Partecipiamo.it...vai alla home page

Se Vedemo!

Cose romane viste da Gigi

 

 
 
GIGI
 

Er viaggiatore e chi forze s’affaccia
drentro a sto sito, ‘ndo io me confido,
nun creda che ce metto anche la faccia,
che pare seria anche mentre rido.

Io pe nun piagne sparo ‘na fregnaccia,
tiro frecce, ma senza esse Cupido,
me diverto a favve ‘na linguaccia,
anzi un “verzaccio”. Che poi condivido.

Chi scrive sa che recita ‘na parte.
è su la scena, porta er mascherone,
ciò che afferma, sippuro su le carte,

in fonno è solo scritto ner copione.
E, sarvognuno, uso un nome d’arte,
pe evità l’insurti o la priggione.

 
 
 
 
POCHE, SCERTE, PAROLE
 

Vorebbe avecce l’ali pe volà
senza pagà er bijetto in aeroprano.
O esse un pesce pe potè notà,
senza la nave, senza er capitano.

E annammene da sola in libertà:
annà sempricemente più lontano,
senza radici, ne l’immenzità
d’un monno sconosciuto, anche si umano,

ch’esiste solo ne la testa mia.
Indò se vive bene e se sta ‘n pace.
Chi è prepotente viè cacciato via

e chi è cretino viè zittito e tace.
E ner silenzio, forze è ‘n’utopia,
se dice solo quer che è efficace.

 
 
Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.
 
 
OGNUNO STA SOLO...
 

Semo soli a sto monno, nun c’è verzo,
semo miliardi, troppi, tuttavia,
chi ce sta accanto è sempre ‘n’io diverzo.
Ognuno è uno. Che malinconia.

Stamo asseme ner mezzo a l’universo,
ma er penziero, sippuro in sintonia,
ne le parole spesso viè disperzo.
Er nocciolo ce sfugge e scappa via.

Er sole ce trafigge e nun ce scalla,
anche si abbrucia e fonne quele ali
che voressimo avè pe restà a galla

pe sollevacce sopra a li mortali.
Avecce er core come ‘na farfalla
che vive ‘n giorno, ma senz’artri mali.

 
 
Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.
 
 
AUGURI !
(a modo mio)
 

NATALE

  

Natale è la fiaba de chi ha fede,

sò li rigali pe li bimbi boni,

la festa ‘ndove tutto pò succede,

ma solo ne li film li più piagnoni.

 

Ce sò tappeti rossi ar marciapiede,

doppi stipenni, tranne a l’accattoni,

vacanze su la neve o p’annà a vede

posti lontani, ‘n cerca d’emozzioni.

 

E ogn’anno s’aripete, stesso rito,

frenesia de conzumi: tutti a spenne

p’aritrovasse poi, quanno è finito,

 

senza più sòrdi. E tutto ch’ariprenne

peggio de prima. L’arbero stecchito

se butta. Quarche rigalo s’arivenne.

 
 
Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.
 
 
SETTEMBRE
 

Sto mese è er richiamo a li doveri:

sona la campanella de la scola,

riapreno l’uffici, li cantieri,

casa-lavoro, la solita spola.

 

Finite le vacanze, li piaceri

der nun fà gnente, de peccà de gola,

stanchi de divertisse fino a ieri,

tornà ar lavoro a vorte ariconsola.

 

No? Nun a tutti? E’ vero, so’ d’accordo.

Però l’anno è così, nun ce sò santi:

ce sta er tempo pe fà quarche bagordo,

 

poi ariveno li giorni più pesanti.

Le vacanze divengheno ‘n ricordo,

la vita, come ar solito, va avanti.

 
 
Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.
 
 
MADRELINGUA
   

Che serve d’imparasse l’italiano?

Se deve da parlà come se magna.

Quinni mejo parlà come a Milano:

Bossi ne l’Arno certo nun s’abbagna.

 

La Lega pare dì: famolo strano:

ogni minuto parte ‘na campagna.

Esami de dialetto, ma padano,

perché sortanto lì c’è la cuccagna.

 

Eppoi le fiction: quanno le guardate,

pe rennele ancora più perfette,

famole tutte sottotitolate.

 

In bergamasco. Eppuro le dirette.

E l’italiano? Quelo lo trovate

a la paggina sette sette sette.

   
   
Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.
   
   
NUN SO’ ( ancora) SANTO
   

Io so’ n’omo potente, de bon gusto,

so’ elegante, so’ bravo, in più so’ ricco.

quer che pe voi è sbajato, pe me è giusto

e quanno vedo ‘n buco me ce ficco.

 

D’artronne, co le cure, so’ ‘n ber fusto:

l’arzabandiera nun me va mai a picco.

A criticamme ce prennete gusto?

Ma io me ne strafotto, anzi: ammicco!

 

E’ tutt’invidia: sete poveracci.

Io scopo chi me pare e me ne vanto,

a voi ve manno solo a li mortacci:

 

ve piaceresse potè fà artrettanto!

Tanto nun c’è nisuno che me cacci:

puro si nun lo so’, me fanno santo.

   
   
Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.
   
   
COSI’ VA ER MONNO: L’EUROPA
   
   

Così va er monno. Doppo l’elezzioni

potemo vede qual’è er risurtato

de mette ‘nzieme tutte le nazzioni

come si fusse tutto un solo stato.

 

Peccarità: lodevoli intenzioni!

Ma chi vive e lavora indove è nato

nun vo sentì parlà de concessioni

ar vicino. E’ ben determinato

 

a fasse solo l’interessi sua,

ar massimo de li connazzionali

e manco queli si sò più de dua.

 

Quinni nu va a votà li libberali,

anzi nemmanco vota: “Taccitua

a l’Europa e a tutti l’ideali!”

 
 
Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.
 
 
GIUGNO
(Ar lido)
 

Solo li pupi, a giugno, e chi è ‘n penzione

ponno annà ar mare e lassà la città.

Li nonni stanno sotto l’ombrellone,

la pipinara ‘ntorno a schiamazzà.

 

Passeno scarzi senza interuzzione

ambulanti dicenno: vo cumprà?

Collane, occhiali... La contrattazzione

rompe la noia de chi sta a smiccià.

 

Prima de l’una c’è la ritirata,

torneno a casa co li nipotini:

fa troppo callo, sona l’adunata.

 

Raccorti giocarelli e regazzini,

la riva resta carma e abbannonata

a l’onne, a li gabbiani, a li pattini.

 
 
Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.
 
 
SONETTO QUALUNQUISTA
 

E mo basta! Io me so’ stufata

der modo de parlà de li partiti:

sò secchiate de merda, ma privata,

che nun serve a stanà li più impuniti.

 

Invece de stà affà sta sceneggiata,

volemi esse più seri? Sò finiti

li tempi quanno c’era ‘na crociata

pe fà quarcosa: tutti rammolliti!

 

Se stanno a parlà addosso inutirmente.

Mancheno pochi giorni a l’elezzioni

e noi chi voteremo? N’esponente

 

scerto senza pretese o soluzzioni

utili a li probblemi de la gente.

Me pare ‘na gran massa de ciartroni.

 
 
Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.
 
 
MEA CULPA
 

Ce vorebbe n’idea. N’idea pe fà

de sto paese un posto ‘ndo se vive.

Un posto ‘ndo chi viè ce pò restà

senza elemosinà pe sopravive.

 

Ce vorebbe quarcuno che lo sa

e che propone senza fà invettive,

guardanno a l’artri come umanità

e no come a li sorci ne le stive.

 

Io nun lo so, nun so più che penzà.

Io so’ sortanto una che ve scrive

e che se chiede: quanno finirà?

 

E come finirà. Le aspettative

sò poche. Pò sortanto peggiorà:

anch’io sto a vorte su le difensive.

 
 
Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.
 
 
OTTIMISMO
 

Ce vò poco pe esse n’ottimista:

avecce sordi, salute, faccia tosta,

‘n ber soriso, fatto dar dentista,

e potesse comprà quer che più costa.

 

Anche si poi nun è n’economista,

je basta avecce pronta la risposta.

“Nun semo ‘n crisi”. E’ er punto de vista

de chi se pò permette l’aragosta.

 

Così ciariconsola: è n’impressione

d’avecce fame. Si magnate tanto

ve viè er colesterolo e la pressione

 

pò annà a le stelle a rischio de no schianto.

Tutta salute!   Metà de la nazzione

ce crede e lo fa subbito santo.

 
 
Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.
 
 
VAGONI
 

C’è sta proposta: famo li vagoni

sortanto pe li bianchi. Come in Usa

a li tempi de le segreggazzioni

che a li neri l’entrata era precrusa.

 

Mettemoci immigrati e li barboni,

sta gente che sta qui sortanto escrusa

pe colore, miseria e artre raggioni

che a certi sò purtroppo bona scusa

 

pe dì che j’ànno rotto li cojoni.

Viaggiamo noi seduti e profumati

e l’artri come bestie: nun sò boni.

 

A Milano se sò propio stufati:

ce manca solo che poi sti vagoni

li faccino viaggià puro piombati.

 
 
Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.
 
 
DIVORZIO
 

C’era bisogno d’aspettà trent’anni?

Me chiedo perché nun l’ha fatto prima,

mò ‘nvece lava ‘n piazza li sui panni

e noi tutti a guardà sta pantomima.

 

Puro a noi cià strarotto da ‘n po’ d’anni:

meritanno la nostra disistima.

Ma lei se l’è sposato. Noi, li danni,

si li chiedemo, ciarisponne in rima.

 

A me sta moje nun fa manco pena.

Pe anni nun se sente e nun se vede,

poi se sveja e te fa tutta sta scena.

 

E, stufa de sto vecchio ganimede,

chiede er divorzio e tira la catena.

Ma a noi sta libbertà chi la concede?

 
 
Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.
 
 
LA VENNETTA
 

Alora forze è ‘n atto na vennetta!

Er fatto è che l’omo è ‘n’animale

che da sempre se magna a cotoletta

la mucca, er pollo e puranch’er maiale.

 

D’accordo che a la bocca la forchetta

ce deve infilà er cibbo, ma ‘n finale

c’infila guasi sempre, pe disdetta,

bestie c’ereno vive ar naturale.

 

Mò st’animali forze sò scocciati

d’esse aridotti ar pasto der cristiano.

Noi ce li credevamo abbituati

 

e loro ‘nvece tiè: un virus strano

che ce manna ammorì tutti ammazzati.

Fusse ch’è mejo fà er veggetariano?

 
 
Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.
 
 
ER GI OTTO
 

 Alora, andò lo famo sto G 8?

‘Ndò se piagne: ‘n mezzo a le macerie!

Datosi che le banche han fatto er botto,

ner programma ce sò solo miserie.

 

E alora annamo ‘dò s’è tutto rotto,

’ndò la gente sta pe forza ‘n ferie,

famoje vede er nostro quarantotto

e che noi semo perzoncine serie.

 

Saran felici tutti li sfollati

a vede in faccia tutti li potenti:

machine, sicurezza, delegati...

 

E si la tera batterà li denti?

E li Otto ce finischeno schiacciati?

Saressimo perzino più contenti.

 
 
Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.
 
 
ROMOLO E  REMOLO
 

Roma fu fatta ar ventuno aprile

da ‘n regazzotto, certo Romoletto.

Pe falla fece fori cor badile

er fratello, che stava a fà ‘n dispetto.

 

Essenno ‘n trovatello un po’ inciovile,

cresciuto da na lupa e senza tetto,

decise che voleva fà l’edile

e se mise d’impegno ner proggetto.

 

Bè: fece na città che ancora dura,

che nun je mai piaciuto avè ‘n tiranno

e mal sopporta la nomenklatura.

 

Voressimo ‘n romano su lo scanno

e ‘nvece, come pe canzonatura,

mò ciavemo ‘n tedesco e n’alemanno!

 
 
Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.
 
 
AR PARLAMENTO
 

Troppi li deputati ar parlamento,

la maggior parte sò de boni a gnente,

nun serveno: ce vole ‘n mutamento.

E alora? Rimannamoli ar mittente.

 

Certo! E’ propio furbo st’argomento:

cialiberamo d’un ber po’ de gente

e ce lassamo solo chi è contento

der cavajere. Ogni dissidente

 

verebbe, come dì, eliminato.

E’ scomodo d’avè n’opposizzione:

mettemoce sortanto chi ha votato

 

er nostro eroe. E la contestazzione?

Ha da sparì. Chi aresta? Er su avvocato,

du veline e quarch’artro mascarzone.

 
 
Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.
 
 
ER TRENO
 

Mi nonno, che faceva er feroviere,

ciavrebbe avuto gusto de vedello

guidà quer treno er nostro cavajere,

pe l’occasione puro cor cappello.

 

Mò er treno core come ‘n bersajere,

te costa er doppio, però cià de bello

che sarta le stazzioni ch’è ‘n piacere

e passanoce sona er campanello.

 

Li pennolari? Embè? Chissenefrega.

Semo moderni: solo treni boni

pe gente che a pagà je fa na sega

 

e abbada solo ar lusso dei vagoni.

L’artri, ch’ànno da fà casa e bottega,

ponno viaggià sortanto da zozzoni.

 
 
Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.
 
 
ER VASO
 

Mò basta, stamo fermi e riflettemo:

sto monno pare annà tutt’in malora,

ce sò solo traggedie, stupri... Semo

ar vaso de Cosetta...Sì: Pandora!

 

La tivvù lo scoperchia e noi ciavemo

sortanto ste notizzie a l’urtim’ora:

delitti, incesti, furti... So a lo stremo!

E qui stà er bello, perché propio alora

 

ariva quarcheduno che consola,

promette, te soride, t’ingarbuja,

t’ilude e poi te prenne pe la gola.

 

Va tutto bene, dice mentre intruja

pe rifilatte ‘n culo n’artra sola.

L’opposizzione? Ar massimo farfuja.

 
 
Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.
 
 
SQUADRISTI
 

Ce sò più modi pe passà la notte:

se pò dormì, scopà... O fa la ronna.

Chi cerca n’occasione pe fà a botte

mò nun je pare vero e ce se fionna.

 

Invece de portrì come marmotte,

a difesa e tutela de la donna,

questi gireno come le mignotte

ne la periferia lercia e profonna.

 

Sò tipi tosti, sempre assai incazzati,

decisi de stanà queli ch’a sera,

senza ‘na casa, viveno accampati,

 

e che, si ciàn la faccia puro nera,

hanno da esse tutti giustizziati.

Li pò sarvà sortanto la galera

 
 
Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.
 
 
LAVORA’
 

Me chiedo che vordì de lavorà?

Ce sò tante risposte, tutte bone.

Primo che te conzente de campà

senza dovè fà sempre lo scroccone.

 

Però c’è puro l’eventualità

che stanca, nun è mia sta citazzione,

e ch’ognitanto pò puro accoppà,

ma solo poveracci: ‘n’eccezzione.

 

Nobilita, diceveno ‘na vorta.

Sai er gusto d’esse schiavi titolati!

Pe questo s’inventorno la rivorta.

 

E, tra li detti che se sò nventati, 

 er più bello? Sta scritto su ‘na porta:

“Renne libberi”. Eren deportati.

 
 

Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.

 
 

GIOVINEZZA

 

Er Cavaliere, fortunatamente,

è sempre pronto a dì na barzelletta,

così mò ciaricconta allegramente

che ieri ha chiesto l’anni a na vecchietta.

 

“Ciaveva l’età mia”, dice ridente

“ma nun ve ce penzate a la staffetta:

io me sento un fanciullo, veramente,

e d’invecchià nun ciò nisuna fretta”.

 

A Cavalié! Ma che nun t’aricordi?

Te sei fatto er trapianto co la tinta,

farzi puro li denti co cui mordi,

 

pe nun parlà der liftin de la grinta !

Sta vecchia ‘nvece,  nun tene li sòrdi

pe fasse tutta nova, tutta finta.

 
 

Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.

 
 

Otto Marzo

 

Acchè serve sto ramo de mimosa

rifilato a noi nate co la fica?

Come fusse ‘na cosa portentosa

e nun purtroppo, spesso, ‘na fatica.

 

Checcè da esse poi tant’orgojosa

de ‘na scerta che nun hai fatto mica?

Te dicheno che a vorte è vantaggiosa!

Sta sorfa, come Eva, è troppo antica.

 

E’ inutile staffà sto girotonno:

ce semo puro noi, letterarmente

semo sortanto la metà der monno.

 

L’artra metà so l’ommini: la gente

nata dar nostro drento più profonno.

Senza de noi sarebbeno ‘n ber gnente.

 
 

Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.

 
 

MARZO

 

Se dice che sto mese è pazzarello:

pò essece er sereno oppuro er gelo.

Fiorischeno mimose; c’è l’appello

ar giorno de le donne. Quanto zelo!

 

Un mese de passaggio, a ponticello

tra inverno e primavera. Come ‘n velo

che s’arza pe mostracce a ‘ndovinello

un fiore che pe’ ora è solo stelo.

 

Semo a l’attesa: stamo ad aspettà

che venghino li giorni der risvejo.

Ogn’anno ce sforzamo de sperà.

 

Se pò sognà, se pò puro da svejo,

purché ciaresti armeno libertà

de sceje tra li sogni quer ch’è mejo.

 
 

Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.

 
 

ER  TESTAMENTO

 

De solito noi famo testamento

pe regalà li sordi a li parenti

e, fatti li scongiuri der momento,

cercamo de lassà tutti contenti.

 

Mò che vivemo fino a esaurimento

dovrai da scrive cosa te consenti:

voi brucià d’una morte a foco lento

o provibbì eventuali accanimenti?

 

Nun poi sapè com’è che te ne andrai,

sippuro quanno naschi è già deciso,

mentre che vivi, tu nun ce lo sai.

 

Io vorebbe, ner caso de preaviso

de nun restà pe anni a passà guai.

Falla più corta spesso è un paradiso.
 
 

Il testamento, un atto estremo!!! chi lo fa ha mille ragioni: qualcuno vuole testimoniare un affetto verso persone che gli vogliono e gli hanno voluto bene, altri lo fanno per legare a se, in vita, persone che sono interessate a quello che possono ottenere con quel semplice scritto, altri lo fanno per semplice generosità verso chi può avere bisogno. Mille possono essere le sfaccettature di questo atto che sicuramente ha toccato i sentimenti di ogni uomo, ed è entrato nella letteratura di ogni epoca. Noi osiamo dire solo una cosa: un testamento ha un valore intrinseco vero solo quando è testimonianza di un atto d'amore!!!

 
 

Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.

 
 

CARNOVALE

 

Da cosa ce volemo mascherà?

Da ricchi? Da felici? Da cojoni?

No, quelo no, che ce lo semo già:

nun c’è bisogno de sta affà finzioni.

 

Maschere pe nasconne la reartà,

costumi per vestisse, da imbrojoni,

cercanno invano n’artra identità,

e ‘nvece semo solo dei  minchioni.

 

E alora ch’aspettamo? Famo festa,

mettemo tutto quanto a la berlina.

Sfilate, carri, tutto ‘n cartapesta.

 

Senza più sordi, fatta sta manfrina,

usamo poi la maschera ch’aresta

p’annà a la banca e facce na rapina.
 
 

Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.

 

FEBBRARO

 

Li giorni de la merla sò passati,

ecco Febbraro, che stavorta è corto,

mentre che l’anno scorso cià fregati.

Era bisesto: è annato tutto storto.

 

Potemo rifiatà? ‘N po’ provati,

semo co lo sciroppo e er naso sciorto,

ma sti freddi l’avemo superati:

chi ha avuto l’infruenza nun è morto.

 

Mò ariva er carnovale, ch’allegria!

Venezzia co le maschere, Viareggio,

le canzone a Sarremo, mamma mia!

 

Cè de tutto e ce sta puro de peggio...

Ma famose sta botta d’euforia!

         A quaresima poi famo pareggio.
 
 

Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.

 
 
SAN VALENTINO
 

Famose st’abboffata de bacini,

la carta co le stelle de stagnola,

s’aricevessi li cioccolatini

io me li magnerebbe puro sola.

 

N’ho visti tanti de Sanvalentini;

na vorta era ‘n bijetto, na parola,

mò cene co aragoste e li violini.

Più che d’amor se tratta ormai de gola!

 

Ma ‘n giorno fatto pe l’innamorati

‘n fonno fa davero tenerezza

a queli che lo sò o lo sò stati.

 

Ner mezzo a sti periodi d’amarezza

voressimo na pausa: coccolati,

riceve tutti ‘n bacio, na carezza.

 
 

Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.

 
 

ROTTAMAZZIONI

 

Fiat 500 - 1957

Ciavemo er frigo voto? Lo buttamo!

L’aricompramo novo, anche più grosso,

sarà solo più voto: che magnamo

mò che semo aridotti tutti a l’osso?

 

Bisogna spenne! Bono sto procramo!

Mobbili, auto, puro si nun posso.

Io vorebbe sapè chi abbocca a l’amo

quanno nun cià nimmanco ‘n sordo addosso!

 

Alora? Tutti affà rottamazzioni,

se compra tutto a rate: na bellezza,

tanto semo sortanto dei cojoni

 

che ciabbasta ‘n discorzo e na carezza

pe facce sta contenti, a ginocchioni,

a ringrazzià chi ci offre sta sarvezza.

 
Mi pare che in questo mondo siamo tutti una grande famiglia dove c'è chi campa a sbafo e chi lavora e paga per tutti. Ma la cosa bella è che quando c'è da pagare dobbiamo farlo sempre per il nostro bene o per quello dei nostri figli, quando c'è da mangiare lo fanno sempre per il bene loro e di chi comanda. Ma la colpa non è certo di chi pensa per se, ma di tutti quelli che bevono come fosse acqua fresca anche il cianuro per dirla in milanese "i boccaloni" che aspettano sempre che chi ha saputo rubare meglio, prima o poi, penserà anche per il  loro benessere. Ora la rottamazione sembra la manna dal cielo per salvare i posti di lavoro ma può darsi che magari qualcuno pensa più agli affari e a lucrare qualche euro in più piuttosto che alla fame dei disoccupati? Se questi soldi li davano a chi ha bisogno può essere che venivano spesi in base ai bisogni reali? ma così poteva succedere che chi ha il potere non faceva favori a nessuno dei potenti amici suoi ma solo ai poveracci che in cambio non poteva dare nulla.....

Santino Gattuso

 
 

Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.

 
 

SPERAMO

 

Speramo che nun sò solo parole.

Tra er dì e er fà ce sta de mezzo er mare.

Probblemi tanti e pieni de tajole:

risorverli è tutto n’artro affare.

 

Stamo a vede si nun resteno sole

st’intenzioni, che possino durare.

La lingua batte ‘ndove er dente dole,

ma er dente poi s’ha puro da curare.

 

Nun vojo fà Cassandra: ciò paura

de sperà troppo, d’aspettà er Messia

che ce sarvi da tutta sta sciagura.

 

Ch’armeno ce procuri n’amnistia,

na pausa da le guere, l’avventura

de ‘n po’ de pace, e senza na bucia.

 
 
Le troppe aspettative portano sempre ad amare delusioni, condivido le parole di GiGi che certamente sono molto realistiche. Obama ha dimostrato in campagna elettorale di saper sconfiggere tutti i gruppi di potere democratici e repubblicani e poi ha avuto l'intelligenza di allearsi con loro. Ma Governare l'America non è una campagna elettorale noi tifiamo per lui poi vedremo i risultati.

Santino

 
 

Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.

 

 
LAGRIME E SARDI
 

Pare che sia er probblema più importante:

comprà li sardi. Nun vedemo l’ora!

Bisogna d’aiutà er comerciante,

quant’ar resto, si và tutt’in malora,

 

nun ciariguarda, visto ch’è distante.

Ce sò li morti, la guera, ma finora

ar tiggì se intervista er negozziante

che deve da buttà la merce fora.

 

Sò giorni che la nostra mamma Rai

ciaripete d’annà avvéde li sardi.

Der resto nun ne parla guasi mai:

 

se parla de negozzi e de petardi,

de vestiti, de scarpe... L’artri guai ?

Doppo le feste, quanno sarà tardi.  

 

 
Guardate quella vetrina e vi sfido a non immedesimarvi in quel manichino... e si, i nostri governanti ci invitano a comprare ma con quali soldi? ma hanno capito che siamo in mutande o no?

Santino

 
 

Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.

 

 

LA CHIAMENO BEFANA

 

Da secoli la chiameno Befana

speranno che nun porti artro carbone.

De sti tempi ch’avemo poca grana

Potremmo usallo p’er termozifone!

 

E st’anno tutte ste carze de lana

invece de riempille de toroni,

co st’aria che ce stà de tramontana,

potrebbe facce ‘n pacco a li barboni.

 

Befana nun vor dì ch’è ‘na minchiona:

Me pare strano si nun s’è stufata

d’esse dipinta come ‘na racchiona!

 

Si guarda la tivvù sarà scafata:

co ‘n pò de silicone ogni tardona

te torna nova che pare ‘na fata.

 
 

Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.

 

 

CAPODANNO

 

Famo l’auguri pe sto capodanno,

buttamo via li cocci e poi brinnamo.

A che? Ma acchè ce sia ‘n come e ‘n quanno

mijori de sti mesi che lassamo.

 

Certo er dumilaotto pe fà danno

n’ha fatto tanto, nun se lo scordamo.

Forze li tempi boni torneranno...

Nun è sicuro, ma noi ce speramo.

 

Speramo d’avè pace su la tera,

che er cielo nun ce caschi su la testa,

che passi presto tutta sta bufera

 

e che se possa fà puro ‘na festa.

E speramo che da domani assera,

doppo li botti, taccia la tempesta.

 
 

Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.

 

 

STO  NATALE

 

E’ un Natale de magra: li rigali

sarorno pochi: nun ce sò li sordi.

Sò finiti li tempi de li sciali,

qui ciavemo più buffi che ricordi.

 

Sotto l’arbero solo le cambiali.

Cercamo alora d’esse meno ingordi:

nun serve de comprà p’esse vitali.

Se vive puro senza fà bagordi.

 

A stà tranquilli se stà solo bene.

Stamose a casa, senza annà lontano.

L’artri, anche artrove, ciàn le stesse pene,

 

d’annà a vedelli e prenne l’aeroprano

nun me pare er momento, nun conviene:

         semo tutti seduti sur vurcano.
 
 

Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.

 

 

SUINO

 

 

V’aricorda quarcosa la diossina?

Mo sta ner porco. Come c’è arivata?

Nun lo vojo sapé. Co sta manfrina

la cena de Natale è rovinata.

 

Ce fu la mucca pazza, poverina,

addio ossi buchi, ma nun è bastata!

Pe mesi nun magnammo ‘na fettina,

poi  toccò ar pollo. Ar dunque l’attrippata

 

fu de novo fermata dar terore

der virus arivato da lontano.

E mo er maiale: senza er su’ sapore,

 

a la tavola cibo luculliano,

sotto le feste ar conzumatore

         nun j’aresta che fà er veggetariano.

 

 
 

Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.

 

 

QUARANTA DENARI

 
 

Quaranta euri a cranio a poveraccio!

Ariveranno a tempo pe Natale.

Mazza che feste! Ce vò n’ingegnaccio

come quello ar governo nazzionale.

 

Alora: mò ch’avemo rotto er ghiaccio

e stabbilito che se campa male,

a la Cammera sona er campanaccio

ch’annuncia sto regalo colossale.

 

Famo li conti: mò che se compramo?

Du fettine, patate, er panettone,

li dadi, er pesce? Nun esaggeramo!

 

Magara ce piacesse un ber cappone,

tanto le palle noi ce le sognamo...

         E senza denti poi, manco er torone.
 
 
Eccola la tessera del pane o... se preferite: la carta della povertà!!!

Prima questa carta era uno status simbol dei ricchi ora chi la esibisce mostra la sua povertà o se preferite la sua finta povertà.

Si perchè questa carta dà diritto a un contributo dello stato a chi non dichiara nulla al fisco ma chi invece paga le tasse cosa fà? Be, quello è ricco e allora neppure una lira... anzi facciamogli pagare le tasse sulla tredicesima che importa.

Ma la crisi prima o poi qualcuno la pagherà!!!

L'importante che non la paga il miliardario ma se paga il lavoratore il commerciante che fallisce perchè non ha più clienti a chi interessa?

 
 

Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.

 

 

UN MONNO MEJO

 

Un monno mejo? Certo che verrà.

Ha da venì, sinnò come faremo?

Ma nun vorrei che fusse a l’ardilà:

lo vojo qui, ner mentre che vivemo.

 

Lo vojo adesso, ne la mia reartà,

lo vorrei perché alora fermeremo

st’onda de inerzia e de incivirtà

che ce fa vergognà de quer che semo.

 

Posso solo esse certo che quarcosa

co no sforzo pò puro mijorà

invece d’esse solo caccolosa.

 

Se deve avé coraggio e dignità,

puliti drento, senza la gazzosa,

         e crede sempre ne l’umanità.
 
 

Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.

 

 

ER TEMPO VOLA

 

 

 

Passeno l’anni, se diventa vecchi.

Nun ve n’importa? Ancora nun ce séte,

se tratta d’aspettà: ciarriverete.

N’ariparlamo quanno sò parecchi.

 

Co l’anni semo come rami secchi,

come a Natale, quanno che l’abbete

sbrilluccica e voi nun v’accorgete

che, si lo spoji, sotto è tutto stecchi.

 

Così so’ io e quelli come me

ch’ànno già avuto troppi compreanni:

vabbé vestiti, ma, si in sabbijé,

 

se vedeno le crepe de l’affanni.

L’arternativa tanto poi ched’è?

         Smorzà le luci e nun guardà li danni.

 

 
 
E' vero caro Gigi gli anni passano ed il nostro fisico fa passi indietro! Ma noi non siamo più quelli di una volta... quante volte abbiamo dato la testa al muro e quante cose abbiamo imparato da questi incidenti quotidiani. Ma la saggezza di oggi ci fa vedere in modo diverso anche gli acciacchi che ne dici? è meglio la forza della gioventù o la saggezza di chi è avanti negli anni? viviamo ogni stagione intensamente e quando toccherà a noi affrontiamo tutto con serenità, è solo il passaggio a un mondo migliore.

ciao Santino

 

Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.

 
 

CHI E’ SENZA COLPA

 

 

 

 

“Chi è senza colpa tiri il primo sasso”

E piovono sul volto di bambina

pietre fino a ridurlo un solo ammasso

di sangue e terra. La carneficina

 

insiste fino al giunger del trapasso.

Senza pietà: esiste una dottrina

che stabilisce colpe e contrappasso

e l’applica invasata e da beghina.

 

Una vita violata, in un paese

senza pace, rispetto, né pietà.

Giudici che condannano le offese

 

senza perdono. Questa è civiltà?

Questo in nome di Dio? Senza difese

         restano in troppi nell’umanità.

 

 

Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.

 

 

DIMOLO

 

Me chiedo indò volemo annà a parà:

tutto se sfascia, pare se scateni

un finimonno de contrarietà.

Dimolo: qua nun so’ tempi sereni.

 

Le vacche nun se ponno più ‘ngrassà,

li stommichi nun ponno da esse pieni,

è sempre più dificile campà.

In cielo nun ce stanno arcobaleni.

 

Aspettanno er giudizzio universale,

se chiedemo, finché vivemo ‘n tera,

che cosa avemo fatto accusì male

 

da vive eternamente come ‘n guera.

L’inferno è doppo: fatto mo nun vale!

         A meno che sta storia nun sia vera.
 

Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.

 

 
ELEZZIONI
 

Obama? Perché nò, puro si è nero?

Mejo de ‘n bianco tutt’incappucciato

o de ‘n vecchio, sippuro battajero,

che sa dì solo ch’à fatto er sordato.

 

L’America l’han fatta pe davero

queli arivati pe riprenne fiato,

l’africani acciuffati dar negriero,

er deportato ch'era carcerato.     ***

 

Lì se sò messi tutti a lavorà,

(li ricchi no: teneveno li schiavi).

C’è voluto der tempo pe ‘mparà

 

che li negri, da libberi, so’ bravi

e che sò parte de l’umanità.

         A Obà! E mò speramo te la cavi!    

 

E' nero? finalmente abbiamo capito che la pelle nasconde solo quello che ci sta dentro. Allora posso dire che da quello che appare, dentro il vino è buono. E finalmente possiamo far cadere qualche pregiudizio che questi "uomini bianchi" hanno messo per non fare governare neri, gialli, donne e tutto ciò che non si identifica con loro! e la nostra speranza sarà sempre l'ultima a morire, certi che non moriremo disperati! ciao a tutti Santino
 

Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.

 

 

LA NUVOLA NERA

 

Esse puliti è bello, ma ce costa

d’acqua calla e sapone pe la zella

e manco abbasta a fà schiodà la crosta

ch’addosso ar lercio nun è tintarella.

 

Quinni è normale boccià la proposta

de renne l’aria meno scorfanella

dicenno: nun l’avemo fatto apposta:

si magni, certo sporchi la padella.

 

E st’aria è nera perchè semo tanti,

dovemo da comprà, venne, produce,

pe spigne sto conzumo sempre avanti.

 

E alora nun c’è ‘n sordo che se scuce

pe fà respirà mejo l’abbitanti.

 

         Si nun ciài er sole, appìcciate la luce.
 

Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.

 

 

FOA

 

Sparischeno l’esempi, queli veri,

queli boni, ch’hanno fatto storia

e ciàn creduto, ma era solo ieri,

senza cercà li sòrdi o pe’ la gloria.

 

Nisuno è eterno. Ereno guerieri

der secolo passato. La memoria

ce li conserva unici, sinceri,

senza potere e senza tanta boria.

 

La vita core. Ce scordamo tutto:

non usa de passà er testimone.

A la morte c’è n’attimo de lutto

 

poi tutti vanno affà la colazzione.

Quer ch’è vecchio finisce sempre ar ‘butto’

         conzervallo è fora dicussione.

 

Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.

 
Caro Silvano, non dissentiamo affatto. Quando dico che si butta quel ch'è vecchio non intendo il corpo, ma le idee, gli ideali, il vissuto di chi ci precede nell'aldilà. Solo perchè lo consideriamo vecchio. Ed è una cosa che lamento, ma in poesia si è sintetici. Gigi.
 
Caro gigi
è interessante la tua pagina e penso che ci sentiremo ogni tanto.
Rispondo ora al post "cose romane viste da Gigi":
poesia in romanesco dal titolo Foa
bella la poesia, e in gran parte ne condivido il senso però avrei da ridire per ciò che c'è da buttare:
passi per il corpo, ma ciò che vale per il corpo non vale per l'anima..... Silvano Montanari
 
"Ciò che buttiamo"
ciò che buttiamo è solo il corpo
chè divenuto vecchio pe' la morte:
pure se giovincello, ora è alle corde.
Ma l'Anima, "l'essenza del Divino"
no! Non muore:
fugge dal corpo che non può gestire
per ritornare al Padre, su nel cielo:
l'Anima è eterna, e no! Non può morire
Ciao Gigi
i miei più cari saluti.... Silvano Montanari
Un saluto anche a Carlo Catalano che ha risposto al mio precedente messaggio al quale devo dire:
"non bisogna tenere lutto e disperarsi per una vita, ma almeno nel momento di raccoglimento che il giorno dei morti ci ispira penso che sia doveroso non esaltarsi e darsi a gioia sfrenata: è solamente un sentimento di rispetto per coloro che più non sono e che in passato sono stati così importanti per noi. non è un contraddittorio il mio, ciò che ho scritto, riguarda solo me!.... Silvano Montanari
 
Sono contento di trovare questo scambio di opinioni sulla morte, vedo che il tema è sentito e questo mi spinge ad invitare i lettori a visitare la pagina che Partecipiamo ha voluto dedicare alla morte, un tema sulla quale fiumi di inchiostro sono stati consumati.

Santino   La morte: un momento di passaggio!?

 

 

HALLOWEEN

 

 

  

Ce sò li Santi e puro li Defunti,

prima la festa e doppo la memoria

p’aricordà li amichi e li congiunti.

La rifressione doppo la bardoria.

 

Li tempi sò cammiati. Se sò aggiunti

l’usi d’artri paesi, n’artra storia

che ce porta le maschere: li spunti

peffà scherzetti e ’n pò de pappatoria.

 

Streghe, fantasmi, cose assai pacchiane,

fatte da regazzini mai cresciuti

per imità le usanze americane

 

e scordasse li pori deceduti.

Tanto de loro cosa n’arimane?

         Solo ‘na croce a l’arberi pizzuti.

 

Pienamente d'accordo! ognuno dovrebbe essere fiero delle proprie tradizioni e cercare di conservarle il più possibile come cose preziose. Qui è un grosso minestrone e vogliamo scopiazzare gli altri come fossimo senza patria e personalità. Io sono fiera di essere italiana e romana e cerco nel mio piccolo di diffondere il mio dialetto attraverso i miei versi belli o brutti che siano. Spedisco una mia sui defunti scritta tanto tempo fa. Ciao e bravo!

 

 
Er 2 Novèmmre
 
 

Piove. Er prato se ricopre de mollàccia.

La gente core sverta … poveraccia,

cercannose un riparo dalla lùscia.

Er temporale tòna, er vento sciùscia...

La pioggerella, contro le vetrate,

pare che  canti vecchie ballate,

che  Quarcuno da lassù vò dedicà,

a tutti quelli, che invece de ballà

stanno in silenzio... senza più parlà…

Perchè oramài … già tutto, loro sanno...

puro si so’ riposti sotto tèra…

ar buio… ner silenzio più profònno.

 

 

Paola Durantini

 
Caro Gigi,
 
 
Io,

ancora son di quelli

che credono

che l'Anime dei morti

sono con noi

e non mi va di sbeffeggiarli

se pur con scherzi

e maschere pagane.

Questo,

è un giorno di mestizia e dolore!

per quest'Anime,

c'è bisogno di rispetto:

Non sono streghe e maghi,

Quei che ci han lasciato

sono sempre coloro

Che la vita ci han donato!

Un saluto...Silvano Montanari.

 
 

CiaoJ

Proprio perché sono giorni di dolore e di mestizia

Se trionfa la giustizia

Diventano giorni di gioia e di letizia

Non credo che quelli sottoterra

Avrebbero voluto che trionfasse la mestizia

Carlo Catalano

 
 

Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.

 

 

AUTUNNO  (er diluvio)

 

Ed è subbito sera. Asseme ar giorno

s’accorceno le ore. Li penzieri

s’addormeno più presto e so’ più neri

come er bujo che ce s’è fatto ‘ntorno.

 

Dar capolinea nun ce sta ritorno:

ce piacerebbe d’esse ancora a jeri

quanno li guai, che ereno già seri,

ereno gnente appetto a oggigiorno.

 

E piove quest’autunno sur bagnato,

su la fame, le guere, la miseria,

piove sur ricco e sur diseredato,

 

bagna er palazzo come la maceria,

senza fà preferenze ner creato.

         E annega tutto senza cattiveria.
 

Dite la vostra: clicca per inviare al webmaster una nota da pubblicare.

 
 

Ti ho letto tante volte, per davvero
e mi son detta: vedi che ha ragione?
non è che lui dipinga tutto nero,
in verità, abitiamo una prigione.

 

Battaglie, lotte per arrivare dove,
se poi ci ritroviamo punto e a capo,
sempre in attesa di quelle buone nuove
ma con i remi posati nello scafo.

 

Sarebbe bello se avessimo capito,
che dignità e riscatto son valori,
e non li ottieni, se non muovi un dito,
ma solo se si rema: Sissignori!

 

Giulia Tatti

 
 

I crepuscoli autunnali

a Roma

s'ammantano di malinconia

quando il Tevere

scorrendo

si tinge del rosso che c'è nel cielo

quando le giornate

s'accorciano 

e insieme alle foglie  

planano

come sospese

fluttuano 

in quel nostalgico nulla

e sulla terra umida

s'addormentano

coprendo perfino i sogni

del velo zuccherino 

della malinconia

L'ho scritta in due secondi in risposta alla tua, così per il gusto di farlo, vuole essere solo un modo per ringraziarti per le belle poesie che hai postato

 

Tiziana Mignosa

 
Piove, è vero! Piove una tempesta che mai avevamo visto, ma a che serve arrendersi. Dobbiamo credere che un giorno tutto può tornare meglio di prima ma dobbiamo anche ricordarci che ciò dipende solo da noi, dalla nostra volontà, dalla nostra grinta e soprattutto dalle scelte libere che sapremo fare! Scelte libere da condizionamenti, da manipolazioni, condizionate solo dalla nostra intelligenza e dalla nostra capacità di vedere nelle azioni, negli avvenimenti e non nelle parole di chi ci conduce il modo giusto per uscire da una situazione che agli occhi impauriti di tanti sprovveduti appare irreversibile.

Santino Gattuso

 

 

CASTELLI DE CARTA

 

 

E’ n castello de carta che s’è sfranto

e crolla tutto sopra ar tavolino,

ma er rumore è più forte de ‘no schianto

e er risurtato è propio ‘n gran casino.

 

Pe anni c’era parzo sacrosanto

comprà senza avé er becco d’un quatrino.

Er conzumo ostentato come ‘n vanto

pe’ finì spesso ‘n mano a no strozzino.

 

Mò che le banche perdeno de brutto,

le svanziche so ormai sempre più rare:

chi ce l’aveva se pò mette a lutto

 

chi nun ce l’ha s’è gia buttato a mare.

Si tornamo ar baratto p’er preciutto

abbasteno du stereo e ‘n cellulare?

 

Siamo bravi a fregare il prossimo! non hai una lira ma compri, compri e continui a comprare. Ma poi metti i debiti dentro una scatola vuota e la vendi e quando chi ha comprato si accorge cosa c'è dentro la scatola cosa fà? vende ad altri fino a quando le scadenze non costringono l'ultimo che ha il cerino in mano a pagare per tutti ma se quello non ha i quattrini che fa? fallisce e quelli che hanno crediti nei confronti di chi fallisce che fanno? scoprono di non avere più nulla e falliscono e poi? .... è finito il gioco chi ha pagato sempre, il poveraccio, continua a pagare! O perde i soldi in conto corrente o paga le tasse per coprire gli imbrogli dei furbi che altrimenti falliscono e non restituiscono i soldi in conto corrente... e i governanti che sapevano bene cosa stava per succedere che fanno? ti fanno vedere che son bravi... in fondo ti hanno salvato i soldi che hai nel conto!!! e lì a tagliare pensioni, stipendi e tutto quello che possono per coprire gli imbrogli di chi, invece, in questo modo si è arricchito.

ciao a tutti Santino

 

Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.

 

 

CHESSE MAGNA?

 

Nun sò solo li prezzi da pavura:

anche quer che se magna. Da la Cina

ciavemo er latte pe’ l’abbronzatura

datosi checcià tanta melanina.

 

Tutti li scarti de la spazzatura

vanno affinì de novo a la cucina,

co nova data e nova timbratura

e, pe’ l’iggiene, n’ pò de varecchina.

 

Si quer che se ‘ngojamo è ‘na schifezza,

armeno la volemo regalata

pe’ diggerilla ‘n conzapevolezza.

 

E, visto che doveva esse buttata,

volemo sconti puro a la monnezza

dato che se la semo rimagnata.

 

Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.

 

 

CAPPA E SPADA

 

C'è chi tira de spada o de fioretto,

la scherma è n'arte nobbile davero,

ma l'artra sera è stato 'n ber duetto

fatto senz'armi: solo cor penziero.

 

Er cavaliere, sempre 'n doppiopetto,

soriso finto e tono lusinghiero,

tira stoccate effà puro l'occhietto,

ma nun m'ha l'aria d'esse 'n gran gueriero.

 

E la toccata nun l'ha mica data,

margrado la signora ben disposta,

ha fatto solamente 'na sparata.

 

Ar massimo pò ffà botta e risposta.

Nun serve fasse er liftin e la pelata:

ce vò ben artro peffà 'na proposta.

 

Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.

 

 

M’ARICORDO

 

Zinalino, ar collo fiocco azuro.

Elementari ner quarantanove,

cestino co merenna: pane e buro,

a li piedi le scarpe dure e nove.

 

Sò ricordi lontani, ma ‘n futuro

riciccieranno asseme a l’artre prove,

fatte ogni vorta ar rullo de tamburo,

che serveno a boccià m’anche a promove.

 

La scola è de continuo scozzonata

ogn’anno c’è ‘n ministro, n’erudito,

pe’ suggerì l’ennesima trovata

 

 

che, gira ch’arigira, è ‘n ribbollito

de quer che se faceva in artra data:

voti, connotta e puro er benservito

 

Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.

 

Come non pensarci! Il problema della scuola era quello del grembiule, un solo maestro...magari, se possibile torniamo... anche alla verga e allora si che avremo i sani giovani di un tempo... cos'è tutta questa modernità? E se poi c'è una maestra un pò nevrotica e pazienza, questo ti può fornire la scuola pubblica (dobbiamo risparmiare) manderai i tuoi figli ai privati...che ne pensate non è una bella idea? In fondo i soldi non servono mica per pagare maestre e maestri ... o no?
Santino Gattuso

 

 

AEROPRANI

 

Cent’euri a cranio, tanti da scucì

pe’ sarvà l’Alitalia da la fossa:

sò anni che st’impresa stà ammorì,

me pare tardi pe’ daje ‘na scossa.

 

Mo vojo vede come vaffinì:

lavoratori pronti a la sommossa,

paperoni ‘n cordata p’allestì

‘n gran guadambio e annoi solo ‘na sbiossa.

 

E nun m’è chiaro ‘n mezzo a tanto chiasso

cuiprodest d’intignasse come ‘n mulo

senza speranza d’evità er collasso?

 

L’aeroprano sarà l’uccel padulo

che quanno vola, vola mórto basso.

Perché? Perché te vola dritto ‘n culo.

 

Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.

 

Ma in quarche modo devuno fa quadrà li bilanci e lu sinnaco de Roma ha truvà lu rimedio!

 

Carlo Catalano

 

 

PROPOSTE NOVE

 

Scopà pe’ strada è robba da reato

e mo sarà reato annà a mignotte.

Nun so si avvoi ve pare esaggerato,

ma fa contente tutte le bigotte.

 

Se dovrebbe punì quer disgazziato

che le manna pe’ strada co le botte!

Ma punì puro er povero arrapato

e daje la galera perchè fotte,

 

datosi che pe’ fallo l’ha pagato,

vor dì castrà metà popolazzione!

Tanti così? É ‘n conto equilibbrato:

 

l’artra metà, escruse le battone,

sò donne e che nun stanno sur mercato

ma la danno così: pe’ vocazzione.

 

Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.

 

Questa volta Gigi tocca un tema delicato e pur estremizzando rende bene il concetto. Ma una riflessione a caldo voglio farla anch'io; certo le donne di strada non possono nascondersi e allora, se legge si deve fare, perchè non allontanarle dalla strada creando loro una vita alternativa e strappandole a chi le sfrutta non sarà poi così difficile!?!!... che ne pensate?

 

 

PRIMO SETTEMBRE

 

S’aricomincia. Damose ‘na mossa.

Dopo l’estate er tempo cammia e piove.

Ciaspetta de sicuro ‘na gran sbiossa.

Ancora? Sì finora eren le prove.

 

Sotto a li piedi scaveno la fossa:

sprofonneremo tutti in do’ sa dove.

Napoli - Roma: l’unica sommossa.

E la Georgia? Quela nun commove.

 

Semo tornati, a casa, a lavorà,

famo er nostro dovere senza storie:

è già mórto si se tira a campà.

 

La notte bianca? Sì, senza bardorie.

Er carovita? Nun se po’ evità.

P’arillegrasse ce so le ‘vittorie’.

 

 

Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.

 
 

Settembre..se continua.

 

Me sò spremuta un pò er cervello

pe' risponne a Gigi, ch'è un pò monello.

Cor Primo Settembre m'ha ispirato

e tosto il verso ho afferato.

Uniche vittorie che danno n'a mossa

so' e solite vecchie squadre

 che vanno alla riscossa.

Gli stadi stracolmi,

co' soliti undici zombi

di sordi ben pasciuti,

che corono dietro a na' palla

e er core a' tifosi traballa.

La palla è tonda,

se infila dove vole,

fà vince,questo o quello,

 senza tante fole.

Che dallo stadio,poi,

 eschino tutti fori

pian pianino,

senza far casino

e finischino alegri la serata

co' la solita gran magnata.

 

Umberta Ortelli

 

 

FERIE

 

Co sto sonetto Gigi che va ‘n ferie

ve saluta. Me vado a riposà.

De che? Direte voi, perzone serie.

De tutta la fatica de campà.

 

De sti tempi ce so tante miserie

ch’a scrivelle nun dà serenità.

Pe’ sto mese arimanno le materie

a settembre: le devo da studià.

 

Co questo ce lo so che s’io m’assento

voi ve chiedete tutti: “Che faremo

senza de Gigi checce dà er tormento?”

 

Forze starete mejo, ‘n pò lo temo,

che quarcheduno sarà più contento...

Nun ve ciabbituate: se vedemo!

 

Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.

 

 

DU’ RISATE

 
 

Famose du’ risate: ch’artro aresta?

Ce sarebbe da piagne dite voi?

Ma nun sprecate carta pe’ la testa,

tenetela per culo. Prima oppoi,

 

co sto cardo e co quelo che c’empesta,

ce prennerà la sciorta a tutti noi.

Tranne a queli che ce fanno la festa

e a lo stitico, ma so’ cazzi suoi.

 

So vorgare? Scusateme davero:

nun vojo offenne, nun me ce mannate.

Vojo dì: so sortanto assai sincero.

 

Me pare propio ‘na gran brutta estate.

Come potrà finì? Resta ‘n mistero.

Ar dunque mejo fasse du’ risate.

 

Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.

 

 

L’ARTRI

 

 

 

Tempo d’estate. Annamo ne l’arene,

concerti e firme ‘n tutti li ciardini,

cardo, sudore, voli de falene.

E sbarcheno ‘n Sicilia i crandestini.

 

Spiaggiati come ‘n branco de balene,

nun ce lo sanno tutti sti tapini

che qui ponno finì solo ‘n catene?

Senza futuro, manco a li bambini.

 

Qui ponno sopravive li più scartri:

ciavemo guai come a li diti i calli.

E sto paese campa de disastri

 

su cui magneno tutti li sciacalli.

Tempo d’estate, festa de noantri.

‘L’artri’ cercamo solo de scordalli.

 
 
 
 

Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.

 

 

VELINE

 

De sti tempi la vita è propio dura,

trovà lavoro è ‘na disperazzione.

Ma ce sta ‘na cariera ch’è sicura:

si ciai la fica, ciai la soluzzione.

 

Ce deve avè ‘na bella architettura,

sana e robbusta de costituzzione,

sapella sbandierà senza censura

e avecce quarche ariccommannazzione.

 

E alora nun ce serve de studià,

sarvo er ballo co quarche mossettina.

E aprì la bocca solo pe cantà,

 

tanto parlà nun serve a ‘na velina.

Certo quarcosa lo dovrà ‘ngojà,

ma nun strozza e nun sà de medicina.

 

Mi piace questa provocazione di Gigi anche se è un pò forte nei toni! A dir la verità ognuno di noi ingoia qualcosa, la maggior parte ingoia bocconi amari altri preferiscono ingoiare ... soprusi che li fanno vivere bene; come si suol dire per un amore mille pene. Ma il guaio è che noi accusiamo sempre chi ingoia e mai chi costringe gli altri ad ingoiare!

Santino Gattuso

 
 

La vecchia velina.

 

 

La velina,'na vorta,

era 'na carta

trasparente,

serviva pè copià

in modo intelligente

Oggi, si parli de' velina,

pensi culetti e tette

ondeggianti

come gelatina

con gonnelline

trasparenti e strette.

Cambiano i tempi

e anche er dizionario:

te spiega ch'è

'na soubrette

serve per lo stacchetto.

Per la vecchia velina

nun c'è più rispetto

è appena menzionata,

nel cestino

 da' carta straccia

è relegata.

 

Umberta Ortelli

 
 

Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.

 

 

PRIVACI

 

Mò su li quadri nun ce stanno voti:

nun è bello d’avè ‘n fijo somaro,

quinni li risurtati nun so noti

a tutela der povero scolaro.

 

M’aricordo che ’n tempi assai remoti

su le carte, li scritti der notaro,

se poteva vedè: “fijo d’ignoti”.

Na legge giusta cià messo riparo.

 

La privaci è na cosa sacrosanta

e nissuno ha da esse più umiliato,

com’era ancora ne l’anni cinquanta.

 

E senno tutt’eguali  questo Stato

nun dà li voti. Eppuro carta canta:

si sei somaro scriveno bocciato.

 

Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.

 

 

IMPRONTE

 

Acchè serve n’impronta diggitale?

A prenne er ladro ch’è matricolato,

a schedà l’assassino, er criminale.

Ma ‘n regazzino perchè va schedato?

 

O tutti, o gnente. Si fusse normale

che quanno naschi venghi etichettato

cor dito, pe’ na legge nazzionale,

alora nò: nun sei discriminato.

 

‘Nvece quel’inchiostro su le dita,

solo p’arcuni, fa penzà ar passato:

me fa capì che nun è mai finita.

 

Ho visto gente, e nun l’ho mai scordato,

che s’è sarvata, ma tutta la vita,

sur braccio ha avuto ‘n nummero stampato.

 

Impronte digitali.... tanto rumore per nulla ..... vogliamo farci vedere pronti a risolvere i problemi o ... vogliamo risolverli !??! se il cittadino vuole fare la guerra gli diamo la guerra... l'importante è accontentarlo muoia chi deve morire. Cosa importa se facciamo tante ingiustizie quello che importa è che i nostri comportamenti accrescano la nostra immagine, chi deve pagare paghi pure, a noi cosa importa. Strappiamo ai bambini l'innocenza cosa importa se ciò, poi, li rende uomini frustrati che cercheranno di farla pagare alla società che li emargina. Se un Italiano insegna al figlio a rubare gli togliamo il figlio e lo assegniamo a strutture in grado di farlo crescere meglio se lo fa un rom, prendiamo le impronte digitali al bambino così, quando andrà a delinquere, potremo dire visto? era un Rom, cacciamo via i Rom!!! che mondo ingiusto, ma il mondo è frutto delle nostre aspettative perché chi ci governa fa quello che noi ci aspettiamo, l'importante è prendere i voti poi cosa importa delle conseguenze. Dopo di Noi il diluvio!! L'importante è prendere la nostra fetta di...potere! Se questa è la società meglio vivere nella giungla almeno lì, sappiamo che dobbiamo fare attenzione agli animali feroci ma quelli son pivellini rispetto agli uomini.

Santino Gattuso

 
Cose italiane

 

Dite la vostra

che io dico la mia.

 

Al regazzino

che er dito

sia pulito.

Pulito de tutto,

senza fà l'accattone

che je lo fà sporcà

er caro genitore,

 l'infila nelle case

per rubà e' cose.

Quello je sporca

anche l'anima,

ch'è peggio.

Noi stemo a guardà

scuotemo er capo.

L'unica impronta

 da dà

è na pedata

nel deretano

della madre

sconsiderata.

Per il passato

nun famo confusione,

nun mettemo tutto

nello stesso

calderone.

Più lo rimescoli

e più puzza,

ce n'è per tanti,

nun semo umanità

fatta de santi!

Se vedemo!

 

Umberta  Ortelli

 
Prima degli altri vennero a prendere gli zingari.
Ed io fui contento perchè rubavano.

Poi vennero a prendere gli ebrei.
restai in silenzio perchè mi erano antipatici

Poi vennero a prendere gli omosessuali.
E fui sollevato perchè mi davano fastidio.

Poi vennero a prendere i comunisti.
Ed io non dissi nulla perchè non ero comunista.

Un giorno vennero a prendere me.
E non c'era più nessuno per protestare.

Bertolt Brecht.

Zingheri. Quanno furno deportati
m’arillegrai: so ladri spudorati.

Poi so venuti a prenne li giudei.
So antipatici e nun so cazzi miei.

 De segguito fu er turno de li froci.
Nun li reggo: nun è che me dissoci.

 Li communisti, presi puro loro,
ma io nun so mai stato de quer coro.

 Pemmè, quanno a la fine me toccò,
nun c’era più nissuno a dì de nò.

Libbera traduzzione da Bertolt Brecht (Gigi)

 

Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.

 

 
 TEMPO DE SARDI
 

So arivati li sardi! Tutti a core

a comprasse mutanne e li carzini.

Ch’artro se pò comprà er conzumatore:

dovemo tutti sordi a li strozzini!

 

Vojo dì co le rate, er contatore,

li mutui, pe’ sfamà li regazzini

ce vorebbero sardi a tutte l’ore

e, pe’ principio, ne li mercatini.

 

Famo sardi p’er pane, pe’ la pasta,

pe chi vive sortanto de penzione.

Pe’ vive mejo, cosa che nun guasta,

 

famoli puro pe’ n pò d’istruzzione:

magnà, dice er Vangelo, nun abbasta.

Ma gnente sconti su l’educazzione!

 

 

Dite la vostra: clicca per scrivere al webmaster una nota da pubblicare.