Partecipiamo.it...vai alla home page

 

Rita Minniti

 

 

STRAPPI D’ASSENZE

 

Mi circonda
l’incauto passo
d’un’esistenza lasciata
a sé stessa,
dove l’ombra
ostacola la visibilità
della luce.

E mi ritrovo
con la mente capovolta
verso immagini di niente,
così che l’inutilità
avvertendola sfiorarmi
e arrendersi,
permane nell’indifferenza.

Forse,
dovrei correre ai ripari,
prima che la pioggia bagni
quel che resta d’un grido
fermo in gola,
e si dissolva la tenerezza
d’un sentimento in bilico.

E avrei coraggio
di lottare,
se fosse la soluzione
per dire a un sogno
di non ostacolarmi,
ritornandomi a sorridere
nell’anima,
com’era un tempo.

Ma è il freddo
a ricoprirmi e a irrigidirmi.
E’l’impossibilità
di ricucire le attese,

impigliate
in strappi d’assenze,
a non resistere
al peso di quel domani,
scalfito
dalla lontananza.

***
(Introspezione)