Partecipiamo.it

 

Eufemia Griffo

 

 

La ballata di lady Shalot

 

Dorme lady Shalot
il sonno eterno avvince
l'ultimo sogno

ride l'orrendo speziale
occulto quel veleno

Aguzze cime
ove padrone il falco
dal becco adunco

dispiega le ali nere
sulla maestosa valle

Buia la foresta
ove sorge palllido
il primo raggio

del sole del mattino
dietro le nere torri

Calme son le acque
del nebbioso lago blu
giunchi su sponde

e boccioli di rosa
dall'eterno profumo

Fiore sul cuore
di linfa nuova accende
i sopiti sensi

ribolle il rosso sangue
tra i suoi roridi seni

Innnanzi al fuoco
una ballata d'amor
soave quel canto:

di Lady Shalot si narra
e della morte, vinta

 

Eufemia, Agosto 2010