno arenasci

pîna de luci

tu me rappicci

‘na sperella nel côre.

Si’ ‘nu rempiantu

‘ruci lu côre

mo’ redevi fiori’

‘n poi mori’

‘nsieme a mi’.

 

1)

 Canzone mia

scritta solo per te

per una bella città

che ormai

non c’è più.

Ho catturato

storie e memorie

e ora lontano

me le porto nel cuore.

Tanti bei sogni

dolci ricordi

non voglio dimenticare

perché

ti amo immensamente.

 

 

2)

 Il mio cuore

non vuole più ritornare

è rimasto lassù

vuole stare

con te.

Te ne sei andata

una notte scura

il terremoto

ha oscurato la luna.

Ma un mondo vivo

dentro al cuore

non si può dimenticare

insieme a te

voglio restare.

 

 

3)

Paese mio

voglio solo morire

addormentata

distesa

accanto a te

Per tante notti

ho sognato

sprazzi di luce

con il cuore in tumulto.

Nei miei pensieri

solo l’amore.

Non posso svegliarti

ma voglio

restarti accanto.

 

 

4)

Amore mio

non posso dimenticarti

un paese

simile a te

non esiste.

Sei stato un sogno

troppo felice

e devi rinascere

sei un’araba fenice.

Macerie e sassi

morte e dolore

sei un desiderio d’amore

senza te

soffre il cuore.

 

 

5)

 Paese mio

voglio sognarti

come se esistessi ancora

per poter

ritornare.

Rivedo sempre

con tanto amore

il tempo passato

mi rasserena il cuore.

Tanto splendore

tanto dolore

voglio ritornare

perché solo te

so amare.

 

6)

 Sogno mio

torna a trovarmi

sarò di nuovo felice

non posso stare

senza te.

Quando rinascerai

piena di luci

mi riaccenderai

la speranza nel cuore.

Sei un rimpianto

arroventi il cuore

adesso devi rifiorire

non puoi morire

insieme a me.

 

FINALINO

 

Paese mie

nun te pozzo scurda’

lu recordu de ti’

po’ bbasta’

pe’ campa’.

 

FINALINO

 

Paese mio

non posso scordarti

il tuo ricordo

può bastarmi

per vivere

 

 
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi

Moneta bimetallica da 5 euro coniata nel 2018 dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato dedicata ai tesori artistici di Amatrice.

Su una faccia della moneta è rappresentato il dettaglio dell’affresco precedente, raffigurante la “Madonna in trono col Bambino, nell’atto di sorreggere la città di Amatrice”.

Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi
Foto di Camillo Berardi