Partecipiamo.it...vai alla home page

 
 
 

Roma: proverbi e frasi comuni

 
 
 
 
Si moro e poi rinasco, prego Dio d'arinasce a Roma mia!
 
 
 
 
 
         
 
Via Condotti
 
 
 
 

Paola Durantini

 

Te guardo... addormito su quer letto

tutto allungato… pari un agnolètto.

Co’ l’occhi gialli, come gocce d’oro…

tu resti zitto… senza ‘na parola.

Attento, tu m’osservi si lavoro,

si piagno, rido, oppuro si so sola…

 “E sempre… lui davero me conzola!"

E’ un amore che dura pe’ ‘na vita

e puro quanno lei sarà firnita...

io nun te scorderò... 'Sto bonificio

tu me lo hai dato... e sei solo un micio!

 
 
 
 
 
 
I gatti di Roma
 
 
 
 
Er primo amore nun se scorda mai.
 
 
 
Il Colosseo stampa antica
 
 

 

Chi nun suda da giovine, digiuna da vecchio.

 
 

 
 

La esperienza viè co' l'anni.

 

 

Tutte le strade porteno a Roma

 

 

La sora Camilla, tutti la vojono e gnisùno se la pija.

 
 
 
 

 
 
 
 

Cascata de gioventù, ossa ammaccate: cascata de vecchio, morte avvantaggiata.

 

 

Chi conta quatrini er primo dell'anno, li conta tutto l'anno.

 

 

Febbraio è curto e amaro.

 
 
 

 

 
Pantheon stampa antica
 
 
 

Doppo la cinquantina, un malanno ogni matina.

 

 

Chi pe' amore se pija, pe' rabbia se lassa.

 

 

Pila intronata,cent'anni pe' casa.

 
 
 
 
 

La Barcaccia: piazza di spagna

 
 

 

Bove vecchio, tira l'aratro mejo.

 

 

Roma è come la fabbrica de San Pietro, che nun finisce mai

 

 

Doppo li quaranta nun se fischia e nun se canta.

 
 
 
 

 

Castel sant'angelo

 
 
 

Quanno er gatto ruzza, è segno d'acqua.

 

 

Matrimonio d'interesse, se riduce a callalesse.

 

 

Voja de moje, castigo de Dio.

 
 
 
 

Stemma Regione Lazio

 
 
 
 

Vecchio è solo chi more.

 

 

Gallina vecchia fa buon brodo.

 
 
 

 

L'amore è come l'ova: è bono quanno è fresco.

 

 

Chi nun vò bene campa male.

 

 

Chi dice donna dice danno

 

 
 
 
 

I ponti del tevere

 
 
 

Quanno San Pietro mette er cappello, vattene a casa e pija l'ombrello.

 

 

Er vino è la zinna de li vecchi.

 

 

Er celo a pecorelle porta l'acqua a catinelle.

 
 
 

 

Stemma Provincia di Roma

 
 
 
 

L'amore nun è bello si nun è stuzzicarello.

 
 

Celo rosso de sera, bon tempo se spera.

 

 

La donna è come la castagna : bella de fòra e drento la magagna.

 
 
 
 
 

Piazza di Spagna

 
 
 

Chi vò la fija, accarezzi la mamma.

 

 

La bellezza è come er fiore:presto nasce e presto mòre.

 

 

L'ozzio è er padre de tutti li vizzi.

 

 

 
 
Paola Durantini
Er micio e l’ucello

 

Er micio, che ‘n ucello,
guardava co’ stupore,
je disse:” Vedi bello,
sò un grànne cacciatore!”

“ Sei piccolo e pennuto
e nun me poi scappà!
Invece io sò cazzuto,
ciài poco da zazzà!”

L’ucello impavurito
dall’arto a un ramoscello,
guardandolo annicito…
de bòtto disse a quello:

“E’ vero …sor vorpòne
nun sèmo tal’equali
sarò puro un cojone…
ma Dio m’ha fatto l’ali!

 
 
 
 

Chi s'aiuta, Iddio l'aiuta.

 

 

Chi dorme nun pija pesce.

 

 

Li confetti nun sò pe' li somari.

 
 
 
 
 

San Pietro, Castel sant'angelo e il Tevere

 
 
 

Chi fa da se, fa per tre.

 

 

Tempo passato perché nun aritorni.

 

 

Li fatti de la pila li sa er coperchio.

 

 

 

Stemma Comune di Roma

 
 
 

Nella bocca chiusa nun c'entra mosca.

 
 

Un vero amico è un tesoro.

 

 

Amichi e parenti, sò gran tormenti.

 
 
 
 
 

Lupa Capitolina

 
 

 

Nun è tutt'oro quello che ariluce.

 

 

La verità è come l'ojo, viè sempre a galla.

 

 

Peccato confessato, mezzo perdonato.

 
 
 
 
 

Campidoglio

 
 

 

La bucìa cià le cianche corte.

 

 

Chi s'è scottato co' l'acqua calla, cià paura puro de quella fredda.

 

 

Indove nun c'è malizia, nun c'è peccato.

 
 
 
 
 
Altare della patria
 
 
 
Quanno piove e esce er sole, quarche vecchia fa l'amore.
 
 
Er monno l'aregge Iddio, ma la croce la porto io.
 
 
Morto un Papa se ne fa' 'n'antro.
 
 
 
 
 
San Pietro: la pietà di michelangelo
 
 
Li medici so' pagati pe' facce morì ammazzati.
 
 
Quann'è nuvolo verso San Pietro, pija er sacco e torna indietro.
 
 
 
 
 
Nettuno: Particolare di una fontana di piazza navona
 
 
 
 
Pregamo er Padreterno ch'estate sii d'estate, e inverno sii d'inverno.
 
 
De marzo cresci panni, d'aprile nun t'alleggerì, de maggio fa come te pare.
 
 
Fra Modesto non fu mai Priore.
 
 
 
 
 
Piazza navona
 
 
 
Er diavolo, quann'è vecchio se fa romito.
 
 
Anni e bicchieri de vino nun se conteno mai.
 
 
Chi s'inchina troppo mette in mostra er culo.
 
 
 
 
 
San Pietro visto da Monte Mario
 
 
 
Chi ce l'ha d'oro, chi ce l'ha d'argento, e a chi je ce danno li carci drento.
 
 
Boni l'amichi, boni li parenti, ma povera la casa che nun cià gnente.
 
 
Chi lavora fa la gobba, chi nun lavora fa la robba!
 
 
Nun è villano chi a la villa nasce, ma è villano chi de villania se pasce.
 
 
Mejo dolor de borsa che dolor de core.
 
 
Fino che ciavemo semo vorzuti, ma quanno nun ciavemo più semo cacciati.
 
 
Amore, tosse e rogna nun s'annisconneno.
 
 
Cià er male der pisano, l'ossa rotta e er becco sano.
 
 
A cane vecchio la vorpe je piscia addosso.
 
 
Omo incazzito è un merlo ar vischio, la donna è un cacciator de schioppo e rete, che va a caccià cojoni senza fischio!
 
 
Chi non suda da giovine, diggiuna da vecchio