Partecipiamo.it

 

Eufemia Griffo

 

 

Il protettore poesia di Eufemia

 

Oh notti insonni

quando gli astri son spenti

da luna piena

 

crudele drappo nero

s'asside sull'anima

 

Cuore straziato

di cristalli composto

cocci di vetro

 

insondabile angoscia

che piu' non t'abbandona

 

Un lieve tocco

come due ali d'angelo

tra incubo e sogno

 

duplice è la scelta

attesa d'abbandono

 

Come in un 'alba

luminosa d'aurore

egli m'avvolge

 

spoglio abito consunto

tra le  possenti mani

 

**

 

Eufemia

 

Perché ciascuno di noi ha bisogno di un angelo che lo protegga…