Partecipiamo.it...vai alla home page
 
Ciro Cozzolino
 
Il Fintech e i soldi del futuro.
 
 

Ho seguito alla Rai una serie di puntate di approfondimento verticale dedicate al fintech  dal programma rafiofonico “Eta Beta” (Radio 1) e questo con molta comprensibilità e competenza.

Le puntate si possono riascoltare sul podcast e meritano davvero. Si parla delle transazioni, dei prestiti e degli investimenti, del crowdfunding e ancora del bitcoin e delle assicurazioni e alla fine capirete come la tecnologia sta cambiando ogni giorno il modo in cui gestiamo le nostre finanze e perché le banche spariranno senza tanti rimpianti.

1. Cos’è il fintech (e come funziona)

I robot accoglieranno gli investitori nel loro studio perché loro saranno i consulenti finanziari. Le app per pagare il bene, il servizio con lo smartphone e non più con le carte elettroniche; le monete virtuali invece degli stampi e conio di oggi. Claudio Bedino, ospite della trasmissione radiofonica, cofondatore di Oval Money, app legata a conto corrente bancario e carta credito, dice che essa permette di creare un conto virtuale in cui finiscono automaticamente gli spiccioli di resto di ogni transazione, fino a creare un “risparmio” per piccoli investimenti.

 

2. Pagamenti digitali

Paypal al posto di bonifici e assegni è già noto e utilizzato. Le app sul cellulare invece di bancomat e carte di credito stanno affermandosi e la moneta virtuale Bitcoin faranno la vera rivoluzione digitale e intaccheranno i monopoli tradizionali delle banche. L’ospite Alberto Dalmasso, cofondatore di Satispay, l’app che permette di pagare con il cellulare anche piccoli importi al bar (senza commissioni per gli esercenti sotto i 10 euro, 20 centesimi per qualsiasi somma al di sopra) spiega bene il concetto.

 

3. Prestiti (social lending)

Il Social lending, il crowdfunding, per chiedere alla rete di finanziare i loro progetti aziendali e personali. Come convincere il cittadino sulla propria affidabilità e come evitare gli abusi sono le vere barriere da abbattere, da superare per l’affermazione di questi mezzi che saranno una ragione aggiunta di scomparsa delle banche come le intendiamo diffusamente adesso.

 
 

4. Investimenti e risparmi (robo advisor e social trading)

Un robot capisce chi siamo e guida agli investimenti più redditizi da attuare e un’app farà automaticamente ogni transazione per creare il risparmio. Poi, un social network consentirà di copiare le mosse dei migliori investitori a livello internazionale.

5. Bitcoin e blockchain

Si chiama blockchain ed è il sistema alla base delle monete virtuali come Bitcoin che in tutto il mondo stanno rivoluzionando la finanza. In Italia se ne parla poco, ma nei cinque continenti cattura l’attenzione di innovatori, governi e strutture vitali per i cittadini. La galassia blockchain, dedicata ai pagamenti cambierà la tracciabilità del cibo, il modo di gestire la sanità e tanti altri ambiti.

 

6. Crowdfunding

Equity crowdfunding, crowdfundig fai-da-te, crowdfunding con ricompensa. Sono oltre 90 milioni di euro i soldi raccolti in Italia grazie alle varie forme di raccolte lanciate su Internet. Un dato ancora lontano dal resto del mondo, ma che ha permesso di realizzare progetti nei campi del sociale, dell’arte e dell’economia.

 
 

 7. Assicurazioni (insurtech)

Polizze per assicurare la singola partita di pallone con un clic sul cellulare. Sconti sui premi per chi usa dispositivi per il controllo della salute, dell’auto o di un edificio. I robot saranno i futuri agenti assicurativi che proporranno le coperture. Le determineranno controllando sui social le abitudini dei loro clienti e questo rientra nel fenomeno Insurtech, la rivoluzione digitale lanciata da startup e compagnie assicurative.

 

Queste saranno le monete, le banche, le assicurazioni e gli agenti di consulenza finanziaria del futuro.

Questo darà maggiori certezze alle industrie. Le certezze dei cittadini saranno più labili.

Per questo informiamoci bene.

 
 
Fonte: Redazione http://cybersecurity.startupitalia.eu/54445-20170321-come-proteggere-robot-da-cyberattacchi del 7 aprile 2017.