Partecipiamo.it...vai alla home page

 

Rita Minniti

 

 

CHE SENSO STRANO

 

Che senso strano

è questo mio guardami dentro.

 

Riuscire

a raccontarmi gli anni

e poi le ore,

nascondendomi ai giorni,

per non vedermi

andare a fondo.

 

Che senso strano

è questo mio riflesso

in uno specchio,

dove l’immagine precisa

è difficile vederla,

mentre le rughe in silenzio,

continuano a seguirmi,

dovunque io vada.

 

Dentro,

dove nascondersi non serve.

 

E resto ad accettare

la visione

di quel che sono,

e che,

il riflesso di me stessa,

è vita.

 

Vita

che giorno dopo giorno

m’appartiene,

e mi raggiunge implorandomi

di scalare i sogni,

anche quando

vorrei non esserci.

 

Anche quando il gioco

si fa duro.