Partecipiamo.it

 

Nascita e storia dei blog

Valentina Pappagallo

 

Continuiamo il nostro percorso legato alla scrittura analizzando la nascita e lo sviluppo dei blog, uno degli strumenti di comunicazione più diffusi nel mondo.

Essi sono una parte importante della cultura web. Molti internauti hanno un blog o ne leggono uno con costanza. Definiti da più fonti “giornali online, diari personali, siti di promozione professionale, luoghi di confronto virtuale”, si calcola che, al momento, siano più di 133,000,000 milioni (dati thenextweb.com).

 

Ma quando sono nati? Con che scopo e come si sono sviluppati?

 

Il primo blog apparve nel 1993 e fu creato da uno dei pilastri della Rete: Tim Bernes Lee. Il contenuto del blog era semplicemente una lista di link accompagnati da un commento.

Nel giugno dello stesso anno il National Center for Supercomputing Applications (NCSA) realizzò un blog chiamato “What´s News?” in cui si elencavano i nuovi siti internet, catalogati per data e (caratteristica fondamentale) commentabili.

Più tardi questo servizio diventò di proprietà di Netscape che lo trasformò nella prima guida online di siti web, monopolizzando il mercato tra gli anni 1993 e 1995.

Nel 1996 Dave Winer realizzò un blog denominato “24 Hours of Democracy”, il cui obiettivo era creare un punto d’incontro online per discutere sulla libertà di espressione nel Web e sulla democrazia in generale, riscuotendo notevole successo.

Successivamente Winer fondò un’impresa per lo sviluppo di software per blog.

 

Ma la parola “weblog”, con l’accezione odierna, è opera di Jorn Barger che la utilizzò nel dicembre del 1997 per definire la sua collezione di link.

Come ormai noto la parola “blog” deriva da “Web + log”, ossia un giornale di bordo in Rete.

Nel 1999 il termine “weblog” venne troncato in “blog” da Peter Merholz che lo utilizzò come verbo, scrivendo “we blog” e dando origine ad una serie di vocaboli da esso derivati: blogger, bloggare, blogosfera.

Nel 1999 apparve “Eatonweb Portal”, il primo portale dedicato esclusivamente ai blog. Nell’agosto dello stesso anno Pyra Labs (impresa che è poi stata acquisita da Google), lanciò Blogger, uno dei servizi gratuiti per la creazione di blog più utilizzato al mondo.

A partire dal 2000 il fenomeno dei blog si è massificato e sono apparsi nuovi servizi come WordPress e Splinder.

In soli 7 anni il fenomeno dei blog è nato, si è sviluppato e si è affermato globalmente. Per quanto sia ancora difficile definire esattamente cosa sia un blog (infatti, non possiamo definirlo in base al contenuto perché nei blog si può scrivere di qualunque argomento, né possiamo definirlo in base alla struttura grafica che può liberamente variare) esso è caratterizzato da alcuni elementi (uno o più autori, vari post, categorie, un ordine cronologico, possibilità di commentare) che lo rende immediatamente riconoscibile.