Partecipiamo.it...vai alla home page

 

Rita Minniti

 

 

AL CANTO DEL GALLO

 

Mi perdo

allo spegnersi della luce

e sul cuscino dormo la paura.

 

Il sonno  è una chimera.

 

Sapessi quanti scogli

vorrei smussare,

spaziare tra i girasoli

che guardano al sole.

 

Mi giro e mi rigiro,

in quest’aria assente,

nel freddo

di lenzuola consumate ,

e invento la notte,

leggo un libro a lieto fine.

 

Ma mi è amico

il rumore del vuoto

così caro all’incertezza,

compagno sarcastico

che non abbandona la preda.

 

E se da quella luna mi disseto,

quando le tenebre

rapiscono il mio io,

 

forse ritroverò ristoro,

 

sforzando la mente

ad ubriacarsi d’armonia

al canto del gallo.