Partecipiamo.it: vai alla home page

 
 

La Sicilia:  Terra del Sole e del Mare

 

 

 

N jornu ca Diu Patri era cuntenti e passiava 'n celu cu li Santi, a lu munnu pinsau fari un prisenti e da curuna  si scippau 'n domanti; cci addutau tutti li setti elementi, lu pusau a mari 'n facci a lu livanti:
 lu chiamarunu  "Sicilia" li genti, ma di l'Eternu Patri e' lu diamanti.

 
 
Cultura Mappe Della Sicilia

Letteratura, leggenda ed altro

Poesie

Turismo  
 
Le Istituzioni

Notizie e informazioni

Palermo

Prodotti tipici

Ricette

 

 
Sicilianelmondo: Ricette

PalermoTrapaniAgrigentoCaltanissettaRagusaSiracusaCataniaEnnaMessinaRegione Sicilia
Regione Sicilia

Siciliano.it: Ricette di Natale

Rete Sicilia: ricette

Trinakria: Il ricettario

Partecipiamo: ricette Palermitane

 

 
 

 

 

Canzoni

 

Canzoni siciliane: Parole e Spartiti

Ciuri Ciuri

 

Vitti na crozza

Oh…! Cumu rorma  ‘a muntagna stasira

Quant'è laria la me zita  
Li babbaluci  
La Luna  
Chiovu  
La terra mia  

 

 

Canzoni Siciliane: Interpretate da Lillo Monteleone

 

Utilità


Comune di Agrigento

Comune di Caltanissetta

Comune di  Catania

Distanze Chilometriche

Gazzetta Ufficiale regione Sicilia

 

 

 

 

Grazie a tutti coloro che vorranno aiutarci ad arricchire questo spazio

 

 


Comune di Enna


Comune di Messina


Comune di Palermo


Regione Sicilia


Comune di Ragusa


Comune di Siracusa


Comune di Trapani

 

Facenne siciliane

Enzo Lombardo

La vita in rime

Enzo lombardo

di cerere si figghia

elimi  e sicani ci misiru famigghia

i fenici la industriaru 

punici egreci si la sparteru

i romani preputenti

si la misiru sutta i renti

gente vandala e bizantina

la lassaru una ruvina

vinniru l'arabi gente fina

e ni ficiru na ran vitrina

inormanni cu sapi dunni

vinniru senza fari danni

federicu fu un gran sovranu

razza tedesca e core  palimmitanu 

u  francisi vastasuni 

sinniu a picuruni

garibaldi du burbuni la liberau

ma ai savoia l'adduau

cu benitu si truvau

mezzo na verra chi nun circau

tra mafiusi e puliticanti

e jorna nostri semu junti

i cosi beddi da tutti su addisiati

e da gente sperta conquistati

ecomo a tia sicilia mia 

nun ce cosa bedda chi ci sia

u fruttu di l'amuri veni na stu munnu

addisiatu  du patri da matri e puru du nonnu

mangia crisci e dormi tuttu jornu

si fa beddu robustu e passau un annu

arasciu arasciu si fa patruni da parola

mancu tinnadduni che ura di iri a scola

u  maestru c'insigna a leggeri e a scriviri

u tempu senza pinzeri finisci ca scola elementare

sturiu travagghiu e primu amuri 

veni u tempu di iri a fari u militari

quannu a vita è tutta na speranza

si rici addiu a   bedda picciuttanza

 

ora chi si fici omo c'è tuttu d'asppitari

chiddu furtunatu trova u veru amuri   

cu fa soldi ricchizzi e propietà

ma sunnu cosi chi nun sempre dannu felicita'

cu travagghia tira avanti a famigghia 

cull'amuri di mugghieri figghio e figghia 

si  rici addio a tanti pirsuni cari

chi pi sempre arrestanu na lu cori

u primu niputi  s'affaccia na stu munnu

s'addiventa anzianu cu qualchi malannu

si va in pensione e chiu' nun si travagghia

si passa u tempu chi niputi vicinu a famigghia

cu arresta sulu e mezzu abbannunatu

chi so pinzeri di omu sfurtunatu

a vicchiaia vene comu na vulata

resta di fari l'ultimu pezzu di strata

picca cunta si fici soldi o fu un cumannanti

a morti un c'interessa nenti

beatu cu si sente a cuscenza  pulita

picchi' a DIO s'avi a dari cuntu da propia vita

 

 

 

Cartine della Sicilia

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Link ad altri comuni e ad altri siti

 
Canicatti Ciminna Erice Messina Fortificata

Il portale del Sud

Asicilia

Grifasi-Sicilia Messina Città Eroica
Press Sicilia RaffaeledaVinci Rete Sicilia Siracusa web
Sicilia in dettaglio Sicilianelmondo Sicilia oggi Siciliaonline
Sicilia search Siciliano.it Larderia Francesco Genovese: Trapani