Partecipiamo.it...vai alla Home page

 

Carnevale

 
 

Carnevale di Venezia

 
Storia del Carnevale  

Carnevale di Viareggio

 

Carnevale Romano

 
Ricette Tradizionali  

Carnevale: Gif Animate

     

Le maschere Tradizionali

 

Arlecchino

Commedia dell'arte

Pulcinella

Portale di Venezia

Artigianando

Le maschere di Torre Mura

Teatro di Nessuno

Maschere

Storia del Carnevale e delle maschere

Venezia: Calendario 2012

 

Carnevale in Italia

 

Gianduja

Il Carnevale di Venezia

Scaramuccia

Il Carnevale di Viareggio

Carnevale di Acireale

Cento Carnevale d'Europa

Carnevale di Fano

Carnevale di Putignano

Carnevale di Misterbianco

Carnevale storico di Santhià

Carnevale di Caraglio

 

Colombina

Carnevale di Foiano


Brighella

Carnevale Muggesano
Foto del Carnevale di Ciminna
Carnevale di Fano
Carnevale di Termini Imerese
 
 
 
 
 
 
 

Capitan Spaventa

Carnevale vecchio e pazzo


Dottor Balanzone

Gabriele D’Annunzio

Carnevale vecchio e pazzo
s’è venduto il materasso
per comprare pane e vino
tarallucci e cotechino.
E mangiando a crepapelle
la montagna di frittelle
gli è cresciuto un gran pancione
che somiglia a un pallone.
Beve e beve e all’improvviso
gli diventa rosso il viso,
poi gli scoppia anche la pancia
mentre ancora mangia, mangia…
Così muore Carnevale
e gli fanno il funerale,
dalla polvere era nato
ed in polvere è tornato.

 

Giangurgolo

Il coriandolo


Gioppino

anonimo

Il coriandolo è un coso impertinente

che approfitta di tutte le occasioni,

del risvolto nel fondo dei calzoni,

d’una bocca socchiusa e sorridente.

 
S’appiccica, s’insinua, s’introduce

anche colà dove non giunge luce

e per provar che manca di rispetto

quando ti svegli te lo ritrovi a letto.

 

Meneghino

Pantalone


Pantalone

Fagiolino

 

Rugantino

L'unica maschera che proviene dal sottoproletariato e dalla periferia urbana, che si muove soltanto nel casotto dei burattini e non conosce vita sul palcoscenico delle marionette. Ha un nome e un "cognome", Fagiolino Fanfani, maschera già attiva a Bologna ad opera del burattinaio Cavazza e che raggiungerà una popolarità maggiore con Filippo Cuccoli e col figlio Angelo. Fagiolino è un povero, ma ricco di appetito, generoso coi deboli e severo con i cattivi. Si fa giustizia da solo usando il suo inseparabile bastone. Tipica è anche la cuffia bianca in testa, da "monello" bolognese, la sua città. E l'Emilia Romagna è la sua regione.


Sandrone

 

Stenterello

Il girotondo delle maschere


Tartaglia

G. Gaida

E' Gianduia torinese
Meneghino milanese.
Vien da Bergamo Arlecchino
Stenterello è fiorentino.
Veneziano è Pantalone,
con l'allegra Colombina.
Di Bologna Balanzone,
con il furbo Fagiolino.
Vien da Roma Rugantino:
Pur romano è Meo Patacca.
Siciliano Peppenappa,
di Verona Fracanappa
e Pulcinella napoletano.
Lieti e concordi si dan la mano;
vengon da luoghi tanto lontani,
ma son fratelli, sono italiani.

 

Pierrot

Pierrot...


Pierrot

Mauro Pavani

“Pierrot...

...una lacrima cade giù...

...mentre la luna ti culla rimango a guardarti.

Qual è il tuo segreto?

Profuma d’incenso la notte.

Rapisce questo piccolissimo pensiero per te... pallido Pierrot... maestro di vita... malinconico fratello.”

 

 

Meo Patacca

 

 

Pierrot

Carnevale


 

Mezzettino

 

 

 

Pierrot

 

Fiorella Cappelli

A Febbraio si fa festa

dolci e un piatto di minestra

ci si vuole divertire

con i carri da allestire

la risata, la poesia

così inizia l’armonia.

 

Questa vita è un carnevale

si sta bene, si sta male

son coriandoli i pensieri

se scherzosi, anche un po’ seri

si fa chiasso e l’allegria…

tutto il freddo porta via

 

ma se non dai pace al cuore

resta intenso lì, il dolore.

Quanta gente per la strada

ha la maschera indossata

il vestito d’occasione

ma non ne ricordi il nome?

 

Solo i bimbi mascherati

hanno i sogni già avverati

e i sorrisi elargiti

son frammenti coloriti.

Fiorella Cappelli  © Copyright

dal Libro “Padrone il Vento”

 

Beppe Nappa

Il gioco dei se


Coviello

di Gianni Rodari

Se comandasse Arlecchino
il cielo sai come lo vuole?
A toppe di cento colori
cucite con un raggio di sole.

Se Gianduia diventasse
ministro dello Stato,
farebbe le case di zucchero
con le porte di cioccolato.

Se comandasse Pulcinella
la legge sarebbe questa:
a chi ha brutti pensieri
sia data una nuova testa

 

Zanni

Carlo Goldoni


Tabarrino

La stagion del Carnevale
tutto il Mondo fa cambiar.
Chi sta bene e chi sta male
Carnevale fa rallegrar.

Chi ha denari se li spende;
chi non ne ha ne vuol trovar;
e s'impegna, e poi si vende,
per andarsi a sollazzar.

Qua la moglie e là il marito,
ognuno va dove gli par;
ognun corre a qualche invito,
chi a giocare e chi a ballar.

 
 

Due Maschere

Fiorella Cappelli

Due maschere.

Una cela un’anima

L’altra…è vuota.

E’ solo un clone d’emozioni.

E’ coreografia

E’ colore

Ma non è respiro.

Una sola anima, non attrae

sono la confusione, il caos, lo spettacolo…

la follia interpretata

che catturano gli sguardi…

In questo nostro secolo

si è persa la meraviglia

Ecco…perché due maschere,

due personalità

oggi, alimentano la curiosità

di questo nostro… vivere carnevalesco.

 

Carnevale

Marco Pellacani

Carnevale

dai mille colori,

fra le grida e scherzi dei bambini

gioiosi,

là dove il mondo fugace

si nasconde

dietro ad una maschera,

ma che importa...

oggi si scherza e si balla,

si gioca

fra i tanti sparsi  coriandoli,

assieme a milioni di

sorrisi soddisfatti

e burloni.

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

’A FESTA ’E CARNEVALE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vincenzo Cerasuolo

Quanno vene carnevale,

’a cchiù festa ’e ll’allerìa,

tutt’ ’a gente ’nfantasìa,

chesta notte va a ballà’.

 

Cu custume strane assaje

se ne vanno mascherate

pe’ cagnarse ’e cunnutate

e annasconnere ’a rialtà.

 

Però ’a festa ’e carnevale

nun canosce ll’eguaglianza

e tu vide ’a differenza

fra ’a ricchezza e ’a puvertà.

 

Paulino, ’o piccerillo

’e Carmela ’a sartulella,

cu ’a cammisa e ’na vunnella*,

fa ’a signora ’e sucietà,

 

…e p’ ’e strate, alleramente,

se ne va cu ’e cumpagnielle:

tutte figlie ’e puverielle,

ca ’int’ ’a vita hanno ’a stentà’.

 

P’ ’e lucale scintillante

vanno ’e ricche chesta sera:

so’ ’e signure d’ ’o quartiere,

stanno proprio tutte llà.

 

Cu doje recchie ’e cunigliello

sta ’o chianchiere*, Don Francuccio:

chillo ’a scola era ’nu ciuccio,

po’ cu ’a carne s’arricchì.


 

Ce sta Gianne ’o parrucchiere

cu ’e ricchine ’e ’nu pirata:

porta ’a mala ’nnummenata:

è passato ’a parte ’e llà.

 

Travestito ’a ’nu vampiro

ce sta ’on Ciccio Cantamesse:

presta ’e sorde cu ’o ’nteresse,

zuca ’o sango d’ ’a città.

 

Po’ ce sta Pulecenella,

Don Antonio ’o salumiere:

oggie zompa comm’aiere

p’ ’e mmazzate d’ ’o papà.

 

Sta ’o duttore cu doje corne

’ncopp’a ’n’elmo d’ ’e vichinche:

’a mugliera ne tene a cinche,

dà ll’ammore e ’e dà a magnà’.

 

Ce sta ’o furbo, Don Aitano,

ca mò s’è vestuto ’a fesso:

miezo scemo, ma fa ’o stesso:

è cchiù ricco ’e ’nu pascià.

 

J’ mò dico, tanta sorde

pe’ ’sti mmaschere ate jettate,

doppo po’ v’ate truccate

comme site ’int’ ’a rialtà?

 

Forze è meglio ’o guagliunciello

ca mò corre p’ ’o quartiere;

chilli straccie so’ ssincere:

nun è overo, Carnevà’?

 

*vunnella=gonna

*chianchiere=macellaio

 

Il mio carnevale

Marco Pellacani

Carnevale,
via le pene,
arrivano i sorrisi,
fra mille scherzi e colori.
Carnevale,
una maschera da vivere,
forse da togliere,
per un sorriso in
più,
perchè forse così
è la vita,
da gustare con un pizzico
di pazzia
nel carnevale,
quando ogni scherzo vale,
ma forse tutto è troppo reale!

 

Oh mia Venice

Eufemia Griffo

Oh mia Venice

mai s’ estingue l'anima

d'antichi fasti

 

di maschere e merletti

malinconici istanti

 

Occhi coperti

di misere esistenze:

lacrime argento

 

gocciolano sul volto

ombre d'oscura Luna

 

Eufemia 

Immagine by Deviantart

 

Nell'antica Baia

Eufemia Griffo

Lo sguardo assorto
sui colori del mare
color cobalto

Sorgerà l'alba
tra  gondole al riparo
nella baia antica

Di stelle e luna
l'abito color nero
è nuova festa

 

Luna nel sole

Fabrizio Corselli

Volti barocchi,
maschere veneziane,
celati sguardi

in albine volute.
Variopinte identità.

Stelle d'argento
in quelle orbite vuote,
Luna nel Sole

in un drappeggio di ombre,
fine del Carnevale.

 

 

 

 

23 febbraio 1981

È arrivato il carnevale!...

Cristina Pia Sessa Sgueglia

È arrivato un carnevale

si può dir quasi spaziale

poche maschere carine

delle vecchie mascherine.

Un saluto a Pulcinella

Ed al nostro caro Brighella

Un sorriso ad Arlecchino

che divertiva ogni bambino.

Al lor posto or chi c’è?

Volete proprio saperlo haimè?

C’è Mazzinga, Goldraik…

Actarus e Danguard.

Non c’è più divertimento

C’è un distante assembramento.

Ma in una piccola borgata

Or la festa è cominciata

Gente adulta travestita

Con la maschera preferita

Portan i bimbi or truccati

Per dispetto a quei dannati.

Voglion ancora dimostrare

che non tutto spaziale.

Viva viva il carnevale

Cristy81

 

Tra Carnevale e Quaresima

Cristina Pia Sessa Sgueglia

Tra Carnevale e Quaresima

il sacro e il profano

Tra festini e digiuni

C’è il  rito pagano

il banchetto  porchettato

le frittelle e le pastelle

le risate a crepapelle

e le maschere più belle

fino al grasso martedì.

Di astinenza e  di preghiera

La quaresima è più austera.

Ma  la Pasqua del Signore

Dona in terra festa e amore.

 

Balanzone

Pantalone


Zanni

Meneghino

Rugantino

Giangurgolo

 

fru- fru

 

Giacomino (Giacomo Casanova)

 

 

 

 

 

 

Quadaredda

La voce di Carnevale

Italo Spada

 

 

 

 

 

Assicutafimmini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Noi credevamo che il primato

Noi credevamo che il primato di maschere e carri

fosse roba di Aci

perché a lasciare per prima l’impronta

era stata la Grecia;

Roma, Firenze, Viareggio vennero dopo

e sbagliava a darsi importanza Lorenzo col canto di Bacco,

o Giacomino che, a Venezia, sciupava le femmine.

Quadaredda, in quei giorni, non aveva rivali.

 

Si saliva dai Morti

con sacchette che sembravano  vèttole

e, tra la folla, coriandoli a pugni, frufrù,

pungitìne di spille, randellate di gomma, callà.

“A Carnevale ogni scherzo vale

e chi s’offende è un maiale”.

E ce n’erano, eccome, maiali nel Chiano.

 

Il barista del Corso spatteva papàgni,

santiàvano quelli del Circolo al Mutuo Soccorso,

il Maestro Scirippa diceva “ora basta”

e il vigile Malli  “se t’acchiappo ne faccio minnìtta”.

 

Nell’anno del carro bruciato

successe un bordello.

Passava in Via Aranci Cristina, sposata a Don Tano,

un pezzinovanta.

Ciccio Bagonghi, per farla scantare,  le spara di dietro

un assicutafimmini con colpi a mitraglia.

Prima di dire “botta di sangue” sviene Cristina

e appare Don Tano che, come un pupo dell’Opera,

vibra nell’aria l’alliccasapuni

e scomoda il cielo coi santiùni. 

Schigghi di madre, il vecchio arrotino a far da paciere,

e Brasi Crastuni a dire più volte “Ma è scherzo di niente!

Son cosi i carusi!” fino a far ragionare Don Tano

che, messi in saccoccia rabbia e coltello,

conclude più mite con “senti, figghiuzzu,

l’hai scapolata nonostante il macello;

ma, la prossima volta,  questo scherzo di niente

faccillu a to soru!”

Note

Il carnevale (maschere e carri) visto come derivazione delle maschere del teatro greco e del carro di Tespi.

La callà  è uno scherzo di carnevale. Consiste in un pezzo di stoffa sporco di gesso che si lancia alle spalle delle persone.

Il frufrù è una lingua di carta che emette fruscio (da qui il nome) utilizzata soprattutto per procurare improvvisi sobbalzi alle vittime degli scherzi di carnevale.

Lorenzo è Lorenzo de Medici, autore della Canzona di Bacco dei Canti carnascialeschi.

Giacomino è Giacomo Casanova.

Quadaredda, storico personaggio del carnevale acese.

Minnìtta: due matrici:

a) vendetta (dal latino “vindicta”);

b) piccola minna (dalla forma di un pane casareccio di piccole dimensioni e a forma di piccolo seno) e pertanto, in senso figurato, “fare minnitta = ridurre in briciole”.

In una edizione di carnevale, agli inizi degli anni Cinquanta, un carro allegorico rappresentante “L’inferno dantesco” fu distrutto dalle fiamme.

Per “pezzo da novanta” si intende, nel gergo mafioso, un uomo importante. Incerta la matrice: indica il petardo finale e con botto dei fuochi d’artificio? Fa riferimento alla numismatica (moneta da 90 grammi, più pesante delle altre e di maggiore valore)?

Una terza interpretazione, qui preferita, é quella che richiama l’Opera dei Pupi. Il pezzo da novanta era un pupo superiore agli altri (della statura di 90 cm.). Durante lo spettacolo il puparo ordinava al suo aiutante: “passami un pezzo da novanta!” Insomma: il mafioso Don Tano come un pupo dell’Opera.

 

 
 
 

Il Carnevale secondo Claudio Cisco

 
     

La storia dei coriandoli.

Durante le sfilate di carrozze, tipiche di molte città, venivano gettati sulla folla mascherata granoturco ed arance, fiori, gusci d'uovo ripieni di essenze profumate, monete..
A partire dal XVI secolo, con i frutti del coriandolo, rivestiti di zucchero, si iniziarono a produrre dei confettini profumati, fatti apposta per essere lanciati dall' alto dei carri mascherati o da balconi e finestre.
Questa usanza, piuttosto costosa, cadde in disuso. I confetti bianchi vennero gradualmente sostituiti da piccole pallottole, di identico aspetto, ma fatte di gesso.
Pare che a Milano, nel XIX secolo, si cominciò a tirare qualcosa di diverso: minuscoli dischetti di carta bianca che al minimo refolo di vento si sollevavano in aria, come se una nevicata ricoprisse i carri che sfilavano.
Narra la leggenda che la geniale trovata fosse dell'ingegner Enrico Mangili, che aveva pensato di usare i dischetti di scarto dei fogli bucherellati che si usavano come lettiere per i bachi da seta. Presto la folla li cominciò a chiamare con il nome con cui ancora oggi li conosciamo: coriandoli.
I coriandoli cominciarono ad essere prodotti a livello industriale e non più come materiale di scarto, utilizzando anche carta colorata.

 
 

Le date del Carnevale fino al 2030

 

Data del Carnevale 2012: 21 febbraio

Data del Carnevale 2013: 12 febbraio

Data del Carnevale 2014: 4 marzo

Data del Carnevale 2015: 17 febbraio

Data del Carnevale 2016: 9 febbraio

Data del Carnevale 2017: 28 febbraio

Data del Carnevale 2018: 13 febbraio

Data del Carnevale 2019: 5 marzo

Data del Carnevale 2020: 25 Febbraio

Data del Carnevale 2021: 16 Febbraio

Data del Carnevale 2022: 1 marzo

Data del Carnevale 2023: 21 Febbraio

Data del Carnevale 2024: 13 Febbraio

Data del Carnevale 2025: 4 marzo

Data del Carnevale 2026: 17 Febbraio

Data del Carnevale 2027: 9 Febbraio

Data del Carnevale 2028: 29 Febbraio

Data del Carnevale 2029: 13 Febbraio

Data del Carnevale 2030:  5 marzo

Trova le altre date del carnevale

Carnevale... il tripudio dell'essere e dell'apparire l'eterno dualismo fra queste due essenze in questa festa raggiunge il culmine. L'uomo, nel quotidiano tentativo di apparire ciò che desidera,  tradisce se stesso e con una inconsapevole ingenuità mostra ciò che è............. Sarebbe utile uno specchio che ci mostrasse ciò che offriamo agli altri anziché ciò che percepiamo di noi stessi. Santino Gattuso

LA MAGGIA DER CARNEVALE

 

‘Sti giorni matti, oggi come ieri,

la gente, travestita e impiastricciata,

scegne pé strada e có ‘na caciarata

scanza l’impicci e sfratta li penzieri.

 

Tutti incarcati, in mezzo a la sfilata

Arlecchini e Pierrotte e bucanieri

e Purcinella e dame e cavalieri

balleno su ‘na musica sfrenata.

 

Guarda si che maggìa cià Carnevale;

puro si è finto è senza ipocrisia:

t'abbasta ammascheratte p’esse uguale.

 

Ma “Re Pupazzo”, poi, sbaracca presto;

cala er sipario, sfuma l’alegria

e torni a un monno farso e disonesto!

 

Giuseppe Caporuscio

Carlo Maria Giudici pittore di Lecco

Clicca sull'immagine per vedere le pitture in dimensioni maggiori

Carro mascherato cm 21X15 tempera acquerellata e penna biro 2013

 

Crapun maschera di Sueglio cm 21X15 Tempera acquarellata e penna biro 2013

Il Crapun è una tipica maschera del carnevale di Sueglio piccolo paese di montagna della Valvarrone in provincia di Lecco, ritenuto uno dei più antichi carnevali rurali.

Carnevale Romano

Commedia dell'arte

La commedia dell'arte

è nata in Italia nel XVI secolo e rimasta popolare sino al XVIII secolo. Non si trattava di un genere di rappresentazione teatrale, bensì di una diversa modalità di produzione degli spettacoli. Le rappresentazioni non erano basate su testi scritti ma dei canovacci detti anche scenari, i primi tempi erano tenute all'aperto con una scenografia fatta di pochi oggetti. Le compagnie erano composte da dieci persone: otto uomini e due donne. All'estero era conosciuta come "Commedia italiana".

La definizione di "arte", che significava "mestiere", veniva identificata anche con altri nomi: commedia all'improvviso, commedia a braccio o commedia degli Zanni.

Origine

La prima volta che s'incontra la definizione di commedia dell'arte è nel 1750 nella commedia Il teatro comico di Carlo Goldoni. L'autore veneziano parla di quegli attori che recitano "le commedie dell'arte" usando delle maschere e improvvisano le loro parti, riferendosi al coinvolgimento di attori professionisti (per la prima volta nel Teatro Occidentale abbiamo compagnie di attori professionisti, non più dunque dilettanti), ed usa la parola "arte" nell'accezione di professione, mestiere, ovvero l'insieme di quanti esercitano tale professione. Commedia dell'arte dunque come "commedia della professione" o "dei professionisti". In effetti in italiano il termine "arte" aveva due significati: quello di opera dell'ingegno ma anche quello di mestiere, lavoro, professione (le Corporazioni delle arti e mestieri).

Il trapasso dalla commedia rinascimentale, umanistica ed erudita recitata da attori dilettanti a quella dell'arte avviene tra la fine del XVI e l'inizio del XVII secolo grazie ad una serie di contingenze fortunate che si susseguono intorno a quegli anni, non ultime le condizioni politiche e sociali che sconsigliavano una produzione teatrale incentrata sui contenuti, sull'impegno politico e sulla polemica sociale

 

Arlecchino

Agli inizi Arlecchino è il vero personaggio adatto ad un pubblico rumoroso ed incomposto. È l'autentico personaggio che oggi noi troviamo nei circhi coi nomi di pagliaccio, di tony e di clown:
l'acrobata perfetto ed entusiasmante.

Arlecchino ha sempre il « batocio » in mano; perchè è rissoso e manesco; alle volte audace; alle volte poltrone e codardo: bastona ed è bastonato; entra in scena saltando; incespicando; scivolando spettacolosamente; poi improvvisa gli « spropositi» che sono tirate senza capo nè coda; espresse con voce nasale e grottesca; del che Petrolini ci ha fornito un esempio nel suo Fortunello. Parla il bergamasco che poi muterà in seguito nel dialetto veneziano; misto ad idiotismi della sua parlata nativa. Ma la nostra maschera parla tutte le lingue e tutti i dialetti; e in Francia ne formerà una propria nota sotto il nome di « langue d' Arlequin »; misto burlesco di italiano e di francese.
Arlecchino è personaggio troppo sensibile e vario per avere una fisonomia così semplice e primitiva. Egli sa, nel '600, prezioseggiare e baroccheggiare; giungendo perfino, attraverso le interpretazioni del Visentini e del Bertinazzi, a commuovere gli spettatori fino alle lacrime. Salvo poi col finire, poichè Arlecchino è sempre Arlecchino, col prendere in giro il pubblico commosso. Come è elegante quando entra in scena con i piedi in terza posizione e la mano destra appoggiata sul « batocio »; oppure quando esegue la « riverenza », inchino classico e caratteristico che l' Arlecchino Domenico Biancolelli ha creato per lui! Adesso - siamo nel secolo XVIII - Arlecchino è pieno di eleganza e di virtù sceniche, suona, balla, e Goldoni ce lo fa apparire servo affezionato, meno bugiardo e poltrone che nei secoli precedenti.
Come vestiva Arlecchino? Agli inizi come tutti gli zanni; poi il vestito bianco si copre di pezze colorate poste qua e là in disordine, fino a che esse trovano compostezza ed eleganza nei costumi di poi:
rombi e quadrati disposti a scacchiera decorano la bianca casacca e i calzoni. Negli ultimi tempi il vestito, più attillato e aderente, modella le forme agili ed armoniche di questa maschera. Nella cintura in tutti i tempi porta infilato il famoso « batocio » e qualche volta la scarsella immancabilmente vuota.
Le scarpette di pezza o di cuoio sono senza tacco, e in capo ha un feltro alla Francesco I.
La sua maschera era originariamente di cuoio, grottesca, più da scimmione che da uomo: per occhi non aveva che due piccoli buchi per vederci e sulla fronte un grosso bitorzolo rosso e nero; ciò si andrà modificando in seguito, fino ad assumere, nel secolo XVIII, l'elegante mezza maschera nera che incornicierà il volto rasato dell' Arlecchino della decadenza vergognoso della barbaccia dei secoli precedenti. Il suo costume non deve abbandonarlo mai, e se per caso gli occorre interpretare un personaggio mitologico, sovrappone la tunica o il mantello su quello proprio, lasciandone intravvedere una parte.

Era usanza, quando un Arlecchino moriva o si ritirava dalla scena, trasmettere al suo successore maschera e spatola, e ciò dava luogo ad una cerimonia fatta sul palcoscenico. In una stampa del 1688 si vede Colombina presentare a Mezzettino (Angelo Costantini) la maschera e il « batocio» del fu Domenico Biancolelli, il grande Dominique, di cui si vede sul fondo il monumento funerario.

Balanzone

Il Dottore sentenzia sempre a proposito ed a sproposito, crede di essere filosofo, scienziato, medico, astronomo ed avvocato e di tutto e su tutto parla a vanvera, confonde personaggi storici, crea anacronismi e, tra paradossi, citazioni greche e latine, è oggetto dei lazzi e delle burle dei suoi servi. Gli si chiede consiglio prima di prendere moglie ed egli risponde: « Se è allegra farà troppo schiamazzo, se è malinconica vi toccherà di piangere per farIe compagnia, se è buona i servitori vi vuoteranno la casa, se è cattiva vi sembrerà di aver vicino il diavolo, se è istruita vorrà sempre sentenziare, se è ignorante stenterete a farvi intendere, se è feconda non resterà nulla ai vostri eredi, se è sterile vi mancherà la consolazione dei figli, se è forte farà la prepotente, se è nobile spesso vi strapazzerà, se è ignobile sarete segnato a dito da tutti, se è ricca sarà piena di pretese, se è povera avrete sempre i parenti in casa, se è savia darà lezione di morale, se è matta sarete lo zimbello dei casigliani, se è giovane non starà ferma un momento e se è vecchia vi farà venire un accidente ».
Ma non bisogna prendere sul serio queste scombiccherature del sentenzioso Balanzone, chè, a dargli retta, tanto varrebbe rimanere eternamente celibi. Perchè di « tirate » egli non può farne a meno. Propertio Talpi ce ne ha lasciate una ventina. Balanzone le intercala nelle azioni, come fa Arlecchino con i lazzi. « Avete un nemico? - dice - vi darò un temperino. Se non sarà buono il temperino, prenderete un coltello; se non sarà buono il coltello ed il temperino, prenderete un pugnale; se non sarà buono il pugnale, il coltello, il temperino, prenderete una spada; se non sarà buona la spada, il pugnale, il coltello, il temperino, prenderete la colubrina, e così con tutte le ripetizioni per l' artiglieria, lo spazzacampagna, la bomba, il cannone, il moschetto, lo schioppo, la pistola, la picca, lo spadone ed il coltellaccio, concludendo che se tutto questo non basta, prenderemo il vostro naso da sbattervi sotto il filo della schiena! ».
Inciampa, ecco un' altra « tirata». « A son scapuzzà, sono inciampato, e inciampandomi potevo farmi male; se mi fossi fatto male sarei andato a letto, al letto sarebbe venuto il medico, il medico mi avrebbe ordinato i medicamenti, i medicamenti si fanno di droghe, le droghe vengono dal levante, dal levante vengono i venti secondo Aristotile », e poichè è andato intorno ad Aristotile è meglio fermarsi poichè disturba tutto lo sci bile umano.

Il Dottor Graziano fa la sua comparsa verso il 1560, vestito completamente di nero, prima alla foggia dei maestri dello studio bolognese, poi, secondo l' usanza francese del' 600, con il cappello alla Don Basilio, il mantello, la giubba serrata alla cintura, da cui pende una borsa di cuoio nero, un fazzoletto e qualche volta un piccolo pugnale.
Porta calze e scarpe a fibbie e intorno al collo un collarino di mussola bianca a pieghe. La sua fisonomia è ora segaligna, ora dell'uomo benportante che volge alla sessantina, con grossi baffi neri e mezza maschera che gli copre solo il naso e la fronte, mentre i capelli sono coperti da una calotta nera. Questa figura prenderà poi in seguito, nelle recitazioni della Commedia dell' Arte, altri nomi: Gerolamo Chiesa lo chiama il Dottore dei Violoni; Pietro Bugliani il Dottore Forbizone, altri Bombarda, Campanari, Spaccastrummolo, fino al definitivo Balanzone.

Brighella

Brighella è il primo zani o servo della Commedia dell'Arte. Come le altre maschere, egli è finito nel paniere del burattinaio, che l'afferra e l'agita alla finestra del suo teatrino, mentre udiamo la sua voce che, in un dialetto tra il veneto e il bergamasco, ci dice: « Sì io sono Brighella cavicchio e gambone, giuocatore di pallone, protettore degli innamorati e sempre pronto in qualunque momento al chiaro e allo scuro, di giorno e di notte, dall' alba al tramonto, d'estate e d'inverno, ad aprire lo scatolino delle furberie per servire chi meglio mi paga; e giacchè mi hanno promesso uno scudo per ogni legnata che somministrerò, con belle maniere, al Cavalier Leandro, - corpo di mia nonna - se non l'ammazzo con una sequela ininterrotta di colpi, potrà dirsi fortunato».
In tal maniera si esprime il nostro Brighella dalla testa di legno, ma non altrimenti cianciava ed agiva fino dalle origini questo personaggio destinato nella Commedia dell'Arte a rappresentare l'intrigo, i bassi servizi, le trappole, le astuzie, volte sempre al danno di qualche suo simile.
Ciarlatano di piazza, proclamava aver scoperta la pietra filosofale, fabbricato specifici di lunga vita, talismani, cabale ed altre negromanzie.
Come Arlecchino, egli è nativo di Bergamo nel secolo XVI, ed in quei tempi egli è lo zani di prima importanza in tutte le rappresentazioni.

Veste nei primi tempi come tutti gli zani, cioè con la larga camicia, calzoni e mantello bianchi, cappello biforcuto con penna, calza pantofole ed ha una borsa ed il « batocio »; la sua faccia mascherata si incornicia di una barbaccia nera, che perderà ai primi del '700.
Questa faccia, o meglio questa maschera, è quella di un torvo soggetto dallo sguardo obliquo ed insolente ad un tempo, fìsonomia terribile del gaglioffo pronto ad intervenire in qualunque faccenda con i mezzi più loschi e più subdoli.
Il suo vestito non cambierà di molto anche in seguito, ad eccezione del cappello, che sarà sostituito da un berretto come usano i nostri cuochi, ma orlato con una guarnizione colorata, generalmente verde, e simile guarnizione orlerà anche il vestito. A tale proposito, Brighella afferma che è bianco, perchè ha carta bianca in tutte le azioni, ed è verde perchè con la sua astuzia tiene sempre verdi le speranze dei suoi clienti.

Antonio Zanoni, ottimo Brighella del '700, raccolse i motti e le tirate brighellesche in un volumetto pubblicato nel 1787. Sentiamo qualcuno di questi motti. che ci permettono di comprendere in pieno il carattere di questo personaggio:
« Corpo de Ziove cornudo, a me dirmi del servitore, a me dirmi che porto la livrea come insegna della miseria e della schiavitù. Io mi chiamo sensale dei matrimoni, mediatore delle rotture amorose, consolatore dei poveri innamorati, protettore delle ragazze abbandonate, avvocato in primo appello delle differenze dei maridadi, arbitro degli intrighi d'amor e quello insomma che favorisce le speranze, soddisfa i desideri dei pazzi innamoradi ».
« El mondo l'è commedia in cui ogni uomo deve fare la sua parte: corteggiare chi spende, adular chi regala, amar chi accorda, seminar dove se raccoglie, finger amicizia dove si gode, dimenticarsi di chi è inutile, promettere a tutti, mantenere a pochi, profittar sempre del verso " rapio rapis ", che non porta altro nome che "meas mea meum"».


« Quando se fa delle furberie, bisogna farne molte, che nelle baronade no ghe vuoI economia, sebbene dice il proverbio che il buon giorno dei furbi sta sotto le scarpe del boia».
« Le busie besogna dirle grosse; le busie, le frittate e le polpette o grosse o niente. Quando la furberia la mi scrive, la si degna di darmi il titolo di fratello ».

« Mi son uomo insigne nelle furberie e le più belle le ho inventate mi e le ho ilustrade. Mi fazzo zirar con nuova maniera il setaccio; mi ho una cabala e una ziffera perchè gli amanti si intendano insieme perfettamente; faccio talismani, pietre triangolari perfette, l'empiastro magnetico, pozioni amatorie; mi ho eredità la favola dei folletti per comodo notturno delle serve innamorade. Ho insegnato le finte convulsioni alle donne maridade per sottrarsi alla collera dei mariti, e con ottica affatto diversa ho indotto gli uomini maridadi che pretendono vedere assai, ad essere di corta vista e disinvoltura, per non accorgersi delle bizzarrie delle mogli e trarne profitto ».

Gli Amorosi

Medico della peste

 

Pantalone

A Pantalone, chiamato alle origini il Magnifico, è toccata la triste sorte di finire come sinonimo di miseria singola e generale, sicchè è consuetudine rappresentare nei giornali satirici un Pantalone curvo e stracciato, sospirante davanti ad una scodella vuota. Questa è la decadenza ultima e defìnitiva del vecchio avaro o prodigo a seconda dei casi, ma che abitualmente godeva di uno stato dignitoso ed autorevole.

E' nel cinquecento che questa maschera si afferma in Venezia, per poi percorrere le strade del mondo; in quell' epoca veste totalmente di rosso, dalla cÌntura gli pende o la borsa o un fazzoletto o un' arma da taglio e i pantaloni (così chiamati per esser calze e braghe di un sol pezzo) terminano con due ciabatte dalla punta rivolta in alto. Allora una lunga zimarra rossa, che gli arrivava fino ai piedi, compIetava il suo abbigliamento, conferendogli l'imponente aspetto del nobile veneziano. Un giorno tuttavia egli muta questo soprabito con un altro di color nero per assoggettarsi al lutto che la Repubblica Veneta ha decretato per la perdita del Regno di Negroponte.

È facile immaginare questa figura segaligna nel suo vestito rosso e nero, durante il secolo XVII o XVIII in Piazza San Marco, mentre se la trotterella con le sue lunghe ciabatte, ascoltando ciance, dicendo peste del prossimo o borbottando con voce catarrosa qualche galanteria, o intento a contrattare con usura un prestito di cento scudi o una merce levantina.

È facile immaginarselo su un palcoscenico di un teatro settecentesco, quando il vecchio bisbetico dà in ismanie o cade fulminato alla vista di un Florindo che scala la finestra della camera, in cui soggiorna la sua «putela» Rosaura, oppure quando autoritario ed intrattabile, fa piangere Isabella, l'altra «putela» perchè vuoI darla in isposa ad un vecchio suo amico ricco di bezzi e di acciacchi. E lo vediamo anche concludere filosoficamente e bonariamente l'epilogo di una lunga vicenda, in cui le figlie Rosaura o Isabella pongono il vecchio davanti al fatto compiuto di un matrimonio con Florindo e con Lelio.


Pantalone però è veramente terribile quando riprende il proprio figlio dissoluto e scavezzacollo; ed allora ecco le sue escandescenze:
« Che sperasti, figlio, nel condurre una vita così licenziosa? Non ti vedi che la mia casa xe in malora?
« Per causa tua le mie casse xe diventae casse di morti, mi hai sbudellato gli scrigni, fatto diventar argento vivo l' argenteria, xe svolae per via d'incanto le tapezzerie, son costretto a dormir sui pavimenti e per le camere se poI ziogar de spadon da due mani. O figlio, è di sta maniera che mi paghi l' esser che t'ho dato, le notti che per ti non ho dormio, i bezi che per ti ho speso, i travagli che per ti ho sopportato. Con sta ingratitudine si paga un padre che per ti tanto ha fatto? No che non ti sarà mio figlio: ti avrà concepito un gatto se tu sgraffi quella mano chè ti liscia e ti accarezza, sarà stata tua madre una tigre se non possono renderti mansueto le moine, sarà stato tuo padre un mulo se tu tiri dei calci a chi ti vuoI domare. Ma già che fai la bestiaccia, ti sian contrarie tutte le bestie del mondo: il gallo ti rompa il sonno, i cani ti rodan gli ossi, i gatti ti sgranfignino le mani, i corvi ti cavin gli occhi, i pidocchi ti mangino la carne e ti svergognino su pel vestito e le pulci le cimici i tafani con i morsegoni e con la spuza, con le punture non te lascino riposar.

Ma sagge, misurate ed accorte sono invece le parole che PantaIone usa nel definire l'arte del governare:
« Chi vuoI alzare l'edifizio della politica el se serva del fondamento della ragione, perchè senza questa andrà per terra tutta la macchina. Il comandare all' orba xe un voler cascare dentro un fuoco di disgrazie: per non star al scuro bisogna aver il moccolo del giudizio ».

Pulcinella

Pulcinella è maschera napoletana e ha la lieta fisonomia di quel popolo favorito dalla luce e dal sole. 

Qual'è la sua origine?

Il Baracconi ci dice: « La satira, l'arguzia, il bisticcio e una festevolezza temperata dall'italica severità erano i caratteri delle commediole importate da Atella a Roma nei floridi anni della repubblica.

« Fra gli altri personaggi ridicoli che in esse operavano piacevolissimi riuscivano il Macco ed il Bucco, due tipi di amabili furbi, due dannati ghiottoni, quali ne procrea infaticabilmente la patria napolitana. Essi hanno traversato il Medioevo sulla carretta del ciarlatano o sul palco dei saltimbanchi, per identificarsi alla fine nel moderno Pulcinella, il quale, del resto, col cappuccio e con l’abito, afferma ancora la vecchia origine campana ».

Se dunque i caratteri della nostra maschera sono affini a quelli di Macco, a chi spetta l’averla ricreata ed aver!e dato il nome di Pulcinella? Alterando il nome di Paolo Cinello, tipo ameno del duecento, sarebbe derivato il nome di Pulcinella; con maggiore probabilità però fu Puctio d'Aniello, contadino di Acerra, a dare il nome alla nostra maschera, che Silvio Fiorillo ricreò, introducendola nelle nostre scene.

«Questo gustosissimo uomo ha introdotto una disciplinata goffaggine, la quale, al suo apparire, conviene che la malinconia se ne fugga od almeno si concentri e stia relegata per lungo spazio di tempo. Dissi disciplinata goffaggine, poscia ch'egli fa un assiduissimo studio per passare i termini naturali e mostrar un goffo poco discosto da un pazzo e un pazzo che di soverchio vuol accostare un savio ».

Alle origini, anche Pulcinella è vestito alla moda degli zanni, però gibboso e deforme; porta una barbaccia incolta che esce di sotto alla maschera; in seguito il suo costume subisce altre alterazioni, fino a che nell'ultimo seicento esso perde la gobba i baffi la barba e la daga ed assume un aspetto più riposato. Il suo vestito si riassume nella casacca bianca stretta alla cintola da una corda, negli ampi calzoni, nel berretto a pan di zucchero e nella mezza maschera caratteristica, con il grosso naso pappagallesco. Tale lo troviamo ai nostri giorni, ed è la maschera che ha più conservato l’originario vestito degli zanni. Pulcinella Cetrulo (che vuol dire citrullo), poichè egli ha anche un cognome, trova il suo più antico documento grafico in una stampa del Callot: « Pulliciniello e la Signora Lucrezia nei Balli di Sfessania », ma è ricordato e reso vivo in moltissimi scenari, di cui uno notissimo a tutti per essere recitato nelle varie regioni d'Italia con maschere del luogo: « Le 99 disgrazie di Pulcinella per prendere moglie ». In questi scenari è servo o padrone, ma quasi sempre è povero e innamorato.

Il suo fine ultimo è il piatto di maccheroni e l’amore della serva, che però non sposerà quasi mai giacchè il carattere di questa maschera è di essere poco padre e poco marito.

 

Antonio Petito fu forse il più grande dei Pulcinlla ed è commovente ricordare come il padre Salvatore trasmettesse la maschera al figlio, cerimonia che, come abbiamo visto per Arlecchino, si faceva generalmente a teatro. Ecco come S. D. Giacomo descrive quella serata memorabile al teatro di San Carlino, nell'anno 1852:
« La piccola orchestra terminò una commovente sinfonia; poi Salvatore Petito, vestito del suo costume abituale e con la maschera sul viso, sortì dalla prima quinta alla destra dello spettatore. Dalla parte opposta, pure vestito da Pulcinella, ma col viso scoperto, apparve Antonio che l'attendeva. Il vecchio Salvatore si tolse il berretto, avanzandosi al proscenio, e con voce tremante d'emozione pronunciò il seguente discorso:
"Rispettabile pubblico, il vestiro servitore devotissimo si è fatto vecchio, egli ha bisogno di riposo e voi non vorrete rifiutarglielo dopo anni nei quali ha fatto tutto il possibile piacervi.
"A partire da questa sera egli lascia la maschera di Pulcinella, e la confida a suo figlio Antonio che ha l'onore di presentarsi a questo rispettabile pubblico e all' inclita guarnigione". Così dicendo il vecchio comico si tolse la maschera, l'applicò alla faccia del figlio, e con le lagrime agli occhi gli augurò: "Per cento anni!" ».
Il pubblico, commosso e sorridente, applaudì e la commedia incominciò.
In un tentativo di sopravvivenza questa maschera si rifugia nel casotto dei burattini: le «guarattelle» napoletane. E lì Pulcinella diviene manesco e bastonatore. Eccolo che bastona il diavolo.

- Babbo, Pulcinella bastona il diavolo!
- Molto bene, perchè il bene trionfa del male.
- Ma babbo, ora il diavolo bastona Pulcinella!
- VuoI dire che anche Pulcinella avrà i suoi peccati;
- No, babbo, ora Pulcinella bastona il diavolo!
L'azione continua, e il babbo, che trova troppo difficile la spiegazione, si allontana col bimbo dal casottino dei burattini.

 

Tartaglia

Tartaglia è una maschera è di origine napoletana e fu creata da Agostino Fiorilli, che, usando ed abusando delle balbuzie, si meritò la sua denominazione. È spesso servo astuto, speziale, notaio, pedante, ecc., porta grossi occhiali verdi, ed è vestito con giubba e calzoni di panno verde foderati di bianco a righe gialle, collare bianco a grandi pieghe e calze del medesimo colore, scarpe e cintura gialla e cappello di feltro grigio.

Facanapa è una maschera veneta di origine veronese, che risale al secolo XVII, con un carattere affine a quello di PantaIone. Portava grandi occhiali verdi, un cappellaccio con un gran panciotto e un soprabito bianco lungo fino ai piedi. In seguito il nostro Facanapa o Faccanappa o Fraccanapa cambiò nel 1836, attraverso la creazione del marionettista Reccardini, aspetto e cattere e divenne una maschera varia, divertente, dai motti arguti e inaspettati, pronunciati con particolare voce nasale:
« Mi sono Fraccanapa; mi sì che tè pardona, ma speta che te bastona» .
« Scarpa larga e goto pien, e tor el mondo come el vien ».
La sua fisonomia è caratterizzata da un gran naso pappagallesco e da un mento prominente in una faccia rotonda e florida.
È vestito alla foggia settecentesca, con tricorno, giubba bianca o scura con tre grossi bottoni, calzoncini al ginocchio, con una gamba bianca e l'altra nera.


 

La Bauta

 

 

Trivellino