Partecipiamo.it

 

Eufemia Griffo

 

Canzone d'amore e di guerra

 

Il bavero alzato

contro il freddo d’Inverno

a tagliare lembi di pelle

nella città che dorme

 

Parigi, la bella

vecchia signora

dal passato lontano

di fasti e dame incipriate

sui volti di bambola,

piange i suoi figli

dall’ignota dimora

 

Alzati donna

dai silenziosi occhi di madre

cattura l’ultimo raggio di sole

dalla vita che fugge

Domani, forse,

il cielo tornerà ancora azzurro

 

Questa notte io vedo solo

nubi e tempeste…