Partecipiamo.it...vai alla home page

 

Rita Minniti

 

 

OLTRE IL RESPIRO

 

 

Non ti dirò,

 

se domani

l’intrigante e bieca

signora del buio

affilerà con cura la sua falce,

 

che tutto andrà perso.

 

Potrà scucire l’involucro

digrignando i denti,

d’un corpo stanco

o reciso dal destino,

ma non rapire l’anima.

 

Resterà nell’aria,

libera di volare altrove

e mai scalfita dal suo scopo.

 

Vivrà delle stagioni

vissute appieno,

raccontando al cielo

di reminiscenze antiche,

e vagherà

nel silenzio della luce

nell’aspettare

di vestirsi d’altra vita.

 

Perché la morte

è quello spazio indefinito

che si fonde

all’inspiegabile oltrepassare

da un senso a un altro,

 

dove niente si perde

quando si è vissuto,

niente si perderà

nella continuità dell’esistenza

oltre il respiro.