Partecipiamo.it...vai alla home page

 

Rita Minniti

 

 

Risalendo la china

 

Risalendo la china,
ho lasciato cadere
sulle tracce d’umidi passi
stonate canzoni,
richiamando alla mente
lontani ricordi.

Ritornando a stanare le ore
di corrosi discorsi,
ho guardato la stiva
dove avevo nascosto
i rimpianti.

Ma il gelo del niente
mi raffreddava le ore
e congelava i miei sogni.
E le inutili aspettative
mi guardavano inermi
con domande senza risposte.

La paura avanzava,
avanzavano gli anni,
e l’inutile corsa
mi raggiungeva ansimante,
mentre
dai vicoli ciechi di ieri
ascolto il lamento di oggi
che marcisce nel fango
tra le pieghe d’assoluti silenzi,
finiti nell’ombra
d’un ritrovato tormento,
al confine
della fine,
d’un rosso tramonto.

***

(Riflessioni)