Partecipiamo.it ... vai alla home page

Luciano Somma

LL’APPUNTAMENTO

 

Poesie Napoletane

 

   

LASSATE STA’

 

Si penzate ca ‘e solde sulamente

Ve ponno da’ salute , gioia e ricchezza ,

lassate stà , nun ‘mporta , nun fa niente ,

nun leggite stu libbro , è na schifezza .

 

Facitelo restà dint’’a vetrina

Passate annanze , nun ve ne curate ,

nun è ‘a ricetta pe’ na medicina ,

pirciò , sentite a mme , nun l’accattate !

 

 

LL’APPUNTAMENTO

 

Me sento ricco , e nun tenco na lira ;

me sento Re senza tenè na corte ;

ma ‘o patremmonio e ‘o regno è chesta Napule

ca ‘a vonno fa murì , ma nun è morta !

 

Napule è sempe chella…tale e quale:

cu’’o mare generoso , chin’’e core ,

ch’è ancora ‘a vita pe’ nu piscatore ,

ch’è tutt’’o munno pe’ nu puveriello .

 

E vaco a Margellina tutt’’e ssere ,

ncopp’’a scogliera : ’o posto è prenotato !

pe’ vedè ‘o spettaculo ‘e sti lluce ,

e quanta cose ca stu core sente …

 

Nu poco ‘e chesta musica ca ‘o mare

Mme porta tutt’’e ssere , puntualmente ,

sona pe’ mme , o almeno accussì pare :

quanta felicità ‘st’appuntamento !

 

 

GRAZIE

 

Pure ‘o cardillo nun tene cchiù voce…

Io guardo ‘e rame sicche , scunzulato ,

‘o Crucefisso ‘e sta vernata  ‘ nCroce ,

‘o cielo ‘e chiummo pare nu malato .

 

Vicino a nu telefono ch’è muto

Comme so’ lente l’ore d’’a ghiurnata

‘a stanza pare fosse nu tavuto

pure ‘a televisione àggio stutato .

 

Mo ‘nfaccia ‘e lastre ‘o viento se lamenta

comme ‘o chianto picciuso ‘e na criatura

e stu penziero ‘e te che me turmenta

‘a luntananza , ‘o ssaje , mme fa paura .

 

‘Mpruvvisamente ‘o lampo ‘e na tempesta

pe’ n’attimo fa chiara ‘a stanza scura ,

sbatteno tutt’’e pporte d’’e ffeneste ,

tremmano tutt’’e quadre ‘nfaccia ‘e mmura .

 

All’intrasatta sona ‘o campanello

Vaco arapì e te veco ‘nnanze all’uocchie

‘nfosa p’’a pioggia , stanca , piccerella ,

sento nu tremmulio dint’’e ddenocchie .

 

Doce accussì nun t’àggio vista maje

Ma nun parlà , dicisse na buscia…

Addò si stata nun me ‘mporta e ‘o ssaje

grazie ca si’ turnata , figlia mia . 

 

ONESTA’

 

Si ricco, è overo, ma si’ pretenziuso,

e guarde ‘a ggente comme si ‘a schifasse

staje carreco ‘e denare, te n’abuse,

e vaje facendo ‘a mangiatòra vascia…

 

Te si’ accattata ‘a villa a rriva ‘e mare

na machina veloce, n’aeroplàno,

e te mantiene ‘a meglia d’’e “cummare”

ca te fa arrecrià nuttate sane…

 

Tu te ne vide bbene, chesto è giusto,

campanno ‘a vita toja meglio d’’a mia

‘e chistu munno n’assapure ‘o gusto

mentr’io m’’a sonno ‘a scrivere poesia…

 

Ma ‘o fatto ca faje troppo ‘o superbiuso

credennete, chisà nu pataterno

me fa penzà ca te scuorde na cosa:

‘a vita è nu passaggio sulamente…

 

E’ nu suonno ‘e na notte sultanto

si ammesurammo tiempo, eternità…

pirciò tutt’’a superbia e tutt’’o vanto

se ‘nchiova ‘nnanze a Dio, all’immensità.

 

E quanno ‘a nase ‘e cane vene a leggere

vicino a porta toja pe’ te chiammà

tu può cercà cu’’e solde d’’a “corrompere”

ma ‘a morte è ONESTA, nun se po’ accattà!

 

IO ME DISPERARRIA

 

Io me disperarria

si guardanno ‘int’’o specchio ‘e ll’uocchie tuoje

vedesse l’ombra ‘e n’ato e arrassusia

iesse ‘int’a cchiesia, comme a nu pezzente,

senza sentì, preganno, ‘a voce ‘e Dio.

 

Io me disperarria

si avesse purtà ‘a croce d’’a vicchiaja

sulo senza ‘o calore ‘e na carezza

sulo ‘int’’o ggelo ‘mbraccia a na tristezza

ch’arrubbarria sta vita ‘a dint’’e mmane.

 

Io me disperarria

si all’intrasatta s’asseccasse ‘o mare

si doppo ‘a notte nun spuntasse l’alba

si nun sentesse cchiù dint’a stu core

‘e palpite d’’o bbene ‘e mamma mia.

Tanno, e sultanto tanno, io overamente

nun disperanno cchiù ne murarria.

 

‘MBRACCIA A ‘O VIENTO

 

N’ombra cummoglie chesti strade antiche

strette e affucate n’copp’a sti quartiere

addò ‘o respiro è affanne dint’’e viche

e l’arte d’arrangiarse è nu mestiere…

 

Eppure quacche vota sponta ‘o sole

dint’’all’uocchie  ‘nnucente ‘e na creatura

“è tale e quale a ‘o pate “, so’ ‘e parole,

“Giesù ma comm’è grande sta natura”.

 

Ma è  destinato e scritto ca stu sciore

Ca è nato e criscarrà dint’a nu vascio,

nun truvarrà mai spazio ‘a parte ‘e fore

scusate : faccio d’evera  nu fascio.

 

Ma che se po’ ‘mparà miez’a na via

l’arruobbo, ‘o scippo, ‘a droga, ‘a delinquenza,

‘e vvote currarrà cu’’a fantasia

e ‘a scola ‘a stiente pigliarrà ‘a licenza.

 

Quant’è bellillo, è tale e quale ‘o pate,

mò dice ‘a ggente a chistu guagliunciello

pate che stà ‘a vintanne carcerate

p’eredità le lassa nu curtiello…

 

Sciore che schiuppe miez’a chesta gente

che nasce e more ogn’ora, ogni mumento,

tu si te può salvà ma overamente

vulanno miez’’e campe ‘mbraccia ‘o viento…

 

 

VOCE UNIVERSALE

 

Quanta facce tene ‘o munno

Janche , gialle , rosse ,  more ,

ma si scave ‘nfunno , ‘nfunno ,

unu sulo però è ‘o core ,

 

che s’affanna p’’a ricchezza

cu’ na lengua universale

regna l’uocchie d’allerezza

po’ fa male cchiù d’’o mmale !

 

E’ nu suonno ‘e nu pezzente

Senza Dio , senza nu santo ,

è ‘a carezza ‘e tanta gente

ca nun sape che d’è ‘o chianto .

 

E pruvate a ghì ‘int’’e ccase

‘e chi lassa chesta terra

strille , allucche ,quacche vase ,

e po’ doppo ce stà ‘a guerra !

 

Si spiate ‘e schiattamuorte

Ve cuntassero romanze

Quanta storie , quanta tuorte ,

senza maje tenè crianze .

 

Quanno more nu pezzente

Pure ‘o frato , ‘o cchiù carnale ,

va neganno ca è parente ,

chi ‘o canosce st’animale ?

 

Chest’è ‘a vita ‘ncop’’o munno

è na voce universale

ca nun cagna e fino ‘e ‘nfunno

fa assale male ,cchiù d’’o mmale !

 

PISCATORE

 

‘A luce ‘e na lampara

miez’’o mare

culora ‘argiento l’onne

schiara ‘a prora

‘o piscatore tira ‘a rezza

e pare

ca sta natura canta e se cunzola .

 

Nuttata doce ca se porta

 ‘nzino

tutto l’affanno ‘e na jurnata

amara…

ne voce , n’ata voce , n’ata ancora ,

tira Tatò , ca sta venendo ,

tira!

‘A vita . chesta vita ,

‘e vvote avara ,

‘e vvote ricca , ‘e vvote senza core ,

regala chesto

pe’ se purtà fore

‘o carreco

‘e nu tummolo ‘e penziere .

 

Na nuvola scumpare , po’ accampare ,

‘a copp’’o cielo

cchiù abbuffata

e nera

po’ chiove e ‘o viento

se lamenta e cade

‘a pioggia ,

tutte lacreme d’’o cielo…

 

‘A luce ‘e na lampara

miez’’o mare

se stuta  e ‘a varca

lenta torna a rriva

addò l’aspetta

‘o solito via vaie ,

mugliera , figlie ,

rezze ‘nfose , guaie…

 

SULE

 

Dicembre.

Dint’a sta casa,

atturniate all’albere ‘e castagne,

vicino ‘o ffuoco lento ‘e nu camino

d’’a ‘e lastre d’’a fenesta

veco ‘a montagna ‘e me vene ‘a penzà…

Me pare nu presebbio stu paese

addò  ‘o silenzio è amico

luntane d’’o frastuono d’’a città.

Fra mezz’ora è Natale,

io pare San Giuseppe e tu Maria,

simme rimaste sule,

‘e figlie stanno nzieme ‘e nnammurate

ncopp’’a neve a scià.

Io e tte mò stammo n’ata vota sule…

Te guardo e veco ll’uocchie

Nfuse ‘e chianto,

‘o core ‘e mamma è triste

pe’ chesta luntananza

e ‘o calore d’’a stanza

no, nun t’abbasta, né abbastarrà maie,

a regnere ‘o vacante

ca siente dint’all’anema.

‘A campana d’’a chiesia,

sona dudece vote: E’ mezzanotte!

Sona pure ‘o telefono: Auguri a tutt’’e dduie Mammà e Papà.

Natale ce arrevoglia

cu na coperta nova

e ‘o vaso ca me daie

tene ‘o sapore d’’a tranquillità.

Ma io sento, e so sicuro ‘e nun sbaglià,

ca è solamente nu mumento ‘e pace

t’’o vveco dint’all’uocchie,

quase comme leggesse int’’o pensiero,

ca ‘o core tuoie è luntano

miez’’a neve…

E guardo ‘o ffuoco lento d’’o camino,

nu tronco ‘e quercia ca s’è cunzumato,

‘a cennere ‘e nu foglio ‘e calannario…

 

GUARDANNO N’ALBERO ‘E  NATALE

 

Vinte ‘e Dicembre

dint’’a casa mia

sto sprufunnato ‘ncopp’a na pultrona,

vicino a mme muglierema che stira,

lasso pe’ nu mumento stu giurnale

pe’ tenè mente

l’albero ‘e Natale.

Guardanno ‘e ppalluccelle culurate

s’appiccia ‘int’’e penziere

n’arcubaleno ‘e ggioia

facendo chesta mente sfrennesià.

Torna

nu desiderio ‘e bbene luntano,

quase scurdato,

‘e panne a stirà so’ fernute…

Muglierema s’assetta ‘nzino a mme!

Che gulio che m’afferra

che sapore

st’abbraccio mo tene ‘o calore

d’’o ffuoco ‘e biancale

na carezza, nu vaso

ardente e carnale

finalmente quaccosa ‘e sta vita

pe’ n’attimo vale.

Quanto me piace st’albero ‘e Natale…

 

NUN SIA MAIE

 

Si asciuta dint’a nu capriccio ‘e sole

scetata cu’’o profumo ‘e n’alba chiara

so’ palummelle doce sti parole

che staje dicenno-comme mme si cara!

L’uocchie so’ specchio ‘e perle ‘mmiez’’o mare

‘a vocca toja carnosa è na cerasa

e l’oro d’’e capille mo me pare

na ricchezza ca regna ‘int’a sta casa.

Addò campammo nuje che a bbona ‘e Dio

ancora ce vulimmo tantu bbene

è nu gemello ‘o core tuojo cu’’o mio

che sbatte forte e fa tremmà sti vvene.

Una cosa però t’arraccumanno,

e so’ sicuro nun m’’a negarraje,

quanno facimmo amore, e sulo tanno,

nun di’ ca te sfastidie, nun sia maje!

 

CANE E CRIATURE

 

Chisà chi te l’ha dato ‘sta pacienza

eppure tutt’’e juorne ‘e vaje cercanno

pecchè tu ‘o ssaje so’ aneme ‘nnucente

pirciò suppuorte chello ca te fanno.

 

Tu si cusciente ca songo creature

e penzarraje: facimmencelle fa

te tiene na carocchia, t’abbandune

e te staje quieto senza risciatà.

 

‘E guarde ‘nfunno all’uocchie, ‘e tiene mente

cercanno d’’e capì d’’e fa pazzià

e quanta vote po’ ‘mpruvvisamente

e zumpe ‘ncuollo p’’a felicità.

 

Cu lloro cchiù ‘e nu cane tu si’ ‘o pate

e guaje a chi s’azzardasse d’’e tuccà

avesse ‘a te ‘a cchiù grossa muzzecata

tu ce appezzasse ‘a vita p’’e salvà.

 

E io ‘e vvote penzo ca si’ chisto è ‘o munno

se so’ sbagliate a te chiammà: animale

‘a vera  bestia è sulamente l’ommo

tu no – nun saje nemmanco che d’è ‘o mmale.

 

‘O mmale stà int’’a ll’anema d’’a ggente

ch’arrobba e accide senza ave’ pietà

va na cullana ‘e lacrime spannenno

senza curarse ‘e tanta ‘nfamità.

 

MUSICA NOVA

 

Na fronna verde,

cchiù verde d’’o verde,

p’’o sciuscio ‘e nu viento maligno

sta cadenno

spezzata,

po’ n’ata

e n’ata ancora,

e nisciuno ca dice a stu viento:

mo fèrmate, basta!

Ogni ghiuorno che passa

È cchiù vecchio, cchiù stanco;

tene ‘a voce abbrucata e ‘o lamiento

è cchiù lento;

ogni passo è pesante

pe’ tramente ‘int’a llaria

‘o suspiro è turmiento.

Chistu tempo ch’è amico e nemico

Cammina p’’o munno

Cu’ rilorge ‘mpazzute

Lancette cagnate…

Ma pe’ vvie ‘e ll’Universo se sente

na musica nova che Dio

sta sunanno pe’ l’ommo ‘e dimane

ca nun è certamente Gesù…

 

‘O SCEMO

 

Teneva sempe quatto pezze ‘ncuollo;

vedènnolo faceva assaje pietà;

e ghieva murmulianno pe’ Tuledo:

“Faciteme, ve preco, ‘a carità!”

 

Quanno qualcuno ‘o deve vinte lire,

‘o scemo ne redeva, ringrazianno:

“ ‘Ite ‘a campà cient’anne, bona gente;

cient’anne, ‘a fore ‘e chiste, e cu’ salute”.

 

E quacche vota, v’’o ccunfesso i’ pure,

vedènnolo accussi maleridotto,

lle devo diece lire o ‘a sicaretta,

penzanno: “Accussi giovane… che pena!”.

 

Ma nu juorno passanno p’’a Riviera

cu’ ‘a ‘nnammurata mia, a core a core,

vedetto asci ‘a na machina straniera,

chistu scemo vestito ‘a gran signore…

 

Teneva appresso a isso na figliola,

che v’aggia dì, na vera grazia ‘e Dio,

cu nu vestito degno ‘e na reggina,

tutta truccata comm’a  na gran miss.

 

Da buon napoletano, io son curioso;

e ‘a ‘nnammurata mia, c’a o canusceva,

è cchiù curiosa ‘e me, e ntuppecànneme,

me dicette: “Lucia’, tu he visto, neh?”.

 

Allora nun penzannoce doje vote,

m’avvicenaje e lle dicette. “Siente,

scusame si voglio essere ‘ntricante;

ma dimme: nun cercave ‘a carità?!”.

 

Me guardaje stuorto, m’abbuzzaje ‘o surriso,

e rispunnette cu nu filo ‘e voce:

“Te preco, statte zitto, mo te spieco:

muglierema nun sape ‘a verità”.

 

“Scerì, si tu permette nu minuto,

i’ vaco cu’ ‘st’amico aret’’o vico;

ll’aggia fa ‘na ‘mmasciata…”. E ‘a figliulella

‘o surridette, e lle dicette: “Oui”.

 

Appena c’avutaimo ‘o vecariello,

ce fermaimo, e isso me guardaje:

“I’ nun saccio chi si’, però me saje,

e mo te voglio ‘a storia mia cuntà.

 

Crisciuto senza mamma e senza pate,

arrubbavo na mela pe’ magnà;

d’’e puortice canosco tutt’’e pprete;

e saccio pur’’e mezze pe’’mbruglià.

 

Nu juorno, dint’a ‘stu cerviello fino,

me venette ll’idea ‘e fa ll’attore:

‘o meglio palcuscenico era ‘a via!

E accussì cumminciaje a recità.

 

Facenno ‘o scemo ‘a gente, divertita,

se fermava, redeva e regalava…

Dimme na cosa: tu ch’avisse fatto?

Ve piace ‘o scemo? E i’ ‘o scemo voglio fa.

 

Ma ‘o munno gira comme gira ‘a rota.

Nu bello juorno jette pe’ cuntà

e me truvaje nu bello capitale!

E fuie ‘o mumento chilo ‘e me fermà.

 

Me cercaje na figliola, e tu ll’hè vista:

na francesella chiena ‘e qualità.

Me so’ spusato e mo campo contento,

tenenno pure quacche proprietà.

 

Nun ce sta niente ‘a fa, cumpare mio:

‘a gente nun lle piace ll’ommo onesto;

pirciò ll’unica cosa, e tu ll’hè visto,

è chello ‘e truvà ‘o mezzo pe’ fa fesso!…”.

 

SERENITA’

 

Astregnere ‘int’’e mmane

‘a mana ‘e chi vuò bbene,

truvà int’’o funno ‘e ll’uocchie

‘e na criatura

chella ‘nnucenza ca nun tiene cchiù.

Guardà nu mare placido

int’a na sera ‘austo

sentì ‘o suspiro ‘e ll’anema

ca se cunfonne

c’’o respiro ‘e ll’onne.

Arretirarse ‘a sera

e vedè attuorno ‘a tavula

tutt’’a famiglia aunita,

sentì nu figlio

ca te spia cunziglio

facennete capì

ca tu le sierve,

tu le sierve ancora…

 

P’AVE’ NU FILO ‘E LUCE

 

Nun s’assapora

‘a gioia

senza chianto;

chisto è ‘o destino

‘e ‘na criatura ‘e Ddio.

‘O chianto, ‘a vvote,

‘e na liberazione

doppo te siente meglio.

Pecchè, pecchè dich’io

P’avè ‘nu filo ‘e luce

Avimmo sempe pavà

Na vita d’ombra?

 

‘O MARIUOLO

 

Songo mariuolo, è overo, aggio arrubbato,

ma no pe’ sfizio, pe’ necessità

e comme a’ n’alluccuto so’ caduto

juorno pe’ ghiuorno ‘int’all’oscurità.

 

Da ‘o carcere so’ asciuto, so’ trasuto,

nu sacco ‘e vote chi ‘e po’ maje cuntà,

quanno aggio ditto: basta! Mo è fernuto,

so’ stato po’ costretto a’ccummincià.

 

Ce stà chi dice ca so’ delinquente,

nun costa niente ‘e vvote giudicà,

vulevo campà io pure onestamente

e aggio cercato ‘e me riabilità.

 

Ma a ogne porta ch’aggio tuzzuliato

cercanno: “me vulite a faticà?”

m’hanno chiamato pazzo o scemunuto

dicenneme: Ma vide addò he arrubbà”.

 

E allora si’ so’ nato cu’ sta sciorta,

pecchè ‘o destino nun m’’a vò cagnà,

senza penzarce faccio palla corta

sfidanno ‘a legge e pure ‘a società.

 

Io arrobbo, trase e jesco, pe’ tramente

‘o tiempo ‘e chesta vita adda passà

‘o riesto, tutt’’o riesto, ‘e ccosa ‘e niente

tanto nisciuno cchiù me po’ salvà.

 

E si po’ doppo…’Ncielo pure Ddio

decidarrà che m’adda cundannà,

che me ne ‘mporta, saccio ‘o fatto mio,

faccio ‘o mariuolo pe’ ll’eternità!

 

CHE RESTA?

 

Sulo nu sguardo friddo, indifferente,

dato p’’o da’, accussì, p’educazione,

aiere èvemo tutto, ogge cchiù niente:

comme è busciarda, ‘e vvote, na passione.

Che lamiento picciuso è ‘stu rosario

senz’albe nove, che malincunia,

na scena muta e po’ cala ‘o sipario

cummiglianno finanche ‘a nustalgia.

Addio carezze ‘e bbene avvellutato

chiene ‘e speranza che devano aiuto!

‘O tiempo a tutt’’e dduie ci’ha trasformato:

che resta ‘e chill’ammore? Nu saluto…

 

VUOTO A PERDERE

 

Si stammo ‘ncopp’’a terra

pe’ ce spartere

e stammo ‘mmiez’’a guerra

pe’ cumbattere

si ce simmo scurdato

che d’è ‘o credere

si sulo pe’ capriccio

avimma nascere

è venuto ‘o mumento

‘e nun ci ‘arrennere

a chesta umanità

senza cchiù scrupule

a chesta ‘nfamità

ch’affoca l’anema,

è l’ora d’’a fernì

cu’ tanta chiacchere.

È l’ora ‘e nun sprecà

cchiù tanta  lacreme

e ‘a vita nun sarrà

nu vuoto a perdere!

 

SCUSAME

 

Tu nun me guarde cchiù comme a na vota

e chesto è naturale

‘o tempo primma appanna e po’ cancella

amore, affetto, desiderio e bbene.

Tant’anne ‘nzieme

tra gioia, dolore, affanne, anzie, turmiento,

è comme nun l’avessemo campate

è comme si nun fossero mai nate!

Mo ca nun te so’ cchiù nemmanco frato

me vide comme fosse nu peccato

che staje scuntanno stanca e rassignata,

‘o core ‘mpietto a tte s’è congelato.

Chi ‘o po’ scarfà? So’ certamente ‘e figlie

o l’ombra ‘e n’ato ca mpruvvisamente

‘a nu suonno luntano, o ‘e stu mumento,

te gira attuorno, te fa luce, abbaglia.

O forze no, songh’io ca sto vedendo

cu’ l’uocchie stanche ‘e n’anema agitata

sultanto ‘o mmale ca me porta ‘nfunno

int’’o mare e  sta vita scunzulata.

Tu nun me guarde cchiù comme a na vota

pur’io però me songo trasfurmato

strigneme ‘a mano, dammece st’aiuto,

scusame, amore, si me so’ sfugato…

 

L’URDEMA  LUCE

 

Addò stà chillu profumo d’ammore

mò ca svestita ‘e speranza

sempe bella ma pallida e stanca

me guarde e me tremmano ‘e mmane?

Ancora te prego, nun vide?

Ancora te supplico, siente?

Ma allora nun vale cchiù niente

sta fede che porto pe’ tte.

E a tte cerco ll’urdema luce

ca rischiarasse stu’ core

ma nun te n’adduone ca io moro

iuorno pe’ ghiuorno accussì.

Senza ‘a carezza ‘e na mano

ca me facesse coraggio

pe’ suppurtà nu calvario

ch’è troppo grande pe’ mme.

E allucco, chiammo, iastemmo,

cu’ tutt’’a forza ‘e ll’affanno

ma dimme pe’ quanto, ma quanno

stu cuorpo po’ ancora aspettà.

E dint’a sta chiesia vacante

tu bella ma pallida e stanca

me guarde e io te prego, nun vide?

Ancora te supplico, siente?

 

È GIA’ SERA

 

‘Int’’o mare d’’o munno ferito

quanta stelle cadute,

e ll’onne ‘mpazzute

se portano a rriva

l’arraggia d’’o viento,

pe’ copp’’a scogliera

se cerca na luce

ca desse nu filo ‘e speranza,

ma s’è fatto tarde, è già sera…

È sera pe’ ll’aria, malata,

addò pure ‘o respiro

s’ammesca cu’’e nnote cchiù amare

‘e na musica antica

che porta ‘o mutivo viulento

d’’a sete ‘e putere.

Nu scunciglio ‘e gabbiano

attuorno

tortura na povera vela

ca tremma e se perde

cadenno pe’ copp’’a scugliera,

nisciuno cchiù ‘a salva

pecch’è troppo tarde, è già sera…

È sera pe’ chi va truvanno

nu pizzo stramano

supplicanno na vita serena

ma cchiù nun trova na mano…

È sera pe’ chi ‘e ll’onestà

ha purtato ‘a bannera

sfrasturnato ‘a ‘stu globbe ca gira

‘o cuntrario d’aiere,

e more n’altare ‘e speranza

mentre n’organo sona

‘o trionfo d’’o mmale,

cchiù forte, ogne ghiuorno, cchiù forte

marturianno ‘a tastiera.

‘Int’’o mare d’’o munno ferito

s’è fatto tarde, è già sera…

 

E’ NATALE!

 

‘O palpito ‘e mille campane

che sonano p’’a mezzanotte

‘a gioia che da’ st’ammuina

anticipa nu quarantotto.

 

Aunite, c’’o sciato ‘e ll’affetto,

ce sta’ tutta quanta ‘a famiglia

è doce a campà stu mumento

ch’astregna sti core, atturciglia.

 

Miraculo ‘e n’attimo ‘e pace

na sosta pe’ l’anzia e l’affanno

pe’ nuje, ca pasture ‘e presebbio,

avimmo campato nat’anno.

 

Vurria ca stu tempo nemico

Putesse fermà sti minute,

sti facce, sti vvocche, sti mmane,

na voce ch’allucca: Salute!

 

Chist’uocchie che guardano ‘a cimma

‘e n’albero addò l’abbundanza

sta dint’’e ggranate d’’e lluce

ch’appicciano ‘o ffuoco ‘e st’ausanza.

 

Chist’uocchie ca cercano ‘o bbene

tra mille culure ‘e biancale

stunate e ‘mbriacate p’’o vino

mo so’ lampe ‘e vita, è Natale!

 

A TOTO’

 

Tu ‘ncopp’’o palcoscenico

si’ stato n’attrazione,

‘o rre d’’o munno comico

pe’ tre generazione.

Verace figlie ‘e Napule

n’he dato buonumore,

sapive fa miracule

cu’ l’arte toia d’attore.

Madò, che Ddio ‘e cervella

tenive comme autore

pe’ scrivere : ‘A LIVELLA

e ‘O FINE DICITORE.

Pe’ fa na MALAFEMMENA

ch’è nu capolavoro,

canzona chiena ‘e sémmena

ch’ogge se canta ancora.

A sta città che campa

‘a sempe ‘int’’o turmiento

tu c’he lassate ‘a lampa,

nu sciummo ‘e sentimento.

N’eredità ‘e surriso

nu testamento ‘e core

na luce ‘e pizzo a rrisa

l’oro ‘e nu ‘nduratore.

E pe ringraziamento

t’avimmo dedicato,

TOTO’, nu monumento

tutto pe tte, allustrato!

Napule è na famiglia

aunita ‘int’’o calore

e tu ca lle si’ figlio

nun può murì, nun muore!

 

LL’URDEMO ‘E  LL’ANNO

 

Migliar’’e botte ‘ntronano p’’e viche,

sciumm’’e spumante corrono p’’e ccase.

È mezzanotte, e l’anno ch’è fernuto

c’’o cchiù bello surriso ce saluta.

Chioveno da’ e balcune e da’ e ffeneste

butteglie, fiasche, ‘nzalatiere rotte,

piatte sengate e vase ‘e terracotta

fanno ‘nzerrà d’’e vasce tutt’’e porte!

Chi se scagne ‘n’abbraccio e chi nu vaso

tutte felice, vecchie e guagliuncielle,

tutte so ricche, pur’’e puverielle

o munno, pe’ n’istante, s’’e cagnato.

Ma comm’a nu cardillo senza voce,

dint’a chist’angulillo senza luce,

ce stà nu core ca nun trova pace

‘nzerrato ‘mpietto, stracquo ‘e tutt’’e ccose.

Comm’a nu cane senza cchiù padrone

comm’a ‘n’albero senza cchiù ‘na fronna

io stongo sulo, mentre se struje lenta

‘a fiamma ‘e ‘na cannela c’allummaje.

Cu’ nu bicchiere ‘mmano ch’è vacante

voglio fa quacche brinneso sultanto:

nu brinneso a chi tutto s’ha pigliato

e niente ha dato.

Nu brinneso a’ salute ‘e chi ha lassato

‘o core mio pe’  ‘n’ato!…