Partecipiamo.it...vai alla home page

Roma

Senatus populusque romanus

 

Trilussa: Carlo Alberto Salustri

 
Indice
 
 
La sincerità ne li comizzi

Er deputato, a dilla fra de noi,

ar comizzio ciagnede contro voja,

tanto ch'a me me disse: - Oh Dio che noja!-,

Me lo disse: è verissimo, ma poi

 

sai come principiò? Dice: -È con gioja

che vengo, o cittadini in mezzo a voi,

per onorà li martiri e l'eroi,

vittime der pontefice e der boja!-

 

E, lì, rimise fòra l'ideali,

li schiavi, li tiranni, le catene,

li re, li preti, l'anticlericali...

 

Eppoi parlò de li principî sui:

e allora pianse: pianse così bene

che quasi ce rideva puro lui!

 
La Cecala d'oggi

Una Cecala, che pijava er fresco

all'ombra der grispigno e de l'ortica,

pe' da' la cojonella a 'na Formica

cantò 'sto ritornello romanesco:

- Fiore de pane,

io me la godo, canto e sto benone,

e invece tu fatichi come un cane.

- Eh! da qui ar bel vedé ce corre poco:

- rispose la Formica -

nun t'hai da crede mica

ch'er sole scotti sempre come er foco!

Amomenti verrà la tramontana:

commare, stacce attenta... -

Quanno venne l'inverno

la Formica se chiuse ne la tana.

ma, ner sentì che la Cecala amica

seguitava a cantà tutta contenta,

uscì fòra e je disse: - ancora canti?

ancora nu' la pianti?

- Io? - fece la Cecala - manco a dillo:

quer che facevo prima faccio adesso;

mó ciò l'amante: me mantiè quer Grillo

che 'sto giugno me stava sempre appresso.

Che dichi? l'onestà? Quanto sei cicia!

M'aricordo mi' nonna che diceva:

Chi lavora cià appena una camicia,

e sai chi ce n'ha due? Chi se la leva.

 
Er grillo zoppo

Ormai me reggo su 'na cianca sola.

- diceva un Grillo - Quella che me manca

m'arimase attaccata a la cappiola.

Quanno m'accorsi d'esse priggioniero

col laccio ar piede, in mano a un regazzino,

nun c'ebbi che un pensiero:

de rivolà in giardino.

Er dolore fu granne... ma la stilla

de sangue che sortì da la ferita

brillò ner sole come una favilla.

E forse un giorno Iddio benedirà

ogni goccia de sangue ch'è servita

pe' scrive la parola Libbertà!

 
L'Oca e er Cigno

Un Rospo, più burlone che maligno,

diceva all'Oca: - Bella come sei,

un po' ch'allunghi er collo, pari un cigno...

- eh, mica ha torto! - j'arispose lei -

Co' 'sto cattivo gusto che c'è adesso

sarei più che sicura der successo. -

 

E a forza de ginnastica svedese

e a furia de st' ar sole e de sta' a mollo

er fatto sta che all'Oca, doppo un mese,

je s'era quasi raddoppiato er collo:

e un Critico stampò sopra un giornale:

"La scoperta d'un Cigno origginale".

 

La corte del Leone

El Leone, ch'è Re de la Foresta,

disse un giorno a la moje: - Come mai,

tu che sei tanto onesta,

hai fatto entrà 'na Vacca ne la Corte?

Belle scorte d'onore che te fai! -

- Lo so, nun c'è decoro:

- je fece la Lionessa -

ma nun sò mica io che ce l'ho messa;

quela Vacca è la moje de quer Toro

ch'hai chiamato a guardà l'affari tui:

sopporto lei per un riguardo a lui;

ma si sapessi er danno

che ce fanno 'ste bestie, che ce fanno!

- Hai raggione, hai raggione, nun ce torna -

j'arispose er Leone; e er giorno istesso

fece 'na legge e proibbì l'ingresso

a tutti l'animali co' le corna.

Così per esse certo

d'avè 'na corte onesta,

er Re de la Foresta

lo sai che diventò? Re der Deserto.

 
Er Salice Piangente

Che fatica sprecata ch'è la tua!

- diceva er Fiume a un Salice Piangente

che se piagneva l'animaccia sua -

Perchè te struggi a ricordà un passato

se tutto quer che fu nun è più gnente?

Perfino li rimpianti più sinceri

finisce che te sciupeno er cervello

per quello che desideri e che speri.

Più ch'a le cose che so' state ieri

pensa a domani e cerca che sia bello!

 

Er Salice fiottò: - Pe' parte mia

nun ciò né desideri né speranze:

io so' l'ombrello de le rimambranze

sotto una pioggia de malinconia:

e, rassegnato, aspetto un'alluvione

che in un tramonto me se porti via

co' tutti li ricordi a pennolone.

 
La cornacchia libberale

 

 

 

 

Una cornacchia nera come un tizzo,

nata e cresciuta drento 'na chiesola,

siccome je pijo lo schiribbizzo

de fa' la libberale e d'uscì sola,

s'infarinò le penne e scappò via

dar finestrino de la sacrestia.

 

Ammalappena se trovò per aria

coll'ale aperte in faccia a la natura,

sentì quant'era bella e necessaria

la vera libbertà senza tintura:

l'intese così bene che je venne

come un rimorso e se sgrullò le penne.

 

Naturarmente, doppo la sgrullata,

metà de la farina se n''agnede,

ma la metà rimase appiccicata

come una prova de la malafede.

- Oh! - disse allora - mo' l'ho fatta bella!

So' bianca e nera come un purcinella...

 

- E se resti così farai furore:

- je disse un Merlo - forse te diranno

che sei l'ucello d'un conservatore,

ma nun te crede che te faccia danno:

la mezza tinta adesso va de moda

puro fra l'animali senza coda.

 

Oggi che la coscenza nazzionale

s'adatta a le finzioni de la vita,

oggi ch'er prete è mezzo libberale

e er libberale è mezzo gesuita,

se resti mezza bianca e mezza nera

vedrai che t'assicuri la cariera.

 
Appena se ne va l'urtima stella

 

 

 

 

Appena se ne va l'urtima stella

e diventa più pallida la luna

c'è un Merlo che me becca una per una

tutte le rose de la finestrella:

s'agguatta fra li rami de la pianta,

sgrulla la guazza, s'arinfresca e canta.

 

L'antra matina scesi giù dar letto

co' l'idea de vedello da vicino,

e er Merlo furbo che capì el latino

spalancò l'ale e se n'annò sur tetto.

- Scemo! - je dissi - Nun t'acchiappo mica...-

E je buttai du' pezzi de mollica.

 

- Nun è - rispose er Merlo - che nun ciabbia

fiducia in te, ché invece me ne fido:

lo so che nu m'infili in uno spido,

lo so che nun me chiudi in una gabbia:

ma sei poeta, e la paura mia

è che me schiaffi in una poesia.

 

È un pezzo che ce scocci co' li trilli!

Per te, l'ucelli, fanno solo questo:

chiucchiù, ciccì, pipì... Te pare onesto

de facce fa la parte d'imbecilli

senza capì nemmanco una parola

de quello che ce sorte da la gola?

 

Nove vorte su dieci er cinguettio

che te consola e t'arillegra er core

nun è pe' gnente er canto de l'amore

o l'inno ar sole, o la preghiera a Dio:

ma solamente la soddisfazzione

d'avè fatto una bona diggestione.

 
La violetta e la farfalla

 

 

Una vorta, ‘na Farfalla

mezza nera e mezza gialla,

se posò su la Viola

senza manco salutalla,

senza dije ‘na parola.

La Viola, dispiacente

d’esse tanto trascurata,

je lo disse chiaramente:

- Quanto sei maleducata!

M’hai pijato gnente gnente

Per un piede d’insalata?

Io so’ er fiore più grazzioso,

più odoroso de ‘sto monno,

so’ ciumaca e nun ce poso,

so’ carina e m’annisconno.

Nun m’importa de ‘sta accanto

a l’ortica e a la cicoria:

nun me preme, io nun ciò boria:

so’ modesta e me ne vanto!

Se so’ fresca, per un sòrdo

vado in mano a le signore;

appassita, so’ un ricordo;

secca, curo er raffreddore…

Prima o poi so’ sempre quella,

sempre bella, sempre bona:

piacio all’ommini e a le donne,

a qualunque sia persona.

Tu, d’artronne, sei ‘na bestia,

nun capischi certe cose… -

La Farfalla j’arispose:

- Accidenti, che modestia!

 

L'onestà de mi' nonna

Quanno che nonna mia pijò marito

nun fece mica come tante e tante

che doppo un po' se troveno l'amante...

Lei, in cinquant'anni, nu' l'ha mai tradito!

 

Dice che un giorno un vecchio impreciuttito

che je voleva fa' lo spasimante

je disse: - V'arigalo 'sto brillante

se venite a pijavvelo in un sito. -

 

Un'antra, ar posto suo, come succede,

j'avrebbe detto subbito: - So' pronta.

Ma nonna, ch'era onesta, nun ciagnede;

 

anzi je disse: - Stattene lontano... -

Tanto ch'adesso, quanno l'aricconta,

ancora ce se mozzica le mano!

 

 

 

 

 

                            L'uguaglianza

Fissato ne l’idea de l’uguajanza

un Gallo scrisse all’Aquila: - Compagna,

siccome te ne stai su la montagna

bisogna che abbolimo ‘sta distanza:

perché nun è né giusto né civile

ch’io stia fra la monnezza d’un cortile,

ma sarebbe più commodo e più bello

de vive’ ner medesimo livello. -

 

L’Aquila je rispose: - Caro mio,

accetto volentieri la proposta:

volemo fa’ amicizzia? So’ disposta:

ma nun pretenne’ che m’abbassi io.

Se te senti la forza necessaria

spalanca l’ale e viettene per aria:

se nun t’abbasta l’anima de fallo

io seguito a fa’ l’Aquila e tu er Gallo.

 

- Che superbia che cià! Chi sarà mai!

- disse er Gallo seccato de la cosa -

Lei nun se vô abbassà’! Brutt’ambizziosa!

L’ommini, in questo qui, so’ mejo assai.

Conosco, infatti, un nobbile romano

che a casa se dà l’aria d’un sovrano:

ma se je serve la democrazzia

lassa er palazzo e corre all’osteria.

 
Er Somaro e el Leone

Un Somaro diceva: - Anticamente,

quanno nun c'era la democrazzia,

la classe nostra nun valeva gnente.

Mì nonno, infatti, per avé raggione

se coprì cò la pelle d'un Leone

e fu trattato rispettosamente.

 

- Sò cambiati li tempi, amico caro:

- fece el Leone - ormai la pelle mia

nun serve più nemmeno da riparo.

Oggi, purtroppo, ho perso l'infruenza,

e ogni tanto sò io che pe' prudenza

me copro cò la pelle de somaro!

 
La Ranocchia ambizziosa

Una Ranocchia aveva visto un Bove.

- Oh! - dice - quant'è grosso! quant'è bello!

S'io potesse gonfiamme come quello

me farebbe un bel largo in società...

Je la farò? chissa?

Basta... ce proverò. -

Sortì dar fosso e, a furia de fatica,

s'empì de vento come 'na vescica,

finchè nun s'abbottò discretamente;

ma, ammalappena je rivenne in mente

quela ranocchia antica

che volle fa' lo stesso e ce schiattò,

disse: - Nun è possibbile ch'io possa

diventà come lui: ma che me frega?

A me m'abbasta d'esse la più grossa

fra tutte le ranocchie de la Lega...

 
Invidia

Su li stessi scalini de la chiesa

c'è uno sciancato cò la bussoletta

e una vecchia cò la mano stesa.

 

Ogni minuto lo sciancato dice:

- Moveteve a pietà d'un infelice

che sò tre giorni che nun ha magnato... -

E la vecchia barbotta: - Esaggerato!

 
La Poesia

 

 

 

 

 

 

Appena se ne va l'urtima stella

e diventa più pallida la luna

c'è un Merlo che me becca una per una

tutte le rose de la finestrella:

s'agguatta fra li rami de la pianta,

sgrulla la guazza, s'arinfresca e canta.

 

L'antra matina scesi giù dar letto

co' l'idea de vedello da vicino,

e er Merlo furbo che capì el latino

spalancò l'ale e se n'annò sur tetto.

- Scemo! - je dissi - Nun t'acchiappo mica...-

E je buttai du' pezzi de mollica.

 

- Nun è - rispose er Merlo - che nun ciabbia

fiducia in te, ché invece me ne fido:

lo so che nu m'infili in uno spido,

lo so che nun me chiudi in una gabbia:

ma sei poeta, e la paura mia

è che me schiaffi in una poesia.

 

È un pezzo che ce scocci co' li trilli!

Per te, l'ucelli, fanno solo questo:

chiucchiù, ciccì, pipì... Te pare onesto

de facce fa la parte d'imbecilli

senza capì nemmanco una parola

de quello che ce sorte da la gola?

 

Nove vorte su dieci er cinguettio

che te consola e t'arillegra er core

nun è pe' gnente er canto de l'amore

o l'inno ar sole, o la preghiera a Dio:

ma solamente la soddisfazzione

d'avè fatto una bona diggestione

 
Demolizzione

Stanotte, ner rivede casa mia

mezza buttata giuù, m'ha fatto pena.

Er mignanello se distingue appena,

le scale, la cucina... tutto via!

 

Tutto quer vôto de malinconia

illuminato da la luna piena

me faceva l'effetto d'una scena

d'un teatrino senza compagnia.

 

E, lì, me so' rivisto da regazzo

quann'abbitavo in quela catapecchia

ch'era, per me, più bella d'un palazzo.

 

Speranze, dubbi, lagrime, singhiozzi...

quanti ricordi in una casa vecchia!

Ma quanti sorci e quanti bagarozzi!

 
La lucciola

La Luna piena minchionò la Lucciola:

- Sarà l'effetto de l'economia,

ma quer lume che porti è deboluccio...

- Si - disse quella - ma la luce è mia!

 
La politica

Ner modo de pensà c'è un gran divario:

mi' padre è democratico cristiano,

e, siccome è impiegato ar Vaticano,

tutte le sere recita er rosario;

 

de tre fratelli, Giggi ch'er più anziano

è socialista rivoluzzionario;

io invece so' monarchico, ar contrario

de Ludovico ch'è repubbricano.

 

Prima de cena liticamo spesso

pe' via de 'sti principî benedetti:

chi vò qua, chi vò là... Pare un congresso!

 

Famo l'ira de Dio! Ma appena mamma

ce dice che so' cotti li spaghetti

semo tutti d'accordo ner programma.

 
L'orloggio cór cuccù

È un orloggio de legno

fatto con un congegno

ch'ogni mezz'ora s'apre uno sportello

e s'affaccia un ucello a fa' cuccù.

Lo tengo da trent'anni a capo al letto

e m'aricordo che da regazzetto

me divertiva come un giocarello.

M'incantavo a guardallo e avrei voluto

che l'ucelletto che faceva er verso

fosse scappato fòra ogni minuto...

Povero tempo perso!

Ogni tanto trovavo la magnera

de faje fa' cuccù per conto mio,

perchè spesso ero io

che giravo la sfera,

e allora li cuccù

nun finiveno più.

 

Mó l'orloggio cammina come allora:

ma, quanno vede lo sportello aperto

co' l'ucelletto che me dice l'ora,

nun me diverto più, nun me diverto...

Anzi me scoccia, e pare che me dia

un'impressione de malinconia...

E puro lui, der resto,

nun cià più la medesima allegria:

lavora quasi a stento,

o sorte troppo tardi e troppo presto

o resta mezzo fòra e mezzo drento:

e quer cuccù che me pareva un canto

oggi ne fa l'effetto d'un lamento.

Pare che dica: - Ar monno tutto passa,

tutto se logra, tutto se sconquassa:

se suda, se fatica,

se pena tanto, eppoi...

Cuccù, salute a noi!

 
Matina abbonora

Doppo una notte movimentatella

ritorno a casa che s'è fatto giorno.

Già s'apreno le chiese; l'aria odora

de matina abbonora e scampanella.

Sbadijo e fumo: ciò l'idee confuse

e la bocca più amara de l'assenzio.

Casco dar sonno. Le persiano chiuse

coll'occhi bassi guardeno in silenzio.

Solo m'ariva, da lontano assai,

er ritornello d'una cantilena

de quela voce che nun scordo mai:

- Ritorna presto, sai?

Sennò me pijo pena...

 

E vedo una vecchietta

che sospira e n'aspetta.

 
La Pace

Un omo aprì er cortello e domandò a l'olivo:

"Te dispiace de damme un ramoscello,

simbolo della pace?

No... no... disse l'olivo_ nun scherzamo!

Perché ho veduto, in più d'un' occasione,

ch'er ramoscello è diventato un ramo

e er simbolo... un bastone.

 
La ninna nanna de la guerra
 

 

Farfarello

 

Guglielmo 2° (1859–1941), imperatore di Prussia e Germania

 

Francesco Giuseppe 1° d'Austria

 

Vittorio Emanuele 2° di Savoia

Ninna nanna, nanna ninna,

er pupetto vô la zinna:

dormi, dormi, cocco bello,

sennò chiamo Farfarello

Farfarello e Gujrmone (1 - 2)

Gujermone e Ceccopeppe (3)

che se regge co' le zeppe,

co' le zeppe d'un impero

mezzo giallo e mezzo nero.

 

Ninna nanna, pija sonno

ché se dormi nun vedrai

tante infamie e tanti guai

che succedeno ner monno

fra le spade e li fucilli

de li popoli civilli...

 

Ninna nanna, tu nun senti

li sospiri e li lamenti

de la gente che se scanna

per un matto che commanna;

che se scanna e che s'ammazza

a vantaggio de la razza...

o a vantaggio d'una fede

per un Dio che nun se vede,

ma che serve da riparo

ar Sovrano macellaro. (4)

 

Ché quer covo d'assassini

che c'insanguina la terra

sa benone che la guerra

è un gran giro de quatrini

che prepara le risorse

pe' li ladri de le Borse.

 

Fa' la ninna, cocco bello,

finché dura 'sto macello:

fa' la ninna, ché domani

rivedremo li sovrani

che se scambieno la stima

boni amichi come prima.

So' cuggini (5) e fra parenti

nun se fanno comprimenti:

torneranno più cordiali

li rapporti personali.

 

E riuniti fra de loro

senza l'ombra d'un rimorso,

ce faranno un ber discorso

su la Pace e sul Lavoro

pe' quer popolo cojone

risparmiato dar cannone!

1) Farfarello: diavolo di antica tradizione popolare: l'unico, tra quelli che compaiono nella Divina Commedia, che non sia stato inventato da Dante 

2) Gujermone: Guglielmo 2° (1859–1941), imperatore di Prussia e Germania. Reazionario e militarista, è considerato fra i principali responsabili dell'inizio della prima guerra mondiale.

3) Ceccopeppe: Francesco Giuseppe 1° d'Austria, in Italia chiamato Cecco Beppe. Con la sua aggressione alla Serbia diede l'avvio alla guerra. 

4) sovrano macellaro: probabilmente è da intendersi in senso generale, e non come allusione al re d'Italia (Vittorio Emanuele 2° di Savoia), i cui rapporti con la Chiesa all'epoca erano pessimi (era stato scomunicato insieme a tutti i membri del Parlamento italiano).

5) cuggini: Francesco Giuseppe e Vittorio Emanuele erano doppiamente cugini di secondo grado, avendo in comune quattro bisnonni

 
Pappagallo ermetico

Un Pappagallo recitava Dante:

"Pape Satan, pape Satan aleppe...".

Ammalappena un critico lo seppe

corse a sentillo e disse: - È impressionante!

Oggiggiorno, chi esprime er su' pensiero

senza spiegasse bene, è un genio vero:

un genio ch'è rimasto per modestia

nascosto ner cervello d'una bestia.

 

Se vôi l'ammirazzione de l'amichi

nun faje capì mai quelo che dichi.

 
La verità

La Verità che stava in fonno ar pozzo

Una vorta strillò: - Correte, gente,

Chè l’acqua m’è arivata ar gargarozzo! -

La folla corse subbito

Co’ le corde e le scale: ma un Pretozzo

Trovò ch’era un affare sconveniente.

- Prima de falla uscì - dice - bisogna

Che je mettemo quarche cosa addosso

Perchè senza camicia è ‘na vergogna!

Coprimola un po’ tutti: io, come prete,

Je posso dà’ er treppizzi, ar resto poi

Ce penserete voi...

 

- M’assoccio volentieri a la proposta

- Disse un Ministro ch’approvò l’idea. -

Pe’ conto mio je cedo la livrea

Che Dio lo sa l’inchini che me costa;

Ma ormai solo la giacca

È l’abbito ch’attacca. -

 

Bastò la mossa; ognuno,

Chi più chi meno, je buttò una cosa

Pe’ vedè’ de coprilla un po’ per uno;

E er pozzo in un baleno se riempì:

Da la camicia bianca d’una sposa

A la corvatta rossa d’un tribbuno,

Da un fracche aristocratico a un cheppì.

 

Passata ‘na mezz’ora,

La Verità, che s’era già vestita,

S’arrampicò a la corda e sortì fôra:

Sortì fôra e cantò: - Fior de cicuta,

Ner modo che m’avete combinata

Purtroppo nun sarò riconosciuta!

 
 

Felicità

 

« C'è un ape che se posa su un bottone di rosa:
lo succhia e se ne va…
Tutto sommato, la felicità
è una piccola cosa. »

(Trilussa, Felicità)

 

 
 

L'ingiustizzie der monno

 

Quanno che senti di' ''cleptomania''
è segno ch'è un signore ch'ha rubbato:
er ladro ricco è sempre un ammalato
e er furto che commette è una pazzia.
Ma se domani è un povero affamato
che ruba una pagnotta e scappa via
pe' lui nun c'è nessuna malattia
che j'impedisca d'esse condannato!
Così va er monno! L'antra settimana
che Teta se n'agnede còr sartore
tutta la gente disse: - È una puttana. -
Ma la duchessa, che scappò in America
còr cammeriere de l'ambasciatore,
- Povera donna! - dissero - È un'isterica!...

 
 

Li vecchi

 

Certi Capretti dissero a un Caprone:
- Che belle corna! Nun se so' mai viste!
Perchè te so' cresciute a tortijone?
- Questo è un affare che saprete poi...
- disse er Caprone - Chè, se Iddio v'assiste,
diventerete becchi pure voi.

 

 
 

La Dipromazzia

 

Naturarmente, la Dipromazzia
è una cosa che serve a la nazzione
pe' conservà le bone relazzione,
co' quarche imbrojo e quarche furberia.

Se dice dipromatico pe' via
che frega co' 'na certa educazzione,
cercanno de nasconne l'opinione
dietro un giochetto de fisonomia.

Presempio, s'io te dico chiaramente
ch'ho incontrato tu' moje con un tale,
sarò sincero, sì, ma so' imprudente.

S'invece dico: - Abbada co' chi pratica...
Tu resti co' le corna tale e quale,
ma te l'avviso in forma dipromatica.

 
 

Er carattere

 

Un Rospo uscì dar fosso
e se la prese còr Camaleonte:
- Tu - ciai le tinte sempre pronte:
quanti colori che t'ho visto addosso!
L'hai ripassati tutti! Er bianco, er nero,
er giallo, er verde, er rosso...
Ma che diavolo ciai drent'ar pensiero?
Pari l'arcobbaleno! Nun c'è giorno
che nun cambi d'idea,
e dài la tintarella a la livrea
adatta a le cose che ciai intorno.
Io, invece, èccheme qua! So' sempre griggio
perchè so' nato e vivo in mezzo ar fango,
ma nun perdo er prestiggio.
Forse farò ribrezzo,
ma so' tutto d'un pezzo e ce rimango!
- Ognuno crede a le raggioni sue:
- disse er Camaleonte - come fai?
Io cambio sempre e tu nun cambi mai:
credo che se sbajamo tutt'e due

 

 
 

All'ombra

Mentre me leggo er solito giornale
spaparacchiato all'ombra d'un pajaro
vedo un porco e je dico: - Addio, majale! -
vedo un ciuccio e je dico: - Addio, somaro! -

Forse 'ste bestie nun me capiranno,
ma provo armeno la soddisfazzione
de potè di' le cose come stanno
senza paura de finì in priggione.

 

 
 

Nummeri

 

Conterò poco, è vero:
- diceva l'Uno ar Zero -
ma tu che vali? Gnente: propio gnente.
sia ne l'azzione come ner pensiero
rimani un coso vôto e inconcrudente.
Io, invece, se me metto a capofila
de cinque zeri tale e quale a te,
lo sai quanto divento? Centomila.
È questione de nummeri. A un dipresso
è quello che succede ar dittatore
che cresce de potenza e de valore
più so' li zeri che je vanno appresso.

 
 

L'agnello infurbito

 

Un lupo che beveva in un ruscello
vidde, dall' antra parte de la riva,
l' immancabbile Agnello.
-Perché nun venghi qui? - je chiese er Lupo -
L' acqua , in quer punto, é torbida e cattiva
e un porco ce fa spesso er semicupo.
Da me, che nun ce bazzica er bestiame,
er ruscelletto é limpido e pulito... -
L' Agnello disse: - Accetterò l' invito
quanno avrò sete e tu nun avrai fame.

 
 

Romanità

 

Un giorno una Signora forastiera,
passanno còr marito
sotto l' arco de Tito,
vidde una Gatta nera
spaparacchiata fra l' antichità.

-Micia che fai?- je chiese: e je buttò;
un pezzettino de biscotto ingrese;
ma la Gatta, scocciata, nu' lo prese:
e manco l' odorò.
Anzi la guardò male
e disse con un' aria strafottente:
Grazzie, madama, nun me serve gnente:
io nun magno che trippa nazzionale!

 
 

Questione di razza

 

-Che cane buffo! E dove l' hai trovato? -
Er vecchio me rispose: - é brutto assai,
ma nun me lascia mai: s' é affezzionato.
L' unica compagnia che m' é rimasta,
fra tanti amichi, é sto lupetto nero:
nun é de razza, é vero,
ma m' é fedele e basta.
Io nun faccio questioni de colore:
l' azzioni bone e belle
vengheno su dar core
sotto qualunque pelle.

 
 

L'omo e la scimmia

L' Omo disse a la Scimmia:
-Sei brutta , dispettosa:
ma come sei ridicola!
ma quanto sei curiosa!
Quann' io te vedo, rido:
rido nun se sa quanto!...

La Scimmia disse : - Sfido!
T' arissomijo tanto!

 

Er leone riconoscente

Ner deserto dell' Africa, un Leone
che j' era entrato un ago drento ar piede,
chiamò un Tenente pe' l' operazzione.
- Bravo! - je disse doppo - lo t' aringrazzio:
vedrai che sarò riconoscente
d' avemme libberato da ' sto strazio;
qual' é er pensiere tuo? d' esse promosso?
Embè, s' io posso te darò ' na mano... -
E in quella notte istessa
mantenne la promessa
più mejo d' un cristiano;
ritornò dar Tenente e disse: - Amico,
la promozzione é certa, e te lo dico
perché me so' magnato er Capitano.

 
 

La cartomante


-- Per fare le carte quanto chiedi?
-- Cinque lire. -- Ecco qui; bada però
che mi devi dire la pura verità...
-- Non dubitate, ve la dirò.

Voi avete un amico che vi vuole
imbrogliare negli affari. -- È impossibile
perché affari adesso non ne faccio.
-- Vostra moglie vi inganna. -- Ma va' là!

Sono vedovo da tempo immemorabile!
-- Vi riammogliate. -- E togliti di qui!
Ci son cascato e non ci casco più!

 

Vedo sul fante un certo non so che...
Vi sono state rubate... -- Oh questo sì:
la cinque lire che ho dato a te.

 
 

Lisetta con il signorino

 

Su, mi faccia stirare la biancheria,
dia confidenza a chi le pare e piace:
non mi faccia adirare, mi lasci in pace:
la finisca, signorino, vada via...

Che gran birbante, mamma mia.
No, tolga quella mano, mi dispiace,
altrimenti la brucio, badi che ne sono capace...
Dio, che forza ha! Gesù e Maria!

Un bacio?.. È matto! No, o chiamo gente:
me lo vuole dare per amore o per forza!
Eh! Ce l'ha fatta! Quanto è prepotente!

Però... Te n'è costata di fatica!
Dimmi la verità, con le signore
Questa resistenza non la incontri mica!

 

 
 

Il principe rivoluzionario

 

"parla il cameriere"
Quando tiene i discorsi, è vero,
è rivoluzionario, lo ammetto:
ma quando non parla cambia aspetto,
diventa di tutt'altro umore.

È a casa che avviene il cambiamento:
povero me, se manco di rispetto!
o se nel dargli un foglio non lo metto
come vuole lui, nel vassoio d'argento!

Ti basti questo: quando va in campagna
a tenere le conferenze nei comizi
sua moglie la chiama: la compagna.

La compagna? Benissimo: ma allora
perché con le persone di servizio
continua a chiamarla: la mia signora?

 
 

L'eroe al caffè


È stato al fronte, sì, ma col pensiero,
però ti dà le spiegazioni esatte
delle battaglie che non ha mai fatte,
come vi fosse stato per davvero.

Dovresti vedere come combatte
nelle trincee d'Aragno  ! Che guerriero!
Tre sere fa , per prendere il Montenero,
ha rovesciato il bricco del latte!

Col suo sistema di combattimento
trova ch'è tutto facile: va a Pola,
entra a Trieste e ti bombarda Trento.

Spiana i monti, sfonda, spara, ammazza...
-- Per me -- borbotta -- c'è una strada sola...
E intinge i biscotti nella tazza.

 
 

 

 

Le bestie e il crumiro

 

Una volta un vecchio cavallo
che ogni tanto cadeva per strada
scioperò per costringere il Padrone
a concedergli più fieno e più biada:
ma il Padrone s'accorse del tiro
e pensò di prendersi un crumiro.

Chiamò il Mulo, ma il Mulo rispose:
-- Mi dispiace, ma proprio non posso:
se faccio queste cose, Dio ci scampi,
i cavalli mi saltano addosso...--
Il Padrone, per metter riparo,
fu costretto a ricorrere al Somaro.

-- È impossibile che tradisca un compagno:--
disse l'Asino -- sono amico del Mulo,
e anch'io, come lui, se non mangio
tiro calci, m'impunto e rinculo...
Come vuoi che non sia solidale
Se abbiamo lo stesso ideale?

Chiama l'Uomo, certo che quello
fa il crumiro con vera passione:
per un soldo si vende il fratello,
per due soldi va dietro al padrone,
finché un giorno tradisce e rinnega
il fratello, il padrone e la Lega.

 
La gratitudine

 

 

 

Mentre magnavo un pollo, er Cane e er Gatto

pareva ch'aspettassero la mossa

dell'ossa che cascaveno ner piatto.

E io, da bon padrone,

facevo la porzione,

a ognuno la metà:

un po' per uno, senza

particolarità.

 

Appena er piatto mio restò pulito

er Gatto se squajò. Dico: - E che fai?

- Eh, - dice - me ne vado, capirai,

ho visto ch'hai finito... -

 

Er Cane invece me sartava al collo

riconoscente come li cristiani

e me leccava come un francobbollo.

- Oh! Bravo! - dissi - Armeno tu rimani! -

Lui me rispose: - Si, perché domani

magnerai certamente un antro pollo!

 
 

Il testamento di un albero


Un Albero di un bosco
chiamò gli uccelli e fece testamento:
-- Lascio i fiori al mare,
lascio le foglie al vento,
i frutti al sole e poi
tutti i semi a voi.
A voi, poveri uccelli,
perché mi cantavate le canzoni
nella bella stagione.
E voglio che gli sterpi,
quando saranno secchi,
facciano il fuoco per i poverelli.
Però vi avviso che sul mio tronco
c'è un ramo che dev'essere ricordato
alla bontà degli uomini e di Dio.
Perché quel ramo, semplice e modesto,
fu forte e generoso: e lo provò
il giorno che sostenne un uomo onesto
quando ci si impiccò.

 

 
 

Avarizia


Ho conosciuto un vecchio
ricco, ma avaro: avaro a un punto tale
che guarda i soldi nello specchio
per veder raddoppiato il capitale.

Allora dice: -- Quelli li do via
perché ci faccio la beneficenza;
ma questi me li tengo per prudenza... --
E li ripone nella scrivania.

 
 

Ira

Lidia, che è nevrastenica,
quando litighiamo per un nonnulla
è capace di darsi i pugni in testa, apposta
perché lo sa che questo mi dispiace.

Io le dico: -- Stai buona, amore mio,
altrimenti ti fai male, cuore santo... --
Ma lei però fa peggio, fino a quando
non glie ne do qualcuno pure io.

 
 

 

La spada e il coltello


Un vecchio coltello
diceva alla Spada:
-- Ferisco e sbudello
la gente di strada,
e il sangue che verso
da quelle ferite
diventa un fattaccio,
diventa una lite...--

Rispose la Spada:
-- Io pure sbudello,
ma faccio queste cose
soltanto in duello,
e quando la lama
la usa il signore
la lite si chiama
partita d'onore!

 

 
 

L'incontentabilità

 

Dio prese il fango dal pantano
modellò un pupazzo e gli soffiò sul viso.
Il pupazzo si mosse all'improvviso
e venne fuori subito l'uomo
che aprì gli occhi e si trovò nel mondo
come uno che si svegli da un gran sonno.

-- Quello che vedi è tuo -- gli disse Dio --
e lo potrai sfruttare come ti pare:
ti do tutta la Terra e tutto il Mare,
meno che il Cielo, perché quello è mio...
-- Peccato! -- disse Adamo -- È tanto bello...
Perché non mi regali anche quello?

 
 

Er compagno scompagno

 

« Io che conosco bene l'idee tue
so' certo che quer pollo che te magni,
se vengo giù, sarà diviso in due:
mezzo a te, mezzo a me...Semo compagni

No, no - rispose er Gatto senza core -
io non divido gnente co' nessuno:
fo er socialista quanno sto a diggiuno,
ma quanno magno so' conservatore »

 
 

La cicala e la formica

 

Una Cicala che pijava er fresco
All'ombra der grispigno e de l'ortica
Pe' dà' la cojonella a 'na Formica
Canto 'sto ritornello romanesco:
-Fiore de pane,
lo me la godo, canto e sto benone,
E invece tu fatichi come un cane.
Eh! da quì ar bervedè' ce corre poco:
- Rispose la Formica-
Non t'hai da crede' mica
Ch'er sole scotti sempre come er foco!
Ammomenti verrà la tramontana:
Commare, stacce attenta...
Quanno venne l'inverno
La Formica se chiuse ne la tana,
Ma ner sentì' che la Cecala amica
Seguitava a cantà' tutta contenta,
Uscì fora e je disse: -Ancora canti?
Ancora nu' la pianti?
Io? - fece la Cecala - manco a dillo,
Quer che facevo prima faccio adesso:
Mò ciò l'amante: me mantiè quer grillo
Che 'sto giugno me stava sempre appresso
Che dichi ? l'onestà ? Quanto sei cicia!
M'aricordo mi nonna che diceva:
Chi lavora cià appena una camicia,
E sai chi ce n'ha due.? Chi se la leva.

 

 
 

Er ministro novo

Guardelo quant'è bello! Dar saluto

pare che sia una vittima e che dica:

- Io veramente nun ciambivo mica;

è stato proprio el Re che l'ha voluto! -

 

Che faccia tosta, Dio lo benedica!

Mó dà la corpa ar Re, ma s'è saputo

quanto ha intrigato, quanto ha combattuto...

Je n'è costata poca de fatica!

 

Mó va gonfio, impettito, a panza avanti:

nun pare più, dar modo che cammina,

ch'ha dovuto inchinasse a tanti e tanti...

 

Inchini e inchini: ha fatto sempre un'arte!

Che novità sarà pe' quela schina

de sentisse piegà dall'antra parte!

 

 
Cenni Biografici

Trilussa pseudonimo di Carlo Alberto Salustri (Roma, 26 ottobre 1871 – 21 dicembre 1950) è stato un poeta italiano, noto per le sue composizioni in dialetto romanesco, che riuscì a elevare a lingua letteraria.

 

Dopo un'infanzia poverissima (a tre anni era rimasto orfano del padre), compì studi irregolari e debuttò giovanissimo (1887), con poesiole romanesche, su Il Rugantino di Luigi Zanazzo; più tardi scrisse anche per il Don Chisciotte, il Capitan Fracassa, Il Messaggero e Il Travaso delle idee. Da non dimenticare la famosa "Vispa Teresa".

Di carattere manierato, provinciale e madrigalesco è il primo volume di versi, Le Stelle de Roma (1889) che si attirò gli strali di Filippo Chiappini, vecchio amico di famiglia e poeta romanesco di un certo valore; poi la sua vena, prevalentemente satirica, andò via via affinandosi, trovando la misura più congeniale nel bozzetto di costume e nella favola moraleggiante di ascendenza esopiana: Quaranta sonetti (1895), Favole romanesche (1900), Caffè concerto (1901), Er serrajo (1903), Ommini e bestie (1908), Le storie (1915), Lupi e agnelli (1919), Le cose (1922), La gente (1927) e molte altre. Nel 1922 la Mondadori iniziò la pubblicazione di tutte le raccolte. Divenne famoso ma fu quasi sempre assillato da problemi economici, Frequentò i "salotti" nel ruolo di poeta-commentatore del fatto del giorno. Trilussa si rifiutò di prendere la tessera, ma preferì definirsi un non fascista piuttosto che un antifascista.

Con un linguaggio arguto, appena increspato dal dialetto borghese, Trilussa ha commentato circa cinquant'anni di cronaca romana e italiana, dall'età giolittiana agli anni del fascismo e a quelli del dopoguerra. La corruzione dei politici, il fanatismo dei gerarchi, gli intrallazzi dei potenti sono alcuni dei suoi bersagli preferiti.

Trilussa fu il terzo grande poeta dialettale romano comparso sulla scena dal XIX secolo in poi: se Belli con il suo realismo espressivo prese a piene mani la lingua degli strati più popolari per farla confluire in brevi icastici sonetti, invece Pascarella propose la lingua del popolano dell'Italia Unita che aspira alla cultura e al ceto borghese inserita in un respiro narrativo più ampio, infine Trilussa ideò un linguaggio ancora più prossimo all'italiano nel tentativo di portare il vernacolo del Belli verso l'alto. Trilussa alla Roma popolana sostituì quella borghese, alla satira storica l'umorismo della cronaca quotidiana.

Ma la satira politica e sociale, condotta d'altronde con un certo scetticismo qualunquistico, non è l'unico motivo ispiratore della poesia trilussiana: frequenti sono i momenti di crepuscolare malinconia, la riflessione sconsolata, qua e là corretta dai guizzi dell'ironia, sugli amori che appassiscono, sulla solitudine che rende amara e vuota la vecchiaia (i modelli sono, in questo caso, Lorenzo Stecchetti e Guido Gozzano).

La chiave di accesso e di lettura della satira del Trilussa si trovò nelle favole. Come gli altri favolisti, ache lui insegnò o suggerì, ma la sua morale non fu mai generica e vaga, bensì legata ai commenti, quasi in tempo reale, dei fatti della vita. Non si accontentò della felice trovata finale, perseguì il gusto del divertimento per sè stesso già durante la stesura del testo e ovviamente anche del lettore a cui il prodotto veniva indirizzato.

Personaggio popolarissimo, Trilussa visse di proventi editoriali e di collaborazioni giornalistiche: era anche un efficace dicitore dei suoi versi, e come lettore di poesia fece lunghe tournée in Italia e all'estero. La raccolta di Tutte le poesie uscì postuma, nel 1951, a cura di Pietro Pancrazi, e con disegni dell'autore.

Il Presidente della Repubblica Luigi Einaudi nominò Trilussa senatore a vita il 1° dicembre 1950, venti giorni prima che morisse; già da tempo malato, e presago della fine imminente, ma con immutata ironia, il poeta commentò: "M'hanno nominato senatore a morte".

Tratto da Wikipedia