Partecipiamo.it...vai alla home page

 
Giampaolo Giampaoli

Parlo

 

Parlo con me stesso,

con la voce che non sapevo

nascosta là dove vado

a cercarti con le nostre paure.

Mi lascio coinvolto

da vibrazioni lontane,

vicine adesso le assumo,

sciolgono la stanchezza

depositata nella mente,

trasportano lontano

nel luogo che loro conoscono.

E c’è un’immagine del niente:

sei tu quando gridavi sofferta,

quando non ascoltavi distratta,

e ti sei fermata per comprendere

come nel vortice indelebile

siamo esseri paralleli,

si incontrano nella fantasia dei corpi,

proseguono nel distacco.