Partecipiamo.it...vai alla home page

 

Mario Bolognese

 

F  I  O  R  D  I  S  O  R  R  I  S  O

 

... per camminare leggere e leggeri

sui sentieri del cuore...

 
 

 

 
 

                                                Nacque una volta, con la luna nuova, una bambina, ricciolonero di capelli e verde di occhi. E da quando aprì gli occhi al mondo aveva un sorriso incantevole per tutti, belli e brutti, giovani e vecchi, stupende uccelline e gatti spelacchiati: lo stesso dolce, intenso sorriso rivolgeva a una giovane pelle come ad una ragnatela di rughe.

Una bellissima fata di quello sperduto villaggio di montagna si fece brutta, ma proprio brutta e vecchia e rugosa e gobba e sdentata. E venne a visitare la neonata, per metterla alla prova, per vedere se era vero che era nata la bambina Fiordisorriso...

Ne uscì, come ne era entrata, sborbottando e zoppicando, ma era meravigliata e felice per l'aurora di sorriso che aveva ricevuto in dono quell'orrendo suo volto. E così le fate, che conoscevano i segreti dei fatti umani e le stelle visibili e invisibili della nostra vita, decisero di ricompensare quella sorridente cucciola umana...

Sui loro libri segreti – che avevano le pagine di papavero e betulla-  avevano scoperto che un sorriso è come una strada di luce e così donarono alla bambina la magia del viaggio, il potere di tracciare il cammino.

I giochi della bambina, tutto quello che faceva, toccava, annusava, diventava come un sentiero, una strada. Tante strade, diverse l'una dall'altra, qualche volta nascoste, ma in chi si era perso ritornava la voglia di proseguire il cammino.

Quelle strade erano un gioco e qualche volta bisognava scoprirle per aria, con un volo di uccelli, o chiudere gli occhi perchè il sentiero era un profumo di muschio.

E a tutti Fiordisorriso donava questa magia, alle bambine e ai bambini perché erano molto vicini al suo sorriso e anche a quei grandi che non si vergognavano di giocare la vita. E nessuno era solo, perchè i mille sentieri portavano tutti in un Posto, vicino ad una sorgente di acqua e di fuoco.

Era questa una magia di amore, di luce, d'incontro e le fate l'avevano donata a Fiordisorriso per volere della Madre che è nei cieli.

E c'era un segreto, un antico segreto che diceva che Fiordisorriso e la sua strada non erano due cose diverse.

Non c'era infatti più magia per chi non sapeva camminare se stessa o se stesso...

Fiordisorriso sapeva che quando si è in un campo di grano  le spighe sono molte ma l'incanto è unico.

Ma una sera di strano tramonto, con le nuvole che avevano angoli opachi, arrivarono grandi guerrieri, tre sapienti pieni di campanellini, alcuni sacerdoti aureobrillanti e tutti erano armati di metalliche parole:

“ Ignoranti voi siete e come bambini vivete. La strada e chi cammina sono due cose diverse. Separare è somma dottrina, fare covone è solo triste confusione”.

Da quel momento furono inventate mappe e paracarri, confini e rigide corsìe per i cuori vagabondi. Scomparvero  i mille e mille misteriosi sentieri del gioco, benedetti dalla Madre, e ci furono solo, dure e lucenti, le strade del fuori.

E per le bambine e bambini e per tutti quei grandi che non avevano venduto il sorriso, ci furono solitudine, miseria e violenza perché è solo la luce del cuore, dentro di noi, che illumina quello che vedono i nostri occhi.

Fiordisorriso ora è vecchia, molto vecchia, come una luna velata, ma traccia ancora, con occhi e cuore di bimba, tanti piccoli viottoli incantati dietro le alte mura di quel piccolo giardino dove credono di averla imprigionata.

 
Padova, 4 gennaio 2010                                                 Mario Bolognese
 
Da: “ UN NATALE IN FIABA, raccolta di interventi diffusi dalla Radio Svizzera di lingua italiana il 24 dicembre 1992, Radiotelevisione
della Svizzera italiana, 1993, Lugano”. Tutto il ricavato della vendita di questa raccolta di fiabe andrà a beneficio della “ Ricerca svizzera contro il cancro”.
 

Nota: La mia ricerca, da alcuni decenni, riguarda l'originale senso del sacro e spiritualità delle bambine e dei bambini, come scambio di doni con noi e come risorsa  di pace e solidarietà tra generazioni e culture diverse. Sono disponibile e grato per ogni contatto e condivisione.