Art Nouveau
Liberty
Partecipiamo.it... vai alla home page
L'Art Nouveau

 

I Vasi di Emile Galle 1846 - 1904

St-Martin metro Porte Dauphine Hector Guimard

 

 

 

 

 


 

L'Art Nouveau

Emile Gallé - Vase en verre camée 1900

Italian Liberty: 3° concorso fotografico

Alphonse Mucha

La belle Epoque... e l'art Nouveau.

La Belle Époque è il periodo storico, culturale e artistico europeo che va dalla fine dell'Ottocento all'inizio della Prima guerra mondiale.

In questo periodo, tante furono le invenzioni e i progressi della tecnica e della scienza, ed i benefici agli standard di vita furono notevoli  e portarono al diffondersi di un senso di ottimismo.

In questo contesto sociale, il benessere che una parte della società poté conquistarsi, spinse la società stessa alla ricerca della bellezza ed è proprio questa spinta che ha dato vita all'Art Nouveau.

Versailles immeuble Jassed
Hector Guimard

La Belle epoque

Alessandre Bigotte ceramiste
Alexandre et Edouard Autant architectes

L'Art Nouveau

L'Art Nouveau (noto in Italia anche come stile floreale o stile Liberty) fu un movimento artistico - filosofico attivo nei decenni a cavallo tra l'Ottocento e il Novecento, che influenzò arti figurative, architettura e arti applicate.

Il nome Art Nouveau ("Nuova arte") nacque in Francia, dove il movimento era noto anche come Style Guimard, Style 1900 o Scuola di Nancy (per gli oggetti d'arte); anche in Gran Bretagna fu noto come Art Nouveau insieme alle definizioni in lingua di Modern Style o Studio Style, mentre in Germania prese il nome di Jugendstil, in Austria Sezessionstil, nei Paesi Bassi Nieuwe Kunst (traduzione di Art Nouveau in olandese), in Polonia Secesja, in Svizzera Style sapin o Jugendstil, in Serbia e Croazia Secesija, in Russia Modern e, in Spagna, Arte modernista o Modernismo catalano.

Il nome Liberty che si diffuse in Italia deriva dai magazzini londinesi di Arthur Liberty, che esponevano regolarmente oggetti d'arte e tessuti disegnati in stile Art Nouveau alla fine del XIX secolo.

 

Sir Arthur Lasenby Liberty (Chesham, 13 agosto 1843 – The Lee, 11 maggio 1917) fu un noto mercante britannico.

Figlio primogenito di un commerciante di stoffe di Chesham, iniziò a lavorare a 16 anni con uno zio. Nel 1859 divenne apprendista presso un mercante di stoffe, e nel 1862 venne impiegato nei grandi magazzini in Regent Street di proprietà della Farmer & Rogers, raggiungendo presto la posizione di responsabile. Dopo che alla Farmer & Rogers rifiutarono di farlo entrare da socio negli affari interni, nel 1875 aprì autonomamente un suo negozio, il Liberty & Co., specializzato nella compravendita di tessuti, ornamenti e oggetti d'arte importati dall'Estremo Oriente. Il Liberty & Co. ebbe successo, permettendo al suo creatore di ampliare i suoi esercizi commerciale e di espandersi occupando nuove strutture. La sua notorietà, in un primo momento legata all'esposizione di un vario artigianato eclettico e di stili popolari, sviluppò un'immagine radicalmente diversa e strettamente connessa al movimento estetico. "L'azienda, che partecipò all'Esposizione Internazionale d'Arte Decorativa Moderna di Torino del 1902, divenne sinonimo in Italia delle nuove manifestazioni delle arti applicate e dell'artigianato conosciute come Liberty o Arte floreale."

Arthur Liberty si sposò con Emma Louise Blackmore nel 1875 da cui ebbe figli. Fu nominato cavaliere nel 1913 e prima di morire Liberty aveva accumulato una piccola fortuna come azionista di maggioranza della sua opera che divenne una società pubblica a responsabilità limitata nel 1890. La sua lapide venne disegnata da Archibald Knox, uno dei maggiori designer della Liberty & Co.

 
Francia: Art Nouveau

Liberty

Austria: Secessione

Italia: Floreale (prima), Liberty (poi)

Gran Bretagna: modern style

Spagna: Modernismo

Germania:Jugendstil

        Alphonse Mucha  
Art nouveau - klimt
Il Bacio Ritratto di Aele Bloch Bauer I

Clicca per vedere il Altre immagini dell'arte di Klimt

Il Liberty Siciliano
Clicca per vedere il meglio del Liberty Siciliano
Villa Igiea - Palermo
Villa Igiea - Palermo
Villa Igiea - Palermo
alphonse mucha
Clicca per altre opere di Alphonse Maria Mucha

Art Nouveau

Storia dello stile Floreale

 

Il nome fu coniato da Henry van de Velde. L'Art Nouveau si configurò come stile ad ampio raggio, che abbracciava i più disparati campi: architettura, decorazione d'interni, gioielleria, mobiliario e tessuti, utensili e oggettistica, illuminazione, arte funeraria.

Il movimento trae le sue origini dall'ideologia estetica anglosassone delle Arts and Crafts, che aveva posto l'accento sulla libera creazione dell'artigiano, come unica alternativa alla meccanizzazione e alla produzione in serie di oggetti di dubbio valore estetico. L'Art Nouveau, rielaborando questi assunti, aprì la strada al moderno design e all'architettura moderna. Un punto importante per la diffusione di quest'arte fu l'Esposizione Universale svoltasi a Parigi nel 1900, nella quale il nuovo stile trionfò in ogni campo. Ma il movimento si diffuse anche attraverso altri canali: la pubblicazione di nuove riviste, come L'art pour tous, e l'istituzione di scuole e laboratori artigianali. Lo stile raggiunse probabilmente il suo apogeo durante l'Esposizione Internazionale d'Arte Decorativa Moderna di Torino nel 1902, in cui furono esposti i progetti di designer provenienti dai maggiori paesi europei, tra cui gli oggetti e le stampe dei famosi magazzini londinesi di Arthur Lasenby Liberty. Il nuovo stile assume nelle cittadine o nelle metropoli di provincia un carattere di ribellione, provocatorio e antiaccademico. A Monaco, Darmstadt e Weimar in Germania le secessioni spesso assumono una sfumatura antiprussiana, in contrapposizione anche allo scenografico, pomposo e spesso di cattivo gusto stile "guglielmino"; a Bruxelles, dove si hanno le prime manifestazioni mature del nuovo movimento, soprattutto come esigenza di uscire dall'ombra della grande e lontana Parigi. Il caso di città come Nancy, Glasgow e Chicago è leggermente differente: sono infatti seconde città che ambiscono ad un ruolo più importante nel paese dal punto di vista economico ed industriale. Conosceranno infatti tutte e tre verso la fine del XIX secolo un intenso sviluppo e registreranno un vertiginoso aumento demografico. Stessa situazione per una città come Barcellona, a cui però si aggiunge il fattore nazionalistico che in un certo senso accomuna il modernismo catalano alle espressioni dello Jugendstil in Finlandia. Comunque, anche se il movimento dell'Art Nouveau si pone in rottura con la tradizione, non sono estranei i motivi dell'arte tradizionale del posto, che verranno accolti più o meno ovunque, soprattutto a Barcellona, Monaco e in Finlandia. L'Art Nouveau, comunque, non sarà estraneo alle grandi capitali come Praga, dove abbiamo la grande figura di Mucha, Parigi, dove avrà luogo l'Esposizione del 1900 e Guimard progetterà le stazioni della metropolitana, Berlino, dove nel 1898 nascerà la secessione attorno alla figura di Munch, e Vienna, dove gli artisti della secessione daranno un nuovo aspetto alla città.

Art nouveau: Un nuovo modo di vivere

Artistes de Nancy

Artistes belges

Artisti Europei

Emile André architecte  Victor Horta architecte  Raimondo d'Aronco architecte italien 

Henri Bergé décorateur.

Gustave Serrurier-Bovy architecte Charles R. Ashbee concepteur britannique
Georges Biet architecte. Fernand Khnopff peintre Ernesto Basile architecte italien 
Ernest Bussière sculpteur. Henri van de Velde architecte Aubrey Beardsley dessinateur anglais
Ernest Bussière sculpteur. Jules Brunfaut architecte Peter Behrens architecte allemand.
Léon Cayotte architecte. Paul Hankar  architecte H. Petrus Berlage architecte néerlandais.
Antonin Daum verrier.   Walter Crane peintre britannique.
Emile Gallé céramiste, verrier.

Antoni Gaudi architecte  espagnol
Jacques Gruber peintre, verrier. Joseph Hoffmann architecte autrichien.
Henri Gutton  architecte. Egon Schiele peintre autrichien.
Henry Gutton  architecte.

Artisti Americani

Gustav Klimt peintre autrichien.
Joseph Janin architecte.

Louis Comfort Tiffany verrier.

Koloman Moser peintre autrichien.
Joseph Hornecker architecte.

Williams Bradley graphiste.

Joseph M. Olbrich architecte autrichien.
Louis Majorelle décorateur.

Louis Sullivan architecte.

Jan Toorop peintre néerlandais.
Eugène Vallin architecte, menuisier.

Margaret Macdonald peintre britannique
César Pain architecte. Charles R. Mackintosh architecte britannique.
Victor Prouvé peintre, décorateur. William Morris dessinateur britannique
Lucien Weissenburger architecte  Otto Wagner architecte autrichien.
Salsomaggiore terme Palazzo Berzieri
Clicca per vedere il meglio del Liberty di Salsomaggiore
Torino
Clicca per altri palazzi del Liberty di Torino
Torino: Casa Fenoglio la fleur
Torino: Villa Scott

Schaerbeek rue Ernest Laude

Henri de Toulouse Lautrec

La Secessione Viennese
Clicca per vedere altre immagini della Secessione Viennese
Linke Wienzeile - Palazzo della Secessione, Vienna, Austria
 
La secessione Viennese - Wiener Sezession
 
Wienzeile
Milano Liberty
Clicca per vedere il meglio del Liberty Milanese
Milano galleria Vittorio Emanuele II
Milano galleria Vittorio Emanuele II

Villino Ciuti Firenze