Partecipiamo.it...vai alla home page
 
Miriam Ballerini
 
 
 
ANGELO CUSTODE
 

Origami ripieghi

con mani lievi.

Aeroplani e aquiloni

volano, in strie

di carta iridata.

Lacrime m’asciughi

con quelle dita

sporche di polvere,

d’ali di farfalla.

Un bacio leggero

sulla fronte aggrottata

mi posi.

Sai tenermi sulle ginocchia

e farmi salire in alto,

su un’altalena vecchia d’anni.

Suppongo il tuo viso

in una pozza d’acqua piovana;

ma è solo l’infantile desiderio

d’una certezza d’esistenza.

Desisto dal coglierti

e osservo un falco di carta

che armonioso, vola via.

Grida rauco la sua promessa d’egida.

 

© Miriam Ballerini