Partecipiamo.it

 

Eufemia Griffo

 

 

Ero io

 

Mi guardavo nella limpida fonte

specchio di un ‘anima

perduta tra rugiada di  lacrime

nell’antica foresta,

d’erba bagnata,

fragranze d’abeti,

querce imponenti

ad un passo dal cielo.

 

Quella ero io:

 d’una terra materna vestale

di praterie sconfinate

d'infiniti sentieri

come  il Sole e la  Luna.

 

In quel limpido cielo

della maestosa aquila

l'ultimo volo,

su  nuvole di passaggio

fatte di vento

e di nebbie dissolte

 

 

~ Eufemia ~

L’immagine č di Miriel