Partecipiamo.it...vai alla home page
 
Corrado Zanol
 
 
 
 

A bissabòa

A zigzag
   

Enamorada

de le sò mesèrie

de la sò mésa

de le sò matérie.

Milia

da la pèl “rosa mantovana”

ciapada 'ntél làc dal Mòro

da la pelisión “africana”.

Na vita consumada a bissabòa

tra casa, stala e campagna.

Na sprógena de fiòi

e l'òm despes lontan

trasmisiér fòr par l'Alemagna.

Otantasèi àni ancòi! Casa Serena.

A bissabòa sui coridori

su na carega co' le rodèle.

Da la boca vèn fòra

le medéme parole, sèmpro quele.

Na ciacerada

che oramai è deventà 'n credo.

“Vèi a tòrme, Sioredio

fame 'l piazer,  Te prego!”

 Innamorata

delle sue disgrazie

della sua famiglia

dei suoi giochi scherzosi.

Emilia

dalla pelle colore della mela “rosa mantovana”

presa nel laccio dal Mòro

dalla carnagione “africana”.

Una vita consumata a zigzag

tra casa, stalla e campagna

Un gran numero di figli

e l'uomo  spesso lontano

vettore fuori per la Germania.

Ottantasei anni oggi! Casa Serena.

A zigzag sui corridoi

sopra una sedia a rotelle.

Dalla bocca fuoriescono

le medesime parole,  sempre quelle.

Una chiacchierata

che oramai è diventata un credo.

“Vieni a prendermi, Signore Iddio

fammi la cortesia, Ti prego!”

 
 

Poesia che ho dedicato alla "Milia", una donna eccezionale che ho avuto la fortuna di conoscere ed apprezzare per le sue doti di grande umanità e per la sensibilità che la caratterizzava.