Partecipiamo.it...vai alla home page
 
Poeti classici o famosi

Concorsi di Poesia 

Giovanni Pascoli Alessandro Manzoni Rudyard Kipling Kahlil  Gibran Martha Medeiros
La Piccozza Il Cinque Maggio Se Poesie Lentamente Muore
 
Callimaco Antonio De Curtis (Totò) Giuseppe Ungaretti Luigi Mercantini Pablo Neruda
Opere Vita 'a livella Poesie e biografia La spigolatrice di Sapri Posso scrivere i versi...
 Poesia  Concorsi di Poesia 
Giovanni Meli Cesare Pavese Max Ehrmann Paulo Coelho Giacomo Leopardi
Poesie Raccolta di Poesie Desiderata Cosa ha imparato dalla vita Ugo Foscolo
 
Palpiti di poesia Alda Merini Gabriele D'annunzio Francesco Petrarca Ischia: Natura, poesia e cultura.
  Poesie e testimonianze La Pioggia nel pineto Pagina dedicata
Concorsi di Poesia        Poesia     
Voci poetiche contemporanee
      Poesia            Poesia            Poesia            Poesia            Poesia            Poesia            Poesia            Poesia            Poesia      
         
Poesie Siciliane All'ombra del Vesuvio Nuova poesia Napoletana Concorsi di poesia Poesie presentate in power point
         
 
 
Le poesie dei lettori di Partecipiamo
 
                                                                                                                           La poesia vince la forza di Gravità
                                                                                                                                                               Autore: Marcello Mascetra
                                                                                                                                                                               e-mail: marcellomascetra@libero.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La poesia non è un modo di esprimere un'opinione.
E' un canto che sale da una ferita sanguinante o da labbra sorridenti.

Kahlil  Gibran

 

 

Emanuele Marcuccio: Introduzione alla poesia

Alle fronde dei salici

di Salvatore Quasimodo

Come potevamo noi cantare

Con il piede straniero sopra il cuore

Tra i morti abbandonati nelle piazze

Sull’erba dura di ghiaccio, al lamento

D’agnello dei fanciulli, all’urlo nero

Della madre che andava incontro al figlio

Crocifisso sul palo del telegrafo ?

Alle fronde dei salici per voto

Anche le nostre cetre erano appese,

oscillavano lievi al triste vento.

 
Altri siti di Poesia
 
Poesie d'amore
 

Se io potrò impedire ad un cuore di spezzarsi

non avrò vissuto invano

se allevierò il dolore di una vita o guarirò una pena

o aiuterò un pettirosso caduto a rientrare nel nido

non avrò vissuto invano

Emily Dickinson

 

Baudelaire

Felice chi con ali vigorose,

le spalle alla noia e ai vasti affanni

che opprimono col peso la nebbiosa vita,

si eleva verso campi sereni e luminosi!

Felice chi lancia i pensieri come allodole

in libero volo verso i cieli nel mattino!

Felice chi, semplice, si libra sulla vita e intende

il linguaggio dei fiori e delle cose mute!

 

 

Kahlil Gibran

 

La poesia è il salvagente

cui mi aggrappo

quando tutto sembra svanire.

Quando il mio cuore gronda

per lo strazio delle parole che

 feriscono, dei silenzi che trascinano

 verso il precipizio.

Quando sono diventato così

impenetrabile

che neanche l'aria

riesce a passare.

 

Madre Teresa di Calcutta

Il meglio di te


L’uomo è irragionevole,
illogico, egocentrico:
non importa, amalo.
Se fai il bene,
diranno che lo fai
per secondi fini
egoistici:
non importa, fa il bene.
Se realizzi i tuoi
obiettivi,
incontrerai chi ti
ostacola:
non importa, realizzali.
Il bene che fai forse
domani verrà
dimenticato:
non importa, fa il bene.
L’onestà e la sincerità
ti rendono vulnerabile:
non importa, sii onesto e sincero.
Quello che hai
costruito
può essere distrutto:
non importa,
costruisci.
La gente che hai
aiutato,
forse non te ne sarà grata:
non importa, aiutala.
Da’ al mondo il
meglio di te,
e forse sarai preso a pedate:
non importa, da’ il meglio di te.

 

 

 

 

 

 

Ottaviano Menato

Semina la speranza…



Semina semina:
l'importante è seminare
- poco, molto, tutto -
il grano della speranza.
Semina il tuo sorriso
perché splenda intorno a te.
Semina le tue energie
per affrontare
le battaglie della vita.
Semina il tuo coraggio
per risollevare quello altrui.
Semina il tuo entusiasmo,
la tua fede
il tuo amore.
Semina le più piccole cose,
i nonnulla.
Semina e abbi fiducia:
ogni chicco arricchirà
un piccolo angolo della terra.

 

Padre anche se... - Camillo Sbarbaro
   

Padre, se anche tu non fossi il mio
padre, se anche fossi a me un estraneo,
per te stesso, egualmente t'amerei.
Ché mi ricordo d'un mattin d'inverno
che la prima viola sull'opposto
muro scopristi dalla tua finestra
e ce ne desti la novella allegro.
Poi la scala di legno tolta in spalla
di casa uscisti e l'appoggiasti al muro.
Noi piccoli stavamo alla finestra.

E di quell'altra volta mi ricordo
che la sorella, mia piccola ancora,
per la casa inseguivi minacciando.
(la caparbia avea fatto non so che)
Ma raggiuntala che strillava forte
dalla paura, ti mancava il cuore:
ché avevi visto te inseguir la tua
piccola figlia e, tutta spaventata,
tu vacillante l'attiravi al petto
e con carezze dentro le tue braccia
avviluppavi come per difenderla
da quel cattivo ch'era il tu di prima.

Padre, se anche tu non fossi il mio
padre, se anche fossi a me un estraneo,
fra tutti quanti gli uomini già tanto
pel tuo cuore fanciullo t’amerei.

 

 

 

 

 

 

 

 
Un Sorriso
(Anonimo)

 

Un sorriso non costa niente e produce molto

arricchisce chi lo riceve,

senza impoverire chi lo da.

Dura un solo istante,

ma talvolta il suo ricordo è eterno.

Nessuno è così ricco da poter farne a meno,

nessuno è abbastanza povero da non meritarlo.

Crea la felicità in casa,

è il segno tangibile dell'amicizia,

un sorriso dà riposo a chi è stanco,

rende coraggio ai più scoraggiati,

non può essere comprato, ne prestato, ne rubato,

perché è qualcosa di valore solo nel momento in cui viene dato.

E se qualche volta incontrate qualcuno

che non sa più sorridere,

siate generoso, dategli il vostro,

perché nessuno ha mai bisogno di un sorriso

quanto colui che non può regalarne ad altri.

 

Orme

Anonimo

Una notte un uomo fece un sogno. 

Sognò di passeggiare lungo la spiaggia con il Signore. 

In cielo balenavano scene della sua vita.

 Per ciascuna scena notò due serie di orme sulla sabbia:

 una apparteneva a lui e l'altra al Signore.

 Quando gli fu balenata davanti agli occhi l'ultima scena, 

si voltò a guardare le orme 

e notò che molte volte lungo il cammino vi era una sola serie di impronte. 

Notò anche che questo avveniva durante i periodi più sfavorevoli

e più tristi della sua vita. 

Ne rimase disorientato e interrogò il Signore.

 "Signore, tu hai detto che se io avessi deciso di seguirti, 

tu avresti camminato tutta la strada accanto a me,

 ma io ho notato che durante i periodi più difficili della mia vita

 vi era una sola serie di orme.

 Non capisco perché, 

quando avevo più bisogno di te, 

mi hai abbandonato."

Il Signore rispose: 

"Mio amato figlio, io ti voglio bene e non ti abbandonerei mai.

 Durante i tuoi periodi di dolore e sofferenza,

 quando vedi solo una serie di orme, 

quelli sono i periodi in cui io ti ho portato in braccio."

 

Tutta la vita è un dono

 

 

Tutta la vita è un dono, per ogni uomo;

Tutta la vita è un dono, in ogni momento;

Tutta la vita è un dono, canta per lei;

 

Corri corri a perdifiato contro la corrente che trascina,

infrangi la marea di chi ti porta in giù,

distruggi le barriere dell'indifferenza,

sorridi a chi non sa

che la vita non si ferma mai.

 

Tutta la vita è un dono, non la sciupare;

Tutta la vita è un dono, non la bruciare;

Tutta la vita è un dono, vivi per lei.

 

Anche nei giorni tristi, la vita è amore;

anche tra le bufere, la vita è amore;

la vita è sempre un dono che Dio ci da.

Poesie selezionate         Poetry