Partecipiamo.it

All'ombra del Vesuvio

Giuseppe Cicala

rubrica a cura di Luciano Somma

 

  

OI TAVULOZZA MIA (frammento)

 

Luntano, va luntano,

oj tavolozza mia;

porte tutt’’e culure

ca t’ha dato l’ammore!

E songhe tante e tante:

russe, turchine e blu!

Si pure chisto core

Cchiù spisso s’è fermato

A ‘nfònnere ‘o penniello

Dint’’a malincunia!

 

 Giuseppe Cicala

 

Da Tavulozza Napulitana-

 Cioffi Editore- Napoli

 

 

Giuseppe Cicala

 

Nato a Napoli il 29 Luglio 1930 morì, dopo una lunga malattia, nel 1987.

Professore di diritto, in giovanissima età, figlio d’un legale e fratello di altrettanti avvocati, nacque, si può dire, già poeta.

Il primo libro “ERBA NUVELLA” Risale al 1950, ne seguirono moltissimi altri.

Presente in molti circoli e salotti si fece sempre apprezzare per la sua brillante poetica ed ottima dialettica.