Partecipiamo.it

vai alla home page

Totò
"il  principe della risata"

 



Noi non abbiamo un recapito di Liliana De Curtis ma vogliamo lanciarle un appello nella speranza che qualcuno possa fare in modo che arrivi a destinazione:

Ci piace pensare che il nostro impegno per arricchire questa pagina dedicata al "grande" Totò sia ripagato da una mail di Liliana che ci aiuti ad arricchire lo spazio con notizie a noi sconosciute ma che siano importanti per dipingere meglio la figura di un "Uomo" che ha cambiato il modo di vivere di tanti uomini e donne semplici che hanno fatto delle battute e dei film di Toto uno stile di vita!

 


Totò nei ricordi di sua figlia: Liliana De Curtis

 

Omaggio a Totò

 


Totò Visto da Ennio Flaiano


Totò visto da Luciano Somma

 

Totò visto dagli occhi di Francesco Saviano

Gilberto Paraschiva racconta la sua esperienza con Totò

 

 

Da livestream canzoni napoletane e al sedicesimo minuto di trasmissione Totò recita "A Livella"

 

Totò su You tube

 

 

Gli attori che hanno lavorato con Totò

 

 

Totò e le Miss

Totò ed i suoi libri

 

 

Biografia

 

 

 

I cani di Totò

 

Totò nel film: Totò cerca casa.

 

        Totò su You tube

 

You Tube: un pò di  "Totò"

Totò, Peppino e la malafemmena

 

Totò: primo provino cinematografico (1930)

Totò e la fontana di Trevi

 

Il Baule di toto

Il Baule di Toto: documentario ed altro

 

 

Miseria e nobiltà

Miseria e nobiltà: la spesa.

 

 

Totò Spaghetti

Totò Aldo Fabrizi

 

 

Totò Peppino ed i fuorilegge - dal barbiere

Totò i due colonnelli - carta bianca

 

 

Toto i due marescialli - lettera sabotatrice

Uva! Uva!

 

Galleria

 


 

Antonio Griffo Focas Flavio Angelo Ducas Commeno Porfirogenito Gagliardi De Curtis di Bisanzio, altezza imperiale, conte palatino, cavaliere del sacro Romano Impero, esarca di Ravenna, duca di Macedonia e di Illiria, principe di Costantinopoli, di Cilicia, di Tessaglia, di Ponto, di Moldavia, di Dardania, del Peloponneso, conte di Cipro e di Epiro, conte e duca di Drivasto e Durazzo.

 

 

« Sono ormai all'età in cui si tirano le somme, e io non ho fatto ancora nulla, sarei potuto diventare un grande attore, e invece su 100 e più film che ho girato, ne sono degni non più di cinque, ma anche fossi diventato un grande attore cosa sarebbe cambiato, noi attori siamo solo venditori di chiacchiere, un falegname vale certo più di noi, almeno il tavolino che fabbrica, resta nel tempo, dopo di lui, noi attori se abbiamo successo, duriamo massimo una generazione. »

 

Totò Fabrizi e Peppino De Filippo

 
Ll'ammore

LL'ammore e' comme fosse nu malanno
ca, all'intrasatta, schioppa dint' 'o core
senza n'avvertimento, senza affanno,
e te po' ffa muri' senza dulore.
'A cunzegna

'A sera quanno 'o sole se nne trase
e da' 'a cunzegna a' luna p' 'a nuttata,
lle dice dinto 'a recchia: "I' vaco a' casa:
t'arraccumanno tutt' 'e nnammurate".
 
 
Ammore perduto

Ammore perduto
i' t'ero truvato,
nun aggio saputo
tenerte cu mme.
Ammore perduto,
mma' ha ditto stu core
ca tarde ha saputo
tu ch' ire pe mme.
Core analfabbeta

Stu core analfabbeta
tu ll'he purtato a scola,
e s'e' mparato a scrivere,
e s'e' mparato a lleggere
sultanto na parola:
"Ammore" e niente cchiu'.

da 'A LIVELLA - Poesia Napoletane - Fausto Fiorentino- Editore

Maggio 1966
 

Totò ed Eduardo De Filippo

 
'A nnammurata mia

'A nnammurata mia se chiamma Ammore,
e tene l'uocchie comme a ll'acqua 'e mare.
E ddoce comme è doce 'a primmavera,
è tutta gentilezza, anema e core.
Felicità

Felicità!
Vurria sapè ched'è chesta parola,
vurria sapè che vvo' significà.
Sarà gnuranza 'a mia, mancanza 'e scola,
ma chi ll'ha ntiso maje annummenà.
 

Totò cerca casa

Toto cerca casa

 

 

Toto cerca casa Le Locandine dei film di Totò
 
'A statuetta

Comme e' limpida sta fronte,
purcellana trasparente,
statuetta 'e Capemonte,
comme 'o sole si' lucente!
E guardanno stu splendore
- manamme'! - mme so' abbagliato.
S'e' appicciato chistu core,
e me songo annammurato.
Si fosse n'auciello

Si fosse n'auciello, ogne matìna
vurria cantà 'ncoppa 'a fenesta toja:
« Bongiorno, ammore mio, bongiorno, ammore!
E po' vurria zumpà 'ncoppa 'e capille
e chianu chiano, comme a na carezza,
cu stu beccuccio accussì piccerillo,
mme te mangiasse 'e vase a pezzechillo...
si fosse nu canario o nu cardillo.
 

Totò e Jean Claude Pascal

 
'A livella
Clicca per sentire  'a livella recitata da Totò
 

Ogn'anno, il due novembre, c'é l'usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll'adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn'anno, puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado, e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' Vicenza.

St'anno m'é capitato 'navventura...
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo, e che paura!,
ma po' facette un'anema e curaggio.

'O fatto è chisto, statemi a sentire:
s'avvicinava ll'ora d'à chiusura:
io, tomo tomo, stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

"Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l'11 maggio del'31"

'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto...
...sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto:
cannele, cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata 'a tomba 'e stu signore
nce stava 'n 'ata tomba piccerella,
abbandunata, senza manco un fiore;
pe' segno, sulamente 'na crucella.

E ncoppa 'a croce appena se liggeva:
"Esposito Gennaro - netturbino":
guardannola, che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! 'ncapo a me penzavo...
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s'aspettava
ca pur all'atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i'rimanette 'nchiuso priggiuniero,
muorto 'e paura... nnanze 'e cannelotte.

Tutto a 'nu tratto, che veco 'a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse 'a parte mia...
Penzaje: stu fatto a me mme pare strano...
Stongo scetato... dormo, o è fantasia?

Ate che fantasia; era 'o Marchese:
c'o' tubbo, 'a caramella e c'o' pastrano;
chill'ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu 'nascopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro...
'omuorto puveriello...'o scupatore.
'Int 'a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
so' muorte e se ritirano a chest'ora?

Putevano sta' 'a me quase 'nu palmo,
quanno 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e tomo tomo.. calmo calmo,
dicette a don Gennaro: "Giovanotto!

Da Voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va, si, rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava, si, inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d'uopo, quindi, che cerchiate un fosso
tra i vostri pari, tra la vostra gente"

"Signor Marchese, nun è colpa mia,
i'nun v'avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa' sta fesseria,
i' che putevo fa' si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse
e proprio mo, obbj'... 'nd'a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n'ata fossa".

"E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!"

"Famme vedé.. - piglia sta violenza...
'A verità, Marché, mme so' scucciato
'e te senti; e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca so' muorto e so mazzate!...

Ma chi te cride d'essere...nu ddio?
Ccà dinto, 'o vvuo capi, ca simmo eguale?...
...Muorto si' tu e muorto so' pur'io;
ognuno comme a 'na 'ato é tale e quale".

"Lurido porco!...Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".

"Tu qua' Natale... Pasca e Ppifania!!!
T' 'o vvuo' mettere 'ncapo... 'int'a cervella
che staje malato ancora è fantasia?...
'A morte 'o ssaje ched''e?...è una livella.

'Nu rre, 'nu maggistrato, 'nu grand'ommo,
trasenno stu canciello ha fatt'o punto
c'ha perzo tutto, 'a vita e pure 'o nomme:
tu nu t'hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò, stamme a ssenti... nun fa' 'o restivo,
suppuorteme vicino - che te 'mporta?
Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie... appartenimmo à morte!"

 

Totò in camerino




 

'O schiattamuorto

I' faccio 'o schiattamuorto 'e prufessione,
modestamente songo conosciuto
pe' tutt' 'e ccase 'e dinto a stu rione,
peccheè quann'io manèo 'nu tavuto,
songo 'nu specialista 'e qualità.

I' tengo mode, garbo e gentilezza.
'O muorto nmano a me po' sta' sicuro,
ca nun ave 'nu sgarbo, 'na schifezza.
Io 'o tratto comme fosse 'nu criaturo
che dice 'o pate, mme voglio jì a cuccà.

E 'o còcco luongo, stiso 'int' 'o spurtone,
oure si è viecchio pare n'angiulillo.
'O muorto nun ha età, è 'nu guaglione
ca s'è addurmuto placido e tranquillo
'nu suonno doce pe' ll'eternità.

E 'o suonno eterno tene stu vantaggio,
ca si t'adduorme nun te scite maie.
Capisco, pe' murì 'nce vo' 'o curaggio;
ma quanno chella vene tu che ffaie?
Nn' 'a manne n'ata vota all'al di là?

Chella nun fa 'o viaggio inutilmente.
Chella nun se ne va maie avvacante.
Si' povero, si' ricco, si' putente,
'nfaccia a sti ccose chella fa a gnurante,
comme a 'nu sbirro che t'adda arrestà.

E si t'arresta nun ce stanno sante,
nun ce stanno raggione 'a fa' presente;
te ll'aggio ditto, chella fa 'a gnurante...
'A chesta recchia, dice, io nun ce sento;
e si nun sente, tu ch'allucche a ffa'?

'A morta, 'e vvote, 'e comme ll'amnistia
che libbera pe' sempe 'a tutt' 'e guaie
a quaccheduno ca, parola mia,
'ncoppa a sta terra nun ha avuto maie
'nu poco 'e pace... 'na tranquillità.

E quante n'aggio visto 'e cose brutte:
'nu muorto ancora vivo dinto 'o lietto,
'na mugliera ca già teneva 'o llutto
appriparato dinto a nu' cassetto,
aspettanno 'o mumento 'e s' 'o 'ngignà.

C'è quacche ricco ca rimane scritto:
« Io voglio un funerale 'e primma classe! ».
E 'ncapo a isso penza 'e fa' 'o deritto:
« Così non mi confondo con la massa ».
Ma 'o ssape, o no, ca 'e llire 'lasse cca'?!

'A morta è una, 'e mezze songhe tante
ca tene sempe pronta sta signora.
Però, 'a cchiù trista è « la morte ambulante »
che può truvà p' 'a strada a qualunq'ora
(comme se dice?...) pe' fatalità.

Ormai per me il trapasso è 'na pazziella;
è 'nu passaggio dal sonoro al muto.
E quanno s'è stutata 'a lampella
significa ca ll'opera è fernuta
e 'o primm'attore s'è ghiuto a cuccà.

Ricunuscenza

Stanotte 'a dint' 'o lietto cu 'nu strillo
aggio miso arrevuoto tutt' 'a casa,
mme so' mmiso a zumpà comme a n'arillo...
E nun mme faccio ancora persuaso.

Ma comme, dico io po', cu' tanta suonne
i' mme so' ghiuto a ffa, 'o cchiù malamente;
sti suonne songo suonne ca te pònno
fa' rummanè stecchito comme a niente.

I' steve allerta 'ncoppa a 'na muntagna
Tutt'a 'nu tratto sento 'nu lamiento,
'O pizzo addò stev'i' era sulagno...
Dicette ncapo a me: E chisto è 'o viento!

Piglio e mme mengo pe' 'nu canalone
e veco sott'a n'albero piangente
'nu fuosso chino 'e prete a cuppulone...
e sotto a tutto steva 'nu serpente.

--- Aiuto! Aiuto! --- 'O povero anìmale
se mettette alluccà cu tutt' 'o sciato!
Appena mme vedette: --- Menu male!...
Salvatemi! I' mo moro asfessiato! ---

--- E chi t'ha cumbinato 'e sta manera? ---
ll'addimannaje mentr' 'o libberavo.
--- E stato 'nu signore aieressera
mme rispunnette, e ggià se repigliava.

--- Si nun era pe' vvuje i' ccà murevo.
Faciteve abbraccià, mio salv-atore!
Mme s'arravoglia attuorno e s'astrigneva
ca n'atu ppoco mme schiattava 'o core.

Lassame! --- lle dicette --- 'O vvi' ca i' moro?
E chianu chiano mme mancava 'a forza,
'o core mme sbatteva... ll'uocchie 'a fore,
mentre 'o serpente cchìù strigneva 'a morza!

--- Chisto è 'o ringraziamento ca mme faje?
Chesta è 'a ricunuscenza ca tu puorte?
A chi t'ha fatto bbene chesto faje?
... Ca si' cuntento quanno 'o vide muorto!

--- Amico mio, serpente i' songo nato!...
... Chi nasce serpe è 'nfamo e senza core!...
... Perciò t'aqgia mangià! Ma t'hê scurdato
... ca Il'ommo, spisso, fa cchiù peggio ancora?!

 

 

Totò e Mina

 
Zuoccole, tammorre e femmene

Tutte hanno scritto a Napule canzone appassiunate,
tutte 'e bellezze 'e Napule so' state decantate:
da Bovio a Tagliaferri; Di Giacomo a Valente;
in prosa, vierze e musica: ma chi po' ddi' c'chiù niente?
Chi tene cchiù 'o c'uraygio 'e di' quaccosa
doppo ca sti puete gruosse assaie
d'accordo songo state 'a ddi' una cosa:
ca stu paese nun se scorda maie.
Sta Napule, riggina d' 'e ssirene,
ca cchiu' 'a guardammo e cchiù 'a vulimmo bbene.
'A tengo sana sana dinto 'e vene,
'a porto dinto 'o core, ch'aggia fa'?
Napule, si' comme 'o zucchero.
terra d'ammore ... che rarità!

Zuoccole, tammorre e femmene,
è 'o core 'e Napule ca vo' cantà.
Napule, tu si' adorabile,
Siente stu core che te vo' di':
« Zuoccole, tammorre e femmene,
chi è nnato a Napule nce vo' murì ».
'A vita

'A vita e' bella, si',è stato un dono,
un dono che ti ha fatto la natura.
Ma quanno po' sta vita e' 'na sciagura,
vuie mm' 'o chiammate dono chisto cca' ?

E nun parlo pe' me ca, stuorto o muorto,
riesco a mm'abbusca' 'na mille lire.
Tengo 'a salute e, non faccio per dire,
songo uno 'e chille ca se fire 'e fa'.

Ma quante n' aggio visto 'e disgraziate :
cecate, ciunche,scieme, sordomute.
Gente ca nun ha visto e maie avuto
'nu poco 'e bbene 'a chesta umanita'.

Guerre, miseria, famma, malatie,
crestiane addeventate pelle e ossa,
e tanta gioventu' c' 'o culo 'a fossa.
Chisto nun e' 'nu dono, e' 'nfamita'.
 
 
A' mundana

«Cammina, su, non fare resistenza! »
diceva 'o ' brigadiere, e 'a strascenava.
« Sta storia adda fernì, è un'indecenza! ».
« Chi sa c'ha fatto » --- 'a ggente se spiava.
« C'ha fatto ? » --- rispunnette 'nu signore.
« E 'na povera ddia... è 'na mundana ».
« E 'a porteno accussì ? Gesù, che core! »
murmuliaie Nannina « 'a parulana ».
« Lassateme... nun aggio fatto niente! »
« E lass' 'a jì » --- dicette 'nu cucchiere
« ma vuie 'e vvedite quanto so' fetiente? ».
« Nce vo' 'nu core a ffa' chillu mestiere ».
« Sta purtanno 'o brigante Musolino »
se mettette alluccà Peppe 'o Fravaglia »:
« Si 'o ssape Il'onoreuole Merlini
'o fa 'a proposta p' 'o fa' avé 'a medaglia ».
Quase ogne ghiuorno, 'a povera figliola,
apprufittava ca 'na carruzzella
a Nnapule scenneva d'Afragola
pe' 'nu passaggio fino 'a Ruanella.
'O nomme? Nun 'o saccio.
Saccio sulo ca 'e ccumpagne
'a chiammaveno « 'A pezzente ».
Pe' sp-aragná, 'a sera, dduie fasule,
e, spisse vote, nun magnava niente!
Cu' chelle ppoche lire ch'abbuscava
aveva mantené tutt' 'a famiglia;
e quanno 'e vvote po'... nun aizava,
steva diuno 'o pate, 'a mamma e 'o figlio
'O pate, viecchio, ciunco... 'into a 'nu lietto
senza lenzóle, cu' 'na cupertella.
E 'a mamma ca campava pe' dispietto
d' 'a morte e d' 'a miseria. Puverella!
A piede 'o lietto, dinto a nu spurtone,
'na criatura janca e malaticcia
pe' pazziella 'nmano 'nu scarpone
e 'na tozzola 'e pane sereticcio.
Nun appena fuie 'ncoppa 'a sezione
se mettette alluccà comme a 'na pazza.
'E strille se sentevano 'o puntone.
« Ch'è stato, neh: Ched'è chisto schiamazzo ?
« Avanti, fate entrà sta... Capinera »
dicette "o cumissario a 'nu piantone.
E 'o milite, cu grazia e cu maniera,
'a votta dinto cu 'nu sbuttulone.
« Ah! Si' tu? » --- dicette 'o funzionario
« Si nun mme sbaglio, tu si' recidiva?
Si' cunusciuta ccà a Muntecalvario.
Addò t'hanno acchiappata, meh, addò stive? »
« All'angolo d' 'o vico 'a Speranzella.
Stevo parlanno cu 'nu marenaro,
quanno veco 'e passà 'na carruzzella
cu' dinto don Ciccillo 'o farenaro.
Don Ciccio fa 'nu segno: « Fuitenne!
« Curre, ca sta passando 'o pattuglione ».
'I dico 'o marenaro: « Iatevenne.
Stu brigadiere 'o saccio... è 'nu 'nfamone ».
« A legge è legge » --- dice 'o cavaliere
« nun aggio che te fa', ragazza mia.
I' te cunziglio: lassa stu mestiere,
e lievete pe' sempe 'a miezo 'a via ».
« E che mme metto a ffa', signore bello,
'a sarta, 'a lavannara, 'a panettera?
Spisso mm' 'o sento chistu riturnello.
« E truòvete 'nu posto 'e cammarera! »
« Signò, dicite overo 'o pure apposta?
Vulite pazzià? E nun è umano.
V' 'a mettìsseve dinto 'a casa vosta
chi... pe' disgrazia ha avuta fa 'a puttana ?! ».
'E ccorne

Ognuno 'e nuie nasce cu nu destino:
'a malasciorta, 'e 'vvote, va..., po' torna;
chi nasce c' 'o scartiello arreto 'e rine,
chi nasce c' 'o destino 'e purtà 'e ccorne.

Io, per esempio, nun mme metto scuorno:
che nce aggio 'a fa' si tarde ll'aggio appreso?
Penzavo: sì, aggio avuto quacche cuorno,
ma no a tal punto da sentirme offeso.

E stato aiere 'o juorno, 'a chiromante,
liggénneme cu 'a lente mmiezo 'a mano,
mm'ha ditto: «Siete stato un triste amante,
vedete questa linea comme è strana?

Questa se chiamma 'a linea del cuore,
arriva mmiezo 'o palmo e po' ritorna.
Che v'aggia di', carissimo signore;
cu chesta linea vuie tenite 'e ccorne.

Guardate st'atu segno fatto a uncino,
stu segno ormai da tutti è risaputo
ca 'o porta mmiezo 'a mano San Martino:
'o Santo prutettore d' 'e cornute ».

Sentenno sti pparole 'int' 'o cerviello
accuminciaie a ffa' mille penziere.
Mo vaco 'a casa e faccio nu maciello,
pe Ddio, aggia fà correre 'e pumpiere.

« Ma no... Chi t' 'o ffa fa'? » (na voce interna
mme suggerette). «Lieve ll'occasione.
'E ccorne ormai songhe na cosa eterna,
nun c'è che ffa', è 'a solita canzone.

'O stesso Adamo steva mparaviso,
eppure donna Eva ll'ha traduto.
Ncoppa a sti ccorne fatte 'nu surriso,
ca pure Napulione era cornuto! ».
 

Totò ed Isa Barzizza

 
NU RE
Luciano Somma
 
Ce lassaste, mo songhe quarantanne,
'mpruvvisamente dint'a na nuttata
quanno tenive ll'uocchie tuoie affunnate
'a tantu tiempo 'int'all'oscurità.
Ma mo ce vide, so sicuro, 'a cielo
pe' tramente cercammo 'e te sapè
cchiù 'nfunno pe' scavà dint''e ricorde
e da' a stu munno nu ritratto 'e te.
Totò si 'nterra tu si stato principe
mo pe' l'eternità sarraje nu re.
 
                                        
 
Napoli, 21 Settembre 2007
 
 

Nella divisione dei ruoli, normalmente il comico ha sempre rappresentato il soggetto più debole, l'imbranato, incapace nei movimenti, nella gestualità, tardo a capire.

La spalla ha sempre avuto invece il ruolo opposto. Gli toccava riequilibrare l'anormalità del comico, assorbirne l'astrattezza, razionalizzarne i comportamenti. Ricorrendo molto spesso alla prevaricazione, fisica e psicologica.

Questo il rapporto intercorrente tra il comico e la spalla. Si pensi, tra le tante coppie di comici, a Stanlio e Ollio (Stan Laurel e Oliver Hardy), a Gianni e Pinotto (Lou Costello e Bud Abbot), a Dean Martin e Jerry Lewis.

Ebbene con Totò il rapporto muta radicalmente. Si rovescia. Il "prevaricatore" è il comico e chi subisce è la spalla. La comicità di Totò non nasce più dal contrasto tra normale e anormale. Totò rende ridicola la realtà. In questo senso la sua comicità è unica, totalmente innovativa. Una comicità aggressiva per stemperare l'insensatezza del reale. Così concepito il rapporto, era difficile fargli da "spalla". E non soltanto per il ribaltamento dei ruoli. Totò era imprevedibile, improvvisava. Fissata una scena, una sequenza, all'atto della realizzazione cambiava tutto, diceva battute diverse da quelle convenute, compiva azioni differenti da quelle stabilite. E alla spalla toccava stargli dietro, assecondarlo, fornirgli l'appoggio necessario per rendere efficaci le sue battute fulminanti. In breve, capirlo al volo.
E occorrevano allora qualità professionali e istintive da bruciare in un istante; occorreva essere vigili, attenti per impedire che Totò rubasse il "tempo", lo spazio di battuta e confinasse il ruolo di spalla a poco più che una presenza.
Lavorare con Totò diveniva, per un attore che si rispetti, un occasione esaltante, un momento di confronto, quasi una competizione con se stessi per restare al livello del grande comico napoletano.
 

Sarà stata questa la ragione per cui, in circa quaranta dei film girati da Totò, si sono misurati nel ruolo di spalla cinque tra i migliori interpreti dello spettacolo italiano, teatrale e cinematografico, da Peppino De Filippo ad Aldo Fabrizi, da Nino Taranto a Macario e Castellani. Con tutti è stato un confronto, ancor oggi, tutto da gustare poiché ciascuno di loro ha opposto alla comicità aggressiva di Totò la propria personalità d'attore, con risultati diversissimi e doppiamente esilaranti.

Lo stesso Totò racconta il tipo di rapporto che instaurava con le "malcapitate" spalle: "Molte volte il mio partner non ne può più di avermi accanto, non vede l'ora che la scena finisca per andarsi a riposare. Ma io continuo a non dargli pace: gli sto addosso, lo circondo da ogni lato, lo tocco e lo ritocco.

In uno sketch di una vecchia rivista, C'era una volta il mondo, la mia spalla,
Mario Castellani, finiva per arrabbiarsi sul serio. Qualche sera avevo l'impressione che stesse per picchiarmi. Era la scena del wagon-lit, in cui ero davvero intrattabile. Angariavo in ogni modo il povero Castellani, gli impedivo di dormire, gli gettavo la valigia dalla finestra, gli ripetevo una dopo l'altra, le mie solite frasi di disturbo: "sono un uomo di mondo; ma lei non sa chi sono io; quando c'è la salute; tampoco; a prescindere; eziandio; comunque; appunto, dico…" La stessa cosa è poi capitata con Peppino De Filippo ne La banda degli onesti. Giunsi fino a chiudergli la mano sinistra in una porta. Era furibondo."(Totò) In un ruolo così gravoso si sono alternati, in varia misura, altri ottimi attori, di cui riportiamo un elenco dettagliato, alcuni provenienti dal teatro dialettale napoletano, quali Agostino Salvietti, Enzo Turco, Carlo Croccolo e Pietro De Vico, altri con esperienze consolidate, in teatro e a cinema, quale Luigi Pavese. Inoltre si sono incrociati sui set di Totò attori del calibro di Vittorio Gassman, Marcello Mastroianni, Fernandel, Rascel e tanti altri ancora.

 

Totò e Pasolini

 
A Totò
Luciano Somma
 

Tu ‘ncopp’’o palcoscenico

Si’ stato n’attrazione ,

‘o rre d’’o munno comico

pe’ tre generazione .

Verace figlio ‘e NAPULE

N’he dato buonumore ,

sapive fa miracule

cu’ l’arte toja d’attore .

Madò che Ddio ‘e cervella

Tenive comme autore

Pe’ scrivere ‘A LIVELLA

e ‘O FINE DICITORE .

Pe’ fà na MALAFEMMENA

Ch’è nu capolavoro ,

canzona chiena ‘e sèmmena

ch’ogge se canta ancora .

A sta città che campa

‘a sempe ‘int’’o turmiento

tu c’he lassata ‘a lampa ,

nu sciummo ‘e sentimento .

N’eredità ‘e sorriso

Nu testamento ‘e core

Na luce ’e pizzo a rrisa

L’oro ‘e nu ‘nduratore .

E pe’ ringraziamento

T’avimmo dedicato

TOTO’ , nu monumento

Tutto pe’ tte , allustrato !

NAPULE è na famiglia

Aunita ‘int’’o calore

E tu ca lle si’ figlio

Nun può murì , nun muore !

 

 

Da MUSICA NOVA

Ed. Lo Stiletto, 1993

 
I Film di Totò
 
 

Anno

Film

di...

1937

 Fermo con le mani

Gero Zampillo

1939

Animali pazzi

Carlo Ludovico Bragaglia

1940

San Giovanni decollato

Amleto Palermi

1941

L'allegro fantasma

Amleto Palermi

1943

Totò nella fossa dei leoni (Due cuori fra le Belve)

 Giorgio C. Simonelli

1945

Il ratto delle Sabine

Mario Bonnard

1947

I due orfanelli

Mario Mattoli

1948

Totò al giro d'Italia

Mario Mattoli

1948

Fifa e arena

Mario Mattoli

1949

Yvonne la nuit

Giuseppe Amato

1949

Totò Le Mokò

Carlo Ludovico Bragaglia

1949

Totò cerca casa

Steno, Mario Monicelli

1949

 I pompieri di Viggiù

Mario Mattoli

1950

L'imperatore di Capri

Luigi Comencini

1950

Totò sceicco

Mario Mattoli

1950

Totò cerca moglie

Carlo Ludovico Bragaglia

1950

Totò tarzan

Mario Mattoli

1950

 Le sei mogli di Barbablù

Carlo Ludovico Bragaglia

1950

Napoli milionaria

Eduardo De Filippo

1950

Figaro qua, figaro là

Carlo Ludovico Bragaglia

1950

47 morto che parla

Carlo Ludovico Bragaglia 

1951

Totò terzo uomo

Mario Mattoli

1951

Sette ore di guai

Vittorio Metz

1951

Guardie e ladri

Steno

1952

Totò a colori

 Steno

1952

Totò e i re di Roma

 Steno, Mario Monicelli

1952

Totò e le donne

Steno, Mario Monicelli

1952

Dov'è la libertà?

Roberto Rossellini

1953

L'uomo la bestia e la virtù

 Steno

1953

Un turco napoletano

Mario Mattoli

1953

Una di quelle

Aldo Fabrizi

1953

Il più comico spettacolo del mondo

Mario Mattoli

1953

Totò e Carolina

Mario Monicelli

1953

 Siamo donne

Gianni Franciolini / Alfredo Guarini / Roberto Rossellini / Luchino Visconti / Luigi Zampa

1954

Questa è la vita

Luigi Zampa

1954

Miseria e nobiltà

Mario Mattoli

1954

Tempi nostri

Alessandro Blasetti

1954

I tre ladri

Lionello De Felice

1954

Il medico dei pazzi

Mario Mattoli

1954

Totò cerca pace

Mario Mattoli

1954

L'oro di Napoli

Vittorio De Sica

1955

Totò all'Inferno

Camillo Mastrocinque

1955

Siamo uomini o caporali?

Camillo Mastrocinque

1955

Destinazione Piovarolo

Domenico Paolella

1955

Racconti romani

Gianni Franciolini

1955

Il coraggio

Domenico Paolella

1956

 La banda degli onesti

Camillo Mastrocinque

1956

Totò lascia o raddoppia?

Camillo Mastrocinque

1956

Totò, Peppino e…la malafemmina

Camillo Mastrocinque

1957

Totò, Peppino e i fuorilegge

Camillo Mastrocinque

1958

Totò, Vittorio e la dottoressa

Camillo Mastrocinque

1958

Totò e Marcellino

Antonio Musi

1958

Totò, Peppino e le fanatiche

Mario Mattoli

1958

Gambe d'oro

Turi Vasile

1958

I soliti ignoti

Mario Monicelli

1958

Totò a Parigi

Camillo Mastrocinque

1958

La legge è legge

Christian Jacque

1958

Totò nella luna

Steno

1959

Totò, Eva e il pennello proibito

Steno

1959

I tartassati

Steno

1959

I ladri

Lucio Fulci

1959

Arrangiatevi

Mauro Bolognini

1959

La cambiale

Camillo Mastrocinque

1960

Noi duri

Camillo Mastrocinque

1960

Signori si nasce

Mario Mattoli

1960

Totò, Fabrizi e i giovani d'oggi

Mario Mattoli

1960

Letto a tre piazze

Steno

1960

Risate di gioia

Mario Monicelli

1960

Chi si ferma è perduto

E. Barboni, S. Corbucci

1960

La culpa fue de eva

Steno

1961

Sua Eccellenza si fermò a mangiare

Mario Mattoli

1961

Totò, Peppino e la dolce vita

Sergio Corbucci

1961

Tototruffa '62

Camillo Mastrocinque

1961

I due marescialli

Sergio Corbucci

1962

Totò Diabolicus

Steno

1962

Totò contro Maciste

Fernando Cerchio

1962

Totò e Peppino divisi a Berlino

Giorgio Bianchi

1962

Lo smemorato di Collegno

Sergio Corbucci

1962

Totò di notte N°1

Mario Amendola

1962

Il giorno più corto

Sergio Corbucci

1963

I due colonnelli

Steno

1963

Totò contro i 4

Steno

1963

Il monaco di Monza

Fernando Cerchio

1963

Le motorizzate

Marino Girolami

1963

Totò e Cleopatra

Fernando Cerchio

1963

Totò sexy

Mario Amendola

1963

Gli onorevoli

Sergio Corbucci

1964

Il comandante

Paolo Heusch

1964

Totò contro il pirata nero

Fernando Cerchio

1964

Che fine ha fatto Totò Baby?

Ottavio Alessi

1964

Le belle famiglie

Ugo Gregoretti

1965

Totò d'Arabia

J. A. Della Loma

1965

Gli amanti latini

Mario Costa

1965

La mandragora

Alberto Lattuada

1965

Il Tuttofare

D. Danza

1965

Rita, la figlia americana

Piero Vivarelli

1966

Uccellacci e uccellini

Pier Paolo Pasolini

1966

Operazione San Gennaro

Dino Risi

1967

Le streghe

Vittorio De Sica, Pier Paolo Pasolini

1967

Il Latitante

D.  Danza

1968

Capriccio all'italiana

Steno, Pier Paolo Pasolini

1968

Totò story

Manenti Film

1968

Un Sorriso uno schiaffo un bacio in bocca
(Raccolta scene umoristiche)

M. Morra, E. Lucherini

1980

Super Totò

Brando Giordani, E. Ravel

 
 

Totò nel Film: l'oro di Napoli
 
 
La Televisione
 


Con la Tv ci fu un rapporto di diffidenza, anche se il mezzo si sarebbe prestato moltissimo a diffondere e a valorizzare, se mai ce ne fosse stato bisogno, ancora di più la figura e l'arte di Totò, che era squisitamente popolare. Ma la televisione dell'epoca - a parte il bigottismo che la caratterizzava nei suoi primi anni di vita e che la induceva a considerare con diffidenza Totò, in quanto personaggio sfuggente a ogni regola, e sicuramente laico - non era neppure "attrezzata" tecnicamente a dare voce a Totò, il cui personaggio oramai si nutriva esclusivamente del mezzo cinematografico. Non a caso, Totò consegna nelle mani della televisione il suo repertorio teatrale, proprio negli ultimi mesi della sua vita, quando la televisione comincia a produrre le sue prime serie cinematografiche.

         Il risultato fu quel Tutto Totò, che ebbe il merito di raccogliere in extremis (il programma andò in onda pochi giorni dopo la morte) buona parte del repertorio storico del suo teatro, nonostante il tentativo maldestro di ricavare dagli scarti di moviola, rimpinguati da qualche scena girata dalla controfigura Dino Valdi e doppiata da Carlo Croccolo, un paio di puntate postume, approfittando probabilmente della morte del protagonista (Totò Ye - Ye e Totò Ciak).

         La prima apparizione di Totò in televisione risale a Il Musichiere di Mario Riva del 1958. L'incontro con il popolare presentatore che aveva lavorato con lui in riviste dei primi anni del dopoguerra fu molto affettuoso, ma durante la trasmissione Totò si lasciò scappare un "Viva Lauro" che allarmò subito Mario Riva, il quale domandò: "Scusi, principe, ma che ci azzecca?". "Niente" rispose Totò "ma a me piace Lauro".

         La cosa indignò i dirigenti democristiani della RAI, i quali, soprattutto in prossimità delle elezioni politiche, non potevano tollerare che un personaggio così popolare come Totò inneggiasse al capo del partito monarchico napoletano. E Totò per alcuni anni non fu più chiamato in televisione, se non per qualche fugace intervista, tra le quali quella celeberrima rilasciata a Lello Bersani (nel 1963, per il rotocalco televisivo TV7) fra la cucina a il salotto della sua casa di via Monti Parioli, sdoppiandosi tra i due personaggi del principe De Curtis e di Totò. L'intervista si chiudeva con la recita de "A livella".

         Nel 1966, nel quadro degli accordi per la produzione della serie Tutto Totò, il comico partecipò alla trasmissione di varietà più popolare di quegli anni: Studio Uno di Antonello Falqui e Guido Sacerdoti. La performance di Totò fu eccezionalmente lunga e i risultati furono certamente memorabili, soprattutto per il suo duetto con Mina, che cantò anche una sua canzone e per la scenetta Pasquale recitata con il fido Mario Castellani. Dopo la morte di Totò e dopo la trasmissione dei telefilm della serie Tutto Totò, ci sono cinque anni di silenzio, poi a dare inizio al revival tocca al ciclo Totò principe clown che, tra l'altro, comprende Totò le Mokò, Totò Sceicco, I due marescialli e Uccellacci e uccellini.
Di cicli ce ne furono altri e molti ce ne saranno soprattutto negli anni Ottanta, ma il programma più completo e più vasto che mai sia stato fatto su Totò è certamente Il pianeta Totò, di Giancarlo Governi, dove lo stesso titolo sottolinea la straordinarietà del personaggio e la vastità della sua opera. De Il pianeta Totò sono andate in onda tre edizioni, tutte rivedute e corrette, negli anni 1980, 1983 e 1988. Negli anni Novanta è andato in onda il programma Totò un altro pianeta, anche questo di Giancarlo Governi, in 15 puntate. Successivamente Tocco e ritocco, 4 puntate dedicate alle 'spalle' di Totò, La vita del Principe Totò, 2 puntate, e Totò cento, 2 puntate andate in onda in occasione del Centenario della nascita.

         Totò non amò mai la televisione e la televisione, rappresentata dai dirigenti di quegli anni non amò Totò. Infatti, oltre all'ostracismo del 1958, Totò dovette subire alcune censure: la prima proprio a Studio Uno. Fu lui stesso a rivelarlo in un'intervista a Maurizio Liverani: "la televisione brucia l'attore… Può giovare a uno sconosciuto. Non c'è libertà alla nostra televisione…A Studio Uno mi hanno tolto una battuta perché ironizzavo sugli onorevoli". La seconda censura oggi si direbbe "di palinsesto" perché si esercita nascondendo un programma sgradito in orari e date di trasmissione che allora venivano chiamati "riparati", nascosti, cioè, al grosso pubblico.
L'episodio Premio Nobel, probabilmente il più bello della serie Tutto Totò, andò in onda il 6 luglio perché conteneva lo sketch del vagone letto, quello in cui Totò "distruggeva" l'onorevole Trombetta.

         Quanto alla televisione privata, possiamo dire che il suo rapporto con Totò è stato subito di tipo vampiresco. Fin dal 1976, quando la famosa sentenza della Corte Costituzionale dette il via alla nascita di centinaia di piccole emittenti locali, i magazzini dei distributori cinematografici furono subito saccheggiati e vecchie pellicole di Totò oramai a pezzi, con molte parti mancanti e praticamente inguardabili, diventarono il pezzo forte di palinsesti messi insieme alla buona. Eppure Totò riuscì a sopravvivere anche a questo. I grandi network commerciali migliorarono le cose dal punto di vista della qualità tecnica delle pellicole ma da loro non è mai venuto il più piccolo contributo alla conoscenza di questo straordinario fenomeno che è oramai divenuto Totò, i cui film troneggiano nei palinsesti estivi di tutte le televisioni, pubbliche e private, che sono riuscite ad accaparrarseli.

1958
Il musichiere, presentato da Mario Riva.


1962
Intervista sul set de I due colonnelli, insieme a Walter Pidgeon.


1963
Intervista rilasciata a Lello Bersani, per il rotocalco televisivo TV7, in cui spiega come, pur essendo quasi cieco, riesca a girare anche scene movimentate; si sdoppia dal personaggio Totò; recita "A livella". L'intervista prende lo spunto dai festeggiamenti in onore di Totò, in occasione degli Incontri Internazionali del Cinema. Gli invitati, tra cui Franca Faldini e Liliana de Curtis, cantano in coro 'Malafemmena". Totò si commuove.


1966
Intervista sui film di Pier Paolo Pasolini.

Studio Uno con Mina in cui duetta con Mario Castellani nella scenetta Pasquale e con Mina a cui dedica una sua poesia.


1967
TUTTO TOTÒ - Soggetto e sceneggiatura: Mario Amendola, Bruno Corbucci, Antonio de Curtis Michele Galdieri, Giovanni Grimaldi. Regia: Daniele D'Anza.

Il latitante (trasmesso il 4 maggio 1967). Con: Giuseppe Porelli, Lia Zoppelli, Enzo Turco, Mario Castellani, Gino Cervi. Da rilevare lo sketch con il Direttore del carcere, interpretato da Enzo Turco.

Il tuttofare (trasmesso il 10 maggio 1967). Con: Lauretta Masiero, Mario Castellani, Antonella Steni, Gisella Sofio, Dory Dorika, Piero Mazzarella.
Da rilevare lo sketch Lallo, parrucchiere per signora.

Il grande maestro (trasmesso il 13 maggio 1967). Con: Giusi Raspani Dandolo, Mario Castellani, Ernesto Calindri. Da rilevare La camera fittata a tre, una scenetta ripresa dalla tradizione napoletana, e la Marcia dei bersaglieri con cui Totò usava chiudere le sue riviste.

Don Giovannino (trasmesso il 18 maggio 1967). Con: Mario Castellani, Gianni Agus, Franco Volpi, Antonella Lualdi, Gloria Paul. Da rilevare lo sketch del manichino, tratto dalla rivista di Michele Galdieri C'era una volta il mondo.

La scommessa (trasmesso il 25 maggio 1967). Con: Mario Pisu, Luisella Boni, Mario Castellani, Walter Chiari. L'episodio è imperniato su una farsa di Totò.

Totò Ciak (trasmesso l'8 giugno 1967). Con: Gordon Mitchell, Ubaldoaldo Lay, Mario Castellani, Gianni Morandi, Bobby Solo.

Totò a Napoli (trasmesso il 13 giugno 1967). Con: Luisella Boni, Nunzio Gallo, Miranda Martino, Peppino Di Capri.

Premio Nobel (trasmesso il luglio 1967). Con: Enzo Turco, Sandra Milo, Mario Castellani, Corrado.

Da rilevare lo sketch de Il vagone letto, tratto dalla rivista C'era una volta il mondo.

Mai trasmesso: Totò Ye-Ye.


IL PIANETA TOTÒ: ideato e realizzato da Giancarlo Governi, musiche di Piero Montanari, montaggio di Lamberto Mancini.
Prima edizione: 30 puntate quotidiane, Raidue 1981.
Seconda edizione: 25 puntate quotidiane, Raidue 1983.
Terza edizione: 30 puntate, Raidue 1988.


Negli anni '90:

Totò, un altro pianeta - 15 puntate di Giancarlo Governi - regia di Alberto Orsi. Musiche di Piero Montanari

Tocco e ritocco - 4 puntate di Giancarlo Governi - regia di Alberto Orsi. Musiche di Piero Montanari

La vita del Principe Totò - 2 puntate di Giancarlo Governi - regia di Alberto Orsi. Musiche di Piero Montanari

Totòcento - 2 puntate di Giancarlo Governi - regia di Silvio Governi. Musiche di Piero Montanari

 
Musica Teatro
   

Totò in : Che cosa sono le nuvole 

 

                         

                          Canzoni

  • A chi non lo sapesse  (1952).

  • Abbracciato cu tte  (1955).

  • Aggio perduto ammore (1959)

  • Baciami (1965)

  • Carme... Carme (1953)

  • Casa mia (1950)

  • Che me diciste a ffà (1951)

  • Con te (1954)

  • Core Analfabeta (1955)

  • Ddoje strade(1944)

  • Dincello, mamma mia (1945)

  • Filomè (1960)

  • Geppina Gepi  (1960).

  • Girotondo  (1941).

  • I voglio bene è femmene (1962)

  • Ischia mia (1946)

  • Isola d'oro  (1952).

  • L'ammore avesse a' essere (1949)

  • La mazurka di Totò (1949)

  • Le Lavandou (1962)

  • Luntano a te (1953)

  • Malafemmina (1951)

  • Mammarella (1958)

  • Margellina blu (1947)

  • Margherita (1935)

  • Mariarosa (1960).

  • Me songo annammurato  (1952).

  • Miss... mia cara miss (1958)

  • Napule, tu e io (1948)

  • Nemica (1959)

  • Non voglio amare più   (1952).

  • Nun si na femmena (1951)

  •  Piccerella, piccerè [A. de Curtis - M. Cuzzoli].  (1961).

  • Rapallo  (1961).

  • Scettico Napulitano (1961)

  • Sulo (1955)

  • Tapioca (1954)

  • Tu si tutto pe' mme  (1955).

  • Uocchie ca me parlate   (1952).

  • Uocchie ca me parlate (1963)

  • Veleno   (1965).

Festival di Sanremo

1954:Con Te

Liliana De Curtis ed il busto di Toto

Attore teatrale

Compagnìa di Isa Bluette:

  • 1928: Madama Follia

  • 1928: Il Paradiso delle Donne

  • 1928: Mille e una donna

  • 1928: Girotondo

  • 1928: Peccati... e poi Virtudi

Compagnìa di Achille Maresca:

  • 1928: Sì, Sì, Susette

  • 1928: La Stella del Charleston

  • 1929: Monna Eva

  • 1929: La giostra dell'amore

Compagnia Stabile Napoletana Molinari di Enzo Aulicino:

  • 1929: Messalina

  • 1929: Santarellina

  • 1929: Miseria e nobiltà

  • 1929: Amore e Cinema

  • 1929: Il Processo di Mary De' Can

  • 1929: Bacco, Tabacco e Venere

  • 1930: I Tre Moschettieri

Compagnìa di Riviste e Fantasie Comiche Totò di Achille Maresca:

  • 1931: La Vile Seduttrice

  • 1931: La vergine di Budda (primo avanspettacolo scritto da Antonio De Curtis)

  • 1932: Colori Nuovi (scritto da Antonio De Curtis e Guglielmo Inglese)

  • 1932: Ridi che ti passa (scritto da Antonio De Curtis e Guglielmo Inglese)

  • 1932: Era lui, Sì... Sì...! Era lei, No... No...! (scritto da Antonio De Curtis e Guglielmo Inglese)

  • 1932: La Vergine Indiana (scritto da Antonio De Curtis)

  • 1932: Totò, Charlot per Amore (scritto da Antonio De Curtis)

  • 1933: Al Pappagallo

  • 1933: Se quell'evaso fossi io

  • 1933: Questo non è sonoro

  • 1933: Il mondo è tuo (scritto da Antonio De Curtis)

  • 1933: La Banda delle Gialle

  • 1933: Dalla Calza al Dollaro

  • 1933: Il Grand'Otello

  • 1934: La Mummia Vivente

  • 1934: I Tre Moschettieri

  • 1935: 50 milioni... c'è da impazzire! (scritto da Antonio De Curtis e Guglielmo Inglese)

  • 1937: Dei due chi sarà (scritto da Antonio De Curtis)

  • 1937: Uomini a Nolo (scritto da Antonio De Curtis)

  • 1937: Novanta fa la Paura (scritto da Antonio De Curtis)

  • 1938: Se fossi un Don Giovanni (scritto da Antonio De Curtis)

  • 1938: L'Ultimo Tarzan (scritto da Antonio De Curtis)

  • 1938: Accade una notte che... (scritto da Antonio De Curtis)

  • 1939: Fra Moglie e Marito, la Suocera e il Dito (ultimo avanspettacolo scritto da Antonio De Curtis)

La Grande Rivista:

  • 1940-1941: Quando meno te l'aspetti..., scritta da Michele Galdieri e messa in scena dalla Compagnia Grandi Riviste Totò

  • 1941-1942: Volumineide, scritta da Michele Galdieri e messa in scena dalla Compagnìa Teatrale Errepi di Remigio Paone

  • 1942-1943: Orlando Curioso, scritta da Michele Galdieri e messa in scena dalla Compagnìa Teatrale Errepi di Remigio Paone

  • 1943-1944: Aria Nuova, scritta da Antonio De Curtis e messa in scena dalla Compagnia Totò organizzata da Antonio De Curtis ed Elio Gigante

  • Che ti sei messo in testa?, scritta da Michele Galdieri prima della liberazione di Roma (6 giugno 1944) e messa in scena dalla Compagnia Grandi Riviste Totò -Magnani

  • 1944-1945: Con un palmo di naso, scritta da Michele Galdieri subito dopo la liberazione di Roma, e messa in scena dalla Compagnia Grandi Riviste Totò - Magnani

  • Imputati... alziamoci!, scritta da Michele Galdieri e messa in scena dalla Compagnia Totò-D'Albert di Remigio Paone

  • 1945-1946: Un anno dopo, scritta da Oreste Biancoli e messa in scena dalla Compagnia Totò-D'Albert di Remigio Paone, con Lucy D'Albert, Vittorio Caprioli e Alberto Bonucci

  • 1946-1947: Eravamo sette sorelle scritta da Aldo De Benedetti e Michele Galdieri e messa in scena dalla Compagnìa Totò di Romagnoli

  • Ma se ci toccano nel nostro debole... scritta da Nelli, Mangini, Garinei & Giovannini e messa in scena dalla Compagnìa Totò di Romagnoli

  • 1947-1948: C'era una volta il mondo, scritta da Michele Galdieri e messa in scena dalla Compagnia Spettacolo Errepi di Remigio Paone, che presenta la Compagnia Totò-Barzizza

  • 1949-1950: Bada che ti Mangio!, scritta da Michele Galdieri e Antonio De Curtis e messa in scena dalla Compagnia Spettacoli Errepi di Remigio Paone, che presenta la Grande Compagnia di Riviste Totò-Barzizza-Giusti

1956-1957: A Prescindere, scritta da Nelli e Mangini e messa in scena dalla Compagnia Spettacoli Errepi di Remigio Paone che presenta la Compagnia Totò-Yvonne Menard (l'ultima rivista di Totò, interrotta per l'improvvisa malattia agli occhi del comico il 4 maggio 1957, al Teatro Politeama di Palermo)

 

Poesie

(tra parentesi il titolo in italiano)

  • 'A livella (La livella)

  • Ricunuscenza (Riconoscenza)

  • 'A mundana (La prostituta)

  • Dick

  • Zuoccole, tamorre e femmene (Zoccoli, tamburi e donne)

  • Si fosse n'auciello (Se fossi un uccello)

  • Ngiulina

  • Balcune e lloggie (Balconi e logge)

  • Ll'ammore (L'amore)

  • Uocchie ca mme parlate (Occhi che mi parlate)

  • 'A statuetta (La statuetta)

  • 'A cunzegna (La consegna)

  • Ammore perduto (Amore perduto)

  • 'A nnammurata mia (La mia fidanzata)

  • Core analfabeta (Cuore analfabeta)

  • 'E ccorna (Le corna)

  • 'O schiattamuorto (Il becchino)

  • Felicità

  • 'A vita (La vita)

  • Il fine dicitore

  • Bianchina

  • 'E pezziente (I pezzenti)

  • 'A speranza (La speranza)

  • Il cimitero della civiltà

  • Sarchiapone e Ludovico

  • L'indesiderabile

 

 

 

Raccolte di poesie

  • Antonio De Curtis, 'A Livella, edizioni Fausto Fiorentino di Napoli (ottobre 1968)

  • Antonio De Curtis, Dedicate all'amore, a cura di Franca Faldini, edizioni Colonnese di Napoli (luglio 1981)

 

 

 

 
 
 

 

Totò news

Napoli 15 aprile 2007

Commemorazione del 40esimo anniversario

dalla morte di Antonio de Curtis

in arte Totò

 

Se si va a leggere il luogo di nascita di Totò confrontandolo con quello della sua morte, forse si potrebbe riassumere tutta lì la vita dell’artista napoletano. Infatti, Antonio Clemente nacque a Napoli il 15 febbraio ( il giorno dopo la ricorrenza di san Valentino ) del 1898, e morì come Antonio de Curtis a Roma ai Parioli il 15 aprile del 1967, cioè quarant’anni fa. Penso avrete già capito dove il mio discorso vuole andare a parare, e cioè che Totò nacqua a Napoli in uno dei quartieri più poveri – se non il più povero – con un cognome come un altro ( anzi, con un cognome che per lui aveva un significato di mortificazione in quanto, essendo della madre, voleva dire che il padre era ignoto. Ed ai suoi tempi era veramente una mortificazione ), per poi morire nella Capitale in un quartiere più ricco ( se non il più ricco ) con un cognome nobiliare. Insomma, questa è stata la vita di Antonio de Curtis, scritta in quattro righe.

Lo scorso 15 aprile 2007 ho potuto vivere una grande emozione, condividendola con alcuni componenti del gruppo, nell’aver preso parte alla commemorazione per il quarantesimo anniversario dalla morte del grande Totò presso il cosiddetto Cimitero del Pianto ( o meglio conosciuto come il “cimitero degli artisti” ), dove riposa Antonio de Curtis e tutti i suoi cari, alla presenza di Liliana de Curtis, sua unica figlia, e del sindaco di Napoli Rosa Russo Iervolino. Una cerimonia come oramai siamo abituati a vivere in questo luogo per Totò, nella massima sobrietà. Un numero non elevato di persone, le telecamere di alcune televisioni, qualche giornalista con il suo taccuino e persone del popolo.

Intanto la mia attenzione non vuole soffermarsi sullo svolgimento della commemorazione, in quanto solo chi vi ha partecipato può capire l’emozione che si è provata, ma bensì sulla risonanza nei mass media che mi sarei aspettato che ci fosse stata. Pochi giornali hanno parlato della suddetta commemorazione…qualche accenno ai telegiornali…ma nessun programma speciale, così come nessuna particolare attenzione da parte delle istituzioni se non nazionali almeno di quelle campane oltre al sindaco.

Mio caro amico Totò, forse a distanza di quarant’anni dalla tua morte tu continui ancora a subire delle ingiustizie, ma oggi come allora c’è un intero popolo che ti ama, dalla Lombardia alla Sicilia, dal Veneto alla Sardegna. Lo dimostra il tuo successo continuo con ascolti sempre molto alti dei tuoi films.

Vorrei giungere alla conclusione di questo mio intervento con l’orazione funebre che tenuta da un altro grande figlio di Napoli, Nino Taranto, nel giorno del suo funerale napoletano: “Amico mio, questo non è un monologo, ma un dialogo perché sono certo che mi senti e mi rispondi. La tua voce è nel mio cuore, nel cuore di questa Napoli che è venuta a salutarti e a dirti grazie perché l’hai onorata. Perché non l’hai dimenticata mai. Perché sei riuscito dal palcoscenico della tua vita a scrollarle di dosso questa malinconia che l’avvolge. Tu, amico mio, hai fatto sorridere la tua città, sei stato grande. Le hai dato la gioia, la felicità, l’allegria di un’ora, di un giorno, tutte cose di cui Napoli ha bisogno. I tuoi napoletani, il tuo pubblico, ha voluto che il loro Totò facesse a Napoli l’ultimo “esaurito” della sua carriera, e tu, tu maestro del buonumore, questa volta ci stai facendo piangere tutti. Addio Totò, addio amico mio, Napoli, questa tua Napoli affranta dal dolore vuole farti sapere che sei stato uno dei suoi figli migliori, e che non ti scorderà mai. Addio amico mio. Addio Totò”.

E la grandezza di Totò sta anche nella sua volontà di essere sepolto nella sua Napoli  ( contrariamente ad altri artisti partenopei ), come proprio Nino Taranto, Enrico Caruso, Eduardo e Vincevo Scarpetta ed altri ancora.

Grazie Totò.

                                                                                                                    Il Presidente  Antonio Migliozzi

 

 
     

"Una fontana dedicata a Totò"


Giovedi' 18 marzo 2007 la giunta comunale di Napoli ha deciso di intitolare a Totò la cosiddetta "fontana delle paparelle" di piazza Cavour e i giardini che la circondano, siti nelle immediate vicinanze del quartiere Sanità dove Totò nacque nel 1898. Nei giardini di piazza Cavour verrà posta una targa commemorativa "Antonio de Curtis in arte Totò".

 
"Totò proibito" al Totò Fans Club di Pordenone sabato 4 febbraio


L'anno prossimo (2007 n.d.r.)saranno trascorsi quarant'anni dalla scomparsa di Totò ma l'interesse per il principe napoletano non accenna a diminuire, anzi si moltiplicano le occasioni di ricordo e di studio: rassegne di film perfino negli Usa, mostre di pittura, convegni universitari, pubblicazione di libri a ritmo continuo. Perché, a differenza di altri e anche famosi interpreti, ancora tanta attenzione per un attore? Forse perché, e qui azzardo un'ipotesi, Totò è molto di più di un attore, di una maschera. E' probabilmente un “autore”, certo non per il valore della scrittura cinematografica o per l'innovazione della messa in scena, ma per la sua sola presenza, per l'uso straordinario del suo corpo, che per lui, regista di se stesso, non è uno strumento per eseguire partiture altrui ma per crearne in maniera varia e originalissima. Nel suo Totò proibito. Storia puntigliosa e grottesca dei rapporti tra il principe De Curti e la censura, pp. 234, Lindau, Torino 2005, molto stimolante e ben documentato come gli altri suoi libri che l'hanno preceduto (Il cinema di Totò 1930-1946, I film di Totò 1947-1967, Totò e Peppino, fratelli d'Italia), Alberto Anile sostiene, a ragione, che “nella comicità di Totò c'è un io e un es, una forma umoristica scopertamente divertente e un contenuto che agisce in profondità, in una zona intima e segreta della personalità dello spettatore, di tutti gli spettatori. Dietro il lazzo, il qui pro quo e la mascella slogata, la platea intercettava, e intercetta, più o meno chiaramente, la miscela devastante di cui Totò è impregnato, il fuoco sessuale da cui è agitato, la fame atavica che lo consuma, il macabro balletto meccanico del suo scheletro, la catena di disgrazie e di tragedie che si trascina dietro, l'abisso folle di una personalità che si perde e si ritrova nei meandri di mille personaggi diversi. (…) La fame di donne, le sgrammaticature sublimi in coppia con Peppino, il dislocamento delle proprie ossa a destra e a manca sembravano puro divertimento ed erano invece uno stralunato incitamento all'anarchia, meravigliosi attentati eversivi al buon senso comune e alle autorità costituite.”. La censura cinematografica,come quella teatrale per le sue riviste dove la miscela sovversiva di Totò raggiungeva il suo culmine e che purtroppo ci è documentata solo dalle testimonianze degli spettatori, non poteva non accorgersene e così dal 1949, da quando i suoi film cominciarono a diventare sempre più popolari e sicuramente proprio per questo, i film di Totò subirono l'attenzione continua dei censori (dagli ex-fascisti De Pirro e Scicluna Sorge ai sottosegretari democristiani Andreotti e Scalfaro) che intervenivano pesantemente sia in sede di sceneggiatura che di montaggio, stravolgendo scene, dialoghi, personaggi, mettendo così in crisi case di produzione e riducendo i possibili incassi. Utilizzando documenti inediti e confrontando le varie copie dei film, Anile racconta con garbo ed ironia un aspetto insolito dell'opera di Totò, dai casi sensazionali di Totò e Carolina, di Totò e i re di Roma, di Totò, Peppino e la dolce vita, più censurato dell'originale, fino agli sketch televisivi di TuttoTotò, tagliati dalla Rai bernabeiana e che il principe ebbe la fortuna di non amareggiarsi nel vederli, perché la notte fra il 14 e il 15 aprile 1967 il Supremo Censore recide il filo. Antonio De Curtis abbandona le sue spoglie mortali e si trasferisce nel mito.


articolo tratto da http://www.cinemazero.org/

 
 
 
"Totò: la risata e il linguaggio un seminario"

 

............................ «Totò, oltre ogni connotazione puramente artistica, rimane il titolare di modi di dire e di dilatazioni semantiche che, ancora oggi, riempiono, non solo nel dialogo informale, ma anche nelle sedi di svolgimento della vita professionale, tribunali, ospedali, uffici pubblici, la parlata di tutti - ha chiarito Giovanni Morelli - sono testimone anche di passaggi tratti dai film di De Curtis, riportati integralmente nelle arringhe dei miei colleghi nei Tribunali di tutt’Italia». Insomma, ancora oggi, la dissacrante ironia di Totò serve a sdrammatizzare e ad ironizzare tutto, dal lavoro ai rapporti umani. Da «a prescindere», passando per «ogni limite ha una pazienza», fino al tormentone, innalzato al rango di vero intercalare discorsivo, «ammesso e non concesso», tutto il bagaglio dei modi di dire di Totò passerà sotto il setaccio di una mattinata culturale assai suggestiva.

articolo di Salvatore Minieri tratto da "Il Mattino" edizione Caserta del 30/11/2005

 

Smemorato

Smemorato
 
"Una scultura per il grande Totò"

 

Verrà esposta nella famosa piazza di Bagnoli la statua del grande attore Totò - che da queste parti è di casa - ideata e creata dallo scultore e pittore veneziano Antonio Ruffini, oggi 86enne.
L'opera, realizzata in creta, è stata trasportata nei giorni scorsi nella fonderia dei fratelli Bon dove sarà poi trasformata in bronzo e portata il prossimo mese a Napoli. La statua è alta 163 centimetri, l'altezza reale dell'attore scomparso nel 1967, e poggia sopra un piedistallo.
E' stata modellata interamente nella casa-studio dello scultore, nelle vicinanze di Ca' Vendramin Calergi, che ha voluto omaggiare l'artista conosciuto a Roma negli anni '50. Il principe De Curtis viene rappresentato, nell'occasione, con una delle sue solite smorfie, con un occhio mezzo socchiuso che ricorda le sue innumerevoli imitazioni, e un movimento del corpo che rende viva l'opera.
"Ho conosciuto Totò negli anni '50 - racconta Ruffini, che lungo la sua carriera artistica ha incontrato molti personaggi come il vate Gabriele D'Annunzio, che da Ruffini ha comprato tre sculture, copie di quadri e acquerelli veneziani - ero a Cinecittà, in un bar, ho ordinato un' "ombra" in veneziano e Totò mi ha guardato e mi ha chiesto se ero veneziano. Da lì abbiamo cominciato a parlare e abbiamo bevuto anche insieme. E parlando ci siamo scambiati una promessa: se fosse morto prima lui di me gli avrei fatto una scultura da esporre a Napoli, viceversa se fosse morto lui mi avrebbe fatto una scultura a Santa Margherita".
Dopo tanto tempo Ruffini ha deciso di mantenere fede alla parola data a Toto: così, anni fa ha parlato con l'allora sindaco di Napoli, Antonio Bassolino, e nel 2004 ha preso contatti con la nuova amministrazione comunale a seguito di una sua mostra di sculture a Napoli.
La scorsa estate l'amministrazione campana ha inviato allo scultore alcune immagini di Totò che sono servite allo scultore per plasmare a occhio nudo la creta: infatti, la statua è nata nella mente di Ruffini, senza neppure un bozzetto o uno schizzo definitivo.
Ottantasei anni ma nell'anima venti, lo scultore continua ad operare oggi nella città in cui ha trovato le origini e in cui capta, da sempre, lo spunto, per l'ispirazione alla sua arte.
Ruffini è infatti noto a Venezia per aver eseguito nel 1950 il Leone d'oro per la mostra del Cinema di Venezia per ordine dell'allora ministro alla cultura.Manuela Lamberti

articolo tratto da "Il gazzettino on line" del 28 dicembre 2005

 

Totò sceicco


Vocca a vocca cu’ tte, parole e musica di Totò, spartito. Ancona - Milano, Edizioni Musicali Farfisa (Roma, Associazione Antonio de Curtis)

 
 

Totò: Principe e Genio

La lettera alla... Malafemmena
 

 

Signorina (è l'intestazione autonoma della lettera)...

veniamo noi con questa mia addirvi, addirvi - una parola - che - uno che - scusate se sono poche ma settecentomila lire; a noi ci fanno specie che quest'anno - una parola - c'è stato una grande morìa delle vacche come voi ben sapete . : (adbondandis in adbondandum...)

Questa moneta servono acchè voi vi consolate dei dispiacere che avreta... avreta... (e già, è femmina) perchè (è aggettivo qualificativo) dovete lasciare nostro nipote che gli zii che siamo noi medesimo di persona vi mandano questo perchè il giovanotto è uno studente che studia, che si deve prendere una Laura, che deve tenere la testa al solito posto cioè ... sul collo . ;
Salutandovi indistintamente
 

i fratelli Caponi (che siamo noi)

 

 

Totò Peppino e la Malafemmina
 

Dedicata a Diana Rogliani, moglie di Antonio de Curtis, che visse con lui dal 1931 al 1951, Malafemmena fu composta nell’anno della separazione.

Per molti anni nel mondo dello spettacolo si è associata questa canzone al nome di Silvana Pampanini, di cui Antonio de Curtis si era invaghito sul set di “47 morto che parla”. Correva l'anno 1950. Quando Totò manifestò il suo amore alla maggiorata Silvana sembra abbia avuto come risposta la seguente frase: "Anch'io ti voglio bene come se fossi mio padre".

Questa la testimonianza di Franca Faldini, che è stata compagna di Totò per quindici anni. "Ho conosciuto Antonio de Curtis nel 1952. Tutte le volte che entravamo in un locale l'orchestra suonava, come se fosse un inno, Malafemmena. Un giorno chiesi ad Antonio se fosse vero che questa canzone l'avesse scritta per la Pampanini, la sua risposta fu: Silvana è una ragazza tanto perbene, figurati se potevo darle della Malafemmena".

Così ricorda Giacomo Rondinella, interprete della storica incisione del 1951:
“Poco dopo la separazione dalla moglie, Totò mi disse: "Giacumì, ho scritto una canzone drammatica napoletana, che però si può ballare": era Malafemmena. Me la canticchiò, come faceva per le altre, senza nessun accompagnamento. Alla prima versione io suggerii una piccola variante, per adattarla meglio ai miei toni interpretativi. La piccola frase che aggiunsi riguardava il finale del ritornello e cioè l'impennata di voce: "Femmena, tu si 'na malafemmena", che Totò completò con "Te voglio bene e t'odio / nun te pozzo scurdà". Ci tengo a sottolineare che la canzone, al contrario di quanto affermano certe malelingue, è tutta di Totò”.

Eseguita per la prima volta nel 1951 da Giacomo Rondinella con l’Orchestra di Gorni Kramer, al Teatro Quirino di Roma, Malafemmena fu anche la prima canzone di Totò ad essere incisa su disco a 78 giri dalla Fonit nel 1951, con l’interpretazione dello stesso G. Rondinella con l’Orchestra del mestro Sciorilli.

Da Malafemmena, oltre ad alcune sceneggiate, sono stati tratti due film: Totò Peppino e la Malafemmena (1956) di Camillo Mastrocinque e Malafemmena (1957) di Armando Fizzarotti.

 
 

Partiture di Malafemmena

Si avisse fatto a n’ato
chello ch’e fatto a mme
c’ommo t’avesse acciso,
tu vuò sape pecchè?
Pecchè ‘ncopp’a sta terra
femmene comme a te
nun ce hanna sta pe’n’ommo
onesto comme a me !...

Femmena,
tu si na malafemmena...
Chist’uocchie ‘e fatto chiagnere...
Lacreme e ‘nfamità.

Femmena
Si tu peggio ‘e na vipera,
m’e ‘ntussecata l’anema,
nun pozzo cchiù campà.

Femmena,
si ddoce comme ‘o zucchero
però sta faccia d’angelo
te serve pe ‘ngannà..

Femmena
tu si’a cchiù bella femmena
te voglio bene e t’odio
nun te pozzo scurdà...
Te voglio ancora bene
ma tu nun saie pecchè
pecchè l’unico ammore
si stata tu pe me...
E tu pe nu capriccio
tutto’e distrutto , ojnè
Ma Dio nun t’o perdone
chello ch’e fatto a mme!

 
 
Ciao Totò

Alessandro Maria Jetti

 

Antò! una croce quattrossa un po' di polvere

l'oscurantismo quando ch'eri in vita... - E' o vère?

e chi 'ste ccose 'e pienze e 'o veramente?

 stò bbene ccà! da sule, luntane d'e 'ste ggiente. -  

 

Il nobilato che ti ha contraddistinto

il cuore e quello stemma... -  Fu reso al caro estinto

ohibo! ma che me stai dicenne, sapessi tu quassù

co' miei versacci a quanti adesso il tu

 

posso ben darlo...ma mi facciano il piacere! –

Ogni piega amara del tuo viso, tutti

i paradossi e le allusioni, quel mantenere

 

te stesso alla berlina, sapessi quale specchio

per noi ipocriti che oggi t'osanniamo:

nella monnezza siamo, buttarne pure il secchio!

 

Totò Peppino e Mario Castellani
 
Mario Castellani
 
Nato a Roma nel 1906. Morto a Roma il 26 aprile 1978.

Mario Castellani è stato per Totò la spalla ideale. Ha preso parte a ben quarantadue dei circa cento film "girati" dal grande comico napoletano. Probabilmente un record di "coppia cinematografica", quantomeno italiana. Iniziata nel 1945 con il film Il ratto delle sabine, la collaborazione tra i due aveva però radici precedenti. Il primo riscontro lo fornisce il cartellone di Madama follia, uno spettacolo di rivista del 1928. Si tratta del primo spettacolo, di livello nazionale, in cui compare per la prima volta il nome di Totò accanto a quello della diva del momento, Isa Bluette, e tra i protagonisti c'è anche Mario Castellani. E' la loro prima esperienza professionale in comune. Resterà un episodio isolato. Sino a quando i due non si ritroveranno. Come racconta lo stesso Castellani: "Incontrai Totò nel 1927. Lui proveniva dal varietà, io dall'operetta. Allora le riviste erano a filo conduttore ed eravamo i due comici della rivista. Poi ci lasciammo per delle vicissitudini dovute alla tremenda crisi del teatro e ci riunimmo nel 1941.

In compagnia c'era Anna Magnani e facemmo teatro assieme e poi ho continuato con lui per anni anni e anni, in teatro e in cinema." (Mario Castellani - intervista alla Rai dopo la morte di Totò, nel 1967). Nel 1941, dunque, i due si ritrovano, ancora una volta in uno spettacolo di rivista, Quando meno te l'aspetti. Non sarà stato da questo momento che il "comico" Castellani si trasforma in "spalla" di Totò. Certo è però che tra i due non c'è più il rapporto che intercorre tra i "due comici della rivista". Totò ha già raggiunto il successo. A teatro ha il nome "in ditta", come si dice. Ed è già iniziata la sua esperienza cinematografica. Lo riconosce lo stesso Castellani, quando, alla morte di Totò, dichiara: "Totò è stato un caposcuola, ha insegnato un po' a tutti, tutti hanno attinto e attingeranno ancora da lui per molto tempo. Le cose che Totò poteva insegnare sono innumerevoli. La meccanica, la tecnica, l'improvvisazione, il gioco mimico, perché era un grandissimo mimo." Una dichiarazione che lascia intuire una profonda ammirazione, la stessa che ha alimentato e sviluppato in simbiotico il rapporto "spalla-comico", così come Totò evidentemente l'intendeva.

Castellani era un buon attore e aveva tutte le caratteristiche artistiche per essere una "buona" spalla, ma avrebbe ridotto il suo il ruolo a poco più che una presenza, a fronte dell'aggressività di Totò, se non avesse integrato, con le sue qualità umane e intellettuali, il rapporto con il grande comico. La loro diviene un'amicizia profonda che ha riverberi anche in palcoscenico e a cinema. Tant'è che Totò lo considera indispensabile. Lo vuole sempre accanto e, quando nel cast non c'è posto per lui, chiede e ottiene che sia scritturato come aiuto-regista.

Questo capita, in particolare, dopo il 1957, quando Totò, colpito da una grave malattia agli occhi, diviene semi-cieco. Da allora in poi il rapporto, umano e artistico, ha modo di evidenziarsi nella sua totale completezza. Castellani, che sia o meno nel cast, resta sempre al fianco di Totò, gli legge la parte, gli spiega, a lui quasi cieco, come è disposta la scena e i movimenti che deve fare.

Già prima, però, di questo dramma che colpisce Totò, Castellani-spalla ha accettato il ruolo di "vittima" al quale lo costringe la comicità esuberante ed aggressiva dell'amico. Racconta Totò: "Nello sketch del vagone letto, qualche volta finiva per arrabbiarsi sul serio perché io lo angariavo in ogni modo, gli impedivo di dormire, gli gettavo la valigia dalla finestra, gli ripetevo una dopo l'altra le mie solite frasi di disturbo: "lei non sa chi sono io, ma mi facci il piacere....". Insomma un tormento! A cui evidentemente Castellani si sottopone volentieri, e non solo per amicizia. La sua carriera professionale è indissolubilmente legata a Totò e questo lo sa bene, tant'è che in seguito si limitano alle dita di una mano le altre occasioni di lavoro che gli capitano, e tutte di routine. Mentre Totò completa la sua carriera lavorando con registi di fama internazionale (Lattuada, Pasolini, Dino Risi) Una dedizione, per concludere, assoluta che, sul piano artistico, si è, nella sostanza, trasformata in plagio. E questa non è un'accusa al grande comico. Totò era Totò e la sua carica di prevaricazione era una connotazione naturale e ineliminabile della sua comicità. Che è stata certamente esaltata dalla recitazione remissiva e accondiscendente di Castellani. Entrambi ne erano perfettamente coscienti, diversamente non avrebbero lavorato tanto assieme. Il merito maggiore di Castellani sta proprio in questo: nell'aver capito che, attraverso il suo modo di essere attore, si esaltavano le qualità migliori di Totò.

 
 
Peppino De Filippo
 (
Napoli 1903 - Roma 1980),

Attore e commediografo italiano. Dopo l'esordio nella compagnia di Eduardo Scarpetta, formò una compagnia con Eduardo e Titina, recitando commedie del fratello o di sua composizione. Nel 1945 si staccò dai fratelli per fondare una sua compagnia, per la quale creò, diresse e interpretò numerose commedie. Si ricordano Gennarino ha fatto il suo voto (1950), Io sono suo padre (1952), Un pomeriggio intellettuale (1954), Metamorfosi di un suonatore ambulante (1960) e Come finì don Ferdinando Ruppolo (1969). Con una comicità leggera e accessibile diede vita, oltre che sulle scene anche al cinema, a una serie di spassosi personaggi e caratteristiche macchiette (spesso accanto a Totò e Aldo Fabrizi). Tra i film più celebri, si ricordano Tre uomini in frac (1932) di Bonnard, Luci del varietà (1951) di Alberto Lattuada e Federico Fellini, Totò, Peppino e la malafemmina (1956), Boccaccio '70 (1961) di Fellini. Si dedicò anche alla televisione, al cui pubblico regalò l'indimenticabile personaggio di Pappagone. Prima di morire associò alla direzione della sua compagnia il figlio Luigi, anch'egli attore e autore di commedie, che continua la tradizione familiare.

Il mio primo incontro con lui risale nientemenochè al 1918 o 19. In quell'epoca Totò lavorava in varietà in piccoli locali periferici di Napoli; nei periodi estivi girava la provincia. Lo ascoltai la prima volta, mi pare, al piccolo teatro Mercadante in via Foria. Fui attratto da un manifesto che diceva così: Questa sera il comm. Gustavo De Marco, imitato da Totò macchiettista contorsionista, trasformista e "Marionetta vivente". Questa ultima qualità gli proveniva dal fatto che sapeva imitare alla perfezione i movimenti dei PUPI. Tanto bene ne imitava i gesti che era davvero impressionante e ammirevole vederlo. Gli divenni amico quando ci trovammo scritturati assieme al teatro Nuovo di Napoli nella compagnia Molinari, io in qualità di semplice "generico" e lui di "primo attore comico" di un repertorio di riviste e di riduzioni scarpettiane. Un giorno nell'inverno del 1956 Totò mi fece sapere che gli avrebbe fatto tanto piacere se avessi accettato di girare un film con lui. Trovai l'offerta interessante e cominciò così la serie dei Totò Peppino ...

Totò è stato l'unico comico che mi abbia deliziato sinceramente lo spirito. In ogni suo gesto, in ogni suo movimento, in ogni suo atteggiamento, io ci intravedevo quel tanto di maniera scoperta e schietta che rasentando la donchisciottesca spavalderia viveva a stretto contatto con il più sfacciato tono pulcinellesco. Posso affermare che tutti i films che abbiamo girato assieme, spesso li abbiamo recitati a "soggetto" , creati li per li, scena per scena, al momento di girare.

 

 
 
UGO D'ALESSIO
Luciano Somma

Entrato a far parte, di diritto, nella storia del cinema comico Italiano, Ugo D'Alessio, proprio nella sua breve ma esilarante interpretazione, nel film TOTO' TRUFFA(1962) di Toto', di Decio Cavallo, lo sprovvedutissimo turista Italo - Americano che acquista, da vero allocco, la fontana di Trevi, pretendendo poco dopo i soldini che sono nella fontana meritandosi la camicia di forza ed il manicomio...

Nacque a Napoli nel 1909, i suoi zii Giuseppe ed Enrichetta D'Alessio furono ottimi attori caratteristi nel primo novecento, figlio d'arte poichè la madre Leonilde Ricciardi fu una brava attrice teatrale.

Girò con Totò i seguenti film:

TOTO' A COLORI(1952)

IL MEDICO DEI PAZZI(1954)

TOTO' TRUFFA(1962)

TOTO' CONTRO I QUATTRO(1963)

in quest'ultimo fu ottima spalla del Principe nel ruolo del simpaticissimo brigadiere DI SABATO.

CAPRICCIO ALL'ITALIANA(1968)uscito l'anno dopo la morte di Toto'.

La sua filmografia con Toto' non è copiosa,  ma seppe con la sua bravura sempre ben figurare, del resto fu presente in molte opere teatrali di Edoardo, memorabili, tra le tante, le sue interpretazioni nelle commedie DITEGLI SEMPRE DI SI e LE VOCI DI DENTRO.

 

Il Funerale
 

Mi manca Totò

parole di Stefano Benni, musica di Umberto Petrini *

 

O grandi comici che in televisione
Spiegate alle masse e alle persone
Quanto fa schifo la televisione
Che mescolate barzellette e canzoni
Dio, la madonna e battute sui nani
Per amor di cultura
E un miliardo a sera
Voi che scalate canali e carriera
Che andate in tivù a smascherare il potere
Ma mi faccia il piacere!
Fate largo
Arriva il principe, la banda fa festa
Cavalca un asino di cartapesta
Tutti in ginocchio, scostatevi un po’
Arriva Totò
Ci manca Totò

Non mi manca il festivallo
Né lo Strega od il Campiallo
Non mi manca il commediante
Che in tivù mi legge Dante
Né la rockstar col palco gigante
La velina e il presentocantante
Non mi manca
La notte bianca
Anzi un poco mi stanca
E il reality sciò
E i laser e i fumi le luci a gogò
Mi manca uno serio
Per ridere un po’
Mi manca Totò
Mi manca Totò
Mi manca Totò

Rockettari sempre uguali
Che sempre rifate quel bel la-la-la-la
Sopra tre palchi e un miliardo di watt
E state in scena col vento contro
Ma è fatto a macchina, è un vento finto
Scrittori che odiate la letteraria commedia
E ai premi lottate per una sedia
Attori che scuola faceste sì fina
Per traslocare da Beckett a Vanzina
E voi catodici fissi ed ossessi
Che di voi stessi parlate a voi stessi
Esperti e tuttologi, veline e pantere
Ma mi faccia il piacere!
State zitti un momento
Ci vuole una pausa un istante un tempo
E il tempo comico, o ce l’ho o non ce l’ho
Ce l’aveva Peppino ce l’ha Peppe e guarda un po’
L’aveva Totò
Mi manca Totò
Mi manca Totò
Mi manca Totò

Non mi manca il festivallo
Né lo Strega od il Campiello
E il comico pappagallo
Lo volete sapere?
M’ha rotto il cazzo pure o’ giallo
Il commissario e il maresciallo
Non mi manca il commediante
Che in tivù mi legge Dante
Non mi basta
La notte bianca
Anzi un poco mi stanca
Assessore mi faccia il piacere
Mi piace la notte di qualsiasi colore
Sciò sciò il reality show
Mi manca uno serio
Per ridere un po’
Mi manca Totò
Mi manca Totò
Mi manca Totò

Principe, mi manca la tua faccia triste
Le battute inventate, le gag impreviste
La tua miseria e la tua nobiltà
La tua finezza e la volgarità
Tu brutto e bellissimo, elegante e stracciato
Tu diavolo in frac e angelo affamato
Torna a insegnarci
Che cosa vuol dire
Una vera trovata
 Un’idea un pernacchio una parola incendiata
Ci vuol la patente per questo mestiere
E anche da ciechi si può vedere
La differenza tra le risate
Tra quelle finte e quelle vere

Non mi manca il festivallo
Né lo Strega od il Campiallo
Ed il comico pappagallo
La vippona e il vippettiello
Non mi manca il commediante
Che in tivù mi legge Dante
Non mi basta
La notte bianca
Anzi un poco mi stanca
Assessore
Posso andare a dormire
Non mi manca
La rockstar col palco a gogò
E il reality sciò
Mi manca uno serio
Per ridere un po’
Mi manca Totò
Mi manca Totò
Mi manca Totò (ad lib)

 

 

Totò e Carlo Croccolo
 

Osvaldo Natale in arte Dino Valdi

Carlo Croccolo

 
UN ALTRO TOTO'?
 

Vi è un attore OSVALDO NATALE in arte DINO VALDI che quasi nessuno conosce però sicuramente lo abbiamo visto, e lo vediamo, in alcune scene nei 100 e passa films di Totò Infatti se CARLO CROCCOLO diventò la voce del nostro Principe, DINO VALDI fu la sua controfigura che visse per anni all'ombra di Totò.
Iniziò col film I DUE ORFANELLI e da allora girò per Totò moltissime scene, in special modo negli ultimi anni quando purtroppo il Principe ebbe dei seri disturbi alla vista che gli impedirono di poter girare soprattutto a causa della luce dei riflettori. 
CARLO CROCCOLO e DINO VALDI , voce e figura, ma mentre il primo era un attore teatrale che ha poi continuato, ed ancora svolge, la sua brillante attività, a DINO VALDI  le sue prestazioni  gli hanno dato si da vivere ma non certamente la notorietà.

 

Luciano Somma

 
 
 
 

TOTO'

Principe di Bisanzio

 

A oltre trent’anni dalla sua morte, avvenuta il 15 aprile 1967, sui giornali e alla televisione si insiste volentieri nel porre in dubbio la legittimità del titolo “principesco” di Totò.

Imperial, amante com’è della verità di cronaca, è ben lieta perciò di pubblicare, per cognizione di quei lettori avidi di conoscenza verace, il dispositivo della sentenza del Tribunale di Napoli, IV sezione civile, pronunciata il 1° marzo 1950, a seguito ricorso presentato per rettifica atto di nascita.

Dalla storia si impara che, occupata Bisanzio dai turchi nel 1453 e ucciso l’Imperatore Costantino XI, reo di non essersi convertito all’Islam e morto da “martire”, cessò praticamente di esistere l’Impero Romano d’Oriente.

Rifugiatisi però in Italia molti dei superstiti delle diverse Casate Imperiali, essi pretesero alla successione… Fra i tanti pretendenti, vi era naturalmente anche il Capo di Nome e d’Arme della Casa dei Focas o Foca, oggi rappresentata dalla principessa Liliana De Curtis, ossia dalla figlia di Totò!

 

Ora, trattando dei Focas, se le cognomizzazioni di cui si parla nella sentenza sotto riportata vanno riferite al discendente di quel Focas succeduto a Maurizio Tiberio III (582-602), ultimo Imperatore sul Trono della dinastia giustinianea, allora queste si riducono ai cognomi: Flavio, Valerio, Claudio, Giulio; se invece le cognomizzazioni vanno riferite al discendente di quel Niceforo II (963-969) che succedette a Basilio II e Costantino VIII, coimperatori, ai riportati cognomi andrebbero aggiunti anche quelli spettanti alle dinastie Eraclidea, isaurica, amoriense (o frigia, o amoriana), macedone. A decidere in merito non può essere che l’Albero genealogico della Famiglia, corredato dalle opportune prove documentali.

   Sono ormai e comunque termini fissi per giurisprudenza e dottrine costanti: a) che al Capo di Nome e d’Arme rappresenta una Dinastia(non importa se oggi sbalzata dal trono) spetti la qualità jure sanguinis, ossia nativo, e il trattamento di Altezza Imperiale ( se discende da Imperatori e/o reale se discende da Re); b) che la qualità di Principe jure sanguinis,essendo nativa, si distingue dal titolo di principe dativi, in quanto il titolo deriva da un conferimento; c) il Capo di Nome e d’Arme di una Casata ha il diritto di pretendere al trono già dei suoi Avi; mai disconosciuto, di esercitare il Gran Magistero degli Ordini che fanno parte del Patrimonio araldico della sua famiglia.

 

 

REPUBBLICA ITALIANA

In nome del popolo italiano. Il Tribuanle Civile di Napoli - 4^ Sezione riunito in Camera di consiglio, nelle persone dei sigg. Presidente dott. Galiano Gaetano; De Falco Enrico, Giudice; dott. Rocco Carlo, Giudice Relatore. Sentita la relazione del giudice delegato, lette le conclusioni del P.M.; ha emesso la seguente sentenza:

(...Omissis…)

P.Q.M.

Sulle conformi conclusioni del P.M. - Visti gli articoli 454 cc. E 167 dell’Ordinamento dello Stato Civile. Così decide:

1. - Ordina all’Ufficiale dello Stato Civile di Napoli, di rettificare l’atto di nascita di S.A.I. Principe Antonio de Curtis, Griffo, Focas, Gagliardi, iscritto al n° 259del registro dei nati di sezione Stella dell’anno 1898, nel senso che, dove leggesi: “De Curtis, Focas, Gagliardi”, vi si legge “Focas, Flavio, Angelo, Ducas, Comneno, De Curtis, di Bisanzio, Gagliardi”.

2. - Ordina nel contempo all’Ufficiale dello Stato civile di Roma di procedere a simile rettifica del cognome della Principessa Liliana De Curtis, Griffo, Focas, figliuola di esso Principe Antonio, nata il 10 maggio 1933 ed iscritta nei registri dello Stato Civile dei nati di detto anno in quella città.

Così deciso in Napoli il primo marzo 1950.

Firmati: Gaetano Galiani, Enrico De Falco, Carlo Rocco, Ugo Corona Cancelliere - Registrata a Napoli uff. atti giud. Il 21 maggio 1950 N. 7462 vol. 610, mod. 5, Esatte lire 836 e lire dieci proventi e lire 75 urgenza da De Curtis. Il direttore firmato Maddalena.

 


 
PREMIO DE CURTIS 1999
Al tavolo della giuria:
da SX LUCIANO SOMMA- BRUNO FILIPPELLI- Sindaco- ERMANNO CORSI- ANTONIO MIGLIOZZI  
 

Toto e Rosanna Schiaffino

 

RITROVATI I PRIMI DUE BRANI INCISI DA TOTO’ *

ROMA - A quasi quarant’anni dalla scomparsa di Totò (1898-1967), vengono alla luce i primi due brani incisi dal poliedrico artista napoletano. Grazie alla meticolosa ricerca di un collezionista romano, Corrado Vitelli, è stato rinvenuto un rarissimo 78 giri Columbia inciso nel 1940 ma di cui erano andate completamente perse le tracce.

Le due canzoni di Fragna - Cherubini, "Mazurka dei vent’anni" e "La quadriglia di famiglia", sono cantate da Antonio de Curtis e tratte dal film "San Giovanni decollato", il terzo, in ordine di tempo, dell’ attore napoletano.

La "Mazurka dei vent’anni", presente nella pellicola in una sequenza ballata, è stata registrata con una divertente strofa aggiuntiva, mentre l’altro brano, "La quadriglia di famiglia", riprende la struttura musicale della quadriglia ballata nella sequenza della festa nuziale ed è adattata a canzone grazie al divertente testo di Cherubini.

Si tratta di una scoperta che costringerà i collezionisti e gli appassionati del mitico Totò a rivedere la discografia dell’attore napoletano. Nei primi anni ’90, infatti, Vincenzo Mollica presentò due brani tratti da un 78 giri Columbia del 1942 come gli unici mai incisi da Totò nell’inconsueta veste di cantante. Ad oggi quindi, i brani rinvenuti da Vitelli sono i primi ad essere stati interpretati ed incisi dal grande Principe della comicità napoletana.

Lo stesso giornalista Rai conferma l’importanza della scoperta: "Sicuramente si tratta di una delle primissime incisioni di Totò - dice Mollica interpellato telefonicamente -. Io ho avuto in mano la partitura della ’Quadriglia di famiglia" ma mai il 78 giri. E poi basti pensare che "San Giovanni decollato" era uno dei primi film di Totò, quindi si tratta sicuramente delle primissime incisioni". "Non sapevamo nulla di questo disco - afferma Liliana de Curtis, figlia di Totò -. Mio padre era sempre impegnato a produrre qualcosa, e spesso lo faceva in assoluto silenzio".

 

Liliana Castagnola

Liliana Castagnola

 
LILIANA CASTAGNOLA
(Eugenia)

Nasce a San Martino, vicino Genova l’11 Marzo del 1895 e gira tutta l’Europa già da giovanissima, facendo carriera da chanteuse. E’ spesso in compagnia di uomini di alto rango e di potente posizione (regnanti,ministri,magnati dell'industria).

Dilapidò il patrimonio di un principe veneto che per questo fu interdetto dai suoi familiari.

Viene espulsa dalla Francia perché a Marsiglia costringe 2 uomini a battersi a duello per il suo amore: uno dei due uomini rimane ucciso. Successivamente a Montecatini è seriamente ferita dal suo amante che per gelosia si toglie la vita.  

Giunge a Napoli per lavorare al “Teatro Santa Lucia”. La sera de 12 Dicembre del 1929 va a vedere lo spettacolo di Totò al “Teatro Nuovo”. Il principe la nota subito e il mattino seguente le invia un mazzo di fiori accompagnato da un biglietto: "E' col profumo di queste rose che vi esprimo tutta la mia ammirazione".  

Dopo altri innumerevoli mazzi di fiori, telefonate e lettere, arriva il primo appuntamento.

Il loro amore è subito travolgente, ma fin dall’inizio caratterizzato da avversità e difficoltà. Totò riceveva telefonate e biglietti anonimi che lo mettevano in guardia da quella donna dal carattere strano. Liliana pur di restare al fianco di Totò gli propone di farsi scritturare al Teatro Nuovo, ma l’attore è ormai evidentemente stanco di trascinare questa relazione opprimente.

Accetta allora un contratto con la compagnia Cabiria che lo avrebbe portato a lavorare a Padova. Nonostante le suppliche di Liliana, Totò non rinuncia, e la donna per disperazione ingerisce un intero tubetto di sonniferi. Viene trovata esanime il mattino dopo. Totò ne rimane letteralmente sconvolto e decide di seppellirla nella tomba della famiglia De Curtis a Napoli.

 

Liliana Castagnola

 
Alcune lettere di Liliana Castagnola a Totò
 

 

Antonio
Dopo mezz'ora da quando te ne sei andato, mi hanno chiesta al telefono e mi hanno detto così:"Voi credete che Totò si sia recato a casa sua? Vi illudete!" ed hanno troncato la comunicazione, senza che io abbia avuto il tempo di chiedere altre informazioni.
Che debbo fare? Come vivere così? Perchè dici che mi ami, quando invece non mi sei che nemico?
Io ti voglio bene Antonio e non sai come il cuore e la mia mente soffrano. Debbo credere alla telefonata?Vivo in orgasmo.
Lilia

-------------------------------------

Lavoriamo insieme. Tu sarai il mio maestro e direttore del nostro lavoro. A te il "montare il numero". A te il diritto di vedetta. Io non ti lascerò mai, perchè ti voglio bene, perchè tu sei un uomo di ardimento, pieno di entusiasmo per il bello e per il lavoro.
Io mi sento come te, sarò la tua compagna e la tua artista devota e ti sarò grata del bene che mi farai.
[...]Puoi darmi una risposta? Puoi darmi qualche speranza? Puoi incominciare a darmi la felicità?
Questi due mesi sarò vicina a te per studiare, per eseguire i tuoi ordini e per aiutarti a "montare" il numero. A poi
Ti amo
Lilia
 

------------------------------------------------

 

Antonio
potrai servire a mia sorella Gina tutta la roba che lascio in questa pensione. Meglio che se la goda Gina, anziché chi mai m'ha voluto bene.
Perchè non sei voluto venire a salutarmi per l'ultima volta?Scortese omaccio! Mi hai fatto felice o infelice? Non so. In questo momento mi trema la mano... Ah, se mi fossi vicino! Mi salveresti, e' vero?
Lilia tua

------------------------------------------------

 

Antonio, sono calma come non mai. Grazie del sorriso che hai saputo dare alla mia vita grigia e disgraziata.
Non guarderò più nessuno... Te lo avevo giurato e mantengo. Stasera, rientrando, un gattaccio nero mi e' passato dinnanzi. E, ora mentre scrivo, un altro gatto nero, giù nella strada, miagola in continuazione.
Che stupida coincidenza e' vero?..

 
 
Ciro Borrelli

in arte:   Massenzio Caravita

O suonno
dedicata a Totò

Che suonno stanotte aggio sunnato,
uno ‘e chillo ca quanno te scite
te vulisse n ata vota addurmì
c’‘a speranza ‘e llo putè ripiglià,
e nun cchiù d’‘o lassà:Era ‘o Ferrausto,
pe’ Napule sulagna nun passava
nemmanco n’ anema, faceva nu cavero
ca se mureva, e io stevo assettato
‘ncopp’‘a na panchina, guardanno
‘ncantato ‘o mare ‘e Margellina.
quanto n’ ommo vicin’‘a me s’assttaje…
Che strano (penzaie)cu tanta poste vacante
ca ce stanno, proprio cca s’‘e venuto a’ assettà?
Ietto p’‘o guardà, l’uocchie mieje ...
accussì.... se spaparanzajeno,
‘o core me sbatteva forte, nun ‘o ssaccio
si p’‘a cuntentezza...o p’‘a paura
quase svenevo pe l’emozione...Totò ?
Mamma mia, ma è overo ca  sì tu?,
che onore, fatte abbraccià e fatte vasà
e dimme...dimme, comme maie staje cca?
“Saie Ciro sentevo ‘a nustalgia ‘e Napule,
m’aggio pigliato nu permesso ‘e na meza iurnata,
stò giranno ‘a stamattina, ma nun veco a nisciuno,
comm’‘è strana ‘a città, nun è comme l’aggio lassata.
A ‘e  tiempe mieje ‘sti strate erano tutte allummate,
tanta gente che cantava e abballava,
‘e turiste... stevano n quantità...
era sempe n’ festa steva chesta città,
venevano ‘a tutte parte pe se fà
nu bagno a Margellina… ‘o lido mappattella.
E nun te dico ‘e ll’acquaiola... j’ che femmena,
teneva nu paro d’  uocchie ca  erano belle
e quanto te bevive l’ acqua d’‘e mmummarelle
te cunsulave nun sulo a bevere ma pure a  guardà!
Ah, che belle ricorde e chi s’ ‘e ppò scurdà…
Jammo Girù  spustammece ‘a cca
tengo‘o desiderio ‘e vedè Pusilleco e Marechiaro...
P’‘a via, quanta cose belle me dicette,
e che resate ca me facetto
quase quase me facevo sotto!
Iammo cumpagno mio  parlame nu poco
‘e chisti tiempe moderne comme v’ ‘a passate famme sapè.
A ‘sti pparole ca me dicette ‘o Principe,
‘a faccia mia se cagnaje ‘e culore,
me passaje ‘a voglia ‘e ridere e ‘a voglia ‘e pazzià,
l’avria ditto tanta buscie a ‘stu Gran’Ommo,
ma po’ guardannolo n’ faccia e penzanno
ca nun s’‘o meritava ‘o dicette ‘a verità:
Totò, ca t’aggia dì era meglio ca nun scennive,
cca nun se ride cchiù comm’‘a na vota...
a ‘stu paese s’ è cagnata ogne cosa:
‘a disoccupazione è assaje, e chi campa ‘e penzione
nemmanco ce ‘a po’ ffà, fà ‘e zumpe pe’ campà,
‘a vita s’è fatta cara, ‘e vizie ne sò tante,
te manca ‘o telefonino cellurare?
Staje arretrato nun sì muderno!
L’aria p’‘o smog nun  se po’ cchiù risciatà...
o mare? è nquinato, nun se po’ cchiù guardà...
ca manco nu bagno cchiù ce putimmo fà...
‘o lido mappattella è addeventato na mappina,
e chisto m’‘o chiammano prugresso?
che bellizze a mme..me pare nu cesso!
Quanta immigrate ce stanno, sò‘e tutte ‘e rrazze,
ma io nun ‘e ffaccio ‘e differenze, simmo tutt’‘eguale
c’aggia dì ll’ ‘mparammo ll’arte ‘e s’arrangià...
napulitane comm’è  nuje ‘e facimmo addiventà!
‘A delinquenza è aumentata : camorra, omicidie,
droga, furte, scippe e ‘e rrapine, ‘a prostituzione…
nun fanno chiù notizie! Mò ‘a corruzzione
‘a chiammano... tangentopoli, ‘nzomma
so tutte ‘e mariuole ‘e ll’ alta succità”...
Arrobbano ncopp’‘e ttasse, ‘a mmericina,
ncuollo ‘e  sspalle d’‘a povera gente
‘sti disoneste s’ hanno fatte ‘e meliarde,
e nuje stammo chino ‘e diebbete!
Totò, ma tu ‘e ghittasse quattociente
meliune ‘e lire dint’‘a munnezza?
Mamma mia… e chi ha fatto ‘sta schifezza?
Nu giudice! Quanno l’hanno acchiappato
cu ‘e mmane int’‘o sacco, ha ditto ca l’ha jttate...
piglianno a tutto ‘o popolo ‘taliano pe’ fesso!
Ma tu che dice.. ma è overo tutto chesto?
Pe chistu giudice grandissimo fetentone
ce vulesso nu bellu paliatone cu na scassata ‘e ossa!
Basta nun parlà chiù me sento avveluto...
ma dico io siamo uomini o caporali?
Chisto nun è nu progresso ma è nu regresso!
Và buo’ s’è fatto tarde, m’aggia ritirà,
m’aspetteno ‘l amice Eduardo, Peppino, Nino e Massimo,
saje comm’‘è...si n’Paraviso nun me vedono ‘e turnà,
chille llà s’accummenciano a preoccupà,
(pirciò ‘o guaglione ‘e San Giorgio sta triste,
‘o tene tutto n’cuorpo e cu me fà ‘a  finta ‘e pazzià...
e nun m’ha maie dritto ‘a verità
‘e tutt’ ‘e ccose brutte ca tene chesta città..
chistoè proprio  nu grande  attore!)
M’arraccummo Cirù, continua a scrivere
‘e ppoesie ‘e storielle,  saje  sò sfiziuselle,
però ricuordate p’‘o nnapulitano,
nun serve ‘o vocabbulario
siente a me  ca tengo ‘a scola ‘e miez’‘a  via…
basta nu poco ‘e sentimento e fantasia!
E mentre se ne saglieva ncielo,
cercava ‘e s’annasconnere ‘e llacreme,
Totò il Principe del sorriso…
ma comme proprio isso chiagneva
me vulette dicere l’urdema cosa: Guagliò
nun te scurdà  salutame ‘o Pazziariello!
‘O Pazziariello? e addò stà cchiù,
chesta prumessa nun ‘a pozzo mantenè,
forze, Totò nun ‘o ssape, o se sarrà scurdato
ca ‘nzieme a isso n cielo  pe’ sempe se l’ha purtato!

 

Totò ed Anna Magnani

Totò Turco napoletano

 

Il mistero di Totò

Portava sempre con sé una copia del Vangelo. In punto di morte, secondo la figlia, disse: «Ricordatevi che sono cattolico, apostolico, romano». Ma pochi studi sono stati fatti per esplorare il suo rapporto con la trascendenza. Si confrontò sempre con la questione della morte

di Marco Roncalli (Avvenire, 14.04.2007)

A giudicare dalla sua popolarità, dall’attualità delle sue battute ancor graffianti, dalla mimica inconfondibile, dai tanti libri dedicatigli, non si può dire che, quarant’anni fa, Totò sia uscito di scena. Semmai, proprio a partire da quel 15 aprile 1967 - data del suo addio al mondo - Antonio de Curtis cominciò a ritagliarsi il suo piccolo scanno nel Pantheon delle glorie patrie e, superando i confini dell’arcipelago cinema - teatro - televisione (sì perché, come lui diceva, «ogni limite ha una pazienza!»), entrò per sempre nell’immaginario di tanti estimatori: vecchi e nuovi, egualmente sedotti da quel suo volto - di «serenissimo buffone» (Goffredo Fofi) o di «Arlecchino del ’900» (Dario Fo) - diventato un po’ maschera e un po’ icona. Destino singolare, quello toccato al comico italiano dall’insuperabile carica istintiva, «grillo del focolare per ogni famiglia» (Volponi), pronto a sbeffeggiare tutti (sé stesso compreso), cuoco monarca della risata capace di mettere d’accordo democraticamente tutti i palati: senza barriere di censo, cultura, estrazione sociale, età.

Sì, come scrisse Fellini, Totò è sfuggito alla trappola del tempo. Così come prima aveva dribblato da artista quella delle ideologie. Chi allora avrebbe puntato sulla sopravvivenza dello «Charlot dei poveri» come lo definirono certi critici?

Ha ragione chi sostiene che per certi versi Totò è ancora un mistero, mentre si conosce quasi tutto dei suoi film (analizzati anche da intellettuali e linguisti), della sua vita di uomo e di attore (anche se a Oriana Fallaci disse di essere solo «un venditore di chiacchiere»). Eppure qualche sorpresa potrebbe ancora arrivare. E se qualche piccolo tassello al mosaico del suo itinerario artistico andrà al suo posto - tra una proiezione e l’altra - con gli eventi programmati nella capitale (a partire dall’esposizione curata dalla nipote Diana de Curtis Un principe chiamato Totò apertasi a Palazzo Venezia) - ma anche a Napoli (dove al quarantennale è dedicata la mostra Dal baule di Totò con tanti oggetti compresa una copia del Vangelo che sempre portava con sé), nell’attesa che l’ottobrina Festa del Cinema di Roma presenti l’annunciato documentario ricco di curiosità (le lettere d’amore, il primo provino con impressa la dicitura «non adatto al cinema», i fumetti ideati in età giovanile), resta una cosa da approfondire.

Parliamo dell’approccio con la morte e il trascendente del teorico della «livella» :«A morte ’o ssaje ched’è? ... è una livella», sin qui interpretata nel suo legarsi alla simbologia della terra, nella sua orizzontalità compiuta. Magari legandolo prima all’addio di Totò attore di cinema «di cassetta», ma anche diretto da Rossellini (La paura), De Sica (L’oro di Napoli), Monicelli (Guardie e ladri), Bolognini (Arrangiatevi!), Pasolini (Uccellacci e uccellini).

E poi all’addio del Totò filantropo che di notte scendeva con l’autista nei rioni più fatiscenti di Napoli e infilava un bel bigliettone di vecchie lire sotto la porta di una famiglia povera scelta a caso (oppure che pagava bravi avvocati a detenuti senza soldi). La cronaca della morte di Totò invece è stata raccontata tante volte. Il 13 aprile, abbandonato il set, si sentì male. Lo disse a Carlo Cafiero che lo accompagnava a casa in auto. Lo disse all’amata Franca Faldini che viveva con lui (gli altri grandi amore furono Liliana Castagnola e la moglie Diana). E Franca subito chiamò il medico. Invano.

La sera dopo formicolìì al braccio sinistro forieri di brutti presagi. Il tempo di avvertire e veder giungere la figlia Liliana, il cardiologo Guidotti, il cugino-segretario Eduardo Clemente e nella notte l’infarto che fulminò. Ore tre e venticinque del 15 aprile 1967. Con un piccolo giallo però mai risolto. Nessuno ha mai discusso le frasi rivolte al cardiologo «Professò, vi prego lasciatemi morire. Fatelo per la stima che vi porto».

O quelle rivolte al cugino «Eduà, Eduà mi raccomando. Quella promessa: portami a Napoli». Piuttosto non c’è concordanza sulle sue ultime parole (tema alla ribalta in questi giorni in Germania per il libro di Hans Halter Ich habe meine sache hier getan edito da Bloomsbury e tutto dedicato agli addii dei personaggi più celebri).

Furono per Franca, l’ultima compagna «T’aggio voluto bene Franca, proprio assaie»? O quelle riportate dalla figlia Liliana secondo la quale suo padre avrebbe detto «Ricordatevi che sono cattolico, apostolico, romano»? Scripta manent, e come conciliare queste parole con quelle espresse per il suo addio dai fratelli di loggia: «Nella sede storica di Piazza del Gesù, 47. All’alba del 15, è passato all’Oriente Eterno l’Illustre Fr. Antonio de Curtis 30° Venerabile della R.L. Fulgor Artis dell’Oriente di Roma». Già, il «Totò massone»... Vegliata per due giorni, la salma il 17 aprile fu portata a Napoli tra ali di folla dove si svolsero i funerali davanti ad oltre centomila persone.

Nella chiesa di Sant’Eugenio, la bara sulla quale era stata posta la bombetta del suo esordio e un garofano rosso ricevette una semplice benedizione (concessa -pare - solo grazie a delle amicizie che Totò aveva con alcuni prelati, essendogli stata negata a motivo della sua convivenza). Poi la sepoltura al cimitero Del Pianto a Napoli. Con tutto il suo pubblico e gli applausi. Come disse Nino Taranto nell’orazione funebre «l’ultimo "esaurito" della sua carriera». E poi ci fu l’appendice dei funerali-bis su richiesta dei guappi del Rione Sanità, il 22 maggio, pochi giorni dopo il trigesimo, la bara vuota e la stessa folla acclamante.

Ultima nota. Ho letto tempo fa su un sito dedicato a Totò (da Rosario Romano) che Antonio de Curtis «non era stato un uomo particolarmente religioso, ma a modo suo credente lo era. Credeva senza mezze misure nell’Artefice di questo Creato che non si stancava di ammirare e su di Lui non ammetteva lazzi o linguaggi irriguardosi. Non credeva in quell’Aldilà prospettato già dalla prima preghiera che ti infilano in bocca e anzi, a questo proposito affermava che l’inferno e il paradiso sono entrambi qua, in questo mondo, da quell’altro nessuno era mai tornato a descriverglieli» . Bazzecole, quisquilie, pinzillacchere? E si può essere un credente... «a prescindere?». «Senza nulla a pretendere» ci piacerebbe saperne di più.

 

Totò ne: I due orfanelli

 

Diana Bandini Lucchesi Rogliani

 

Totò e Diana Bandini Lucchesi Rogliani

Totò conosce Diana durante una tournee a Firenze nel 1931. La ragazza, che all’epoca era sedicenne, viene presentata all’attore napoletano dopo un suo spettacolo teatrale. Successivamente si rivedono a Napoli, ed è subito amore. Si sposano nella Primavera del 1932, nonostante il parere contrario della famiglia di Diana. Il lavoro di Totò li porterà a girovagare per l’Italia, ed è questo uno dei motivi dei primi litigi. Le cose sembrano tornare a posto con la nascita della piccola Liliana nel 1934. La bambina ha appena 40 giorni, quando inizia a girovagare con i genitori.

Il matrimonio inizia ad incrinarsi, ma stavolta il motivo principale sembra essere l’attitudine di Totò a guardare le belle donne con insistenza, specie se ballerine. Nel 1937 il matrimonio sembra ormai alla fine, ma solo per amore della piccola Liliana i due decidono di rimanere insieme. Nel 1940 i due ottengono la sentenza di annullamento del matrimonio, ma per amore della figli decidono di vivere insieme per altri 10 anni, scambiandosi una solenne promessa: ognuno avrebbe riacquistato la propria libertà, dopo il matrimonio e la sistemazione della piccola Liliana.

Sul set di “47 il morto che parla” Totò conosce Silvia Pampanini e le fa subito una corte spietata a suon di fiori e biglietti. Ma i giornali ingigantirono la faccenda suscitando la reazione inaspettata di Diana: accetta la proposta di matrimonio dell’avvocato Tufaroli.

Totò ci rimane malissimo, la donna non ha rispettato la promessa. Da questa vicenda Totò troverà l’ispirazione per scrivere la celebre canzoneMalafemmina”.

 

Totò e Silvana Pampanini

 

Totò con Franca Faldini

Totò con Franca Faldini

 

 

Franca Faldini

Nasce a Roma nel 1931. Durante la sua infanzia e la sua adolescenza è spesso perseguitata per l’origine ebrea della sua famiglia.

Totò la nota attraverso una sua foto sul giornale “OGGI” nel quale viene presentata come un’attrice di Hollywood, dove aveva vinto un il premio Miss Cheesecake, dedicato ad attrici esordienti. Alla vista di quella splendida ragazza Totò rimase subito colpito e non perse tempo. Le inviò subito un mazzo di fiori con un biglietto in cui le chiedeva un appuntamento. Dopo il primo appuntamento ne seguirono altri sempre più frequenti, finchè tra i due non si accese la fiamma dell’amore.

Divennero inseparabili; Totò la volle anche al suo fianco nel film “L’Uomo, la Bestia e la Virtù”.

Dopo alcuni mesi di fidanzamento, fu celebrato il matrimonio nel 1954, in maniera del tutto segreta.

Nel 1954 Franca dà alla luce uno splendido Bambino, Massenzio. Purtroppo il bambino non regge il parto e anche Franca, colpita da albumina gravidica si salva per miracolo. Per giorni e settimane Totò rifiuta di uscire di casa, la morte di quel bambino lo ha pesantemente scioccato.

Solo il forte legame d’amore con Franca gli dà la forza di continuare a vivere e a lavorare.

Nella coppia la differenza di età e la incompatibilità di carattere e mentalità sono spesso causa di molti litigi, ma nonostante tutto la rimarranno uniti con amore e rispetto reciproco fino alla morte del principe.

Le ultime parole di Totò in punto di morte furono proprio per Franca :”T’aggio voluto bene Franca. Proprio assai”.

 

 
 

TOTO’: SULLE SUE TRACCE A NAPOLI A 40 ANNI DALLA MORTE*

NAPOLI - Il 15 aprile del 1967 moriva a Roma il principe Antonio De Curtis, universalmente noto come Totò: a 40 anni dalla scomparsa di uno dei simboli di Napoli cosa rimane del ricordo del grande attore nella città partenopea? "Addio Totò, questa tua Napoli affranta dal dolore vuole farti sapere che sei stato uno dei suoi figli migliori e non ti scorderà", promise Nino Taranto nella sua orazione funebre.
A Napoli è in programma entro fine mese una serie di iniziative, ma non sono mancate polemiche circa un presunto oblio da parte della città del più grande attore comico della storia italiana. Sicuramente è entrato nella memoria collettiva il ’doppio’ funerale napoletano di Totò, celebrato il 17 aprile nella Basilica del Carmine Maggiore gremita da tremila persone, mentre altre centomila sostavano nella piazza antistante. La bara fu anche la prima ad essere platealmente applaudita dal pubblico, una abitudine che si è poi diffusa. Chi volesse ritrovare il principe della risata tra le vie di Napoli dovrebbe recarsi al popolare rione Sanità, e più precisamente in via Santa Maria Antesecula 1 dove, al secondo piano, nel 1898 nacque il figlio illegittimo del principe de Curtis e di Anna Clemente. La casa natale fu messa in vendita per soli 35 milioni di lire all’inizio del 2000 e acquistata da un privato, non da un’istituzione, come si auspicava, per farne un museo o una fondazione culturale. Poco lontano, al Collegio Cimino nel palazzo del Principe di Santobuono in via San Giovanni a Carbonara, Totò frequentò le classi ginnasiali mentre nella vicina parrocchia di san Vincenzo il comico servì messa recitando in latino. E fu proprio nella parrocchia della Sanità che venne celebrato, qualche giorno dopo quello ufficiale, un altro rito funebre, con la bara vuota, presenti migliaia di napoletani con la medesima commozione. Non esiste più invece la Sala Napoli, dove Totò cominciò a proporre con poco successo le macchiette di De Marco, mentre è stato rinnovato di recente lo storico teatro Trianon, dove lavorò negli anni giovanili, prima di cercare fortuna a Roma.
Proprio questi ambienti, e soprattutto il teatro Nuovo ai Quartieri Spagnoli, furono anche lo scenario della sua travagliata passione con Luisella Castagnola, la bellissima soubrette che si tolse la vita per amore e che per volontà di Totò riposa nella cappella gentilizia dei de Curtis, altro luogo di culto dei napoletani. Tra le altre vestigia per gli appassionati: adiacente a via Foria, nei pressi del Museo nazionale, c’é una piccola strada intitolata ad Antonio De Curtis, mentre un monumento in bronzo del principe De Curtis è nascosto tra i palazzi del Vomero Alto. Aspettando il "grande evento" annunciato dal Comune di Napoli per fine aprile (il sindaco Rosa Russo Iervolino parteciperà a una messa nel cimitero degli Uomini illustri) e in vista della celebrazione ufficiale alla Festa del cinema di Roma ad ottobre, Napoli ha dedicato a Totò la Pasqua appena trascorsa con una mostra nello storico Salone Margherita.

 
 
Totò, un principe a Nettuno
 (di Daria Baietti)

Nettuno palazzo municipale

Nettuno torre Astura

sabato 18 agosto 2007

Una mostra per celebrare i 40 anni dalla scomparsa di Totò. Così Nettuno, nella splendida cornice rinascimentale del Forte Sangallo, ha voluto ricordare il grande Antonio De Curtis e rendergli omaggio attraverso le opere di 25 artisti tra pittori e scultori. Realizzata grazie all’impegno di Mimmo Pugliese con il patrocinio del comune di Nettuno ed in collaborazione con la Pro Loco di Nettuno, l’esposizione raccoglie, oltre a dipinti e sculture, anche fotografie e materiale d’epoca, segno tangibile del passaggio di Totò. Già, perché questa non è la prima volta a Nettuno per il principe della risata. Nel 1952, infatti, la città fu scelta dal regista Steno per le riprese de “l’uomo, la bestia e la virtù”, pellicola ispirata all’omonima commedia di Luigi Pirandello ed alla quale la Ponti – De Laurentis decise di dare un’impronta internazionale, chiamando a recitare accanto a De Curtis due stelle di fama mondiale come Orson Welles e Viviane Romance. Proprio a quel periodo risalgono le numerose fotografie che ricoprono un’intera parete della sala d’ingresso della mostra e tra le quali ne spicca una che ritrae il grande Totò accanto ad una bambina “è la signora Casciello” ci racconta Mimmo Pugliese “figlia di un ex maresciallo dei carabinieri di Anzio” e va avanti “si tratta di una delle fotografie rinvenute negli archivi storici della città e che ci mostrano De Curtis in giro per le strade di Nettuno nel 1952 durante le riprese del film. Sulla parete di fronte invece, sono affisse alcune delle sue poesie più note “molti visitatori ci hanno chiesto delle copie ci confessa Pugliese “noi cerchiamo di accontentare tutti, ma abbiamo dovuto farne tantissime fotocopie” sorride “ qui arriva moltissima gente, abbiamo inaugurato la mostra il 7 agosto e in soli 4 giorni abbiamo avuto circa 1000 presenze, per questo pensiamo di prorogarla”. Al centro dell’ingresso si trova l’opera dello scultore Cristiano Tammaro, una raffigurazione originalissima del Vesuvio dal cui cratere schizza fuori Totò in un’esplosione di colori. Continuando la passeggiata tra le stanze del castello è possibile ammirare tre opere del maestro Corrado Romualdo oltre ad alcune realizzazioni di arte grafica dello stesso Pugliese e diversi contributi di artisti Napoletani che hanno voluto partecipare alla mostra testimoniando così il loro affetto per De Curtis. Il grande successo di questa esposizione dimostra ancora una volta l’attaccamento della gente ad un artista che fu molto più di un semplice attore, ma il vero e proprio simbolo di un’epoca italiana. Brillante, bizzarro, a volte così assurdo eppure sempre così umano, Antonio De Curtis fu in grado di coinvolgere intere generazioni grazie ad una lunghissima e brillante carriera, durante la quale girò più di 100 pellicole, scrisse decine di poesie e diverse canzoni. Proprio sulle note di una delle sue più belle canzoni, “Malafemmena”, terminiamo il nostro viaggio alla scoperta di Totò, volgendo ancora una volta lo sguardo a quel paesaggio e immaginando lui tanti anni fa, col suo cappello in testa ed il sorriso ironico, intento a scrutare l’orizzonte. (Daria Baietti)

 

Totò dov'è la libertà
 
Associazione De Curtis Totò di Telese
 
 
 
 

Uccellaci e Uccellini

 
Poesie in forma di Rosa
 
Parte del materiale di questo sito è stato prelevato da internet; se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster (smagat3@yahoo.it), provvederemo immediatamente alla sua rimozione, grazie!