Partecipiamo.it...vai alla home page
 
Ciro Cozzolino
 

Amiga Mini, un sogno che diventerÓ realtÓ

 
 
 
 
 
 

Dopo l'annuncio del C64 mini, potrebbe arrivare anche una versione in miniatura dell'Amiga, uno degli home computer pi¨ famosi della storia.

Dopo l'annuncio del C64 mini da parte di Koch Media, sembra che l'azienda abbia in progetto anche un Amiga mini per completare la produzione dei primi tentativi di home computer che furono apprezzati negli anni '80.

La console C64, viene prodotta in miniatura e ha 64 giochi dell'indimenticabile Commodore 64, l'home computer pi¨ venduto della storia. Ma le sorprese non finiscono qui.

Paul Andrews CEO di Retro Games ltd., che presiedeva la postazione di gioco di Koch Media, ha rivelato che si possiede giÓ un accordo per sviluppare un Amiga Mini.

L'azienda belga Hyperion detiene i diritti per lo sviluppo del sistema operativo e del marchio di AmigaOS a partire dalla versione 4.x, mentre l'italiana ACube Systems e A-Eon Tecnology hanno prodotto le macchine AmigaOne con architettura PowerPC che eseguono l'ultima incarnazione del sistema operativo AmigaOS.

Infine l'americana Amiga Inc. detiene i diritti dei loghi e dei marchi "A" e "Amiga". Ma sembra che di recente ci sia stato un importante cambiamento.

Ad aprile di quest'anno Amiga Inc. ha deciso di non rinnovare i diritti sul marchio Amiga; questo evento ha permesso quindi all'italianissima Cloanto di registrare gli storici marchi a giugno.

Retro Games Lmt. ha stretto un accordo con Cloanto per il nuovo Amiga mini, come ha detto Andrews.

Questo elimina gli ostacoli dei diritti dei marchi Amiga, rendendo plausibile un ritorno dello storico computer pure trattandosi di una versione in miniatura.

Sono molti i nostalgici e gli appassionati di nuove versioni che hanno cercato giÓ il canale per avere loro i primi esemplari della serie.

Questo fa prospettare dai produttori un grande successo di vendite e anche questa Ŕ una buona notizia per il settore.

Ciro Cozzolino.                                

 
 
 
Fonte: Massimo Costante.