Partecipiamo.it...vai alla home page
"Sotto il manto di Maria"

Una pagina dedicata alla Madonna

Clicca per la musica
 
 
A cura di Angela Magnoni
Audio
 
“Signora che vai in fretta, prega per noi!”

Quando la Madonna, appena ricevuto l’annunzio che sarebbe stata madre di Gesù, e anche l’annunzio che sua cugina Elisabetta era incinta - dice il Vangelo - se ne andò in fretta; non aspettò. Non ha detto: “Ma adesso io sono incinta, devo curare la mia salute. Mia cugina avrà delle amiche che forse l’aiuteranno”. Lei ha sentito qualcosa e “se ne andò in fretta”.

È bello pensare questo della Madonna, della nostra Madre, che va in fretta, perché ha questo dentro: aiutare. Va per aiutare, non va per vantarsi e dire alla cugina: “Ma senti, adesso comando io, perché sono la Mamma di Dio!”. No, Non ha fatto quello. È andata ad aiutare! E la Madonna è sempre così. È la nostra Madre, che sempre viene in fretta quando noi abbiamo bisogno. Sarebbe bello aggiungere alle Litanie della Madonna una che dica così: “Signora che vai in fretta, prega per noi!”.

È bello questo, vero? Perché Lei va sempre in fretta, Lei non si dimentica dei suoi figli. E quando i suoi figli sono nelle difficoltà, hanno un bisogno e la invocano, Lei in fretta va. E questo ci dà una sicurezza, una sicurezza di avere la Mamma accanto, al nostro fianco sempre. Si va, si cammina meglio nella vita quando abbiamo la mamma vicina. Pensiamo a questa grazia della Madonna, questa grazia che ci dà: di essere vicina a noi, ma senza farci aspettare. Sempre! Lei è - abbiamo fiducia in questo - per aiutarci. La Madonna che sempre va in fretta, per noi.

 

Papa Francesco, 26 maggio 2013

 
 

 

Bellissima

 

Se per assurdo si potesse fare un concorso di bellezza tra le donne della terra, di tutti i tempi e di tutti i luoghi, dalle origini dell’umanità ad oggi… beh, quel concorso lo vincerebbe sicuramente lei.

Non sto parlando di Jennifer Lopez, che pure lo scorso aprile (a 41 anni di età) è stata nominata dal settimanale americano People la donna più bella del mondo del 2011; certo ci sarebbe Angelina Jolie la quale ugualmente ha ricevuto più volte lo scettro di donna più affascinante del pianeta (chi non è rimasto abbagliato dal suo sguardo magnetico… va bene, forse non solo lo sguardo). No, non sto parlando di loro, ma sto parlando di Lei, di Maria, la Madre di Dio! Non sembri irriverente l’accostamento con queste bellissime e conturbanti protagoniste del jet-set planetario. È vero: siamo abituati a considerare Maria solo a partire dall’aspetto ultraterreno, a valutarne l’incomparabile bellezza interiore… tuttavia Maria era una donna, una donna vera, ed era bellissima!

Questa donna, che ha dato i lineamenti fisici a Gesù (chissà quante volte avranno detto al Nazzareno: “Assomigli tutto a tua madre!”) è salutata dall’angelo, nel capitolo 1 del vangelo di Luca, con queste parole: “Rallegrati, piena di grazia”. È un nome nuovo che viene dato a Maria: Kecharito-mène, “piena di grazia” sì, ma si potrebbe tradurre anche con “graziosissima”, “piena di bellezza”.

C’è un antico inno che riprende il tema della bellezza di Maria: quello in cui il popolo cristiano saluta la Vergine dicendo: Tota pulchra es Maria - Maria, Tu sei tutta bella… Sei bellissima! Del resto (San Giuseppe non sia geloso), Maria è la donna più nominata, più raffigurata, più cantata, più amata di tutti i secoli e di tutti i luoghi. Non c’è regione della Terra in cui non ci sia un santuario dedicato a Lei e alla Sua bellezza al punto che, dicono fonti ben informate, Giovanni Paolo II, in tutti i suoi viaggi apostolici, ha voluto sempre visitare un santuario mariano del posto in cui si trovava.

Ma qual è il segreto della bellezza di Maria? Quale make-up usa? Chi è il suo estetista? Se ci fosse permesso di frugare nella sua borsetta vi troveremmo prodotti del tipo: Grazia di Dio distillata, Spirito Santo a iosa, ettolitri di profumo di santità. Sì perché Maria è Immacolata, cioè preservata immune da ogni bruttezza, da ogni volgarità e disarmonia, da tutto ciò che non piace a Dio e quindi conseguentemente anche da tutto ciò che non piace all’uomo. La Sua bellezza seduce ma non abbandona; la Sua “graziosità” ha sedotto anche lo sguardo di Dio che l’ha creata, tanto da fargli scegliere la Sua femminilità per dare un volto alla propria divinità.

L’11 febbraio 1858, a quattro anni della proclamazione del dogma dell’Immacolata Concezione di Maria da parte di Pio IX, a Lourdes sotto i Pirenei (nella periferia della Francia e del mondo) la piccola e analfabeta Bernadette riferì di aver incontrato una “Bella Signora”, la quale si era presentata proprio come l’Immacolata. L’unica cosa che rimase impressa negli occhi di quella bambina è stata la bellezza di Maria (non credo sia riuscita a comprendere, se non solo in un secondo momento, la portata di quella rivelazione a conferma del dogma che la Chiesa aveva da poco riconosciuto solennemente). In duemila anni il Suo fascino non è sfiorito, il Suo splendore non è venuto meno e ho la vaga impressione che durerà per sempre.

Se la bellezza salverà il mondo, allora il mondo sarà salvato da Maria. La Sua bellezza ci salva perché ci indica la via che porta verso “il più bello tra i Figli dell’uomo”, Nostro Signore Gesù Cristo, Figlio di Dio.  Figlio di Maria.

 

fr.  Filippo Maria, http://costanzamiriano.wordpress.com/2011/12/08/bellissima/#more-2549

 
 
Rosario, preghiera del cuore e della famiglia

intervista al Card. Angelo Comastri

 

Card. Comastri, perché maggio è dedicato a Maria?

Perché è il mese in cui esplode la bellezza di tutta la creazione e Maria è la creatura umana nella quale si manifesta tutta l’autentica bellezza. L’Angelo Gabriele, quando la salutò portando il grande annuncio di Dio, disse: “Gioisci tu che sei stata riempita di grazia”, cioè di bellezza. Maria è bella perché nel Suo cuore non c’è ombra di peccato, quindi non c’è ombra di egoismo, di orgoglio. Nessuno può immaginare quanto sia bella Maria, una creatura nella quale non c’è una briciola di egoismo. Ed è giusto che il mese di maggio sia dedicato a lei.

Chi è allora Maria?

Maria è la donna che ha interrotto la catena dei no che l’umanità ha detto e continua a dire a Dio. La creatura la cui libertà s’è resa totalmente disponibile all’azione di Dio. Del resto Maria è la creatura maggiormente coinvolta nell’opera della redenzione del mondo. Potremmo dire che il demonio è l’orgoglioso per eccellenza, Maria l’umile per eccellenza, per questo Maria è la più grande avversaria di Satana e per questo Satana ha un’enorme paura di Maria perché in Lei non ha mai avuto la possibilità di poter lambire un angolo della sua anima, un angolo della sua libertà. Maria è tutta dalla parte di Dio. È chiaro che è una creatura, è dalla parte nostra, fa parte dell’umanità, però è totalmente aperta a Dio, è quel lembo d’umanità dal quale è partito il ricupero di tutta la storia umana.

Quali intenzioni particolare vuole affidare a Maria alla fine di questo mese di maggio?

Io sinceramente vorrei partire proprio dal Rosario e dire che è ancora una preghiera attuale perché è una preghiera biblica, è un cammino dentro la storia della salvezza presi per mano da Maria. Ed è anche una preghiera del cuore, perché la ripetizione è tipica del cuore: a una mamma tu non ti stanchi mai di dire “ti voglio bene”, perché è il cuore che ha un’esigenza di ripetizione. Per questo il Rosario è la preghiera della famiglia; e io allora pregherò con tutto il cuore perché il Rosario rientri nelle famiglie. Le famiglie, oggi, hanno bisogno di ritrovare il momento comunitario della preghiera, hanno bisogno di trovare il punto di unione, di convergenza, di tutte le varie libertà che formano la famiglia e che possono trovarla soltanto in Dio e a Dio le può condurre Maria, perché Lei è la creatura che maggiormente si è aperta a Dio, che maggiormente ci può aiutare nel cammino di ritorno a Lui. Se nelle case tornasse la preghiera, io sono convinto che nelle case ritornerebbe il canto, ritornerebbe il Magnificat. Le case ritornerebbero a essere un vero tempio dell’amore e oggi c’è davvero bisogno di trovare l’amore perché, purtroppo, si sta affievolendo nel mondo e deve ripartire dalle case, dalle famiglie.

 

Salvatore Mazza, Avvenire, 28 maggio 2008

 
 
Se volete capire la Madonna…

 

Se volete capire la Madonna non rompetevi il capo dietro le astruserie di certi teologi: prima datevi a Lei, poi le pagine del Vangelo avranno una luce così abbagliante che non farete più fatica a conoscerla, amarla a farla amare.

 

Com’è bello essere “in comunione” con una Madre che ha portato su di sé il peso della nostra vita, che ha portato il tedio della vita nascosta, monotona, inutile, che è vissuta sempre nella pura fede.

 

padre Andrea Gasparino

Siti mariani utili:

www.mariadinazareth.org

www.missionemarianamondiale.it

www.missionemariaeuropa.it

www.santuariodiloreto.it

www.santuario.it

 www.santafamigliatv.it

dirette online dal Santuario di Loreto (AN):

Santa Messa feriale: 07.30 (Santa Casa) -11.00  - 16.30 - 18.00

Santa Messa domenicale: 09 - 10 - 11 - 16 - 17 - 18

 
Alcune Presentazioni su Maria