Partecipiamo.it...vai alla home page
 
Ciro Cozzolino
 
App spia per WhatsApp
 
 
 

Tanto mito e poca realtà come dimostrano i fatti.

Wossip e altre simili, sono app che si dicono in grado di spiare i contatti su WhatsApp con una semplice installazione e a loro insaputa. Questo è un clamoroso falso.

Autentica invece la poca competenza di molti su questi temi.

Diventano tutti mitici 007 e grandi hacker.

Wossip dimostra che la maggior parte degli utenti delle app per social e di social ha capito nulla o male la tecnologia che usiamo tutti i giorni. Si tratta di una semplice applicazione per Android, disponibile sul Play Store, che permette di monitorare uno o più contatti.

In effetti, Wossip si interfaccia con i dati pubblici di Whatsapp per dare quanto tempo è stato online un contatto, e quando sarebbe avvenuto questo mandando una notifica ai collegamenti del contatto.

Questo semplicemente perché apre Whatsapp. La cosa più immediata da dire che i dati sono esattamente gli stessi che si possono vedere direttamente dalla stessa Whatsapp, e in più il tempo passato con l'applicazione. Con Whatsapp si coprono alcune informazioni e Wossip si vanta di dirvi anche queste ma non si capisce come avverrebbe perché chi imposta Whatsapp per nascondere certe informazioni, lo fa definitivamente e quelli di Wossip, forse, hanno trovato un bug di sicurezza. Questo significa che  lo stanno sfruttando in modo illegale e Facebook - proprietario di Whatsapp - avrebbe tutti gli strumenti per risolvere il problema tecnico.

Wossip tranne che per la prima settimana che è free poi si pagano 99 centesimi alla settimana.

Ci sono molte app su Play Store che dicono di fare questo ma senza aspettarsi miracoli ma che riscuotono successo perché esiste chi resta affascinato dall'idea di spiare il prossimo. In tanti saranno genitori che seguono i figli, tanti fidanzati o ex fidanzati gelosi, che vanno al limite tra legittima curiosità e stalking però quest'ultimo è un reato, con dei pericoli anche gravi. A tal proposito, vi ricordiamo che è opportuno controllare i dispositivi Whatsapp Web collegati ed eliminare quelli che non servono.

Senza parlare di scandalo per Wossip e app simili perché lo scandalo è che ancora ci siano persone che pensano di diventare degli 007 e dei grandi hacker soltanto per soddisfare la piccola aberrazione di spiare qualcuno e di sentirsi più degli altri.

Siamo comunque difesi dalle impostazioni di privacy che funzionano bene e nessuna app ha modo di muoversi in senso opposto a esse.

Quando siamo stati noi i primi a rendere pubblicamente accessibili certe informazioni, allora ci sarà qualcuno che conoscerà cose che forse sarebbe stato meglio coprire a persone indiscrete. Ci sono le impostazioni di Whatsapp, quelle di Facebook e quelle di qualsiasi altro servizio per evitare la paura di app da cyberwar mondiali.

Teniamo alla difesa della nostra sfera privata e anche per questo difendiamoci bene da persone indiscrete, a nostra volta evitando di entrare nella sfera privata altrui perché le violazioni della privacy esistono e sono molte pericolose.

Per questo va portato avanti il tema in modo corretto.