Partecipiamo.it...vai alla home page
Dagli scritti di Padre Michele Peirano
Padre Mike
A cura di Angela Magnoni
Clicca per sentire la musica: dolce sentire Clarisse S. Severino Marche

Questi passi sono a me molto cari: Padre Mike è stato il mio primo padre spirituale, colui che, con la testimonianza della sua vita, mi ha riportata a Gesù, alla veneranda età di 33 anni. Senza di lui, che ora è accanto alla sua amata vergine Maria e al suo Gesù, io non sarei mai entrata in chiesa...  Angela

Nei labirinti della mia anima

con battelli di fortuna

ho risalito le correnti

per raggiungere la Tua sorgente.

 

Tu in me

io in Te,

in ogni angolo del mondo

vivi

ogni qualvolta un essere

ama.

Solo un grande silenzio

quando accanto a Te

ascolto la Tua Parola.

Solo il silenzio

permeato di felicità.

Tu sei ed eri l’ancora

quando in mare

salpavo sui battelli della deriva.

Mai mi stanco di bere

alla Tua fonte

e più bevo

e più sono assetato.

Solo nel silenzio

si può ascoltare Dio.

Quando i nostri cuori

lontano da clamori

cantano all’unisono

con le nostre menti

la preghiera che eleva

e avvicina a Dio.

Eri Tu

quella parte di me stesso

che io cercavo ovunque

per completarmi

Tu sei ed eri la luce

che brillava in me

quando io ero cieco.

Prima d’amarti

ero già amato

e non sentivo.

Quando capii

chinai il capo.

Nessuna resa

fu così felice

come la mia.

Rimani con me,

la sera si sta sdraiando

sul mio corpo

e il buio mi ostruisce la vista.

Con che occhi potrei vedere

Se non con i Tuoi?

Ai piedi di una scala

tesa verso la luna

come un gabbiano stanco

attendo l’aurora

per volare tra le

Tue braccia protese.

(da La via dell’amore, 1992 - Forum, Quinta Generazione)

Cantare

 

Essere voce celeste e melodiosa

per cantare ogni momento:

Tu sei il mio solo, UNICO, grande AMORE.

Cantare con il cuore pieno delle Tue meraviglie,

che ogni giorno incontrano le mie membra

orfane delle tue.

Cantare con la voce spiegata nel vento

nell’aurora, sotto le stelle,

sotto le lacrime di pioggia.

Cantare e chiamare l’AMORE:

Vieni amato, vieni desiderato,

vieni respiro che abita la mia vita,

vieni presto da me, sono troppo infelice senza Te,

vieni, dispiega le mie ali,

voglio volare via con Te.

(scritta il Sabato Santo)

 

In questo canto ci siete tutti voi, vi porto sempre nel cuore tra le cose più belle, e prego padre Pio che vi doni la sua Forza!

 

inviata dal Benin

 

L’amicizia

 

L’AMICIZIA
è camminare insieme
sulla stessa via
edificando insieme la VERITÀ
fabbricando insieme
i mattoni della NOSTRA VITA.

 

L’AMICIZIA
tanto anelata,
tanto ricercata,
tanto sognata,
ora è NOSTRA.

 

Tue le chiavi
che aprono il CUORE.
Tue le parole
che dicono: AMICIZIA.

 

L’AMICIZIA
vivere il tempo
come grazia donata,
sicuri d’essere vicini
nella lontananza,
testimoni veraci di una amicizia
nata nel cuore di Dio.

 

L’AMICIZIA
è l’AMORE che si fa bambino
per giocare alla vita,
e nella vita SEMINARE
l’AMICIZIA.

 

L’AMICIZIA
è l’AMORE INFINITO DI DIO
che riscalda le nostre attese.

 

L’AMICIZIA
è un giorno di primavera perenne
dove il vento accarezza la vita
con mani bagnate di rugiada.

 

L’AMICIZIA
è scalare insieme
le montagne della vita
per ricercare l’Autore
che ci ubriaca i cuori
con la Sua AMICIZIA.

 

inviata dal Benin

Padre Mike, nasce a Frabosa Soprana (CN) l’8 settembre 1945.

A 31 anni, grazie a San Pio da Pietralcina, si converte. Nel 1983, a 38 anni decide di farsi frate cappuccino. Il 31 marzo 1990 viene consacrato sacerdote. Il 12 novembre 1993 parte missionario per il Benin. Rientrerà in Italia il 24 ottobre 1998 a causa di un male incurabile.

Il 24 agosto 1999 viene incaricato di animare vocazionalmente i giovani nel Santuario di Loreto. L’8 settembre 1999 viene nominato Direttore del Centro diocesano Vocazioni della Prelatura lauretana, dall’allora Arcivescovo di Loreto, mons. Angelo Comastri.

Muore il 30 aprile 2001.