Partecipiamo.it...vai alla Home page

 
Gianduja
 
           
 
La maschera di Gianduja

Gianduja Ŕ una maschera popolare torinese. Il suo nome deriva dalla locuzione "Gioan 'dla duja" ovvero "Giovanni del boccale" (o "Giovanni dal boccale").

L'origine del personaggio

La maschera venne inventata ad Asti circa 300 anni fa dai burattinai Sales e Bellone. Deve il suo nome ad una precauzione politica: fino al 1802, il suo nome era Gerolamo, ma con l'avvento al potere di Napoleone Bonaparte, per timore che si potessero scorgere allusioni al fratello dell'imperatore, il nome venne mutato. Dato che il personaggio aveva sempre con sŔ la d˘ja (un boccale di terracotta per bere il vino), il nome venne mutato in "Gi˘an d'la d˘ja", poi condensato in Gianduja.

Il carattere

Allegro e godereccio, incarna lo stereotipo piemontese del "galant'uomo" coraggioso, assennato, incline al bene e fedele alla sua inseparabile compagna Giacometta (che lo affianca ancora oggi nelle feste di paese).

La simpatia, l'astuzia e l'ironia del personaggio lo fecero ben presto divenire famoso in tutto il Piemonte, sino a divenirne la pi¨ importante maschera piemontese

Ispirazioni

Dal suo nome deriva quello della cioccolata di tipo gianduia e del relativo cioccolatino gianduiotto con cui Ŕ confezionato, entrambi specialitÓ torinesi. I cioccolatini venivano distribuiti dalla maschera durante la festa del carnevale; probabilmente per lo stesso motivo il nome Gianduja Ŕ stato dato alle grosse caramelle a forma di cialda incartate in caratteristici involucri esagonali.

CuriositÓ

  • La tradizione vuole che in provincia di Asti , ed in particolare a Callianetto, una frazione di Castell'Alfero, vi sia la casa natale di Gianduja denominata il "ciabot".

Tratto da wikipedia