Partecipiamo.it ... vai alla home page
 
Luciano Somma
 
 

Negli anni 70 scrissi la poesia che segue pubblicata poi nel mio libro di versi N'ATU DIMANE pubblicato dalle Edizioni del Delfino -Napoli nel Giugno 1982. Purtroppo a distanza di oltre 30 anni questi versi sono talmente attuali che sembrano essere scritti oggi. Li propongo:

 

 

N'ATU DIMANE

 

Tu staje durmenno 'a troppo tiempo ormaje

'mbracci''e canzone, 'o sole, 'a luna, 'o mare,

mentre tenimmo na muntagna 'e guaje

assapuranno 'e lacreme cchiù amare.

No, nun se pò campà na sceneggiata

c''o popolo ca è sempe 'o primmo attore

cu' na ferita antica maje sanata

e tante e quante spine dint''o core.

Giesù Cristo nascette 'ncopp''a terra

fui mise 'ncroce ma resuscitaie

ma 'sta città sta sempe miez''a guerra

senza truvà nu poco 'e pace, maie.

'Ncopp''e disgrazie stanno speculanno

arricamanno ciente e cchiù buscie

stammo dint''a 'mmunnezza ma nun sanno

'o sudore che scorre miez''a via.

'O sanghe ca se jette pe' dà 'o ppane

a tanta vocche a stommaco vacante

campanno cu''a speranza 'e nu "Dimane..."

suffrenno 'int''o silenzio comm''e Sante.

Basta però chisto è mumento, è ll'ora

tu stai durmenno 'a troppo tiempo e 'o ssaje

è overo ca vulisse durmì ancora

ma è fore tiempo 'o suonno ca te faje.

Chitarre, manduline, serenate

so' sulamente na scenografia

sulo ricorde 'e juorne già passate,

Napule, nun se campa 'e fantasia.

Levate 'a cuollo 'e panne d''a riggina

e miettete cu''a capa e c''o penziero

a straccià tutte quante 'e ccartuline

ca nun so' cchiù 'o ritratto tuio sincero.

E arapele chist'uocchie finalmente

facimmele sta zitto chistu munno

e faticammo dignitosamente

pecchè è fernuta l'epoca d''e suonne.