Partecipiamo..it... vai alla home page

 

Poesie di Natale - Eufemia Griffo

 
 
 
   
  Come una rosa s’intreccia sui rovi  
     
 

L’algida luna d’inverno

s’eclissa tra le braccia del sole,

s’adagia su raggi di nebbia

come una rosa s’intreccia sui rovi

 

Tra i bucaneve, una elleboro bianca

nascosta tra candidi fiori di neve.

Sui cristalli impigliati sui vetri

cadono lievi, fiocchi di porcellana

 
     
     
 

Eufemia Griffo

 
 
 
 
 
 
 

 
  Il Re d’inverno  
     
     
 

E’  il re d’inverno

amante della luna

che oscura il sole,

 

solitario il suo passo

che affonda nella neve

 

Tra i suoi capelli

perle di neve e luci

si rincorrono

 

scomparendo nel buio

della gelida notte

 

Lo sguardo perso

ad ammirar la beltà

del nuovo mondo

 

mentre le ultime foglie

dormono il lungo sonno

 
     
 

Eufemia Griffo

 
 
 
 
 
 
 

 
  Nel giardino d’inverno  
     
 

Nessuna voce

nel giardino d'Inverno

di biancospino:

 

a disturbare il sonno

che avvolge come manto

 

Infreddolito

si poggia sulla panca

un passerotto

 

ricordando il tepore

di stagioni assopite

 

La Primavera

dal volto di signora

indossa abiti

 

intessuti d'argento

e piccoli diamanti

 

Il capo chino

ad attendere il sole

che scioglie il gelo

 

il cuore di cristallo

che attende il primo raggio

 

Ad occhi chiusi

una tiara sul capo

ricca di gemme

 

scintillanti di luna

e luminosa neve

 
     
 

Eufemia Griffo

 
 
 
 
 
 
   
  “Nella memoria  
     
     
 

Nella memoria

sigillo dei ricordi

di altri natali,

 

ricercano dimora

i sogni prigionieri

 

Verso la luna

velata dalla notte

attenderanno,

 

nel cassetto mai chiuso

nel fiume dei giorni

 

Malinconico

è il  sentiero percorso

nei meandri del tempo,

 

fragile come neve

caduta sulle mani

 

Foglie già bianche

della forma del cuore

danzano lievi,

 

ed infine cadono

senza fare rumore

 
     
 

Eufemia Griffo

 
 
 
 
 
 
 

 
  Neve  
     
 

La neve è una melodia,

bianchi fili di note oscure

in cerca di uno spartito

 

immagine dell’infinito

limpida luce di una poesia

 
     
 

Eufemia Griffo

 
 
 
 
 
 
 

 
  Oltre il colore del silenzio  
     
     
 

Scorrono i giorni e le ore

oltre il colore del silenzio

assopito sulle labbra;

un bacio di neve, il vento

nel lento adagio dell’inverno

 
     
 

Eufemia Griffo

 
 
 
 
 
 
 

 
  Sulle mie mani  
     
     
 

Sulle mie mani

come ali di farfalla

corre via il tempo

 

incontrando l'Inverno

di un'altra stagione

 

E fiocchi bianchi

si poseranno lievi

sulla mia casa

 

e scandiranno le ore

oggi come ieri

 

Nelle fredde ore

dei giorni di Dicembre

torna  la notte

 

sulle ombre dei ricordi

con silenzioso passo

 
     
 

Eufemia Griffo