Partecipiamo.it...vai alla home page

 

Roma

Senatus populusque romanus
 

 

Ardo e non...Consumo

 

Poeta Dilettante dialettale Romanesco

Er monno e l'omo
 

'Sto  monno, che c'ha la forma de 'na sfera

se mise a gira' da quanno fu chiamata tera,

er Padreterno la fece gira' sospesa in mezzo all'universo

mannanola pe' dritta, mai di traverso.

 

Gira intorno ar sole

che ce manna calore

tra stelle e astri

nun crea mai disastri

 

Tutto questo fu creato dar Padreterno,

ma solo co' la tera se mise più de'mpegno

infatti pe' nun vedella spoja

penzò de mettece quarche foja

che sarebbe poi servita a Adamo e a la compagna

pe' coprisse la vergogna.

 

Cortivò piante e fiori

ce mise fiumi e mari

penzò pure all'animali

facenno der leone e de la leonessa li reali.

 

Penzò all'omo 

e quì creò Adamo.

Ma l'erore che ha commesso

de creà Eva er contro-sesso!

Creanno l'omo annette tutto pe' rovescio

de quello che aveva pensato Poveraccio.

 

Fu Eva che peccò 

pe' via de na mela che se magnò

chiamò Adamo pe' invitallo

a magnasse la mela e pe' incastrallo 

Adamo magnò la mela co' la paura de esse castigato

pe ave' disobbedito.

 

Er padreterno che vide tutto

capì d'ave' sbajato

quanno l'omo aveva creato.

Infatti furono castigati

dar Paradiso Terrestre allontanati

cor peso der peccato originale

che viene scancellato alla fonte battesimale.

 

Li dispiaceri de Adamo e Eva nun furono finiti

quanno li du' fiji je so' nati,

Caino er fijo più cattivo ammazzò 

er fratello Abbele, quello bbono

e da quì che cominciarono li guai

pe l'abitanti de 'sto monno nun finirono mai.

La vita è solo tua
 

Dar  momento  che  venghi  ar  monno

nun  sei  padrone  de  la  vita  che  te  danno,

du’  persone  che  te  vonno  bene

nun  pensano  da  fatte  vive  fra  tante  pene,

e  come  sempre  senza  fatte  sape’  gnente

te  trovi  a  vive  tra  la  gente.

 

Cominciano  da  quanno  sei  fanello,

co'  la  vita  tua  a  facce  un  castello,

te  vorebbero  copri’  d’oro,

ma  devi  fa sempre quello che  pensano  loro.

 

Appena  fai  li  primi  passi  pe’  vedette  cammina’

mamma  e  papa’ na’  musata  a tera  te  devono  fa  da’.

e  pe’  fatte  impara’  a  parla’

devi  di  bumba  se  voi  beve

e  pappa  se  voi  magna’,

 

Nella  vita  quarsiasi  cosa  voi

te  la  devi  guadagna’.

te  mannano  all’asilo  appena  dici  pipi’

pe’  cominciatte  a  fa’  soffri’.

Oramai   hanno  deciso,

lui  a  scola  c'ha  d'annna’,

Questa e’ la  maniera pe’ fatte impara’

cosi’  pure  pe’  lavora’,  te  devi  raccomana’.

e  a  quello  che  te  passa  sta  moderna  societa’

te  ce  devi  adatta’.

 

Nun  parlamo  der  sordato:

vestito,   mantenuto  e  sbattuto

dove  je  parso  e  piaciuto,

ma  come  sempre,

della  vita  tua  nun  comanni  gnente.

 

Tornato  a  casa  appena  congedato,

te  devi  sposa’  co’  la  ragazza  che  t’ha aspettato,

facenno  lo  stesso  sbajo  de  chi  t'ha  cresciuto,

danno  la  vita  a 'no  sconosciuto

pure  se  con  l’amore  l’hai  voluto

a  lui  nun  je  l’hai  domannato .                                  

 

La  vita  e’  ‘na  rota  che  nun  se  ferma  mai,

‘na  vorta  che  ce  stai

nun  cerca’  chi  ha  sbajato

ringrazia  sempre  quelli 

che  la  vita  t'anno  dato.

 

Roma   25  luglio   1979

La socera

 

Dopo ave' trovato l'anima tua gemella

c'è sempre 'na socera

che nun sai come pialla

cercanno da nun contraddilla

guai se te permetti de stuzzicalla

rischi co l'amore tuo de piantalla.

 

Socera! Un nome che te 'mparentela

a 'na donna che nun è mai contenta,

appena te presenti de primo acchitto

te sa trova' er difetto,

brutto o bello che esso sia

lei te fa l'autopisia.

 

Pò esse la donna più bbona de sto monno

er nome che porta è sempre un danno,

è bona solo pe' l'urtimo dell'anno.

 

Ma se rispetti la persona amata

hai da rispettà ppuro, chi l'ha creata.

 

Roma, 15 novembre 1979

La moje e la busta paga
 

L’omo!!!

Considerato sempre er capofamija

oggi è diventato ‘na scocciatura.

Prima, armeno ogni 27 der mese

la moje se mostrava un  po’ cortese

adesso cor progresso avanzato

quasi te manna a mmoriammazzato

pe’ via che nun vede sordi ma solo assegni

che sembrano ricevute der banco pegni.

 

E la moje che è la reggina de la casa

n’è rimasta un po’ delusa

ed è pe’ questo che se je chiedi quarcosa

t’arisponne un po’ scontrosa

e se insisti poi… su quella cosa

lei t’arisponne d’esse affaticata e s’ariposa

 

Adesso co tutta quanta ‘sta modernità

pensice, prima de sposa’

 

Roma, 1 ottobbre 1978

Le   votazioni
 

Quanno er cittadino deve anna' a vota’

deputati e senatori se danno un gran da fa’

de promesse te ne fanno in quantita’

pure a li carcerati promettono la liberta’

promettono sempre de piu’

parlano a destra e sinistra in piazza e in tv.

 

S’accusano tra loro senza vergogna

tra partiti se danno battaja,

sembrano sinceri e in bona fede

quasi te ce fanno crede,

ma nun c’è niente da fa'

er voto a quarquno lo devi da',

e come hai fatto spesso

ce ricaschi come un fesso.

 

Poi ave’ votato come te pare

ma le facce so sempre uguale,

so’ anni che  stanno ar governo

c’hanno comannato sempre con inganno

pure quanno ce sembravano tempi d’oro

deputati e senatori se facevano li fatti loro.

Roma, li fori e le buche
 

Quarche tempo fa’ a rione  campitelli

c’era ‘na stradina che dalla consolazione

te portava a via dell’impero

senza fatte fa er giro attorno ar colosseo.

 

quarc’uno ebbe l’idea fina

da riscopri’ l’antichita’ sotto sta stradina,

ricolleganno si , campidoio ar palatino

ma creanno difficorta’ de circolazione ar cittadino

 

roma senza l’antichita’ sarebbe stata moderna

nun verebbe chiamata la citta’ eterna,

ma cercamo da nun’esagera’

mantenemose quello che gia’ ce sta’.

 

damoie ‘na ripulita a sta citta’ santa

che de monnezza ce na tanta,

e invece da riscopri’ li fori dell’antichita’

cercamo da ricopri’ le buche nelle vie de la citta’

 

pure er turista che a roma, cerca sempre er mejo

nun vedrebbe collegato er paladino ar campidoio

ma camminanno pe’ le strade

nun se romperebbe er collo.

 

Roma, 11 gennaio 1981

Le  carozzelle
 

So finiti li tempi belli

quanno  a Roma c’erano li cavalli

che tiravano la carozzella

facenno visita’  la roma bella.

 

er vetturino come ‘n anfitrione

spiegava tutto fin dai tempi de nerone

facenno rivive ar forestiero

li tempi der romano impero.

 

se ‘na coppia d’innamorati  j’affittava

la carozza incappottava

de baciasse je permetteva

er cavallo ar trotto lui metteva,

e mentre er vetturino ‘no stornello je cantava                    

li scrocchi de li baci confonneva.

 

quanno  ar tramonto,

facenno tappa alla solita osteria

pe’ besse ‘na foietta co’ l’amici in compagnia,

sur muso der cavallo,

er sacco dela biada  je ‘nfilava,

e mentre er  cavallo  magnava, lui  sem’briacava

 

quanno ormai sera fatto scuro

rimontava in cassetta poco sicuro,

er cavallo che le mosse der padrone le capiva

la strada della stalla ripiava,

la giornata pure a lui je finiva

quanno  alla magnatora arivava.

Er fumo fa male.
 

E' mejo fasse ‘na passeggiata ar mare

in una giornata piena de sole

co’ lunghe file che durano ore.

incolonnati fino da la mattina

respiranno er gasse delle machine

misto all’aria marina.

Quanno sei arivato,

attento ar mare inquinato.

 

Ma er fumo fà male.

 

Pe respira’ un po’ d’aria bona

ce sarebbe d’anna’ in  campagna,

basta st’attenta a quello che se magna.

La frutta va lavata e risciacquata

senza coccia va magnata,

la terra co’ la chimica è concimata

co’ li veleni annaffia le piante er contadino

questa e’ l’aria bona che respira er cittadino.

 

Ma er fumo fa male.

 

N’antra cosa è la citta’

dove l’ufficio d’igene ce sta’,

er macellaro venne la carne ar colorante

er pollo arigonfio mensirmente,

er pizzicarolo l’insaccato fatto de suino

er premio lo danno a chi ne trova un pezzettino,

er vino lo trovi nelle cantine

fatto co’ l’acqua e le cartine.

 

Ma er fumo fa male.

 

Pure li giardini so messi male,

li regazzini nun ce ponno più anna’

perche’ li cani ce vanno a caca’

e dopo st’aria pulita e sta genuinita’

giustamente  chi fuma avvelena l’umanita’

dartronne la corpa a quarcuno ,

sa da da’.

Le antiche fontane de Roma
 

A Roma de fontane ce ne so’ tante,

d’estate fanno da rinfrescante

d’acqua ne esce in quantità

da quarsiasi buco le vedi zampillà.

 

Riempiono le vasche sottostante

che servono ar turista stanco e 'gnorante

pe’ rinfrescasse er piede dolorante

nun conoscenno la storia e la civirtà

de la fontana, dove er piede ce se sta a lava’.

 

So' fontane costruite tanto tempo fà

ognuna c'ha ‘na storia da racconta’

firmate da grandi personaggi della storia,

non pensanno  che un domani

servissero pe’ lavasse piedi e mani.

Neo pensionato
 

Riunito all’amichi e ar parentato

pe' festeggià er riposo meritato,

ripensanno all’anni che ha lavorato

oggi  finarmente è pensionato.

 

Comincia un  periodo più bello

un sonno più tranquillo,

senza  la sveja  che è 'n assillo

cor suono dello squillo.

 

Dopo anni de lavoro onorato

pe’ mantenesse l’assegno  da pensionato

deve attrezzasse  de cartelli e striscioni

esse  pronto alle manifestazioni.

 

Pe dimostrà a li governanti

che li pensionati so' tanti

sempre pronti e presenti

a difennese la penzione co’ li denti.

 

Pensanno a la salute e ar futuro

facennose  li conti dell’anni che ha lavorato

pe' pareggià co’ lo stato

tutti  l’anni  che ha pagato

Pensionato  malinconico
 

Nella stanza che al riposo dedicavo

quando stanco dal lavoro ritornavo,

oggi me c'assale la malinconia

pensanno a quer che fu la vita  mia.

 

Lontano dalla nostargia e dal rimpianto

dopo aver tutta la vita lavorato tanto,

ma sapenno quello ch'er domani sara'

quanno il giorno ricomincera'.

 

Aspettanno sempre che se faccia sera

e risvegliasse domani 

pe' la solita vita giornaliera.

L’inverno
 

Le  foglie cadono  per terra, 

lasciano  l’arbero  nudo

in  attesa  della primavera,

cambianno  colore alla natura

cor vento che  se  le porta  via

mettenno nell’aria la malinconia.

 

La  neve cascanno imbianca  le case

danno  lo  stesso  colore a tutte le cose,

quer  po’ de  sole  che ogni  tanto esce

manna  calore facennote  rinasce,

ma dura tanto poco 

che pe’ scallatte, devi accenne  er  foco.

                       

La giornata corta e  buia

fatta de tristezza  e  tanta  noia,

giornate desiderose  de letto

specie quanno la  pioggia batte  sur tetto.

dentro  casa  dalla mattina  alla sera

pe’ datte ‘na  sgranchita aspetti primavera

 

Roma,16 febbraio 1987.

La donna
 

Fin dai tempi d’Adamo ed Eva

l’ omo sconta li peccati sua,

fu Eva a magnasse la mela

istigata dar serpente

c’annette de mezzo Adamo 

che nun c’entrava gnente.

 

Dio li scacciò  dar paradiso

li puni’ pe’ ave’ disobbedito,

mannati sula tera

ricominciarono a pecca’

rimagnannose la mela,

e a forza de pecca’

de peccatori ce ne so' in quantita’

 

De donne ce ne so' in abbondanza

l’omo e’sempre in minoranza

a da  subbi’ dalla donna la prepotenza 

der fascino che c'ha’in esubberanza

e fin dal’eta’piu’bella

soffre pe’ l’anima sua gemella.

 

Sarà pe’ quer favore che Adamo fece

quanno la costola Dio je se prese

pensanno de creaje‘na compagna

nun capì che je creava ‘na tiranna

quella costola je stara’un po’stretta

se sfoga a facce li dispetti poveretta.

 

mal’omo che sempre l'ha rispettata

ja concesso pure la parita’

rimanenno lui disoccupato

e lei annanno a lavora’.

Adesso co’sta parita’

all’omo je manca solo la maternita’.

            

Roma, 27 ottobre 1978

La calura
 

Se  in città c’è  la  calura

la  gente scappa ar mare

pe’ trova’ un  po’  de frescura,

ripensanno che in citta’ nun se  respira

se  mette sotto ar sole 'na giornata  intera.

 

Cor giornale se danno‘na sventajata

pe’ fasse l’aria ventilata,

rigirannose e cambianno de  posto

come tanti polli arosto.

 

La sera tutti belli e riscallati

come gamberi arostiti,

co’ le  spalle che je fanno male

pe’ la giornata passata ar sole.

tornano in citta’  ,

contenti d’essese annati a rinfresca’

 

Roma,1 settembre  1980 

La  giovinezza
 

La  giovinezza  è come‘na  ventata,

dopo  la  freschezza ariva  la  vampata,

Qanno sei  giovane  aspetti l’età giusta

te ne accorgi quanno è già  passata,

Da  sempre  la  stai aspetta’

pure quanno  stai a invecchia’.

L’anni della gioventù so’ l’anni più  belli

ma pe’  te che ce stai drento nun  so mai  quelli.

Arivati  a ‘na  certa età

 te rimpiangni  de nun  avelli  saputi sfrutta’

perche’  nella vita nun se sapemo accontenta’.

 

La giovinezza è fatta d’amore  e  de spensieratezza

senza penza’ ar male  e alla  bruttezza,

ma co’ li  tempi d’oggi fatti de truffe e d’inganni

pe staje ar passo, quanno  nasci devi ave’ trentanni.

 

Oggi  la  giovinezza è  solo quella

fino a quanno  tu madre  te  fa da  balia,

dopo la  vita è tutta 'na battaja,

e se pure c’ha  la freschezza

nun t’accorgi d’avecce la  giovinezza.

 

Da' retta a me,

la giovinezza fattela da  te,

a quarsiasi eta’

co’ l’amore, la  salute e  la tranquillita’.

 

Roma, 27 luglio 1980

La   pasquetta  de  'na  vorta
 

Lunedì dell’Angelo dopo  pasqua

for de’  porta pe'  li prati 

co’ l’amici  accompagnati,

tra  canti  scherzi  e quarche  pallonata

se  passava  la  giornata.

 

'Na  fetta de  salame e ciambellone

quarche ovo sodo pe’  colazione,

a  pranzo co’  la  fava e  pecorino

mortadella nella cirioletta

riposannose sdraiati  sull’erbetta.

 

raccontannose quarche  arzelletta

se passava  la  giornata  in  compagnia

de l’amici  e  li  parenti  in  allegria,

ar sono de chitara  se  cantava

e a piedi  a  casa  se  tornava.

 

Roma, 1 aprile 1991

I fiji

 

I fiji !!!  So'  la  gioia   de  'sto  monno.

Da quanno  la  moje  dà l'evento
se  comincia  a  pensa' come chiamallo,
figurannolo sempre  er piu'  bello
facenno  paragone co'  questo  e  quello.


Er giorno dell'evento nun ariva  mai
ja ripeti  sempre  come  stai,
lei  te  fa senti'  er carcetto
che ja  rifila  er  pargoletto,
e  tra  un carcetto  e  un  po'  de voje
a mi  moje je arivano le doje.

Er lieto evento gia' c'è stato
er pupo ar battesimo l'ho portato
e  insieme all'invitati ar pranzo semo annati
ritornati a  casa in tre e in  piena armonia
in  quella  casa  dove  ci  mancava  un  po'  d'allegria.

Tra pianti pappa e  cacca
la  sera la mi  moje se sente  stracca,
se butta  sul  letto e s'addormenta
ariecchete che er pupo se lamenta,

 

e pe' non fallo  soffri'
lo tira su  dalla culla  e  lo  rimette a dormi'
tra me e  lei.

fino le  sei.

A quell'ora io  me arzo pe' anna' a lavora'
un  po'  rotto in verita'
un po' stanco,ma  contento
ch'er mi fjo m'ha dormito  accanto.


Nun  vedo l'ora  la  sera da riabbracciarlo
ma  appena entro,mi moje  strilla da nun svejallo:
"c'ho  perso tempo pe' addormentalo".

Er tempo e' passato,er pupo e' grandicello
"guarda cammina,  quanto e' bello,
sai  oggi ma  chiamata,a  detto mà",
"ma sta zitta che dall'artro ieri dice pà".


Nun se capito mai, quello  che er pupo dice
ma li genitori se  contestano er primato
de  chi pe' primo è stato  chiamato.

"Amore mio quanto fatichi!!!
pe' tira'  su un fijo è faticoso,
nun te sei  presa  mai un giorno de riposo.

Ma  l'amore  passa  su tutte 'ste sofferenze
te vedo più bella,più donna, più  armoniosa
s'intenne quanno nun sei nervosa.

Anzi  lo sai c'ho pensato
siccome già ce so' passato
co' l'esperienza che c'avemo avuto,
'n'antro fijo nun me sarebbe dispiaciuto".
"Ma  che  scherzi!!!" M'arisponne  lei.

Ma in una notte  che non mi ricordo quale
tenennose la  mano  tutto  contento
ce fu er secondo evento.
Se  vede che  ce l'avemo messa  tutta
infatti e' nato un  pupo biondo
er mejo  de 'sto monno
un  po' vivacetto permaloso  e  strafottente
ma cio'  due fiji  che nun je  se  po'  di gnente.

Ringraziando  Dio  che  me  l'ha mannati
'sto  poco tempo  che so'  vissuti
guai nun me l'hanno  dati.


Roma, 3 ottobre 1978

Er  diluvio   universale
 

Er Padreterno  dopo ave'  creato er  monno,
le  generazioni  se formorono
e  le  uere  cominciarono,
nun rispettarono  più  er Padreterno,
che capi'... cosi' nun  poteva anna'
e pe'  questo li  volle castiga'.

Mannò  un  diluvio  universale
che  doveva sarva'  er  capitale,
un  capitale  fatto  de  soli boni
mannò  pioggia, lampi  e toni.
Dopo  er  diluvio e  li  temporali
se sarvarono pochi omeni  e  tanti  animali

L'omeni  e le  donne nun  furono  tanti,
je  dettò li comannamenti
e je  disse  da rispettalli
pe'  vive  in  pace  da fratelli.
Ma  tanti nun  vollero  sentilli,
ricomincianno a fa'  le guere  e  a pecca'
sempre pe' comanna'.

Furono costruite scole  per la bona creanza
ma  ancora  oggi nun c'è  speranza
da elimina'  la delinguenza.
Se ammazzano boni  e  cattivi
chiamannose omeni civili,

Er  popolo onesto  vive  ner terore
litigano  ancora le socere co' le nore.
Nun ja  basta  litiga'  su  la tera
so iti a pia'  de  petto la  stratosfera


mannanno  missili  nell'universo
cercanno  da  fa gira'  li  satelliti pe'  traverso
creanno scompijo ner  firmamento,
alle  stelle  e  all'astri daje er  tormento.

Vonno conquista'  la  luna,giove  e marte
sulla tera  fanno sempre la  stessa arte.
Se credono li padroni, e nun pensanno
che de padrone c'e'  solo er  Padreterno
ma c'e' sempre chi  litiga  per comanno
fino a quanno ce sara'…  la fine de 'sto monno.

Questa pagina è il tributo a Roma di un romano di adozione che ama questa città più di tanti Romani di nascita !