Partecipiamo.it ... vai alla home page

Luciano Somma

Natale

Su Bianca è caduta la neve

Bianca sa che il padrone non torna

Ma lo aspetta ugualmente

L’ospedale è a due passi da lei

Come il cibo

Che non vuol mangiare

Perchè la memoria sua è ferma

Alla mano callosa ma buona

Che la carezza la testa

Ed ora che resta?

A che serve il Natale

(perchè sa, lo ha capito

guardando

un albero peno di luci

ch’è festa)

se il suo amico più caro non c’è

eppure lo cerca caparbia

nel viso di ogni passante

ma l’odore di chi amava tanto

è ormai troppo lontano

l’aria attorno si è fatta di gelo

le si appannano gli occhi

su Bianca è caduta la neve.

 

 

Speranza

Quest’anno non voglio regali

Rinuncio stavolta agli auguri

I troppi episodi mortali

Mi rendono i giorni insicuri

Qui l’aria è infuocata dal male

È mina che esplode la terra

Dove anche il respiro è fatale

Si vive ogni giorno una guerra.

Non voglio più un mare di sangue

Né rabbia dal cielo in tempesta

La gente che trema e che langue

Ma un senso di vita più onesta.

Dov’è che sei Cristo mio Dio

Nessuna ferita è guarita

È tutto soltanto un oblio

Dov’è quella fede infinita

Che nasce guardando il tramonto

Galoppa l’immenso universo

Portando al Natale ch’è pronto

Un nuovo domani diverso.

 

HOPE 

This year I do not want gifts
I will also forego greetings
Too many fatal incidents
Make my days insecure.

Here evil heats up the air
Like a mine that blows up the ground

Where the breathing is even fatal

Every day is a new war.

I no longer desire a sea of blood

Nor anger from a stormy sky

People who tremble and languish

But the feeling of a  honest life.

Where are you Christ my God

No wound has healed

And all is just an oblivion

Where is all the endless faith.

That is birth by watching the sunset

The immense universe gallops

Bringing to the ready Christmas

A different new tomorrow.

Traduzione di Speranza a cura di PAMELA ALLEGRETTO FRANZ

Mancava nu mese a Natale

Mancava nu mese a Natale

Filuccio sunnava 'o presebbio

Assunta penzava 'a befana

Nannina filava e cantava

attuorno che cujeta ce steve

pareva 'e sentì già ' a nuvena...

 

Sta ggente mo è sola nu cunto

suspesa tra 'o cielo e na terra

ch'ha avuto cchiù lutte 'e na guerra

rusarie 'e ferite arapute

na scossa l'è stata fatale

mancava unu mese a Natale...

E’ Natale

 

'O palpito 'e mille campane
che sonano p''a mezanotte
'a gioia che da' st'ammuina
anticipa nu quarantotto.



Aunite,c''o sciato 'e ll'affetto,
ce sta' tutta quanta 'a famiglia
e' doce a campa' stu mumento
ch'astregna sti core,atturciglia.

Miraculo 'e n'attimo 'e pace
na sosta pe' l'anzia 'e l'affanno
pe' nuje,ca pasture 'e presebbio,
avimmo campato nat'anno.

Vurria ca stu tiempo nemico
putesse ferma' sti minute,
sti ffacce,sti vvocche,sti mmane.
Na voce ch'allucca: Salute!

Chist'uocchie che guardano 'a cimma
'e n'albero addo' l'abbundanza
sta dint''e ggranate d''e lluce
ch'appicciano 'o ffuoco 'e st'ausanza.

Chist'uocchie ca cercano 'o bbene
tra mille culure 'e biancale
stunate e 'mbriacate p''o vino
mo so' lampe 'e vita,e' Natale!

 

 

Un  Natale da  Favola

 

…e poi venne il mattino

(dopo una notte insonne

la memoria stordita

ancora ferma all’ora del tramonto)

nel risveglio col sole

i sensi stanchi

e tu compagna dal russare lieve

la bocca semiaperta

tra le lenzuola umide d’amore

a ricordarmi

la tua pazienza

da raffrontare

ai primi infami segni

dell’età .

Il cardellino

Sul davanzale

Beccava una mezzo chicco di caffè

Risvegliando la voglia

E il desiderio

D’un Natale da favola

Per noi .

 

Natale  D'oro


Nuvole, tanta nuvole, p’‘o cielo,
addo’ na luna avara sta’ durmenno,
cummogliono sta Napule c’‘o velo
‘e na cuperta arricamata argiento.
Pe’ ll’aria ‘o suono doce ‘e na zampogna
pare dicesse «‘O vvi’, stammo a Natale»
cercammo ‘e cancella’ d’‘a mente ‘e guaje
pienze a fa’ bbene, scòrdate d’‘o mmale. 


Fore a’ na chiesia ride nu pezzente
ringrazia a chi l’ha dato mille lire
e tene mente a chi nun ce da’ niente
comme pe’ di’ «Stò cca’,che d’è nun vide?»
Chesta città ch’ha sbalurdito ‘o munno
è sempe bella, è tutta nu splennore
comme a chi dorme e fa’ nu bellu suonno
‘e nu Natale arravugliato d’oro.

 

 

 

N’at’Alba          


 

L’eco luntano
ca chiano se perde
d’‘o suono ‘e nuvena,
ce porta na nota
‘ntunata d’‘a musica 
doce ‘e Natale.

Pe’ ll’aria,
prufumo ‘e Dicembre,
l’addore d’‘e ppigne.

P’‘e vvie,
frasturnate ‘e rummore,
na smania ‘e sereno.

E ll’uocchie
s’aizeno ‘ncielo
cercanno na lampa cchiù nova
ca desse a stu munno
cuncreta certezza,
ca desse a nu suonno,
vacante ‘e speranza,
chiarore ‘e n’at’alba,
n’at’alba ‘e Natale.

 

Pecchè Sulo a Natale?

 

‘O suono ‘e na zampogna
na smania ‘e vulè bbene,
N’albero chino ‘e luce
nu desiderio ‘e pace.
 

Se stenne ‘a mano pure
a n’antico rivale
se sprecano l’augurie,
è ggià, pecch’è Natale.
 

Sarrà p’‘o clima ‘e festa
che porta ‘a ricurrenza,
‘o core cagna veste
ritrova na cuscienza.
 

‘Sta vita, pe’ nu juorno
diventa na livella
e ‘a ggente tutt’attuorno
chisà, pare cchiù bella!


Pure n’ommo ‘nfamone
carezza n’animale
nun fà cchiù ‘o fetendone
le pare naturale.
 

‘O popolo ‘e stu munno,
arravugliato ‘e male,
diventa bbuono ‘nfunno…
Pecchè sulo a Natale?
 

 

 

24  Dicembre

 

 

E’ nu ricamo ‘o suono ‘e na zampogna
ca vene ‘a miez’’a via, fredda e sulagna,
e dint’a chesta casa chiena ‘e luce,
quanti ccose se stanno appriparanno.

 

Nannina sta facenno ‘e zeppullelle
‘e cavule e ricotta mentre ‘o nonno
smiccéa scapuzzianno ‘ncopp’‘a seggia
‘o nennillo ca ‘o tira p’’o cazone.

 

Mammema sta taglianno ‘o capitone.
Papa’ sbarianno attuorno a stu presebbio,
smanea pa’ fa’ appiccia’ na lampadina
senza addunarse ca s’e’ fulminata.

 

E pe’ tramente ‘o viento tuppettea
‘nfaccia ‘e llastre, io sento dint’’o core
nu tremmulio, nu spànteco, na freva,
n’arteteca me frezzechèa ‘int’’e vvene.

 

E sfrenneséo, guardanno chistu vico,
me pare d’‘o vedè ammantato ‘e janco
isso, ch’è stato sempe puvieriello,
all’uocchie mieie mo pare nu rignante.

 

‘A campana d’‘a chiesia d’‘a Cuncordia
mo gia’ se fa’ senti’, sunanno a ffesta,
manca nu quarto d’ora a mezanotte,
sorema guarda fore a’ na fenesta…

 

«‘O pranzo e’ pronto!» - Nanninella allucca
v’arraccumanno stu giarrone ‘e vino
si non po’ doppo cca’ se fa ‘a cummeddia;
pirciò cercammo ‘e nun ce ‘ntusseca’.

 

Ninno mo dorme ‘mbraccio a mammarella
dint’’a stanza tutto è silenzio attuorno,
io guardo chesta scena,comm’è bella!
Sta pace ‘int’’a famiglia comm’è doce!

 

Ma ‘o nonno rompe stu silenzio ‘e ggelo
è ‘o cchiu’ abbasato e dice cose sante:
«È nato ‘o figlio ‘e Ddio, Nostro Signore!»
…E ce facimme ‘a croce tutte quante.

 

L’Uurdema  Nuvena

 

‘E zampugnare
sempe cchiù raramente
se vedono p’‘e vvie
addò ‘a folla pe’ correre
nun tene manco ‘o tiempo
‘e risciatà.

Pe’ ll’aria, ‘nzieme a nu prufumo ‘e pigne,
se spanneno ‘e nnote, letania ‘e Dicembre
‘e na nuvena scurdata…
Quanta suspire vedenno
na sporta ‘e legnasante…

 

Fore a na chiesia
miez’‘o tanfo d’‘a gente,
esce ‘o coro ‘e n’Ave Mmaria
mentre na mana se stenne…
Natale nun è pe’ tutte quante
na festa, nu mutivo d’alleria,
è quase sempe na malincunia
pe’ chi tene ‘int’‘o core na poesia.

 

Addò sta cchiù chella canzone antica
ca parlava d’ammore ‘e nu cafone
pe’ na signora, ch’era tutta Napule,
chien’‘e ricchezza, tutta nu splennore.

 

E mo sti pasturielle,
luntane d’‘a famiglia pe’ nu mese
accummneciano quanno è ‘a Mmaculata
cercanno ‘a carità pe’ na sunata.

 

Dint’‘e vascie
addò na vota steveno ‘e madonne,
o na figura ‘e Sante, o Giesù Cristo
truneggia grossa ‘na televisione.

 

Ma che scennite a fà ‘a sti muntagne
d’‘o Mulise, Matese, d’Avellino,
nun v’accurgite c’ogge n’automobbile
nun v’accumpagna comme a nu traino…

 

Chiagneve ajere nu ciaramellaro,
core ‘e pueta, nu travaso ‘e bbene
mentre sunava, comm’a ffunerale,
‘e nnote triste ‘e ll’urdema nuvena…

 

Natale  A   Napoli

         Il Natale a Napoli ha da sempre avuto delle suggestioni diverse dalle altre città, sia italiane che straniere. Già dai primi giorni di Dicembre, con la novena dell’Immacolata,  gli zampognari, anche se oggi si ascoltano sempre più raramente, cominciano con i loro suoni ad annunciare la prossima festività. Puntualmente mi torna in mente, in questi giorni, il classico lavoro di Eduardo NATALE IN CASA CUPIELLO che ci fa vedere però un Natale napoletano abbondantemente superato dai tempi sia per ambientazione che per afflato familiare ormai fuori tempo.

         Oggi, ad esempio, a San Gregorio Armeno, strada di Napoli dove si può trovare tutto per i presepi, i pastori sono stati sostituiti da personaggi politici e di costume, come non vi è più l’arte di costruirlo,il presepe, bensì la volontà di acquistarlo già fatto. Ma tornando al capolavoro di Eduardo, c’imbattiamo in una modesta casa laddove il clima prenatalizio si vive con una forte intensità emotiva, laddove il personaggio principale è talmente caparbiamente legato alla tradizione da non accorgersi d’un realtà

         Familiare che alla fine si conclude in dramma. L’ambiente è conforme ai tempi nei quali è stata scritta la commedia, pur dignitoso l’ambiente è scarno, sicuramente lontanissimo dai tempi che stiamo vivendo col telefono, acqua corrente, frigorifero, cellulari, riscaldamento, Tv, computer e quant’altro ci ha portato la tecnologia in poco più di mezzo secolo.

         Ciò nonostante assistiamo ad un ritorno della tradizione Natalizia, naturalmente aggiornata, laddove almeno a Natale, nella maggior parte delle famiglie, si vive un’atmosfera indubbiamente ricca di suggestione e d’un tentativo di accomunamento ed avvicinamento.

          Certo gli struffoli, i roccocò ed altri dolci non si fanno più in casa ma vengono acquistati in pasticceria, anche il menu si è aggiornato e sulle tavole imbandite per l’occasione si vedono sempre più raramente le antiche portate, ma l’importante è cercare di mantenere in vita quei valori umani inestimabili che ci sono stati tramandati dai nostri antenati.

         Cerchiamo anche di non dimenticare che al di là delle “abbuffate” e degli acquisti di  regali alla base questa festa ci annuncia la natività di Gesù e rappresenta, per noi cattolici, un momento di riflessione e di preghiera, una speranza di pace e serenità per tutti i popoli anche di diverse razze e religioni.