Partecipiamo.it...vai alla home page
Santi Patroni e Protettori
A cura di Angela Magnoni

Santi Patroni e Protettori, nostri intercessori presso Dio

I più conosciuti, elencati in ordine alfabetico e non di importanza.
 

Maria, i Santi, i nostri Angeli Custodi e tutti gli Angeli del Cielo, nostra Gerusalemme Celeste, ci difendono, ci proteggono, ci aiutano, ci sostengono sempre intercedendo presso Dio per noi.

È cosa buona per ciascuno il rivolgersi con devozione ai Santi dei quali portiamo il nome, ai Santi del nostro giorno di nascita e di Battesimo, ai Santi ai quali è intitolata la chiesa in cui siamo stati battezzati, a quelli ai quali è intitolata la nostra parrocchia natia e a quelli delle parrocchie dove viviamo o abbiamo vissuto. Aggiungiamo a questa bella processione celeste anche i Santi Patroni della città e della diocesi nella quale siamo nati, quelli delle città e diocesi dove viviamo e abbiamo vissuto.

Che dire? Le nostre spalle son ben coperte di grazia!

Eppure la generosità di Dio non è finita: la Chiesa Cristiana Cattolica ci regala altri Santi come Patroni e Protettori che fungono da particolari intercessori presso Dio. Anche essi ci difendono, ci proteggono, ci aiutano e ci sostengono sempre,  ma specialmente in occasioni e situazioni quotidiane.

La tradizione della nostra fede ce ne ha tramandata la conoscenza anche se non è sempre possibile risalire alle origini. Spesso è stata la devozione popolare che ha riconosciuto in questi Santi il dono dell’intercessione.

Non sono dei portafortuna e come tali non vanno usati.

Rivolgersi ad essi non significa che possiamo sederci beatamente nell’attesa che cada una grazia per noi dal Cielo. Occorre anche la nostra collaborazione pratica. Se, per esempio, li scomodiamo per una malattia, non siamo esonerati dal rivolgerci al dottore e dal fare quello che il nostro corpo ci chiede per poter guarire. La Parola di Dio ci ricorda: “Fa poi passare il medico - il Signore ha creato anche lui - non stia lontano da te, poiché ne hai bisogno. Ci sono casi in cui il successo è nelle loro mani. Anch’essi pregano il Signore perché li guidi felicemente ad alleviare la malattia e a risanarla, perché il malato ritorni alla vita”. (Siracide 38, 12-14)

È molto importante anche l’uso di oggetti benedetti portati addosso con seria devozione o tenuti in casa e nei nostri mezzi di trasporto, ad esempio la Medaglia del Volto Santo, la Medaglia Miracolosa, il Crocefisso-Medaglia di San Benedetto.

E non dobbiamo mai dimenticare che Sacramenti, sacramentali e preghiera sono il modo più efficace per superare le difficoltà quotidiane o per accoglierle con serenità e pazienza.

A B C D E F G H I K L
M N O P R S T U V Z
Presentazioni in Powerpoint sulla vita dei "Santi e Beati"

L’intercessione dei Santi ci liberi da ogni male.

Il loro esempio ci stimoli a una vita generosa

affinché possiamo un giorno vivere tutti insieme

nella pace e nella gioia del Cielo.

Amen!

I Santi sono esempi da imitare. Facciamo attenzione: non soltanto quelli canonizzati, ma i santi, per così dire, della porta accanto, che, con la grazia di Dio, si sono sforzati di praticare il Vangelo nell’ordinarietà della loro vita. Di questi santi ne abbiamo incontrati anche noi; forse ne abbiamo avuto qualcuno in famiglia, oppure tra gli amici e i conoscenti. Dobbiamo essere loro grati, e soprattutto dobbiamo essere grati a Dio che ce li ha donati, che ce li ha messi vicino, come esempi vivi e contagiosi del modo di vivere e di morire nella fedeltà al Signore Gesù e al suo Vangelo. Quanta gente buona abbiamo conosciuto e conosciamo, e noi diciamo: “Ma questa persona è un santo!”, lo diciamo, ci viene spontaneo. Imitare i loro gesti d’amore e di misericordia è un po’ come perpetuare la loro presenza in questo mondo.

Papa Francesco

Padre M. Botta - Santi o santini, Devozione o superstizione