Partecipiamo.it...vai alla home page
 
Miriam Ballerini
 
 

LA SFIDA DELL'ADOZIONE cronaca di una terapia riuscita di Luigi Cancrini

© 2020 Raffaello Cortina Editore

ISBN 978-88-3285-165-6

Pag. 198 € 19,00

 

 

Questo manuale è stato scritto soprattutto per studenti di psicologia e di psicoterapia. Sulla quarta di copertina troviamo scritto: Come dare risposte efficaci alle difficoltà di una famiglia adottiva.

Pertanto, uscendo dallo schema degli studenti, dei terapeuti e dei didatti, possiamo asserire che questo saggio possa essere utile anche alle famiglie che hanno pensato di adottare dei bambini o dei ragazzi.

Lo affermo con sicurezza perché, presentandoci la storia di una famiglia con problemi che elencherò qui di seguito, ci si addentra in una lettura che richiede sì attenzione, ma che è alla portata di tutti. Il dr. Cancrini non adopera una terminologia medica ostica ai più; ma si fa ben comprendere anche da chi è a digiuno della materia.

Inoltre, basta vedere come è studiato il libro: troviamo il suo modo di operare, cioè con tutta la famiglia coinvolta. Riporta il dialogo che, anni fa, ha registrato. Vediamo il suo atteggiamento, la sua interpretazione. Quindi segue una spiegazione di quanto sta accadendo e di come si sia approcciato, senza nascondere, anni dopo, anche i suoi dubbi. Perché in quel caso avrebbe potuto reagire in modo diverso; oppure avrebbe potuto evitare di dire alla famiglia che anche lui è un padre adottante, perché, di solito, il terapeuta non deve mai parlare di sé e della sua vita privata.

Infine troviamo il commento di Martina Fossati, colei che lo ha aiutato a trascrivere i nastri e ha seguito, con questo metodo a distanza, la terapia, imparando a sua volta alcuni metodi.

Ma vediamo nello specifico di chi si è occupato questo saggio: troviamo la famiglia composta da mamma e papà (non sono mai riportati i loro nomi), che in Ucraina hanno adottato Maria e Aleksey. I due bambini, ora adolescenti, erano stati messi in un istituto, dopo vari spostamenti, in uno dei quali i due fratelli erano stati divisi, cagionando loro un grande dolore.

Il padre è violento e beve, la madre fa la prostituta per guadagnarsi da vivere. I due fratelli vengono portati via dalla famiglia alla quale viene levata la patria potestà.

I due genitori adottivi si rivolgono a degli esperti, uno dei quali è il dr. Cancrini, perché Aleksey ha manie suicide, si taglia, dice un sacco di bugie, a volte fugge.

Ecco che il lavoro del terapeuta entra in gioco in maniera importante: si nota proprio il suo lavoro che prevede che lui non solo abbia a che fare con la famiglia odierna; ma deve tenere conto anche e soprattutto di quella naturale.

Subito si nota come i bambini provino rabbia per l'abusante, il padre naturale; ma anche per chi sa e non ha fatto nulla per salvarli, ossia la madre naturale.

Il compito del terapeuta, in questo caso, è quello di far fare loro pace col passato, col vissuto. Affinché possano proseguire la loro vita nella nuova famiglia, con serenità.

“Tutti i genitori hanno paura, ma quando i figli sono adottivi questa è ancora più grande perché c'è una responsabilità maggiore”. Scrive il dottore.

Nomina diversi psicoterapeuti del passato, ma essenzialmente di rifà a Freud: “La grande scoperta di Freud, è quella che ci ha permesso di considerare le esperienze traumatiche dell'infanzia, rimosse e custodite nell'inconscio, come la causa lontana del disturbo accusato dal paziente adulto”.

Cancrini si pone come facilitatore della comunicazione fra i membri della famiglia. Da una parte aiuta mamma e papà con le loro difficoltà a comprendere i comportamenti dei due ragazzi; dall'altra  sprona i due ragazzi con domande e commenti alle loro risposte.

Spesso chi viene adottato prova sensi di colpa nei confronti di chi non ha avuto la sua stessa fortuna.

Troviamo una bellissima frase: “Amare e abbracciare quello che l'altro è, anche il suo passato”. Perché, quando un figlio arriva già grande, da una situazione spesso traumatica, non è giusto fare tabula rasa del vissuto. Va capito, ascoltato, custodito. È comunque parte di ciò che l'individuo è.

Dopo diversi anni di terapia troviamo la famiglia con nuove prospettive: Maria ha voluto fare la parrucchiera e studia danza. Aleksey voleva diventare psicologo, alla fine ha scelto di lavorare nel campo delle attività sociali.

I genitori hanno potuto ridedicarsi a tempo pieno al loro lavoro, dopo essersi impegnati tanto a favore dei figli.

La famiglia che qui si è costruita è davvero un esempio che non è facile trovare, nemmeno nelle situazioni che potremmo definire “normali”, cioè con figli naturali.

Innanzitutto, mamma e papà sono stati così intelligenti e sensibili da rivolgersi a qualcuno e a chiedere aiuto. Questo non accade così spesso.

Perciò il primo plauso va assolutamente a loro.

In secondo luogo, i due ragazzi, hanno saputo mediare fra la vita di prima e quella odierna, capendo che avevano avuto la grande fortuna di trovare una famiglia dove poter essere felici.

In terzo luogo, il lavoro del terapeuta è stato essenziale, fatto con sensibilità e delicatezza d'animo, tanto da essere considerato, alla fine, uno di famiglia.

I due ragazzi, coi genitori, chiudono le pagine del saggio dopo aver preso la decisione di voler tornare in Ucraina, per poter camminare e respirare, e saggiare, quanto avevano vissuto nei loro primi sette anni di vita.

All'inizio del libro troviamo la prefazione di Francesco Vadilonga. In fondo le riflessioni conclusive, dove viene spiegata anche la situazione iniziale di Aleksey, cioè il disturbo bordeline di personalità. Inoltre c'è l'elenco di tutti i riferimenti che troviamo lungo le pagine, con le loro note esplicative.

Aggiungerei una piccola nota sulla copertina: dove spicca una casetta fatta coi mattoncini di legno, mancante di un lato, ma completa di fondamenta e di tetto. Ritengo sia esplicativa in modo davvero geniale di quanto andremo a leggere. La famiglia vista come casa, solida, ma priva di un lato, cioè di quel vissuto che manca da inserire nel nuovo contesto. Chiedo venia se ho dato una interpretazione errata, ma è quanto mi ha comunicato spronando la mia fantasia!

 

 https://oubliettemagazine.com/2020/08/20/la-sfida-delladozione-di-luigi-cancrini-cronaca-di-una-terapia-riuscita/

© Miriam Ballerini